LSMI19 Diritto condominiale
7 gennaio 2020
Diritto condominiale

Condominio – i poteri / doveri dell’amministratore in caso di necessità di interventi manutentivi urgenti

Condominio – i poteri / doveri dell’amministratore in caso di necessità di interventi manutentivi urgenti

Chi frequenta l’“universo” condominiale lo sa: uno dei temi, che più fanno discutere e che generano maggiore incertezza, è quello gli interventi manutentivi urgenti di natura straordinaria. In particolare, gli amministratori sono spesso “in bilico” tra la consapevolezza che la legge attribuisce all’assemblea – e quindi, non a loro – la competenza per i lavori straordinari e l’altrettanto forte consapevolezza che certi interventi, salvo esporre il condominio a un qualche pregiudizio, non possono essere rimandati o ritardati.
Quanto segue vuole essere una sorta di vademecum sul punto, fornire agli amministratori indicazioni di natura pratica, destinate a dare loro le coordinate – in un certo senso, latitudine e longitudine – del loro spazio di intervento

I termini della questione

E’ ben noto che, in un condominio, gli interventi di manutenzione straordinaria sono decisi dall’assemblea dei condomini. Questa, infatti, è – secondo la Cassazione a Sezioni Unite, cfr. sentenza 6.8.2010 n. 18331 – “l’organo principale, depositario del potere decisionale”, nonché “l’organo deliberativo del condominio e l’organo cui compete l’adozione di decisioni in materia di amministrazione dello stesso” ed è chiamata – per quanto qui interessa – a decidere gli interventi manutentivi straordinari.
La fonte di tali facoltà e attribuzione va individuata nell’art. 1135, primo comma, cod. civ., ai sensi del quale “L'assemblea dei condomini provvede (…) 4) alle opere di manutenzione straordinaria e alle innovazioni”.

Per quanto attiene alla manutenzione straordinaria dell’edificio condominiale, l’amministratore – considerato in sé e per sé e in un contesto di vita condominiale “fisiologica” – non ha attribuzioni e, quindi, poteri: il secondo comma dello stesso art. 1135 cod. civ. prescrive che “L'amministratore non può ordinare lavori di manutenzione straordinaria”.

Il quadro normativo: gli obblighi dell’amministratore e le sue attribuzioni in situazioni di urgenza

Il medesimo art. 1135, secondo comma, cod. civ. però, prosegue con un’importante specificazione, quasi introducendo una deroga alla regola generale appena enunciata: “(…), salvo che rivestano carattere urgente”.
Al citato art. 1135, secondo comma, cod. civ. si lega l’art. 1129, primo comma, n. 4) cod. civ., ai sensi del quale “L'amministratore (…) deve: (…) 4) compiere gli atti conservativi relativi alle parti comuni dell'edificio”.
E’ così tratteggiato il quadro generale, che può essere sintetizzato e ricostruito come segue:
• l’amministratore – il quale non ha “nessun potere decisionale o gestorio” e la cui “prima, fondamentale, competenza (…) consiste nell’’eseguire le deliberazioni dell’assemblea dei condomini” [così ancora Cass. SS.UU. 6.8.2010 n. 18331] – deve compiere gli atti conservativi relativi alle parti comuni dell'edificio;
• in casi di urgenza, l’amministratore può ordinare lavori di manutenzione straordinaria;
• ne viene che, qualora un determinato intervento straordinario sulle parti comuni, volto a prevenire pregiudizi all’edificio, ai condomini o a terzi, sia urgente, allora l’amministratore ha non solo la facoltà, ma anche lo specifico dovere di dare ingresso a una manutenzione straordinaria.
La norma in esame conclude, infine, ristabilendo – se così si può dire – un equilibrio tra l’amministratore e l’assemblea: quando, in una situazione di emergenza, ordina lavori di manutenzione straordinaria, l’amministratore “deve riferirne nella prima assemblea”.
Questo – per quanto possa essere ritenuto necessario – conferma il ruolo di primo piano che l’amministratore assume in simili casi. Si deve, infatti, notare che l’amministratore non ha l’obbligo di convocare un’assemblea ad hoc né, tantomeno, di farlo entro un certo lasso di tempo dall’intervento manutentivo. E’ sufficiente che egli aspetti la “prima assemblea utile” e in tale occasione informi i condomini di quanto ha fatto (e speso).
Considerazione finale e di sintesi
Schematicamente:
 quando in condominio si pone l’esigenza di interventi manutentivi di natura straordinaria, l’amministratore si trova – per così dire – in prima linea;
 egli ha l’obbligo di intervenire, dando corso a tali interventi [art. 1129, primo comma, n. 4) cod. civ.];
 al temo stesso, egli ha gli “strumenti” giuridici per farlo [art. 1135, secondo comma, cod. civ.];
 ne viene che l’eventuale inerzia espone l’amministratore al concreto rischio che qualcuno – sia esso un condomino o un terzo – possa decidere di far valere una precisa (e difficilmente negabile) responsabilità risarcitoria diretta dello stesso amministratore.
Alla luce di quanto sopra, è decisamente auspicabile che gli amministratori prendano coscienza del loro ruolo e, superando dubbi e incertezze, rompano gli indugi e si rendano protagonisti della vita condominiale, assumendo le iniziative necessarie a tutela dei soggetti da loro amministrati.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – quando e come la mediazione impedisce la decadenza dall'impugnazione della delibera

L’art. 1137, secondo comma, cod. civ. prevede il diritto dei condomini di impugnare le delibere assembleari contrarie alla legge o al regolamento di condominio e impone l’obbligo – a pena di decadenza – di esercitare tale diritto entro trenta giorni.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: il quorum costitutivo è un requisito permanente dell'assemblea

E’ noto a tutti che l’assemblea di condominio si considera “regolarmente costituita” ex art. 1136, primo e terzo comma, cod. civ. se ad essa interviene un certo numero, minimo, di condomini, titolari di un certo quantitativo, minimo, di millesimi. La presenza di questi numeri minimi all’apertura dei lavori dell’assemblea, tuttavia, non basta: essa deve sussistere per l’intera durata della riunione, a pena di sopravvenuta inesistenza dell’assemblea condominiale.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: in caso di mancata convocazione la prova di resistenza non serve

Ci si interroga sulla possibilità di “salvare” la delibera impugnata dal condomino che non è stato convocato: si può fingere che il condomino sia intervenuto e abbia votato e, quindi, conteggiare il suo voto come se fosse stato espresso e, all’esito, annullare la delibera solo se quel voto risulta determinante? Detto altrimenti: il vulnus della mancata convocazione attiene unicamente al voto oppure si deve ritenere che vi sia qualcosa di più grave, tale da precludere la possibilità di quel “salvataggio”?

leggi tutto