LSMI19 Diritto condominiale
19 settembre 2019
Diritto condominiale

Condominio – cosa succede se i comproprietari del singolo appartamento non sono d’accordo?

Condominio – cosa succede se i comproprietari del singolo appartamento non sono d’accordo?

Le situazioni di comproprietà sono piuttosto frequenti: si pensi – per fermarsi ai casi più diffusi e agli esempi più eclatanti – a due coniugi che acquistano insieme o a due fratelli / sorelle che ereditano l’appartamento dei genitori o dei nonni.
A livello condominiale, questi comproprietari contano come uno e devono, quindi, esprimere in assemblea una posizione unitaria e univoca. Ma non sempre i comproprietari sono d’accordo e non sempre vorrebbero esprimere il medesimo voto. Qui si cerca di capire quali sono gli “strumenti” che l’ordinamento mette a disposizione per risolvere queste situazioni di potenziale “crisi”

Il dato normativo
Il punto di partenza del ragionamento è, come sempre, costituito dal dato normativo. Nella fattispecie, dal comma 2 dell’art. 67 disp. att. cod. civ., che recita “Qualora un'unità immobiliare appartenga in proprietà indivisa a più persone, queste hanno diritto a un solo rappresentante nell'assemblea, che è designato dai comproprietari interessati a norma dell'articolo 1106 del codice”.
La norma appare chiara:
 i comproprietari devono confrontarsi e arrivare a elaborare una posizione unitaria e univoca;
 devono anche scegliere chi tra loro rappresenterà la comunione nell’assemblea condominiale;
 il comproprietario così designato parteciperà all’assemblea ed esprimerà il voto in nome e per conto di tutti, con ciò vincolando l’intera comunione.
Fino a qui, tutto chiaro e tutto semplice.
Capita, tuttavia, che i comproprietari non siano allineati e non riescano ad esprimere una posizione condivisa: si pensi all’ipotesi di una causa che coinvolge il condominio o al caso di un prospettato intervento di manutenzione straordinaria, con un comproprietario che vorrebbe esprimere voto favorevole e l’altro che, invece, vorrebbe votare in senso contrario.
Cosa succede in queste situazioni? Come può e deve essere gestito il contrasto all’interno della comunione? E quali riflessi esso può avere a livello condominiale?
Il rapporto interno alla comunione: i.e., il rapporto tra i comproprietari (“a monte” dell’assemblea)
Il citato art. 67 disp. att. cod. civ., letto in combinato disposto con gli artt. 1105 [“Tutti i partecipanti hanno diritto di concorrere nell'amministrazione della cosa comune / Per gli atti di ordinaria amministrazione le deliberazioni della maggioranza dei partecipanti, calcolata secondo il valore delle loro quote, sono obbligatorie per la minoranza dissenziente / Per la validità delle deliberazioni della maggioranza si richiede che tutti i partecipanti siano stati preventivamente informati dell'oggetto della deliberazione / Se non si prendono i provvedimenti necessari per l'amministrazione della cosa comune o non si forma una maggioranza, ovvero se la deliberazione adottata non viene eseguita, ciascun partecipante può ricorrere alla autorità giudiziaria. Questa provvede in camera di consiglio e può anche nominare un amministratore”] e 1106 cod. civ. [“Con la maggioranza calcolata nel modo indicato dall'articolo precedente, può essere formato un regolamento per l'ordinaria amministrazione e per il miglior godimento della cosa comune”], esplicitamente / implicitamente richiamati dallo stesso art. 67, contiene una chiara indicazione su come procedere:
• i comproprietari devono confrontarsi e arrivare a “distillare” e, quindi esprimere una posizione unitaria;
• se non ci riescono – e questo scenario è tutt’altro che inverosimile: l’art. 1105 cod. civ. parla di “maggioranza dei partecipanti”, ma spesso il confronto è tra due “teste”, ciascuna titolare del 50% del valore del bene, con la conseguente impossibilità che si forni una maggioranza –, possono ricorrere al giudice;
• a questo punto, il giudice può risolvere la cosa anche con la nomina di un amministratore della comunione, espressamente incaricato di esprimere il voto della comunione su quello specifico punto dell’ordine del giorno e solo su quello. Una sorta di procuratore speciale, di commissario ad actum, cui viene affidato il compito di far uscire la comunione – e magari, con essa, il condominio – dalle “secche” di questo stallo decisionale.
Questo, sul piano astratto e teorico.
Sul piano concreto e pratico, tuttavia, il lasso di tempo intercorrente tra la convocazione dell’assemblea e l’assemblea stessa non consente di seguire il percorso dianzi tracciato.
Si pone, quindi, il tema delle conseguenze del dissidio tra comproprietari, che in qualche misura si intreccia con il tema del rapporto tra la comunione e il condominio.
Il rapporto tra la comunione e il condominio
A questo riguardo, è intervenuta una condivisile pronuncia della Corte d’Appello di Napoli del 1.3.2019 (in Redazione Giuffrè 2019): “In tema di condominio, dal principio contenuto nell'art. 67, comma, 2 Disp. att. c.c., secondo il quale i comproprietari di un piano o porzione di piano compreso in un edificio condominiale hanno diritto ad un solo rappresentante nell'assemblea, che è designato dai comproprietari interessati, può desumersi che gli eventuali contrasti fra comproprietari sull'assemblea condominiale vanno risolti all'interno del gruppo, di modo che la volontà del rappresentante valga, quale espressione irretrattabile della volontà comune, per tutti, cioè, sia per i proprietari dissenzienti della minoranza, e sia per i rimanenti condomini”.
In questo caso, la Corte ha sottolineato e confermato un principio agevolmente ricavabile dalla normativa codicistica:
• le questioni interne alla comunione restano interne e non possono ripercuotersi sul condominio;
• il condominio non può tenere in alcun conto un eventuale dissidio tra comproprietari e, quindi, le varie posizioni di ciascuno di essi;
• detto altrimenti: se, ai fini dell’adozione di una determinata delibera, i comproprietari dell’unità X non riescono ad esprimere una posizione unitaria, per quella delibera il condomino proprietario dell’unità X non esprime alcun voto.
La “gestione” dell’assemblea
In concreto e sul piano molto pratico: come deve regolarsi il presidente dell’assemblea se alla riunione si presentano tutti i comproprietari, dichiarando di non avere raggiunto una posizione univoca?
Dal verbale dell’assemblea – che il presidente dovrà redigere con il puntuale ed efficace supporto del segretario dell’assemblea e dell’amministratore del condominio e che dovrebbe preferibilmente essere sottoscritto da tutti i comproprietari presenti – dovrà emergere con grande chiarezza quanto segue:
 il presidente rileva la presenza in assemblea, in difformità rispetto alla previsione dell’art. 67, secondo comma, disp. att. cod. civ., di più comproprietari;
 il presidente invita, quindi, tali comproprietari a uniformarsi al dato normativo e a indicare seduta stante il rappresentante di tutti, contestualmente specificando che, in difetto, l’assemblea non potrà che prendere atto di tale stato di cose e, quindi, rilevare l’assenza – ai fini del conteggio delle maggioranze – del condomino proprietario di quella specifica unità immobiliare;
 sulla base di quanto fanno i citati comproprietari, l’assemblea assume una posizione formale, verbalizzando l’assenza del condomino di cui si tratta e specificando le ragioni di tale assenza.
Il rapporto interno alla comunione: i.e., il rapporto tra i comproprietari (“a valle” dell’assemblea)
Verificatosi quanto sopra ipotizzato, ciascun comproprietario è astrattamente legittimato ad agire in giudizio contro gli altri per il risarcimento dei danni, che la condotta di questi ultimi può avergli causato.
Non è questa la sede per una disamina approfondita di questo aspetto della questione, ma, in via di estrema sintesi, si può svolgere qualche considerazione astratta:
 questa ipotetica azione risarcitoria sarebbe tutt’altro che “in discesa”;
 questo perché bisognerebbe “fare i conti” con la difficoltà di dimostrare il danno e il nesso causale tra la condotta dei comproprietari citati in giudizio e il danno stesso;
 non solo: ci sarebbe anche la non trascurabile difficoltà di arrivare a considerare l’esercizio di un diritto – quale senz’altro è la volontà di esprimere un certo voto e di assumere una determinata posizione – come fonte di un danno ingiusto.
La pretesa risarcitoria sarebbe astrattamente più lineare se i comproprietari avessero omesso di confrontarsi tra loro o se uno di essi avesse espresso in assemblea – con ciò, vincolando tutti gli altri – una posizione che sapeva non condivisa dagli altri.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

La “nascita” del condominio, la presunzione di proprietà comune e l’individuazione delle proprietà individuali attraverso il titolo contrario

Il condominio costituisce una situazione di comproprietà indivisa: quando esiste un edificio composto da unità immobiliari di proprietari diversi, alcune parti di tale edificio “Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio” (art. 1117, primo comma, cod. civ.). Si tratta essenzialmente di “tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune” (art. 1117, primo comma, n. 1) cod. civ.). Ma quando sorge il condominio e quali sono i criteri per individuare le parti comuni e distinguerle dalle parti dell’edificio di proprietà individuale?

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in merito alle morosità condominiale nell’epoca del Covid19

In questo periodo, con l’emergenza sanitaria e le tristemente note – e, comunque, facilmente intuibili – ricadute economiche su tutti gli italiani, si pone in maniera tutt’altro che secondaria il tema della morosità condominiale e del circolo vizioso, che questa crea di provocare.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in ordine alla gestione del condominio nelle circostanze eccezionali imposte dal Covid-19 – il ruolo di primo piano degli amministratori e l’importanza della stretta collaborazione tra amministratori e amministrati

Tra le misure, adottate e quindi imposte dal Governo per fronteggiare la diffusione del contagio da Covid-19, spicca il divieto di assembramenti: in sostanza, non ci si può riunire, né in luoghi pubblici né in luoghi privati, per incontri, riunioni, convegni e altro. Il divieto riguarda anche le assemblee condominiali, riunioni nell’ambito delle quali il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro è, di fatto, impossibile. Si pone, quindi, il problema del rischio di una sostanziale “paralisi” della vita dei condominii, enti di gestione che sono stati privati dei loro organi decisionali.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [parte 2]

In questa seconda parte del contributo sul tema della eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati, l’attenzione si concentrerà in particolare sui concetti introdotti dall’art. 4, commi 4 e 5, L. 9.1.1989 n. 13 e cioè sui presupposti, i limiti e le condizioni del legittimo diniego a un intervento edilizio su un edificio vincolato.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [Parte 1]

Per ovvie ed evidenti ragioni, nel Belpaese l’esigenza di trovare un compromesso, di individuare un soddisfacente punto di incontro tra la tutela del patrimonio immobiliare storico / artistico e la protezione delle persone che, negli edifici assoggettati a tali vincoli, abitano e lavorano, è particolarmente sentita. Negli anni, con il mutare della sensibilità sociale e l’aumento dell’attenzione a certi temi, si è assistito a un’autentica evoluzione, a una vera e propria “rivoluzione” che ha portato a “mettere a fuoco” una serie di principi fondamentali. Un’attenzione particolare è stata – ed è – dedicata al bilanciamento di interessi tra la tutela delle persone in difficoltà e la salvaguardia del patrimonio storico / artistico

leggi tutto
4 ottobre 2018

Lastrico solare in condominio: nel silenzio dell’art. 1126 cod. civ., chi decide di eseguire l’intervento di manutenzione?

Il codice civile, all’art. 1126 cod. civ., detta la regola per ripartire le spese legate agli interventi manutentivi sui lastrici solari, ma nulla dice in merito all’individuazione del soggetto legittimato a decidere se dare corso oppure no a quegli interventi. In questa sede si vuole rispondere a questa precisa e specifica domanda: chi ha il potere di decidere di eseguire la manutenzione sui lastrici solari?

leggi tutto
4 ottobre 2018

L’assemblea ordinaria del super-condominio

La riforma del condomino del 2012 / 2013 ha “fatto emergere” e regolamentato – benché in maniera lacunosa e poco chiara, pur ponendosi l’obiettivo di “snellire” – il fenomeno del super-condominio. Tra gli elementi più caratteristici c’è una sorta di “sdoppiamento” dell’assemblea ordinaria, nella quale sono chiamati ad esprimete il voto soggetti diversi a seconda delle materie contenute nel’o.d.g..

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – nessun interesse a impugnare se, sul piano economico, il pregiudizio è modesto

Ai sensi dell’art. 1137 cod. civ., ciascun condomino è legittimato a impugnare davanti all’Autorità Giudiziaria, chiedendone l’annullamento, le delibere “contrarie alla legge o al regolamento di condominio”. In alcuni casi e per specifiche ragioni, autorevolmente individuate da Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806, le delibere non sono annullabili, ma nulle, con la conseguenza – tra le altre – che il condomino può impugnarle senza limitazioni di tempo, chiedendo non il loro annullamento, ma l’accertamento – e, con esso, la dichiarazione – della loro nullità. In sede di impugnazione, il condomino attore deve dimostrare di avere un preciso interesse all’accertamento di tale nullità, in assenza del quale la sua domanda è destinata al rigetto.

leggi tutto