LSMI19 Diritto condominiale
14 gennaio 2021
Diritto condominiale

Condominio – il debito del condominio è anche un debito dei singoli condomini, i quali sono obbligati verso i terzi in proporzione alla consistenza della loro quota millesimale

Condominio – il debito del condominio è anche un debito dei singoli condomini, i quali sono obbligati verso i terzi in proporzione alla consistenza della loro quota millesimale

Nel luglio del 2020 una sentenza della Corte d’Appello di Salerno – è la pronuncia n. 886 del 7.7.2020 – ha dato un’interessante “lettura” della normativa codicistica in tema di debiti del condominio verso i terzi e della relativa corresponsabilità dei condomini, consentendo di capire meglio la relazione che, sul piano del rapporto credito / debito, i terzi – di regola, i fornitori – instaurano con un condominio.

Il quadro normativo di riferimento

Il condominio è assoggettato alle regole generali del nostro ordinamento e, al pari di ogni altro soggetto, esso è tenuto ad adempiere gli obblighi che assume e, quindi, a estinguere i debiti che contrae verso i terzi.
C’è, poi, una specifica disposizione che “entra in gioco”: l’art. 63, secondo comma, disp. att. cod. civ., secondo cui “I creditori non possono agire nei confronti degli obbligati in regola con i pagamenti, se non dopo l'escussione degli altri condomini”.

La domanda che bisogna porsi è semplice: nei rapporti contrattuali del condominio chi è il debitore?

Questa domanda “nasce” dal fatto che il condominio non ha personalità giuridica, ma è unicamente un soggetto giuridico, concretamente dotato di una sua certa autonomia operativa – ha un suo codice fiscale, è obbligatoriamente titolare di un suo conto corrente, ecc. –, ma privo di autonomia patrimoniale perfetta. Si tratta, infatti, di un ente di gestione e cioè di un ente che gestisce i beni e i servizi che sono e non possono non essere comuni a tutti i partecipanti al condominio. Sul punto, si vedano Cass. 15.1.2020, n. 724 e Corte Appello Bari 4.8.2020 n. 1484 (in Redazione Giuffrè 2020).

La sentenza Corte d’Appello Salerno 7.7.2020 n. 886

La domanda dianzi formulata è stata tacitamente, ma inequivocabilmente affrontata da Corte d’Appello Salerno 7.7.2020 n. 886.
Giova – stante la loro chiarezza – estrapolarne e citarne alcuni “passaggi”:
 “ .. occorre preliminarmente osservare che, ogni qualvolta l'amministratore condominiale stipuli un contratto con un terzo, coesistono distinte obbligazioni, rispettivamente concernenti l'intero debito e le singole quote, facenti capo la prima al condominio, rappresentato proprio dall'amministratore, e le altre ai singoli condomini, tenuti al relativo pagamento in ragione e nella misura della partecipazione al condominio, ai sensi dell'art. 1123 cod. civ.”;
 “Ne deriva che la natura parziaria dell'obbligazione contratta dall'amministratore per conto dei condomini non limita, in sede cognitiva, il diritto di azione del creditore, che può indifferentemente evocare in giudizio i singoli condomini morosi o il condominio, in tal modo conseguendo, in entrambi i casi, un titolo da porre in esecuzione nei confronti dei singoli condomini per la quota di rispettiva competenza, operando la parziarietà come regola di imputazione interna del debito (cfr. Cass. ord. 9 giugno 2017, n. 14530; Cass. ord. 29 ottobre 2018, n. 27363)”;
 “In definitiva, il creditore, nell'agire in giudizio nei confronti del condominio e non dei singoli condomini inadempienti, non viola il noto principio secondo cui, in riferimento alle obbligazioni contratte dall'amministratore, in mancanza di un'espressa previsione normativa che stabilisca il principio della solidarietà, la responsabilità dei condomini è retta dal criterio della parziarietà, con la conseguenza che le obbligazioni assunte nell'interesse dell'ente di gestione si imputano ai singoli componenti soltanto in proporzione delle rispettive quote, secondo criteri simili a quelli dettati dagli artt. 752 e 1295 cod. civ. per le obbligazioni ereditarie (cfr. Cass., Sez. Un., 8 aprile 2008, n. 9148), giacché la proposizione della domanda di accertamento, in fase di cognizione, del proprio diritto di credito nei confronti dell'amministratore, quale organo investito della rappresentanza processuale di tutti i proprietari del fabbricato, non legittima il successivo esercizio dell'azione esecutiva al fine di ottenere il pagamento dell'intero da parte di uno o di alcuni soltanto dei condomini”.

Giova richiamare l’attenzione su alcuni punti centrali, che vale la pena di sottolineare:
• “ .. ogni qualvolta l'amministratore condominiale stipuli un contratto con un terzo, coesistono distinte obbligazioni, rispettivamente concernenti l'intero debito e le singole quote, facenti capo la prima al condominio, rappresentato proprio dall'amministratore, e le altre ai singoli condomini, tenuti al relativo pagamento in ragione e nella misura della partecipazione al condominio .. ”;
• “ .. la natura parziaria dell'obbligazione contratta dall'amministratore per conto dei condomini non limita ( ..) il diritto di azione del creditore, che può indifferentemente evocare in giudizio i singoli condomini morosi o il condominio, in tal modo conseguendo, in entrambi i casi, un titolo da porre in esecuzione nei confronti dei singoli condomini per la quota di rispettiva competenza, operando la parziarietà come regola di imputazione interna del debito … ”;
• “ … le obbligazioni assunte nell'interesse dell'ente di gestione si imputano ai singoli componenti soltanto in proporzione delle rispettive quote, secondo criteri simili a quelli dettati dagli artt. 752 e 1295 cod. civ. per le obbligazioni ereditarie .. ”;
• “ .. la proposizione della domanda di accertamento, in fase di cognizione, del proprio diritto di credito nei confronti dell'amministratore, quale organo investito della rappresentanza processuale di tutti i proprietari del fabbricato, non legittima il successivo esercizio dell'azione esecutiva al fine di ottenere il pagamento dell'intero da parte di uno o di alcuni soltanto dei condomini”.

Considerazioni finale e di sintesi

Chi scrive ha sempre ritenuto che, nei rapporti contrattuali del condominio, il debitore (e cioè il soggetto gravato dall’obbligo di estinguere il credito vantato dal fornitore) fosse e restasse in ogni caso il condominio e che i condomini fossero “aggredibili” – fermo il rispetto di una certa “gerarchia” e di certe formalità, previste dall’art. 63 disp. att. cod. civ. (il cui secondo comma recita “I creditori non possono agire nei confronti degli obbligati in regola con i pagamenti, se non dopo l'escussione degli altri condomini”) – solo in seconda battuta, quasi esistesse una sorta di beneficio di preventiva escussione paragonabile a quello previsto per legge per le società di persone e i soci illimitatamente responsabili delle stesse.

Si ricorda, tra l’altro, una pronuncia del Tribunale di Milano, il quale ha ben chiarito che il creditore “pignorando il conto corrente condominiale, non agisce nei confronti degli obbligati in regola con i pagamenti, ma aggredisce il patrimonio del condominio, patrimonio che al condominio obbligato fa direttamente capo” e ha, inoltre, evidenziato l’impossibilità di invocare “l'illegittimità del pignoramento eseguito, dal creditore del condominio, sul conto corrente intestato al condominio medesimo per violazione della parziarietà del debito dei singoli condòmini e della preventiva escussione dei condòmini morosi ex art. 63 att. c.c.” (Tribunale Milano 21.11.2017)].

E’, tuttavia, innegabile che la “lettura”, data da Corte d’Appello Salerno 7.7.2020 n. 886 e sopra riportata, non è affatto in linea con questo pensiero, avendo la Corte espressamente parato di due distinte obbligazioni, che sorgono contemporaneamente in capo a soggetti diversi [il condominio per il totale del debito e i singoli condomini, ciascuno per la sua quota di proprietà comune].

Sarà interessante vedere quale sarà l’evoluzione dell’interpretazione giurisprudenziale sul punto. Se, cioè, le future pronunce confermeranno questa contemporanea “doppia nascita” – o, più precisamente, questa contestuale nascita di più debitori – ovvero se tratteggeranno la sussistenza, a beneficio dei condomini, del citato beneficio di preventiva escussione.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – forma e contenuto del rendiconto straordinario

La riforma del 2012 / 2013 ha introdotto l’art. 1130 bis cod. civ., rubricato “Rendiconto condominiale”, che disciplina compiutamente – benché con qualche ambiguità e qualche “zona grigia” su cui è dovuta intervenire l’interpretazione giurisprudenziale – il documento che l’amministratore deve redigere e sottoporre alla compagine condominiale al termine della gestione ordinaria annuale. Si vuole qui compiere una sintetica riflessione sulla portata di questa disciplina, con particolare e specifico riferimento alla sua applicabilità al rendiconto relativo a un intervento straordinario.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la legittimazione dell’amministratore a resistere in giudizio e a proporre appello

La sentenza n. 22958 della Suprema Corte, pubblicata in data 22.7.2022 ha puntualizzato alcuni concetti di base in ordine alla legittimazione passiva dell’amministratore e ai rapporti tra quest’ultimo e l’assemblea in ipotesi di impugnazione di delibere assembleari e altri giudizi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – ancora sul tema dell'approvazione del rendiconto come strumento di tacita ratifica delle spese non autorizzate dall’assemblea

Una recente pronuncia del Tribunale di Ivrea offre lo spunto per tornare sul tema della ratifica – a opera della compagine condominiale attraverso l’approvazione del rendiconto – di una spesa non deliberata ex ante dall’assemblea e compiuta dall’amministratore al di fuori dell’ambito delle sue attribuzioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto