LSMI19 Diritto condominiale
15 luglio 2021
Diritto condominiale

Condominio – Cass. SS.UU. 14.4.2021 n. 9839 – delibere annullabili e delibere nulle

Condominio – Cass. SS.UU. 14.4.2021 n. 9839 – delibere annullabili e delibere nulle

Con la loro sentenza n. 9839 del 14.4.2021 le Sezioni Unite hanno – risolvendo due contrasti giurisprudenziali – “messo un punto” in ordine ad alcune questioni, restando sostanzialmente nella “scia” di Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806, ma anche statuendo alcuni principi di diritto di portata innovativa.
I temi toccati dalla Corte sono stati diversi.
In questa sede si affronterà quello – caratterizzato da una significativa “ricaduta” pratica – relativo alle categorie di invalidità delle delibere condominiali

Premessa
La pronuncia delle Sezioni Unite, scritta con grande chiarezza, è “ricca” di argomenti e spunti di estremo interesse, anche teoretico, per i giuristi.
Questa, tuttavia, non è la sede idonea a ospitare trattazioni astratte della materia, più adatte ai tecnici del mondo del diritto che a coloro i quali, nell’“universo condominio”, vivono e operano quotidianamente e che, per questo, hanno bisogno di indicazioni ed elementi più pratici e concreti.
Qui di seguito, pertanto, si darà più spazio e si attribuirà maggiore importanza agli aspetti pratici e alle ricadute operative delle interessantissime deduzioni tecnico-giuridiche delle Sezioni Unite.
I termini della questione
Come dianzi accennato, la Corte ha affrontato il tema dell’invalidità delle delibere adottate dall’assemblea condominiale, analizzando le due categorie di invalidità note al nostro ordinamento – annullabilità e nullità –, ponendo in luce le differenze tra l’una e l’altra e, quindi, analizzando i casi nei quali si configura l’una e i casi in cui si riscontra l’esistenza dell'altra.
La “ricaduta” pratica è di importanza tutt’altro che secondaria: basti pensare che l’annullabilità può essere fatta valere solo da alcuni condomini e sempre e solo entro il termine di decadenza di trenta giorni, mentre la nullità – per la quale non sussistono limiti temporali – può essere fatta valere da chiunque vi abbia interesse e può anche essere rilevata d’ufficio.
Alla luce di quanto testé chiarito, risulta agevole comprendere quale importanza rivesta – e quali conseguenze pratiche abbia – la corretta individuazione del vizio, da cui è affetta la singola delibera assembleare
Il principio di diritto
Detto questo, è opportuno prendere le mosse dal principio di diritto enunciato, al riguardo, dalla Corte:
“In tema di condominio negli edifici, sono affette da nullità, deducibile in ogni tempo da chiunque vi abbia interesse, le deliberazioni dell'assemblea dei condomini che mancano ab origine degli elementi costitutivi essenziali, quelle che hanno un oggetto impossibile in senso materiale o in senso giuridico - dando luogo, in questo secondo caso, ad un "difetto assoluto di attribuzioni" - e quelle che hanno un contenuto illecito, ossia contrario a "norme imperative" o all'ordine pubblico" o al "buon costume"; al di fuori di tali ipotesi, le deliberazioni assembleari adottate in violazione di norme di legge o del regolamento condominiale sono semplicemente annullabili e l'azione di annullamento deve essere esercitata nei modi e nel termine di cui all'art. 1137 cod. civ.”.
Il ragionamento della Corte
Nell’ottica di sintesi e di estrema praticità, sopra evocata, si può riassumere e riferire il ragionamento seguito dalla Corte come segue:
a) individuare e contrapporre, nell’ambito delle delibere di assemblee condominiali, i “vizi di forma” e i “vizi di sostanza”, associando i primi alla categoria dell’annullabilità e i secondi alla categoria della nullità, costituisce – pur essendo stato seguito da Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806 – un criterio inadeguato;
b) l’analisi deve essere più approfondita e, al tempo stesso, più sottile;
c) il legislatore ha espresso una chiara preferenza per la categoria della annullabilità, sostanzialmente manifestando l’intento “di ricondurre ogni forma di invalidità delle deliberazioni assembleari, senza distinzioni, alla figura della ‘annullabilità’”.
Il legislatore, cioè, “ha elevato la categoria della annullabilità a "regola generale" della invalidità delle deliberazioni assembleari, confinando così la nullità nell'area della residualità e della eccezionalità”;
d) quanto sub c), tuttavia, non significa che “la categoria della nullità sia interamente espunta dalla materia delle deliberazioni dell’assemblea dei condomini”;
e) la nullità permane, ma deve ritenersi circoscritta a sole tre ipotesi:
i. “Mancanza originaria degli elementi costitutivi essenziali”
ii. "Impossibilità dell'oggetto, in senso materiale o in senso giuridico"
iii. “Illiceità”;
f) analiticamente:
 per quanto sub i. la Corte parla di “deficienza strutturale della deliberazione” e cioè delle delibere, relativamente alle quali mancano gli elementi più “basici” ed essenziali (quali la votazione, l’oggetto, la causa, ecc.).
Delibere, cioè, che non possono neanche essere definite tali in senso stretto,
 per quanto sub ii., la Corte parla di concreta “impossibilità (…) di dare attuazione a quanto deliberato” [impossibilità materiale] e di “difetto assoluto di attribuzioni” [impossibilità in senso giuridico] e questo con riferimento alle delibere, che l’assemblea ha adottato in materie che non sono di sua competenza.
Per essere concreti con due esempi: una delibera che prevedesse la realizzazione di una piscina di 33 m in uno spazio che ne misura 15 [impossibilità materiale] e una delibera che prevedesse l’installazione di un manufatto all’interno di una proprietà esclusiva [impossibilità giuridica],
 quanto sub iii. attiene alla contrarietà dell’oggetto della delibera a “norme imperative”, all’“ordine pubblico” o al “buon costume”;
g) le delibere, le quali siano contrarie alla legge e/o al regolamento di condominio e che non rientrino in una di queste tre macro-categorie, devono essere ritenute annullabili;
h) la prima e più significativa conseguenza di quanto sub g) è che tali delibere saranno poste nel nulla e “rimosse” dal giudice se – e solo se – esse siano state impugnate dai condomini a ciò legittimati e entro i termini e nelle forme imposti dalla legge.
L’evoluzione rispetto a Cass. 7.3.2005 n. 4806
In ultima analisi, è un po’ come se le Sezioni Unite avessero deciso di ri-scrivere – migliorandola e andando oltre – la loro statuizione del 2005 da così
“In tema di condominio negli edifici, debbono qualificarsi nulle le delibere dell'assemblea condominiale prive degli elementi essenziali, le delibere con oggetto impossibile o illecito (contrario all'ordine pubblico, alla morale o al buon costume), le delibere con oggetto che non rientra nella competenza dell'assemblea, le delibere che incidono sui diritti individuali sulle cose o servizi comuni o sulla proprietà esclusiva di ognuno dei condomini, le delibere comunque invalide in relazione all'oggetto; debbono, invece, qualificarsi annullabili le delibere con vizi relativi alla regolare costituzione dell'assemblea, quelle adottate con maggioranza inferiore a quella prescritta dalla legge o dal regolamento condominiale, quelle affette da vizi formali, in violazione di prescrizioni legali, convenzionali, regolamentari, attinenti al procedimento di convocazione o di informazione dell'assemblea, quelle genericamente affette da irregolarità nel procedimento di convocazione, quelle che violano norme richiedenti qualificate maggioranze in relazione all'oggetto”
a così
“In tema di condominio negli edifici, debbono qualificarsi nulle le delibere dell'assemblea condominiale prive ab origine degli elementi costitutivi essenziali, le delibere con oggetto impossibile (in senso letterale o in senso giuridico, intendendosi per tali anche quelle il cui oggetto esula dalla competenza dell'assemblea) e le delibere con oggetto illecito (contrario all'ordine pubblico, alla morale o al buon costume); debbono qualificarsi annullabili tutte le altre delibere che siano in qualsiasi modo contrarie alla legge o al regolamento di condominio”.
Come si vede, relativamente a questo argomento le Sezioni Unite non si sono discostate sul piano sostanziale dalla loro precedente posizione – hanno, anzi, apertamente dichiarato di volerla “ribadire” –, ma si sono limitate ad alcune “precisazioni”.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – forma e contenuto del rendiconto straordinario

La riforma del 2012 / 2013 ha introdotto l’art. 1130 bis cod. civ., rubricato “Rendiconto condominiale”, che disciplina compiutamente – benché con qualche ambiguità e qualche “zona grigia” su cui è dovuta intervenire l’interpretazione giurisprudenziale – il documento che l’amministratore deve redigere e sottoporre alla compagine condominiale al termine della gestione ordinaria annuale. Si vuole qui compiere una sintetica riflessione sulla portata di questa disciplina, con particolare e specifico riferimento alla sua applicabilità al rendiconto relativo a un intervento straordinario.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la legittimazione dell’amministratore a resistere in giudizio e a proporre appello

La sentenza n. 22958 della Suprema Corte, pubblicata in data 22.7.2022 ha puntualizzato alcuni concetti di base in ordine alla legittimazione passiva dell’amministratore e ai rapporti tra quest’ultimo e l’assemblea in ipotesi di impugnazione di delibere assembleari e altri giudizi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – ancora sul tema dell'approvazione del rendiconto come strumento di tacita ratifica delle spese non autorizzate dall’assemblea

Una recente pronuncia del Tribunale di Ivrea offre lo spunto per tornare sul tema della ratifica – a opera della compagine condominiale attraverso l’approvazione del rendiconto – di una spesa non deliberata ex ante dall’assemblea e compiuta dall’amministratore al di fuori dell’ambito delle sue attribuzioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto