LSMI19 Diritto condominiale
30 aprile 2019
Diritto condominiale

Condominio - Divieto di modifiche a facciate prospetti e estetica

Condominio - Divieto di modifiche a facciate prospetti e estetica

Quando il regolamento condominiale di natura contrattuale vieta modifiche dalle facciate, dei prospetti e, in generale, dell’estetica
La Corte di Cassazione è recentemente intervenuta a Sezioni Unite sul tema delle modifiche all’aspetto esteriore di un edificio condominiale, espressamente vietate dal regolamento di natura contrattuale

Il punto di partenza
E’ costituito da una divergenza interpretativa in merito al regolamento condominiale.
L’art. 3 di tale regolamento contiene una clausola molto ampia e altrettanto severa: il divieto di “qualsiasi opera che modifichi le facciate, i prospetti e l’estetica degli edifici”.
Un condomino ha realizzato un’opera che, pur senza compromettere il decoro dell’edificio, apportava una modifica al suo aspetto esteriore.
La questione giuridica – la portata del divieto
Il tema è costituito dalla portata che bisogna attribuire, in sede interpretativa (e, quindi, applicativa), a una clausola così “drastica”.
L’esame delle Sezioni Unite ha preso le mosse da un rilievo talmente consolidato da dover essere considerato del tutto pacifico: “appoggiando” il suo ragionamento su altre pronunce meno recenti [Cass. 23.1.2007 n. 1406 e Cass. 31.7.2009 n. 17893] la Corte ha rilevato che “l’interpretazione della clausola di regolamento ‘contrattuale’ di condominio operata dal giudice del merito, nell’ambito dell’apprezzamento di fato ad esso spettante, è incensurabile in sede di legittimità, a meno che non riveli violazione di dei canoni di ermeneutica oppure vizi logici”.
Nel caso di specie, l’iter logico e argomentativo del giudice di merito non prestava il fianco a censure e, quindi, la pronuncia della Corte d’Appello non è stata seriamente posta in discussione nei suoi fondamenti.
Fermo questo, tuttavia, la Suprema Corte ha colto l’occasione per richiamare un suo consolidato orientamento [si veda Cass. 136.6.2013 n. 14898, Cass. 24.1.2013 n. 1748, Cass. 12.12.1986 n. 7398], secondo il quale un regolamento condominiale contrattuale, il quale “ .. abbia ad oggetto la conservazione dell’originaria ‘facies’ architettonica dell’edificio condominiale, comprimendo il diritto di proprietà dei singoli condomini mediante il divieto di qualsiasi opera modificatrice, stabilisce in tal modo una tutela pattizia ben più intensa e rigorosa di quella apprestata al mero ‘decoro architettonico’ dall’art. 1120, comma 2 (…) e art. 1338 c.c., comma 1 .. ”. La conseguenza di tale stato di cose – proseguono le Sezioni Unite – è che “ .. la realizzazione di opere esterne integra di per sé una modificazione non consentita dell’originario assetto architettonico dell’edificio (…) che giustifica la condanna alla riduzione in pristino in caso di sua violazione”.
Come si vede, una conclusione tranchant:
 il regolamento condominiale di natura contrattuale vieta la benché minima modifica esteriore;
 la realizzazione di un’opera esterna costituisce una modifica esteriore;
 la realizzazione di tale opera deve ritenersi vietata;
 l’opera così realizzata deve e4ssere eliminata.
Sintesi
E’ ora agevole “mettere a fuoco” il punto più importante di questa pronuncia: in presenza di una clausola regolamentare, il cui tenore letterale – come si è visto – non consente “margini di manovra”, il tema dell’indagine non è più costituito dall’eventuale violazione del decoro architettonico dell’edificio – atteso che questa non assume più alcuna importanza –, ma semplicemente dall’esistenza di un rigido divieto di mettere tout court mano a interventi sull’esterno dell’edificio.
Alla luce del fatto che il regolamento condominiale di natura contrattuale è, sul piano strettamente giuridico, un contratto atipico, si affrontano e – per così dire – si contrappongono, due temi importanti:
a) l’individuazione della volontà delle parti
b) l’accertamento della meritevolezza degli interessi tutelati dalla clausola del regolamento.
Per quanto sub a), l’interprete dovrà analizzare con attenzione il regolamento condominiale – sia il testo sia gli eventuali elementi “di contorno”, idonei a fare chiarezza – per individuare quella che l’art. 1362 cod. civ. definisce “la comune intenzione delle parti” e cioè per “mettere a fuoco” a quali obiettivi mirassero – e tutto mirino – i condomini. Con l’evidente difficoltà rappresentata dal fatto che, con ogni probabilità gli originari contraenti non ci sono più.
Per quanto sub b), il tema delicato è costituito dalla necessità di trovare un contemperamento tra i contrapposti interessi “in gioco”.
Ai sensi dell’art. 1322 cod. civ., infatti, le parti possono concludere qualsiasi genere di contratto purché questo sia diretto “a realizzare interessi meritevoli di tutela”.
Il regolamento condominiale di natura contrattuale è – come si è detto – un contratto atipico e bisogna, pertanto, che esso contenga clausole equilibrate, non idonee a comprimere in diritti di alcuni condomini avantaggio di altri. Come accadrebbe – è solo un banale esempio – con una clausola che prevedesse la possibilità di collocare sculture davanti agli ingressi dei box contraddistinti dai numeri dispari.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – crediti vecchi, rendiconto e decreto ingiuntivo

Con una recente pronuncia – sentenza n. 3847 del 15.2.2021 – la Suprema Corte ha preso una chiara posizione in merito ai crediti del condominio risalenti nel tempo, al loro inserimento nei rendiconti degli anni successivi e, quindi, alla facoltà dell’amministratore di chiedere e ottenere ex art. 63 disp. att. cod. civ., relativamente a detti crediti “vecchi”, il decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il verbale dell’assemblea deve avere la forma scritta e il contenuto della riunione non può essere provato per testi

Una recente pronuncia della Corte d’Appello di Genova – la sentenza n. 106 del 29.1.2021 – fornisce l’occasione per alcune considerazioni su un tema che può apparire banale, ma che poi così scontato non è se è vero – com’è vero – che sul punto si continua a litigare

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la manutenzione / riparazione del cortile comune che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse e il tema dell’impermeabilizzazione

Un tema sempre “caldo” è quello della ripartizione delle spese necessarie alla manutenzione / riparazione del cortile condominiale che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse. Anche in epoca recente la giurisprudenza è intervenuta sul punto – si parla della sentenza Tribunale Roma 14.1.2021 n. 665 – per ribadire e confermare l’orientamento interpretativo consolidatosi nel tempo. Orientamento interpretativo che – vale la pena di dirlo – non risulta del tutto alieno da qualche perplessità

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il condomino è efficacemente convocato se l’avviso di convocazione all’assemblea arriva al suo indirizzo nei termini di legge

In epoca molto recente il Tribunale di Roma ha affrontato la questione (invero, già ben nota) dell’efficacia – intesa come tempestività – della trasmissione dell’avviso di convocazione all’assemblea condominiale, avvenuta con lettera raccomandata non ritirata per l’assenza del destinatario

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’“impugnativa” degli atti dell’amministratore

L’art. 1133 cod. civ. è probabilmente, tra le disposizioni vigenti in materia di condominio, quella che ha avuto – e ancora ha – la minore “ricaduta” concreta (nel senso di minore applicazione). In realtà, è una norma perfettamente coerente con i principi base dell’“universo condominio” e, se letta e analizzata bene, potrebbe anche essere efficacemente utilizzata in molte situazioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’assemblea in videoconferenza: spunti di riflessione

La storia – talmente recente da poter essere considerata ancora cronaca – è mota: con il c.d. Decreto agosto – cioè il D.L. 14.8.2020 n. 104, convertito con modifiche dalla L. 13.10.2020 n. 126, in vigore dal 14 ottobre 2020 – è intervenuto sulle modalità di convocazione e svolgimento delle assemblee condominiali, introducendo espressamente la possibilità che l’assemblea condominiale si svolga da remoto. C’è stato poi un repentino ripensamento: la norma di agosto / ottobre è stata successivamente modificata – a opera del D.L. 7.10,2020 n. 125, convertito con modifiche dalla L. 27.11.2020 n. 159 – nel senso di prevedere che la legittimità dell’assemblea in videoconferenza derivi dal consenso non di tutti i condomini, ma della maggioranza dei medesimi. La nuova norma è scritta molto male, ma si può tentare di interpretarla meglio

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eventuale sussistenza di irregolarità meramente formali relative all’assemblea in prima convocazione non impatta sull’assemblea in seconda convocazione

Un recente pronuncia del Tribunale di Cosenza – si parla della sentenza 30.11.2020 n. 2131 – riprende, confermandolo, il più risalente insegnamento della Suprema Corte in merito alla possibilità di svolgere l’assemblea in seconda convocazione anche se non c’è il verbale relativo all’assemblea in prima convocazione andata “deserta”

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – un bar è un bar e non è un’altra cosa e può essere aperto in un condominio se il regolamento condominiale di natura contrattuale non lo vieta espressamente

A fine 2020 il Tribunale di Pisa – la sentenza è la n. 1181 del 28.12.2020 – è tornato sull’argomento dei divieti e dei limiti imposti alla proprietà privata dal regolamento condominiale di natura contrattuale e lo ha fatto esaminando specificamente il presunto divieto di adibire le unità in condominio a bar

leggi tutto