LSMI19 Diritto condominiale
15 luglio 2021
Diritto condominiale

Condominio – Cass. SS.UU. 14.4.2021 n. 9839 – l’invalidità delle delibere di ripartizione delle spese

Condominio – Cass. SS.UU. 14.4.2021 n. 9839 – l’invalidità delle delibere di ripartizione delle spese

Con la loro sentenza n. 9839 del 14.4.2021 le Sezioni Unite hanno – risolvendo due contrasti giurisprudenziali – “messo un punto” in ordine ad alcune questioni, restando sostanzialmente nella “scia” di Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806, ma anche statuendo alcuni principi di diritto di portata innovativa.
I temi toccati dalla Corte sono stati diversi.
In questa sede si affronterà quello relativo all’invalidità – nella duplice possibile forma dell’annullabilità e della nullità – della delibera che approva la ripartizione di una spesa

Premessa
La pronuncia delle Sezioni Unite, scritta con grande chiarezza, è “ricca” di argomenti e spunti di estremo interesse, anche teoretico, per i giuristi.
Questa, tuttavia, non è la sede idonea a ospitare trattazioni astratte della materia, più adatte ai tecnici del mondo del diritto che a coloro i quali, nell’“universo condominio”, vivono e operano quotidianamente e che, per questo, hanno bisogno di indicazioni ed elementi più pratici e concreti.
Qui di seguito, pertanto, si darà più spazio e si attribuirà maggiore importanza agli aspetti pratici e alle ricadute operative delle interessantissime deduzioni tecnico-giuridiche delle Sezioni Unite.
I termini della questione
Come dianzi accennato, la Corte ha affrontato il tema dell’invalidità delle delibere adottate dall’assemblea condominiale in tema di ripartizione delle spese. In questo, le Sezioni Unite hanno espressamente confermato “quanto già affermato da queste Sezioni Unite con la sentenza n. 4806 del 2005”, ribadendo che:
a) le delibere, attraverso le quali l’assemblea “modifichi i criteri di ripartizione delle spese, stabiliti dalla legge o in via convenzionale da tutti i condomini”, devono essere ritenute nulle;
b) le delibere, attraverso le quali l’assemblea applichi tali criteri, però violandoli o disattendendoli, “sono semplicemente annullabili”.
Il principio di diritto
Detto questo, è opportuno prendere le mosse dal principio di diritto enunciato, al riguardo, dalla Corte:
"In tema di deliberazioni dell'assemblea condominiale, sono nulle le deliberazioni con le quali, a maggioranza, siano stabiliti o modificati i generali criteri di ripartizione delle spese previsti dalla legge o dalla convenzione, da valere per il futuro, trattandosi di materia che esula dalle attribuzioni dell'assemblea previste dall'art. 1135 c.c., nn. 2) e 3), e che è sottratta al metodo maggioritario; sono, invece, meramente annullabili le deliberazioni aventi ad oggetto la ripartizione in concreto tra i condomini delle spese relative alla gestione delle parti e dei servizi comuni adottate senza modificare i criteri generali previsti dalla legge o dalla convenzione, ma in violazione degli stessi, trattandosi di deliberazioni assunte nell'esercizio delle dette attribuzioni assembleari, che non sono contrarie a norme imperative, cosicchè la relativa impugnazione va proposta nel termine di decadenza previsto dall'art. 1137 c.c., comma 2".
Il ragionamento della Corte
Nell’ottica di sintesi e di estrema praticità, sopra evocata, si può riassumere e riferire il ragionamento seguito dalla Corte come segue:
 per quanto sub a)
• i criteri di ripartizione delle spese sono stabiliti dalla legge [artt. 1123 e seguenti cod. civ.] o dalla “diversa convenzione” di cui all’art. 1123, primo comma, cod. civ. [id est, dal regolamento condominiale avente natura contrattuale];
• l’assemblea, anche quando è chiamata a ripartire una qualche spesa relativa a beni e/o servizi comuni, non ha il potere di modificare i citati criteri di ripartizione delle spese;
• fa eccezione a quanto sopra unicamente il caso dell’assemblea, che sia stata convocata sullo specifico ordine del giorno della adozione / modifica del regolamento condominiale in tema di ripartizione delle spese e che abbia adottato una delibera in tal senso all’unanimità assoluta [id est, abbia adottato / modificato il regolamento condominiale avente natura contrattuale] e cioè con il voto favorevole del 100% dei condomini e di 1.000/1.000;
• ne viene che l’assemblea, la quale assuma la decisione di applicare dei criteri di spesa diversi rispetto a quelli legali o convenzionali, “da valere - oltre che per il caso oggetto della delibera - anche per il futuro” [così la Corte] e, cioè, di adottare tali criteri, agisce – sempre la Corte – “in difetto assoluto di attribuzioni”;
• detto altrimenti, l’assemblea adotta una decisione che esorbita dalle sue attribuzioni e cioè una delibera che – alla luce delle puntualizzazioni della stessa Cass. SS. UU. 14.4.2021 n. 9839 – deve essere dichiarata nulla.
 per quanto sub b)
• diverso è il caso dell’assemblea che, chiamata a ripartire una determinata spesa, deliberi di adottare, per quella singola e specifica fattispecie (e, quindi, non anche a valere per il futuro) un criterio differente rispetto a quello previsto dalla legge o dal regolamento condominiale;
• parimenti, è diverso il caso dell’assemblea che, chiamata a ripartire una determinata spesa, deliberi di applicare il criterio previsto dalla legge o dal regolamento condominiale, ma commetta, al riguardo, un errore;
• in questi casi l’assemblea agisce nell’ambito delle sue competenze e, quindi, non opera “in difetto assoluto di attribuzioni”, ma semplicemente viola – coscientemente o per mero errore – il criterio di ripartizione che, per legge o per regolamento, deve trovare applicazione.
Sotto questo profilo dell’invalidità delle delibere di ripartizione delle spese, le Sezioni Unite hanno confermato un insegnamento precedente, come esempio del quale merita citare qui – per l’innegabile chiarezza – Cass. 21.5.2012 n. 8010: “Per quanto attiene le delibere dell'assemblea di condominio aventi ad oggetto la ripartizione delle spese comuni, occorre distinguere quelle con le quali sono stabiliti i criteri di ripartizione ai sensi dell'art. 1123 c.c. ovvero sono modificati i criteri fissati in precedenza, per le quali è necessario, a pena di radicale nullità, il consenso unanime dei condomini, da quelle con le quali, nell'esercizio della attribuzioni assembleari previste dall'art. 1135 n. 2 e 3 c.c., vengono in concreto ripartite le spese medesime, atteso che queste ultime, ove adottate in violazione dei criteri già stabiliti, devono considerarsi annullabili .. ”.
Considerazione finale e di sintesi
Le Sezioni Unite hanno, quindi, ribadito che, di fronte a delibere di ripartizione della spesa non in linea con i criteri di legge o convenzionali, bisogna distinguere tra le decisioni volte proprio a modificare il criterio da seguire da quelle con cui, invece, la compagine condominiale ha, coscientemente o per errore, disapplicato o applicato male i medesimi criteri di legge o convenzionali.
Evidentemente questa distinzione non è sempre agevole. Si tratta di un’attività interpretativa: il giudice deve analizzare in concreto la delibera – e, quindi, il verbale dell’assemblea – per individuare con esattezza quale sia stata l’effettiva volontà della compagine condominiale.
Del resto, le stesse Sezioni Unite qui in commento hanno – rifacendosi a un insegnamento precedente: tra le tante, Cass. 30.11.2017 n. 28763 e Cass. 28.2.2006 n. 4501 – chiarito che per questa attività interpretativa devono essere seguiti “i canoni ermeneutici stabiliti dagli artt. 1362 c.c. e segg.”.
Tutto questo comporta un apprezzamento che deve ritenersi riservato per legge al giudice del merito, con esclusione del potere della Suprema Corte di sindacare la “bontà” dell’interpretazione così fornita.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – quando e come la mediazione impedisce la decadenza dall'impugnazione della delibera

L’art. 1137, secondo comma, cod. civ. prevede il diritto dei condomini di impugnare le delibere assembleari contrarie alla legge o al regolamento di condominio e impone l’obbligo – a pena di decadenza – di esercitare tale diritto entro trenta giorni.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: il quorum costitutivo è un requisito permanente dell'assemblea

E’ noto a tutti che l’assemblea di condominio si considera “regolarmente costituita” ex art. 1136, primo e terzo comma, cod. civ. se ad essa interviene un certo numero, minimo, di condomini, titolari di un certo quantitativo, minimo, di millesimi. La presenza di questi numeri minimi all’apertura dei lavori dell’assemblea, tuttavia, non basta: essa deve sussistere per l’intera durata della riunione, a pena di sopravvenuta inesistenza dell’assemblea condominiale.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: in caso di mancata convocazione la prova di resistenza non serve

Ci si interroga sulla possibilità di “salvare” la delibera impugnata dal condomino che non è stato convocato: si può fingere che il condomino sia intervenuto e abbia votato e, quindi, conteggiare il suo voto come se fosse stato espresso e, all’esito, annullare la delibera solo se quel voto risulta determinante? Detto altrimenti: il vulnus della mancata convocazione attiene unicamente al voto oppure si deve ritenere che vi sia qualcosa di più grave, tale da precludere la possibilità di quel “salvataggio”?

leggi tutto