LSMI19 Diritto condominiale
16 marzo 2021
Diritto condominiale

Condominio – il condomino è efficacemente convocato se l’avviso di convocazione all’assemblea arriva al suo indirizzo nei termini di legge

Condominio – il condomino è efficacemente convocato se l’avviso di convocazione all’assemblea arriva al suo indirizzo nei termini di legge

In epoca molto recente il Tribunale di Roma ha affrontato la questione (invero, già ben nota) dell’efficacia – intesa come tempestività – della trasmissione dell’avviso di convocazione all’assemblea condominiale, avvenuta con lettera raccomandata non ritirata per l’assenza del destinatario

La questione
La fattispecie – piuttosto frequente nella vita quotidiana dei condominii – può essere schematicamente riassunta così:
 in punto di fatto
• l’amministratore trasmette l’avviso di convocazione all’assemblea condominiale a mezzo di lettera raccomandata A.R.;
• quando il postino giunge all’indirizzo del destinatario, quest’ultimo non è presente e non può, quindi, procedere al ritiro della lettera contenente l’avviso;
• in applicazione della legge, il postino lascia l’avviso e deposita la lettera raccomandata A.R. presso l’ufficio postale per il suo futuro ritiro;
• la lettera non viene ritirata oppure viene ritirata solo tre giorni prima della data dell’assemblea e, quindi, senza il rispetto del termine di “almeno cinque giorni prima della data fissata per l'adunanza in prima convocazione” previsto dall’art. 66, terzo comma, disp. att. cod. civ..
 in punto di diritto
• la mancata o non tempestiva convocazione del condomino rende l’assemblea annullabile.
Sul punto soccorrono il già citato art. 66, terzo comma, disp. att. cod. civ. e l’autorevolissima e notissima pronuncia delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione 7.3.2005 n. 4806 [“In tema di condominio negli edifici (…) debbono (…) qualificarsi annullabili le delibere con vizi relativi alla regolare costituzione dell'assemblea ..”];
• la mancata consegna della lettera raccomandata A.R. contenente l’avviso e il mancato o tardivo ritiro della stessa presso l’ufficio postale di giacenza danno vita alla fattispecie di “omessa, tardiva o incompleta convocazione degli aventi diritto” di cui al ricordato art. 66, terzo comma, disp. att. cod. civ. e sono, quindi, motivo di annullabilità della successiva delibera assembleare?
Il quadro normativo e interpretativo di riferimento
Queste sono le disposizioni di legge e le statuizioni interpretative – citate per quanto qui interessa – che “entrano in gioco” nella fattispecie in esame:
 art. 1335 cod. civ. [“ .. ogni (…) dichiarazione diretta a una determinata persona si reputano conosciute nel momento in cui giungono all'indirizzo del destinatario, se questi non prova di essere stato, senza sua colpa, nell'impossibilità di averne notizia”];
 art. 66, terzo comma, disp. att. cod. civ. [“L'avviso di convocazione, contenente specifica indicazione dell'ordine del giorno, deve essere comunicato almeno cinque giorni prima della data fissata per l'adunanza in prima convocazione, a mezzo di posta raccomandata, posta elettronica certificata, fax o tramite consegna a mano, e deve contenere l'indicazione del luogo e dell'ora della riunione. In caso di omessa, tardiva o incompleta convocazione degli aventi diritto, la deliberazione assembleare è annullabile ai sensi dell'articolo 1137 del codice su istanza dei dissenzienti o assenti perché non ritualmente convocati”];
 Cass. SS. UU. 7.3.2005 n. 4806 [In tema di condominio negli edifici (…) debbono (…) qualificarsi annullabili le delibere con vizi relativi alla regolare costituzione dell'assemblea ..];
 Cass. 3.11.2016 n. 22311 [“In applicazione della presunzione di conoscenza di cui all'art. 1335 c.c., la raccomandata, nel caso di momentanea assenza del destinatario (e di altra persona abilitata a riceverla), deve ritenersi entrata nella sfera di conoscibilità del destinatario nel momento in cui viene rilasciato l'avviso di giacenza del plico presso l'ufficio postale. Conseguentemente, in tema di avviso di convocazione dell'assemblea condominiale, è da tale momento che deve farsi decorrere il termine libero di cinque giorni prescritto dall'art. 66, comma 3, disp. att. c.c.”]
 Cass. 27.9.2013 n. 22240 [“La prova dell'avvenuto recapito della lettera raccomandata contenente il verbale dell'assemblea condominiale all'indirizzo del condomino assente all'adunanza comporta l'insorgenza della presunzione "iuris tantum" di conoscenza, in capo al destinatario, posta dall'art. 1335 cod. civ., nonché, con essa, la decorrenza del "dies a quo" per l'impugnazione della deliberazione, ai sensi dell'art. 1137 cod. civ.”]
 Cass. 30.10.2020 n. 24041 [“Essendo, dunque, necessario che l'avviso, in quanto atto unilaterale recettizio, sia non solo spedito ma anche ricevuto dal condomino destinatario almeno cinque giorni prima la data dell'adunanza in prima convocazione, ai fini della prova dell'osservanza di tale termine dilatorio è necessario che il condominio dimostri la data in cui esso è pervenuto all'indirizzo del destinatario, con l'ulteriore conseguenza che, nell'ipotesi di invio dello stesso con lettera raccomandata, ove questa non sia consegnata per l'assenza del destinatario, detta data coincide con quella di rilascio dell'avviso di giacenza del plico presso l'ufficio postale, in quanto idoneo a consentirne il ritiro”].
La pronuncia del Tribunale di Roma 28.12.2020 n. 28632
Pur non risultando innovativa sotto alcun aspetto, la sentenza del Tribunale di Roma merita attenzione perché segue ed esplicita un ragionamento molto lineare e del tutto in linea con il quadro normativo e interpretativo di riferimento dianzi visto.
Detto altrimenti, il giudice della capitale ha fatto buon governo delle regole vigenti in subiecta materia, come dettate dal legislatore e consolidatesi per effetto dell’interpretazione giurisprudenziale formatasi negli anni.
Questo ragionamento può essere schematicamente riferito sintetizzato così:
• l’art. 1335 cod. civ. detta una “generale presunzione di conoscenza degli atti recettizi”;
• alla luce di questa presunzione, per ritenere che un atto sia stato compiuto tempestivamente è necessaria e sufficiente la prova che l’atto stesso “sia pervenuto tempestivamente” nella sfera di disponibilità del destinatario;
• questo “ingresso” nella citata sfera di disponibilità del destinatario coincide – secondo il condivisibile insegnamento della giurisprudenza di legittimità, come rappresentato da Cass. 3.11.2016 n. 22311 e da Cass. 27.9.2013 n. 22240 (cui “si aggiunge” Cass. 30.10.2020 n. 24041) – con “l’avvenuto recapito presso l’indirizzo del destinatario ove anche assente (…) o comunque quando viene rilasciato l’avviso di giacenza”;
• tutto questo, “declinato” nella materia condominiale con specifico riferimento alla fattispecie della trasmissione – ai fini della valutazione dell’eventuale annullabilità della delibera – dell’avviso di convocazione, si “traduce” così: se l’avviso di convocazione giunge all’indirizzo del condomino con il preavviso di cinque giorni previsto dalla legge e, per effetto dell’assenza del condomino – e, quindi, del “meccanismo” dell’avviso di mancato recapito e della giacenza – non arriva materialmente nelle mani del condomino destinatario o arriva senza rispettare il citato termine di cinque giorni, la convocazione si deve considerare ritualmente effettuata e, quindi, la delibera non può essere annullata per vizio della convocazione stessa.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – crediti vecchi, rendiconto e decreto ingiuntivo

Con una recente pronuncia – sentenza n. 3847 del 15.2.2021 – la Suprema Corte ha preso una chiara posizione in merito ai crediti del condominio risalenti nel tempo, al loro inserimento nei rendiconti degli anni successivi e, quindi, alla facoltà dell’amministratore di chiedere e ottenere ex art. 63 disp. att. cod. civ., relativamente a detti crediti “vecchi”, il decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il verbale dell’assemblea deve avere la forma scritta e il contenuto della riunione non può essere provato per testi

Una recente pronuncia della Corte d’Appello di Genova – la sentenza n. 106 del 29.1.2021 – fornisce l’occasione per alcune considerazioni su un tema che può apparire banale, ma che poi così scontato non è se è vero – com’è vero – che sul punto si continua a litigare

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la manutenzione / riparazione del cortile comune che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse e il tema dell’impermeabilizzazione

Un tema sempre “caldo” è quello della ripartizione delle spese necessarie alla manutenzione / riparazione del cortile condominiale che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse. Anche in epoca recente la giurisprudenza è intervenuta sul punto – si parla della sentenza Tribunale Roma 14.1.2021 n. 665 – per ribadire e confermare l’orientamento interpretativo consolidatosi nel tempo. Orientamento interpretativo che – vale la pena di dirlo – non risulta del tutto alieno da qualche perplessità

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’“impugnativa” degli atti dell’amministratore

L’art. 1133 cod. civ. è probabilmente, tra le disposizioni vigenti in materia di condominio, quella che ha avuto – e ancora ha – la minore “ricaduta” concreta (nel senso di minore applicazione). In realtà, è una norma perfettamente coerente con i principi base dell’“universo condominio” e, se letta e analizzata bene, potrebbe anche essere efficacemente utilizzata in molte situazioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’assemblea in videoconferenza: spunti di riflessione

La storia – talmente recente da poter essere considerata ancora cronaca – è mota: con il c.d. Decreto agosto – cioè il D.L. 14.8.2020 n. 104, convertito con modifiche dalla L. 13.10.2020 n. 126, in vigore dal 14 ottobre 2020 – è intervenuto sulle modalità di convocazione e svolgimento delle assemblee condominiali, introducendo espressamente la possibilità che l’assemblea condominiale si svolga da remoto. C’è stato poi un repentino ripensamento: la norma di agosto / ottobre è stata successivamente modificata – a opera del D.L. 7.10,2020 n. 125, convertito con modifiche dalla L. 27.11.2020 n. 159 – nel senso di prevedere che la legittimità dell’assemblea in videoconferenza derivi dal consenso non di tutti i condomini, ma della maggioranza dei medesimi. La nuova norma è scritta molto male, ma si può tentare di interpretarla meglio

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eventuale sussistenza di irregolarità meramente formali relative all’assemblea in prima convocazione non impatta sull’assemblea in seconda convocazione

Un recente pronuncia del Tribunale di Cosenza – si parla della sentenza 30.11.2020 n. 2131 – riprende, confermandolo, il più risalente insegnamento della Suprema Corte in merito alla possibilità di svolgere l’assemblea in seconda convocazione anche se non c’è il verbale relativo all’assemblea in prima convocazione andata “deserta”

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – un bar è un bar e non è un’altra cosa e può essere aperto in un condominio se il regolamento condominiale di natura contrattuale non lo vieta espressamente

A fine 2020 il Tribunale di Pisa – la sentenza è la n. 1181 del 28.12.2020 – è tornato sull’argomento dei divieti e dei limiti imposti alla proprietà privata dal regolamento condominiale di natura contrattuale e lo ha fatto esaminando specificamente il presunto divieto di adibire le unità in condominio a bar

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’approvazione e la revisione delle tabelle millesimali

La normativa in tema di approvazione e la revisione delle tabelle millesimali appare molto chiara e altrettanto rigorosa. La giurisprudenza, tuttavia, è intervenuta a chiarire l’applicazione concreta di tale normativa e, quindi, a “mitigare” questo rigore. In epoca recente il Tribunale di Monza è tornato sull’argomento e ha ribadito con forza i principi ormai consolidati in materia

leggi tutto