LSMI19 Diritto condominiale
30 aprile 2019
Diritto condominiale

Condominio - Divieto di modifiche a facciate prospetti e estetica

Condominio - Divieto di modifiche a facciate prospetti e estetica

Quando il regolamento condominiale di natura contrattuale vieta modifiche dalle facciate, dei prospetti e, in generale, dell’estetica
La Corte di Cassazione è recentemente intervenuta a Sezioni Unite sul tema delle modifiche all’aspetto esteriore di un edificio condominiale, espressamente vietate dal regolamento di natura contrattuale

Il punto di partenza
E’ costituito da una divergenza interpretativa in merito al regolamento condominiale.
L’art. 3 di tale regolamento contiene una clausola molto ampia e altrettanto severa: il divieto di “qualsiasi opera che modifichi le facciate, i prospetti e l’estetica degli edifici”.
Un condomino ha realizzato un’opera che, pur senza compromettere il decoro dell’edificio, apportava una modifica al suo aspetto esteriore.
La questione giuridica – la portata del divieto
Il tema è costituito dalla portata che bisogna attribuire, in sede interpretativa (e, quindi, applicativa), a una clausola così “drastica”.
L’esame delle Sezioni Unite ha preso le mosse da un rilievo talmente consolidato da dover essere considerato del tutto pacifico: “appoggiando” il suo ragionamento su altre pronunce meno recenti [Cass. 23.1.2007 n. 1406 e Cass. 31.7.2009 n. 17893] la Corte ha rilevato che “l’interpretazione della clausola di regolamento ‘contrattuale’ di condominio operata dal giudice del merito, nell’ambito dell’apprezzamento di fato ad esso spettante, è incensurabile in sede di legittimità, a meno che non riveli violazione di dei canoni di ermeneutica oppure vizi logici”.
Nel caso di specie, l’iter logico e argomentativo del giudice di merito non prestava il fianco a censure e, quindi, la pronuncia della Corte d’Appello non è stata seriamente posta in discussione nei suoi fondamenti.
Fermo questo, tuttavia, la Suprema Corte ha colto l’occasione per richiamare un suo consolidato orientamento [si veda Cass. 136.6.2013 n. 14898, Cass. 24.1.2013 n. 1748, Cass. 12.12.1986 n. 7398], secondo il quale un regolamento condominiale contrattuale, il quale “ .. abbia ad oggetto la conservazione dell’originaria ‘facies’ architettonica dell’edificio condominiale, comprimendo il diritto di proprietà dei singoli condomini mediante il divieto di qualsiasi opera modificatrice, stabilisce in tal modo una tutela pattizia ben più intensa e rigorosa di quella apprestata al mero ‘decoro architettonico’ dall’art. 1120, comma 2 (…) e art. 1338 c.c., comma 1 .. ”. La conseguenza di tale stato di cose – proseguono le Sezioni Unite – è che “ .. la realizzazione di opere esterne integra di per sé una modificazione non consentita dell’originario assetto architettonico dell’edificio (…) che giustifica la condanna alla riduzione in pristino in caso di sua violazione”.
Come si vede, una conclusione tranchant:
 il regolamento condominiale di natura contrattuale vieta la benché minima modifica esteriore;
 la realizzazione di un’opera esterna costituisce una modifica esteriore;
 la realizzazione di tale opera deve ritenersi vietata;
 l’opera così realizzata deve e4ssere eliminata.
Sintesi
E’ ora agevole “mettere a fuoco” il punto più importante di questa pronuncia: in presenza di una clausola regolamentare, il cui tenore letterale – come si è visto – non consente “margini di manovra”, il tema dell’indagine non è più costituito dall’eventuale violazione del decoro architettonico dell’edificio – atteso che questa non assume più alcuna importanza –, ma semplicemente dall’esistenza di un rigido divieto di mettere tout court mano a interventi sull’esterno dell’edificio.
Alla luce del fatto che il regolamento condominiale di natura contrattuale è, sul piano strettamente giuridico, un contratto atipico, si affrontano e – per così dire – si contrappongono, due temi importanti:
a) l’individuazione della volontà delle parti
b) l’accertamento della meritevolezza degli interessi tutelati dalla clausola del regolamento.
Per quanto sub a), l’interprete dovrà analizzare con attenzione il regolamento condominiale – sia il testo sia gli eventuali elementi “di contorno”, idonei a fare chiarezza – per individuare quella che l’art. 1362 cod. civ. definisce “la comune intenzione delle parti” e cioè per “mettere a fuoco” a quali obiettivi mirassero – e tutto mirino – i condomini. Con l’evidente difficoltà rappresentata dal fatto che, con ogni probabilità gli originari contraenti non ci sono più.
Per quanto sub b), il tema delicato è costituito dalla necessità di trovare un contemperamento tra i contrapposti interessi “in gioco”.
Ai sensi dell’art. 1322 cod. civ., infatti, le parti possono concludere qualsiasi genere di contratto purché questo sia diretto “a realizzare interessi meritevoli di tutela”.
Il regolamento condominiale di natura contrattuale è – come si è detto – un contratto atipico e bisogna, pertanto, che esso contenga clausole equilibrate, non idonee a comprimere in diritti di alcuni condomini avantaggio di altri. Come accadrebbe – è solo un banale esempio – con una clausola che prevedesse la possibilità di collocare sculture davanti agli ingressi dei box contraddistinti dai numeri dispari.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

La “nascita” del condominio, la presunzione di proprietà comune e l’individuazione delle proprietà individuali attraverso il titolo contrario

Il condominio costituisce una situazione di comproprietà indivisa: quando esiste un edificio composto da unità immobiliari di proprietari diversi, alcune parti di tale edificio “Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio” (art. 1117, primo comma, cod. civ.). Si tratta essenzialmente di “tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune” (art. 1117, primo comma, n. 1) cod. civ.). Ma quando sorge il condominio e quali sono i criteri per individuare le parti comuni e distinguerle dalle parti dell’edificio di proprietà individuale?

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in merito alle morosità condominiale nell’epoca del Covid19

In questo periodo, con l’emergenza sanitaria e le tristemente note – e, comunque, facilmente intuibili – ricadute economiche su tutti gli italiani, si pone in maniera tutt’altro che secondaria il tema della morosità condominiale e del circolo vizioso, che questa crea di provocare.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in ordine alla gestione del condominio nelle circostanze eccezionali imposte dal Covid-19 – il ruolo di primo piano degli amministratori e l’importanza della stretta collaborazione tra amministratori e amministrati

Tra le misure, adottate e quindi imposte dal Governo per fronteggiare la diffusione del contagio da Covid-19, spicca il divieto di assembramenti: in sostanza, non ci si può riunire, né in luoghi pubblici né in luoghi privati, per incontri, riunioni, convegni e altro. Il divieto riguarda anche le assemblee condominiali, riunioni nell’ambito delle quali il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro è, di fatto, impossibile. Si pone, quindi, il problema del rischio di una sostanziale “paralisi” della vita dei condominii, enti di gestione che sono stati privati dei loro organi decisionali.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [parte 2]

In questa seconda parte del contributo sul tema della eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati, l’attenzione si concentrerà in particolare sui concetti introdotti dall’art. 4, commi 4 e 5, L. 9.1.1989 n. 13 e cioè sui presupposti, i limiti e le condizioni del legittimo diniego a un intervento edilizio su un edificio vincolato.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [Parte 1]

Per ovvie ed evidenti ragioni, nel Belpaese l’esigenza di trovare un compromesso, di individuare un soddisfacente punto di incontro tra la tutela del patrimonio immobiliare storico / artistico e la protezione delle persone che, negli edifici assoggettati a tali vincoli, abitano e lavorano, è particolarmente sentita. Negli anni, con il mutare della sensibilità sociale e l’aumento dell’attenzione a certi temi, si è assistito a un’autentica evoluzione, a una vera e propria “rivoluzione” che ha portato a “mettere a fuoco” una serie di principi fondamentali. Un’attenzione particolare è stata – ed è – dedicata al bilanciamento di interessi tra la tutela delle persone in difficoltà e la salvaguardia del patrimonio storico / artistico

leggi tutto
4 ottobre 2018

Lastrico solare in condominio: nel silenzio dell’art. 1126 cod. civ., chi decide di eseguire l’intervento di manutenzione?

Il codice civile, all’art. 1126 cod. civ., detta la regola per ripartire le spese legate agli interventi manutentivi sui lastrici solari, ma nulla dice in merito all’individuazione del soggetto legittimato a decidere se dare corso oppure no a quegli interventi. In questa sede si vuole rispondere a questa precisa e specifica domanda: chi ha il potere di decidere di eseguire la manutenzione sui lastrici solari?

leggi tutto
4 ottobre 2018

L’assemblea ordinaria del super-condominio

La riforma del condomino del 2012 / 2013 ha “fatto emergere” e regolamentato – benché in maniera lacunosa e poco chiara, pur ponendosi l’obiettivo di “snellire” – il fenomeno del super-condominio. Tra gli elementi più caratteristici c’è una sorta di “sdoppiamento” dell’assemblea ordinaria, nella quale sono chiamati ad esprimete il voto soggetti diversi a seconda delle materie contenute nel’o.d.g..

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – nessun interesse a impugnare se, sul piano economico, il pregiudizio è modesto

Ai sensi dell’art. 1137 cod. civ., ciascun condomino è legittimato a impugnare davanti all’Autorità Giudiziaria, chiedendone l’annullamento, le delibere “contrarie alla legge o al regolamento di condominio”. In alcuni casi e per specifiche ragioni, autorevolmente individuate da Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806, le delibere non sono annullabili, ma nulle, con la conseguenza – tra le altre – che il condomino può impugnarle senza limitazioni di tempo, chiedendo non il loro annullamento, ma l’accertamento – e, con esso, la dichiarazione – della loro nullità. In sede di impugnazione, il condomino attore deve dimostrare di avere un preciso interesse all’accertamento di tale nullità, in assenza del quale la sua domanda è destinata al rigetto.

leggi tutto