LSMI19 Diritto condominiale
20 maggio 2019
Diritto condominiale

Condominio: a chi appartengono i balconi aggettanti e chi ne paga la manutenzione?

Condominio: a chi appartengono i balconi aggettanti e chi ne paga la manutenzione?

Chiunque frequenti le assemblee condominiali sa bene che, in caso di interventi di manutenzione straordinaria sulle facciate dell’edificio, i balconi aggettanti costituiscono sempre una potenziale fonte di problemi, “scontri” sulla loro natura di parti private o parti comuni e, quindi, sull’individuazione dei soggetti tenuti a farsi carico dei relativi costi.

In realtà, sul piano strettamente giuridico la questione è stata affrontata ed efficacemente chiarita da molto tempo. Pare, tuttavia, che gli amministratori e, soprattutto, i condomini non abbiano ancora “messo a fuoco” e “digerito” la cosa.
Premessa
Per mera comodità, si parla di intervento di “manutenzione straordinaria”. Le considerazioni formulate in questa sede, però, valgono anche per quegli interventi che, più precisamente, devono essere qualificati come interventi di risanamento conservativo, come ristrutturazioni, come innovazioni, come interventi di riqualificazione energetica, come interventi di miglioramento delle prestazioni anti-sismiche dell’edificio e così via.
In sostanza, il discorso è attuale ogniqualvolta un qualche intervento, di portata maggiore della semplice piccola riparazione e dell’ordinaria manutenzione, coinvolge i balconi aggettanti di un edificio condominiale.
I termini del problema
Quando ragiona sulla ripartizione dei costi legati a un intervento di manutenzione straordinaria sulle facciate dell’edificio, l’assemblea condominiale si pone sempre (o quasi) una domanda: il balcone aggettante è di proprietà esclusiva del singolo condomino (in quanto parte integrante dell’unità immobiliare) oppure è proprietà comune (in quanto parte integrante della facciata)? Il che, ai fini pratici, viene normalmente “tradotto” così: la quota parte del costo dell’intervento edilizio, che sia riconducibile ai balconi aggettanti, è a carico dei condomini, proprietari degli appartamenti che hanno quei balconi, oppure è a carico di tutti pro quota millesimale?
La tesi della proprietà comune
In astratto, al fine di sostenere la tesi della natura di bene comune dei balconi aggettanti, ci si potrebbe “appoggiare” su qualche specifico riferimento normativo: ai sensi dell’art. 1117 cod. civ. sono parti comuni “tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune”, “le facciate” e, in generale, “i manufatti di qualunque genere destinati all'uso comune”.
Lo “snodo” essenzialmente è rinchiuso in due domande:
i balconi aggettanti sono necessari all'uso comune o anche solo destinati ad esso?
i balconi aggettanti possono / devono essere considerati parte integrante della facciata?
Se la risposta anche a una sola di queste domande fosse affermativa, allora si dovrebbe concludere che i balconi aggettanti sono parti comuni / beni condominiali, con l’evidente conseguenza che la spesa per gli interventi eseguiti su di essi dovrebbe essere suddivisa tra tutti i condomini in ragione dei rispettivi millesimi.
La tesi della proprietà privata
Viceversa, se la risposta alle domande di cui sopra fosse negativa, allora la conclusione sarebbe diametralmente opposta:
i balconi aggettanti costituiscono proprietà esclusiva e privata dei condomini proprietari delle unità, di cui i baconi stessi costituiscono – l’espressione è usata in un’accezione atecnica – pertinenza;
la spesa per gli interventi eseguiti su di essi non riguarda il condominio e i condomini in generale e non deve essere suddivisa tra i medesimi, ma resta a carico integrale ed esclusivo dei menzionati proprietari delle singole unità.
L’insegnamento giurisprudenziale
Come si accennava, già da tempo la giurisprudenza si è attestata su un’interpretazione costante e univoca, che non “sposa” né la prima né la seconda delle tesi sopra viste e individua, nei balconi, alcune parti di proprietà privata e alcune parti di proprietà comune.
Tale orientamento giurisprudenziale è efficacemente espresso da Cass. 2.2.2016 n. 1990: “In tema di condominio negli edifici e con riferimento ai rapporti tra la generalità dei condomini, i balconi aggettanti, costituendo un prolungamento della corrispondente unità immobiliare, appartengono in via esclusiva al proprietario di questa; soltanto i rivestimenti e gli elementi decorativi della parte frontale e di quella inferiore si debbono considerare beni comuni a tutti, quando si inseriscono nel prospetto dell'edificio e contribuiscono a renderlo esteticamente gradevole”.
Dello stesso tenore, talvolta anche letterale, si vedano – tra le altre – Cass. 27.7.2012 n. 13509, Cass. 30.4.2012 n. 6624, Cass. 12.1.2011 n. 587, Cass. 17.7.2007 n. 15913 e Cass. 30.7.2004 n. 14576.
La giurisprudenza di merito è, per quanto consta, in linea: in epoca recente si è registrata la pronuncia del Tribunale di Palermo in data 17.4.2018 [in Redazione Giuffrè, 2018]: “In tema di parti comuni e relativo obbligo di manutenzione vige una disciplina differente per i balconi cosiddetti "aggettanti" e per gli elementi decorativi presenti sugli stessi. I balconi aggettanti, i quali sporgono dalla facciata dell'edificio, costituiscono solo un prolungamento dell'appartamento dal quale protendono e rientrano nella proprietà esclusiva dei titolari degli appartamenti cui accedono. Soggetti a un regime diverso, invece, sono tutti gli elementi decorativi del balcone che in virtù della funzione di tipo estetico che essi svolgono rispetto all'intero edificio, del quale accrescono il pregio architettonico, sono considerati parti comuni ai sensi dell'art. 1117 c.c.”.
Sintesi e conclusione
Alla luce di tutto quanto sinora esposto, si può arrivare ad una conclusione anche di ordine pratico: quando è stato eseguito un intervento di manutenzione straordinaria di un edificio condominiale, che abbia coinvolto – come, del resto, è normale che avvenga – le facciate e, con esse, i balconi aggettanti, è necessario
individuare, nel più ampio contesto dell’intervento, il controvalore degli interventi sui balconi aggettanti che “appartengono” alle varie unità
individuare, nell’ambito di questo controvalore, il costo di quella parte degli interventi, che è stata eseguita sui rivestimenti e sugli elementi decorativi della parte frontale e di quella inferiore e quindi, scorporarlo dal resto
addebitare integralmente il costo così scorporato ai condomini proprietari delle unità, di cui i balconi stessi costituiscono – l’espressione è ancora usata in un’accezione atecnica – pertinenza
addebitare integralmente il residuo costo – come sopra, ricavato per differenza all’esito dello scorporo – all’intera compagine condominiale.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

La “nascita” del condominio, la presunzione di proprietà comune e l’individuazione delle proprietà individuali attraverso il titolo contrario

Il condominio costituisce una situazione di comproprietà indivisa: quando esiste un edificio composto da unità immobiliari di proprietari diversi, alcune parti di tale edificio “Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio” (art. 1117, primo comma, cod. civ.). Si tratta essenzialmente di “tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune” (art. 1117, primo comma, n. 1) cod. civ.). Ma quando sorge il condominio e quali sono i criteri per individuare le parti comuni e distinguerle dalle parti dell’edificio di proprietà individuale?

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in merito alle morosità condominiale nell’epoca del Covid19

In questo periodo, con l’emergenza sanitaria e le tristemente note – e, comunque, facilmente intuibili – ricadute economiche su tutti gli italiani, si pone in maniera tutt’altro che secondaria il tema della morosità condominiale e del circolo vizioso, che questa crea di provocare.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in ordine alla gestione del condominio nelle circostanze eccezionali imposte dal Covid-19 – il ruolo di primo piano degli amministratori e l’importanza della stretta collaborazione tra amministratori e amministrati

Tra le misure, adottate e quindi imposte dal Governo per fronteggiare la diffusione del contagio da Covid-19, spicca il divieto di assembramenti: in sostanza, non ci si può riunire, né in luoghi pubblici né in luoghi privati, per incontri, riunioni, convegni e altro. Il divieto riguarda anche le assemblee condominiali, riunioni nell’ambito delle quali il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro è, di fatto, impossibile. Si pone, quindi, il problema del rischio di una sostanziale “paralisi” della vita dei condominii, enti di gestione che sono stati privati dei loro organi decisionali.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [parte 2]

In questa seconda parte del contributo sul tema della eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati, l’attenzione si concentrerà in particolare sui concetti introdotti dall’art. 4, commi 4 e 5, L. 9.1.1989 n. 13 e cioè sui presupposti, i limiti e le condizioni del legittimo diniego a un intervento edilizio su un edificio vincolato.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [Parte 1]

Per ovvie ed evidenti ragioni, nel Belpaese l’esigenza di trovare un compromesso, di individuare un soddisfacente punto di incontro tra la tutela del patrimonio immobiliare storico / artistico e la protezione delle persone che, negli edifici assoggettati a tali vincoli, abitano e lavorano, è particolarmente sentita. Negli anni, con il mutare della sensibilità sociale e l’aumento dell’attenzione a certi temi, si è assistito a un’autentica evoluzione, a una vera e propria “rivoluzione” che ha portato a “mettere a fuoco” una serie di principi fondamentali. Un’attenzione particolare è stata – ed è – dedicata al bilanciamento di interessi tra la tutela delle persone in difficoltà e la salvaguardia del patrimonio storico / artistico

leggi tutto
4 ottobre 2018

Lastrico solare in condominio: nel silenzio dell’art. 1126 cod. civ., chi decide di eseguire l’intervento di manutenzione?

Il codice civile, all’art. 1126 cod. civ., detta la regola per ripartire le spese legate agli interventi manutentivi sui lastrici solari, ma nulla dice in merito all’individuazione del soggetto legittimato a decidere se dare corso oppure no a quegli interventi. In questa sede si vuole rispondere a questa precisa e specifica domanda: chi ha il potere di decidere di eseguire la manutenzione sui lastrici solari?

leggi tutto
4 ottobre 2018

L’assemblea ordinaria del super-condominio

La riforma del condomino del 2012 / 2013 ha “fatto emergere” e regolamentato – benché in maniera lacunosa e poco chiara, pur ponendosi l’obiettivo di “snellire” – il fenomeno del super-condominio. Tra gli elementi più caratteristici c’è una sorta di “sdoppiamento” dell’assemblea ordinaria, nella quale sono chiamati ad esprimete il voto soggetti diversi a seconda delle materie contenute nel’o.d.g..

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – nessun interesse a impugnare se, sul piano economico, il pregiudizio è modesto

Ai sensi dell’art. 1137 cod. civ., ciascun condomino è legittimato a impugnare davanti all’Autorità Giudiziaria, chiedendone l’annullamento, le delibere “contrarie alla legge o al regolamento di condominio”. In alcuni casi e per specifiche ragioni, autorevolmente individuate da Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806, le delibere non sono annullabili, ma nulle, con la conseguenza – tra le altre – che il condomino può impugnarle senza limitazioni di tempo, chiedendo non il loro annullamento, ma l’accertamento – e, con esso, la dichiarazione – della loro nullità. In sede di impugnazione, il condomino attore deve dimostrare di avere un preciso interesse all’accertamento di tale nullità, in assenza del quale la sua domanda è destinata al rigetto.

leggi tutto