LSMI19 Diritto condominiale
26 novembre 2020
Diritto condominiale

Condominio – il concreto bilanciamento di interessi nell’ambito dell’eliminazione delle barriere architettoniche

Condominio – il concreto bilanciamento di interessi nell’ambito dell’eliminazione delle barriere architettoniche

Una recente sentenza del Tribunale di Grosseto - la n. 669 del 10.10.2020 - ha affrontato il tema, formulando interessanti osservazioni di carattere generale e di natura concreta.
Questa pronuncia fornisce l’occasione per qualche rapida deduzione volta ad approfondire l’argomento.

Il quadro normativo di riferimento
In maniera schematica:
a) L. 9.1.1989 n. 13, rubricata “Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati”
b) L 5.2.1992 n. 104, rubricata “Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate”
c) L 3.3.2009 n. 18 [che contiene la ratifica Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità]
d) art. 1120, secondo comma, cod. civ.
In via di estrema sintesi, con poco più che una rapida “carrellata” per sommi capi, si può rilevare questo:
 l’art. 1 L. 9.1.1989 n. 13 introduce il principio generale secondo cui la progettazione relativa alla costruzione di nuovi edifici e la progettazione relativa alla ristrutturazione di edifici esistenti devono prevedere “a) accorgimenti tecnici idonei alla installazione di meccanismi per l'accesso ai piani superiori, ivi compresi i servoscala; b) idonei accessi alle parti comuni degli edifici e alle singole unità immobiliari; c) almeno un accesso in piano, rampe prive di gradini o idonei mezzi di sollevamento; d) l'installazione, nel caso di immobili con più di tre livelli fuori terra, di un ascensore per ogni scala principale raggiungibile mediante rampe prive di gradini”;
 l’art. 2 L. 9.1.1989 n. 13 attribuisce – è il secondo comma – ai condomini “portatori di handicap”, i quali abbiano chiesto l’adozione di una delibera di questo genere e abbiano visto respingere la loro richiesta, il diritto di “installare, a proprie spese, servoscala nonché strutture mobili e facilmente rimovibili e possono anche modificare l'ampiezza delle porte d'accesso, al fine di rendere più agevole l'accesso agli edifici, agli ascensori e alle rampe dei garages”;
 l’art. 4 L. 9.1.1989 n. 13, dettato con specifico riferimento agli immobili assoggettati “al vincolo di cui all'articolo 1 della legge 29 giugno 1939, n. 1497” [normativa oggi abrogata e “sostituita] e cioè al vincolo posto a tutela della bellezza dei beni immobili, prevede quanto segue:
 il condominio che abbia deliberato l’intervento (o il condomino disabile che, di fronte alla mancata delibera voglia provvedere a sue spese) deve chiedere alla P.A. l’autorizzazione prevista per legge
 tale autorizzazione “può essere negata solo ove non sia possibile realizzare le opere senza serio pregiudizio del bene tutelato”
 l’eventuale diniego “deve essere motivato con la specificazione della natura e della serietà del pregiudizio, della sua rilevanza in rapporto al complesso in cui l'opera si colloca e con riferimento a tutte le alternative eventualmente prospettate dall'interessato”;
 l’art. 1120, secondo comma, cod. civ. prevede che l’assemblea possa deliberare le innovazioni aventi ad oggetto “le opere e gli interventi previsti per eliminare le barriere architettoniche” con una maggioranza semplificata (e, quindi, più facile da raggiungere): 50% + 1 dei presenti e 500/1.000 in luogo di 50% + 1 dei presenti e 667/1.000.
L’evoluzione giurisprudenziale e l’attuale “stato dell’arte” interpretativo e applicativo
Vale la pena di ripercorre, sia pure in via di estrema sintesi, la meritoria evoluzione che ha caratterizzato la giurisprudenza negli ultimi anni:
► C. Cost. 10.5.1999 n. 167
 la più recente legislazione – su tutto, la L. 9.1.1989 n. 13 e la L. 5.2.1992 n. 104 – “ha segnato un radicale mutamento di prospettiva”,
 per effetto di essa, la accessibilità è diventata “una qualitas essenziale degli edifici”,
 l’agevole possibilità di accesso agli edifici è stata, così, configurata come un requisito oggettivo ed essenziale degli edifici nuovi “a prescindere dalla loco concreta appartenenza a soggetti portatori di handicap”;
► Cass. 24.6.2009 n. 14786
 l’art. 2 L. 9.1.1989 n. 13 prevede un quorum più basso per l’adozione delle innovazioni volte all’eliminazione delle barriere architettoniche “indipendentemente dalla presenza di portatori di handicap”;
► Cass. 25.10.2012 n. 18334
 la lettura costituzionalmente orientata, l’applicazione del principio di solidarietà condominiale e della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dei disabili porta a ritenere applicabile la più agevole maggioranza assembleare “anche in assenza di disabili nell’edificio”, essendo immanente la finalità di consentire ai disabili un agevole accesso “in tutti gli edifici e non solo presso la propria abitazione”;
► Cass. 28.3.2017 n. 7938
 le disposizioni in tema di eliminazione delle barriere architettoniche “devono ritenersi vigenti indipendentemente dall’effettiva utilizzazione degli edifici stessi da parte di persone disabili”;
► Cons. Stato 18.10.2017 n. 4824
 la normativa di cui alla L. 9.1.1989 n. 13 “si applica anche quando si tratti di persone anziane le quali, pur non essendo portatrici di disabilità vere e proprie, soffrono comunque di disagi fisici e di difficoltà motorie”.
Il percorso, quindi, è stato chiaro e significativo: prendendo le mosse dalla tutela dei soggetti diversamente abili, espressamente prevista e citata nella normativa sull’eliminazione delle barriere architettoniche, il legislatore e, con lui, il suo interprete – che non può essere altri che il giudice – hanno ampliato l’orizzonte e sono giunti a tratteggiare un’efficace rete di protezione a beneficio dei soggetti più deboli e maggiormente bisognosi di tutela della nostra società e, quindi, a beneficio delle persone svantaggiate – sul piano fisico e/o sul piano psichico – e delle persone ormai giunte all’ultimo tratto del loro percorso.
La pronuncia di Grosseto
E’ importante e utile trascrivere i “passaggi” fondamentali, come letteralmente affrontati dal Tribunale, e muovere da lì:
“Ciò premesso deve osservarsi, in via generale, che secondo il condivisibile orientamento della giurisprudenza di legittimità, nel valutare il contrasto delle opere, cui fa riferimento l'art. 2 della legge n.13/1989, con la specifica destinazione delle parti comuni, sulle quali esse vanno ad incidere, occorre tenere conto altresì del principio di solidarietà condominiale, secondo il quale la coesistenza di più unità immobiliari in un unico fabbricato implica di per sé il contemperamento, al fine dell'ordinato svolgersi di quella convivenza che è propria dei rapporti condominiali, di vari interessi, tra i quali deve includersi anche quello delle persone disabili all'eliminazione delle barriere architettoniche, oggetto di un diritto fondamentale che prescinde dall'effettiva utilizzazione, da parte di costoro, degli edifici interessati (Cass. Sez. 2, Sentenza n. 18334 del 25/10/2012). Ai fini della legittimità dell'intervento innovativo approvato ai sensi dell'art. 2 della legge n. 13 del 1989, è sufficiente, peraltro, che lo stesso produca un risultato conforme alle finalità della legge, attenuando sensibilmente le condizioni di disagio nella fruizione del bene primario dell'abitazione (Cass. Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 18147 del 26/07/2013).
In sostanza, dunque, si tratta di interventi aventi finalità pubblicistica che possono persino prescindere dall'effettiva utilizzazione degli edifici interessati dagli interventi stessi da parte dei soggetti disabili.
Deve tuttavia sin da ora rilevarsi, fatto salvo quello che si dirà più nello specifico di seguito, che ai fini del giudizio di bilanciamento dei contrapposti interessi in gioco non può non tenersi conto delle peculiarità del caso concreto, né prescindersi del tutto dalla verifica della presenza di soggetti disabili nell'edificio condominiale, tanto maggiore potendo essere il sacrificio imposto al godimento delle parti comuni dell'edificio agli altri condomini per effetto dell'eliminazione delle barriere architettoniche, quanto maggiori e contingenti siano le esigenze dei soggetti disabili che vi abitano e viceversa”
 “Ed infatti, è pur vero, come si è già accennato sopra, che in linea generale la giurisprudenza di legittimità evidenzia la natura pubblicistica dell'interesse ad ottenere l'abbattimento delle barriere architettoniche, non reputando necessario condizionare l'intervento all'effettiva presenza nello stabile di un disabile; ma il giudizio di bilanciamento degli interessi richiesto dalla stessa giurisprudenza di legittimità non può neanche del tutto prescindere dal valutare comparativamente il sacrificio richiesto agli altri condomini in relazione alle suddette esigenze di natura pubblicistica. In altri termini, si tratta di un giudizio a geometria variabile nel quale la valutazione dell'interesse pubblico all'abbattimento della barriere architettoniche deve necessariamente fare i conti con la misura del sacrificio richiesto ai singoli condomini, ragion per cui laddove nel condominio in questione non vi sia alcun concreto interesse specifico di alcuno dei condomini, la valutazione del sacrificio richiesto ai singoli condomini deve essere particolarmente rigorosa proprio per evitare onerose compromissioni del diritto di proprietà a fronte di un potenziale e generale interesse pubblico”.
Considerazione finale e di sintesi
Il Tribunale di Grosseto ha preso le mosse dalla condivisibile – e, in effetti, condivisa – evoluzione giurisprudenziale e ha voluto puntualizzare uno specifico aspetto di queste fattispecie: le concrete decisioni dei giudici, in sostanza, si riferiscono a specifici casi concreti, per decidere i quali il giudice ricorre sì alla normativa e all’interpretazione che, di essa, hanno dato i superiori gradi della magistratura, ma deve anche “calare” le une e le altre nei già citati specifici casi concreti.
Ecco come si arriva a statuizioni come “ .. ai fini del giudizio di bilanciamento dei contrapposti interessi in gioco non può non tenersi conto delle peculiarità del caso concreto, né prescindersi del tutto dalla verifica della presenza di soggetti disabili nell'edificio condominiale, tanto maggiore potendo essere il sacrificio imposto al godimento delle parti comuni dell'edificio agli altri condomini per effetto dell'eliminazione delle barriere architettoniche, quanto maggiori e contingenti siano le esigenze dei soggetti disabili che vi abitano e viceversa” e “ .. in linea generale la giurisprudenza di legittimità evidenzia la natura pubblicistica dell'interesse ad ottenere l'abbattimento delle barriere architettoniche, non reputando necessario condizionare l'intervento all'effettiva presenza nello stabile di un disabile; ma il giudizio di bilanciamento degli interessi richiesto dalla stessa giurisprudenza di legittimità non può neanche del tutto prescindere dal valutare comparativamente il sacrificio richiesto agli altri condomini in relazione alle suddette esigenze di natura pubblicistica. In altri termini, si tratta di un giudizio a geometria variabile nel quale la valutazione dell'interesse pubblico all'abbattimento della barriere architettoniche deve necessariamente fare i conti con la misura del sacrificio richiesto ai singoli condomini, ragion per cui laddove nel condominio in questione non vi sia alcun concreto interesse specifico di alcuno dei condomini, la valutazione del sacrificio richiesto ai singoli condomini deve essere particolarmente rigorosa proprio per evitare onerose compromissioni del diritto di proprietà a fronte di un potenziale e generale interesse pubblico”.
Il risultato finale è così riassumibile:
 fermo e impregiudicato il pieno rispetto dei principi di carattere generale in tema di rispetto della persona e del diritto alla salute e alla vita, non si deve ritenere che le esigenze legate all’eliminazione delle barriere architettoniche debbano prevalere sempre e comunque e in automatico sui diritti che i condomini vantano sulle parti comuni dell’edificio;
 è necessario esaminare con attenzione e cautela il singolo caso per riuscire a compiere il già citato bilanciamento dei contrapposti interessi in gioco e identificare, così, quale interesse debba, nella specifica fattispecie concreta, prevalere.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – quando e come la mediazione impedisce la decadenza dall'impugnazione della delibera

L’art. 1137, secondo comma, cod. civ. prevede il diritto dei condomini di impugnare le delibere assembleari contrarie alla legge o al regolamento di condominio e impone l’obbligo – a pena di decadenza – di esercitare tale diritto entro trenta giorni.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: il quorum costitutivo è un requisito permanente dell'assemblea

E’ noto a tutti che l’assemblea di condominio si considera “regolarmente costituita” ex art. 1136, primo e terzo comma, cod. civ. se ad essa interviene un certo numero, minimo, di condomini, titolari di un certo quantitativo, minimo, di millesimi. La presenza di questi numeri minimi all’apertura dei lavori dell’assemblea, tuttavia, non basta: essa deve sussistere per l’intera durata della riunione, a pena di sopravvenuta inesistenza dell’assemblea condominiale.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: in caso di mancata convocazione la prova di resistenza non serve

Ci si interroga sulla possibilità di “salvare” la delibera impugnata dal condomino che non è stato convocato: si può fingere che il condomino sia intervenuto e abbia votato e, quindi, conteggiare il suo voto come se fosse stato espresso e, all’esito, annullare la delibera solo se quel voto risulta determinante? Detto altrimenti: il vulnus della mancata convocazione attiene unicamente al voto oppure si deve ritenere che vi sia qualcosa di più grave, tale da precludere la possibilità di quel “salvataggio”?

leggi tutto