LSMI19 Diritto condominiale
20 maggio 2019
Diritto condominiale

Condominio: a chi appartengono i balconi aggettanti e chi ne paga la manutenzione?

Condominio: a chi appartengono i balconi aggettanti e chi ne paga la manutenzione?

Chiunque frequenti le assemblee condominiali sa bene che, in caso di interventi di manutenzione straordinaria sulle facciate dell’edificio, i balconi aggettanti costituiscono sempre una potenziale fonte di problemi, “scontri” sulla loro natura di parti private o parti comuni e, quindi, sull’individuazione dei soggetti tenuti a farsi carico dei relativi costi.

In realtà, sul piano strettamente giuridico la questione è stata affrontata ed efficacemente chiarita da molto tempo. Pare, tuttavia, che gli amministratori e, soprattutto, i condomini non abbiano ancora “messo a fuoco” e “digerito” la cosa.
Premessa
Per mera comodità, si parla di intervento di “manutenzione straordinaria”. Le considerazioni formulate in questa sede, però, valgono anche per quegli interventi che, più precisamente, devono essere qualificati come interventi di risanamento conservativo, come ristrutturazioni, come innovazioni, come interventi di riqualificazione energetica, come interventi di miglioramento delle prestazioni anti-sismiche dell’edificio e così via.
In sostanza, il discorso è attuale ogniqualvolta un qualche intervento, di portata maggiore della semplice piccola riparazione e dell’ordinaria manutenzione, coinvolge i balconi aggettanti di un edificio condominiale.
I termini del problema
Quando ragiona sulla ripartizione dei costi legati a un intervento di manutenzione straordinaria sulle facciate dell’edificio, l’assemblea condominiale si pone sempre (o quasi) una domanda: il balcone aggettante è di proprietà esclusiva del singolo condomino (in quanto parte integrante dell’unità immobiliare) oppure è proprietà comune (in quanto parte integrante della facciata)? Il che, ai fini pratici, viene normalmente “tradotto” così: la quota parte del costo dell’intervento edilizio, che sia riconducibile ai balconi aggettanti, è a carico dei condomini, proprietari degli appartamenti che hanno quei balconi, oppure è a carico di tutti pro quota millesimale?
La tesi della proprietà comune
In astratto, al fine di sostenere la tesi della natura di bene comune dei balconi aggettanti, ci si potrebbe “appoggiare” su qualche specifico riferimento normativo: ai sensi dell’art. 1117 cod. civ. sono parti comuni “tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune”, “le facciate” e, in generale, “i manufatti di qualunque genere destinati all'uso comune”.
Lo “snodo” essenzialmente è rinchiuso in due domande:
i balconi aggettanti sono necessari all'uso comune o anche solo destinati ad esso?
i balconi aggettanti possono / devono essere considerati parte integrante della facciata?
Se la risposta anche a una sola di queste domande fosse affermativa, allora si dovrebbe concludere che i balconi aggettanti sono parti comuni / beni condominiali, con l’evidente conseguenza che la spesa per gli interventi eseguiti su di essi dovrebbe essere suddivisa tra tutti i condomini in ragione dei rispettivi millesimi.
La tesi della proprietà privata
Viceversa, se la risposta alle domande di cui sopra fosse negativa, allora la conclusione sarebbe diametralmente opposta:
i balconi aggettanti costituiscono proprietà esclusiva e privata dei condomini proprietari delle unità, di cui i baconi stessi costituiscono – l’espressione è usata in un’accezione atecnica – pertinenza;
la spesa per gli interventi eseguiti su di essi non riguarda il condominio e i condomini in generale e non deve essere suddivisa tra i medesimi, ma resta a carico integrale ed esclusivo dei menzionati proprietari delle singole unità.
L’insegnamento giurisprudenziale
Come si accennava, già da tempo la giurisprudenza si è attestata su un’interpretazione costante e univoca, che non “sposa” né la prima né la seconda delle tesi sopra viste e individua, nei balconi, alcune parti di proprietà privata e alcune parti di proprietà comune.
Tale orientamento giurisprudenziale è efficacemente espresso da Cass. 2.2.2016 n. 1990: “In tema di condominio negli edifici e con riferimento ai rapporti tra la generalità dei condomini, i balconi aggettanti, costituendo un prolungamento della corrispondente unità immobiliare, appartengono in via esclusiva al proprietario di questa; soltanto i rivestimenti e gli elementi decorativi della parte frontale e di quella inferiore si debbono considerare beni comuni a tutti, quando si inseriscono nel prospetto dell'edificio e contribuiscono a renderlo esteticamente gradevole”.
Dello stesso tenore, talvolta anche letterale, si vedano – tra le altre – Cass. 27.7.2012 n. 13509, Cass. 30.4.2012 n. 6624, Cass. 12.1.2011 n. 587, Cass. 17.7.2007 n. 15913 e Cass. 30.7.2004 n. 14576.
La giurisprudenza di merito è, per quanto consta, in linea: in epoca recente si è registrata la pronuncia del Tribunale di Palermo in data 17.4.2018 [in Redazione Giuffrè, 2018]: “In tema di parti comuni e relativo obbligo di manutenzione vige una disciplina differente per i balconi cosiddetti "aggettanti" e per gli elementi decorativi presenti sugli stessi. I balconi aggettanti, i quali sporgono dalla facciata dell'edificio, costituiscono solo un prolungamento dell'appartamento dal quale protendono e rientrano nella proprietà esclusiva dei titolari degli appartamenti cui accedono. Soggetti a un regime diverso, invece, sono tutti gli elementi decorativi del balcone che in virtù della funzione di tipo estetico che essi svolgono rispetto all'intero edificio, del quale accrescono il pregio architettonico, sono considerati parti comuni ai sensi dell'art. 1117 c.c.”.
Sintesi e conclusione
Alla luce di tutto quanto sinora esposto, si può arrivare ad una conclusione anche di ordine pratico: quando è stato eseguito un intervento di manutenzione straordinaria di un edificio condominiale, che abbia coinvolto – come, del resto, è normale che avvenga – le facciate e, con esse, i balconi aggettanti, è necessario
individuare, nel più ampio contesto dell’intervento, il controvalore degli interventi sui balconi aggettanti che “appartengono” alle varie unità
individuare, nell’ambito di questo controvalore, il costo di quella parte degli interventi, che è stata eseguita sui rivestimenti e sugli elementi decorativi della parte frontale e di quella inferiore e quindi, scorporarlo dal resto
addebitare integralmente il costo così scorporato ai condomini proprietari delle unità, di cui i balconi stessi costituiscono – l’espressione è ancora usata in un’accezione atecnica – pertinenza
addebitare integralmente il residuo costo – come sopra, ricavato per differenza all’esito dello scorporo – all’intera compagine condominiale.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – crediti vecchi, rendiconto e decreto ingiuntivo

Con una recente pronuncia – sentenza n. 3847 del 15.2.2021 – la Suprema Corte ha preso una chiara posizione in merito ai crediti del condominio risalenti nel tempo, al loro inserimento nei rendiconti degli anni successivi e, quindi, alla facoltà dell’amministratore di chiedere e ottenere ex art. 63 disp. att. cod. civ., relativamente a detti crediti “vecchi”, il decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il verbale dell’assemblea deve avere la forma scritta e il contenuto della riunione non può essere provato per testi

Una recente pronuncia della Corte d’Appello di Genova – la sentenza n. 106 del 29.1.2021 – fornisce l’occasione per alcune considerazioni su un tema che può apparire banale, ma che poi così scontato non è se è vero – com’è vero – che sul punto si continua a litigare

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la manutenzione / riparazione del cortile comune che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse e il tema dell’impermeabilizzazione

Un tema sempre “caldo” è quello della ripartizione delle spese necessarie alla manutenzione / riparazione del cortile condominiale che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse. Anche in epoca recente la giurisprudenza è intervenuta sul punto – si parla della sentenza Tribunale Roma 14.1.2021 n. 665 – per ribadire e confermare l’orientamento interpretativo consolidatosi nel tempo. Orientamento interpretativo che – vale la pena di dirlo – non risulta del tutto alieno da qualche perplessità

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il condomino è efficacemente convocato se l’avviso di convocazione all’assemblea arriva al suo indirizzo nei termini di legge

In epoca molto recente il Tribunale di Roma ha affrontato la questione (invero, già ben nota) dell’efficacia – intesa come tempestività – della trasmissione dell’avviso di convocazione all’assemblea condominiale, avvenuta con lettera raccomandata non ritirata per l’assenza del destinatario

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’“impugnativa” degli atti dell’amministratore

L’art. 1133 cod. civ. è probabilmente, tra le disposizioni vigenti in materia di condominio, quella che ha avuto – e ancora ha – la minore “ricaduta” concreta (nel senso di minore applicazione). In realtà, è una norma perfettamente coerente con i principi base dell’“universo condominio” e, se letta e analizzata bene, potrebbe anche essere efficacemente utilizzata in molte situazioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’assemblea in videoconferenza: spunti di riflessione

La storia – talmente recente da poter essere considerata ancora cronaca – è mota: con il c.d. Decreto agosto – cioè il D.L. 14.8.2020 n. 104, convertito con modifiche dalla L. 13.10.2020 n. 126, in vigore dal 14 ottobre 2020 – è intervenuto sulle modalità di convocazione e svolgimento delle assemblee condominiali, introducendo espressamente la possibilità che l’assemblea condominiale si svolga da remoto. C’è stato poi un repentino ripensamento: la norma di agosto / ottobre è stata successivamente modificata – a opera del D.L. 7.10,2020 n. 125, convertito con modifiche dalla L. 27.11.2020 n. 159 – nel senso di prevedere che la legittimità dell’assemblea in videoconferenza derivi dal consenso non di tutti i condomini, ma della maggioranza dei medesimi. La nuova norma è scritta molto male, ma si può tentare di interpretarla meglio

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eventuale sussistenza di irregolarità meramente formali relative all’assemblea in prima convocazione non impatta sull’assemblea in seconda convocazione

Un recente pronuncia del Tribunale di Cosenza – si parla della sentenza 30.11.2020 n. 2131 – riprende, confermandolo, il più risalente insegnamento della Suprema Corte in merito alla possibilità di svolgere l’assemblea in seconda convocazione anche se non c’è il verbale relativo all’assemblea in prima convocazione andata “deserta”

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – un bar è un bar e non è un’altra cosa e può essere aperto in un condominio se il regolamento condominiale di natura contrattuale non lo vieta espressamente

A fine 2020 il Tribunale di Pisa – la sentenza è la n. 1181 del 28.12.2020 – è tornato sull’argomento dei divieti e dei limiti imposti alla proprietà privata dal regolamento condominiale di natura contrattuale e lo ha fatto esaminando specificamente il presunto divieto di adibire le unità in condominio a bar

leggi tutto