LSMI19 Diritto condominiale
9 dicembre 2019
Diritto condominiale

Condominio – i condomini delle unità commerciali al piano terra pagano le spese per l’androne

Condominio – i condomini delle unità commerciali al piano terra pagano le spese per l’androne

Torna a porsi il tema dell’obbligo dei proprietari delle unità commerciali al piano terra di contribuire alle spese per la manutenzione e le riparazioni dell’androne condominiale. In particolare, ci si è interrogati ancora sulla sussistenza o meno di un simile obbligo a carico di condomini che – questo, almeno, è il comune sentire – potrebbero e dovrebbero esserne esenti perché, in effetti, accedono alle loro unità senza passare attraverso l’androne comune.

I termini della questione
La questione può essere formulata in questi termini:
• ai sensi dell’art. 1123, primo comma, cod. civ. “Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell'edificio, per la prestazione dei servizi nell'interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza sono sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, salvo diversa convenzione”;
• tuttavia, ai sensi dell’art. 1123, secondo comma, cod. civ. “Se si tratta di cose destinate a servire i condomini in misura diversa, le spese sono ripartite in proporzione dell'uso che ciascuno può farne”, mentre l’art. 1123, terzo comma, cod. civ. recita “Qualora un edificio abbia più scale, cortili, lastrici solari, opere o impianti destinati a servire una parte dell'intero fabbricato, le spese relative alla loro manutenzione sono a carico del gruppo di condomini che ne trae utilità”;
• i negozi siti al piano terreno hanno, di regola, un accesso autonomo e quindi, i loro titolari non attraversano l’androne condominiale per accedere alle loro unità;
• quale delle tre disposizioni, quindi, deve applicarsi?
• detto altrimenti: i proprietari dei negozi sono esentati dalle spese per l’androne, partecipano a tali spese e, se sì, in quale misura?
Il recente intervento del Tribunale di Nocera Inferiore e l’orientamento giurisprudenziale
Il Tribunale di Nocera Inferiore è stato chiamato a pronunciarsi sulla questione di cui sopra e lo ha fatto in questi termini: “Sul punto giova ricordare che secondo principio condiviso da questo Tribunale in caso di unità immobiliari con accesso indipendente dall'androne condominiale, ma inseriti nel condominio, come pare prospettare parte attrice, i titolari di tali beni devono in ogni caso partecipare alle spese di manutenzione ordinaria e straordinaria dello stesso in proporzione al valore della proprietà di ciascuno, ex art. 1123 I co cc, in quanto si presume che detti proprietari ne facciano comunque uso per avere accesso alle altre parti comuni, quali la copertura e i locali cantinati, cfr. Cassazione Civile Sentenza n. 761/1979, mentre solo nel caso in cui sia dimostrato che i proprietari delle unità che hanno accesso indipendente dall'androne ne fanno un minore uso è possibile ricorrere al riparto delle spese secondo un criterio che tenga conto del ridotto utilizzo cfr. Cassazione n. 2328/77, n. 761/79 e n. 4646/1981” [Tribunale Nocera Inferiore 20.8.2019, Redazione Giuffrè 2019].
In effetti, tale decisione del Tribunale “fa eco” alle più risalenti pronunce che la decisone stessa espressamente richiama: “L'androne e le scale di un edificio sono oggetto di proprietà comune, ai sensi dell'art. 1117 c.c., anche dei proprietari di locali terreni, che abbiano accesso direttamente alla strada, in quanto costituiscono elementi necessari per la configurabilità stessa di un fabbricato come diviso in proprietà individuali, per piani o porzioni di piano, e rappresentano, inoltre, tramite indispensabile per il godimento e la conservazione, da parte od a vantaggio di detti soggetti, delle strutture di copertura, a tetto od a terrazza. È pertanto legittima, e non costituisce spoglio, l'apertura praticata dal proprietario esclusivo di un terreno con accesso diretto dalla strada, per accedere all'androne, in quanto diretto ad utilizzare una parte dell'edificio da ritenersi comune, senza pregiudizio per gli altri condomini” (Cass. 5.2.1979 n. 761) e “In mancanza di una particolare disposizione nel regolamento di condominio, la illuminazione e la manutenzione dell'androne e delle scale devono porsi anche a carico dei proprietari delle autorimesse e dei negozi, trattandosi di parti comuni a tutti i condomini, anche se i negozi e le autorimesse hanno un accesso autonomo e diverso dall'androne e dal vano scale, e pertanto indipendente da quello destinato agli altri piani dello stabile condominiale” (Cass. 6.6.1977 n. 2328)
Qualche deduzione a commento
Si ritiene opportuno analizzare il dictum del Tribunale di Nocera Inferiore e, a tale scopo, per praticità si “ritaglia” e si “suddivide” il ragionamento del giudice in tre “segmenti”.
1) “in caso di unità immobiliari con accesso indipendente dall'androne condominiale, ma inseriti nel condominio, come pare prospettare parte attrice, i titolari di tali beni devono in ogni caso partecipare alle spese di manutenzione ordinaria e straordinaria dello stesso in proporzione al valore della proprietà di ciascuno, ex art. 1123 I co cc”.
Nulla da eccepire: in effetti, le unità commerciali al piano terreno costituiscono parte integrante dell’edifico condominiale e trova, quindi, applicazione la regola generale del già citato art. 1123, primo comma, cod. civ., secondo cui le spese per la manutenzione delle parti comuni devono essere sostenute da tutti i condomini.
2) “in quanto si presume che detti proprietari ne facciano comunque uso per avere accesso alle altre parti comuni, quali la copertura e i locali cantinati”.
Questa motivazione non convince. O, nella più benevola delle “letture”, deve essere approfondita e precisata e sinanco “aggiustata”.
Nel condominio vige la regola generale secondo cui i condomini pagano le spese comuni per il semplice fatto di essere comproprietari delle parti comuni dell’edificio: l’obbligo di tale pagamento non ha niente a che fare e non può certo dipendere dall’utilizzo che, delle parti comuni, fa il condomino.
Detto altrimenti: i proprietari delle “unità immobiliari con accesso indipendente dall'androne condominiale, ma inseriti nel condominio” devo certamente farsi carco delle spese, ma per il solo fatto di essere proprietari e non in quanto essi fanno uso delle parti comuni. Questo vincolo, questo nesso eziologico [pagano perché ne fanno uso] è sbagliato e fuorviante.
3) “solo nel caso in cui sia dimostrato che i proprietari delle unità che hanno accesso indipendente dall'androne ne fanno un minore uso è possibile ricorrere al riparto delle spese secondo un criterio che tenga conto del ridotto utilizzo”.
Anche qui, il Tribunale – e, con esso, la Cassazione, cui il Tribunale si ispira – è a dir poco impreciso.
Non ha, infatti, senso dire che il riparto delle spese può essere “agganciato” al minor utilizzo del bene comune ex art. 1123, secondo comma, cod. civ. “solo nel caso in cui sia dimostrato” il “minore uso” dell’androne.
Questa dimostrazione non è necessaria: il secondo comma del citato art. 1123 cod. civ. è riferito a un uso possibile e potenziale, non effettivo e concreto del bene comune. Non è un caso che la norma parli dell’uso del bene comune che ciascun condomino “può” fare.
Ragionando diversamente (e cioè come sembra fare il Tribunale di Nocera Inferiore), si arriverebbe a mettere in crisi l’intero sistema che si basa sul principio di cui al secondo comma dell’art. 1123 cod. civ. e ne fa applicazione.
A tale riguardo, basta pensare alla ripartizione delle spese relative all’ascensore: il condomino del primo piano paga spese inferiori perché si presume – ed è logico – che usi l’ascensore meno degli altri condomini, non perché detto minor utilizzo è effettivamente e concretamente dimostrato. Se così non fosse, si dovrebbe “aprire” il sistema a tutte le singole, specifiche e peculiari situazioni [come, per esempio, quella di un condomino che abita al piano terreno, mentre i genitori, anziani e bisognosi di assistenza, abitano al quinto piano].
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – quando e come la mediazione impedisce la decadenza dall'impugnazione della delibera

L’art. 1137, secondo comma, cod. civ. prevede il diritto dei condomini di impugnare le delibere assembleari contrarie alla legge o al regolamento di condominio e impone l’obbligo – a pena di decadenza – di esercitare tale diritto entro trenta giorni.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: il quorum costitutivo è un requisito permanente dell'assemblea

E’ noto a tutti che l’assemblea di condominio si considera “regolarmente costituita” ex art. 1136, primo e terzo comma, cod. civ. se ad essa interviene un certo numero, minimo, di condomini, titolari di un certo quantitativo, minimo, di millesimi. La presenza di questi numeri minimi all’apertura dei lavori dell’assemblea, tuttavia, non basta: essa deve sussistere per l’intera durata della riunione, a pena di sopravvenuta inesistenza dell’assemblea condominiale.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: in caso di mancata convocazione la prova di resistenza non serve

Ci si interroga sulla possibilità di “salvare” la delibera impugnata dal condomino che non è stato convocato: si può fingere che il condomino sia intervenuto e abbia votato e, quindi, conteggiare il suo voto come se fosse stato espresso e, all’esito, annullare la delibera solo se quel voto risulta determinante? Detto altrimenti: il vulnus della mancata convocazione attiene unicamente al voto oppure si deve ritenere che vi sia qualcosa di più grave, tale da precludere la possibilità di quel “salvataggio”?

leggi tutto