LSMI19 Diritto condominiale
20 giugno 2019
Diritto condominiale

Condominio – il dissenso rispetto alle liti si trasferisce con l’unità immobiliare?

Condominio – il dissenso rispetto alle liti si trasferisce con l’unità immobiliare?

Può capitare – e, in effetti, capita – che un’unità immobiliare in condominio venga ceduta durante la pendenza di una causa. Che cosa succede se il condomino uscente aveva tempestivamente ed efficacemente – ai sensi dell’art. 1132 cod. civ. – manifestato il suo dissenso rispetto alla lite? Questa posizione di dissenso e, soprattutto, le sue conseguenze in termini economici (avuto riguardo all’ipotesi di soccombenza del condominio) si trasferiscono in capo al nuovo condomino?

I termini della questione in punto di fatto
La fattispecie può essere riassunta così:
 un condominio si trova a dover deliberare in merito a una causa civile;
 più precisamente, a dover deliberare se dare avvio a una causa oppure se difendersi e resistere in una causa radicata da un terzo;
 un condomino ritiene che il condominio sia in torto e che, per questo, dovrebbe evitare la causa. Avuto riguardo a una delibera a maggioranza, che impegni il condominio nella causa, egli vuole dissociarsi dal condominio stesso per non subire le conseguenze della delibera, a cui è contrario;
 a tale scopo, il condomino si avvale – e lo fa correttamente, compiendo senza errori i vari “passi” formali della facoltà prevista dall’art. 1132 cod. civ. [“Qualora l'assemblea dei condomini abbia deliberato di promuovere una lite o di resistere a una domanda, il condomino dissenziente, con atto notificato all'amministratore, può separare la propria responsabilità in ordine alle conseguenze della lite per il caso di soccombenza. L'atto deve essere notificato entro trenta giorni da quello in cui il condomino ha avuto notizia della deliberazione. / Il condomino dissenziente ha diritto di rivalsa per ciò che abbia dovuto pagare alla parte vittoriosa. / Se l'esito della lite è stato favorevole al condominio, il condomino dissenziente che ne abbia tratto vantaggio è tenuto a concorrere nelle spese del giudizio che non sia stato possibile ripetere dalla parte soccombente”];
 nelle more della causa, il condomino, che – come sopra – si è dissociato dal condominio, vende la sua unità immobiliare a un terzo, che da quel giorno si trova per legge coinvolto nella causa medesima.
I termini della questione in punto di diritto
Schematicamente:
> le regole generali che “entrano in gioco” sono queste:
 le delibere assembleari sono vincolanti per tutti i condomini [art. 1137, primo comma, cod. civ.]
 le spese di interesse comune vanno ripartite tra tutti i condomini [artt. 1118 e 1123 cod. civ.]
> in tema di azioni giudiziarie, questa duplice regola generale si declina così: se l’assemblea delibera una causa (attiva o passiva), tutti i condomini vi sono automaticamente coinvolti e devono obbligatoriamente partecipare pro quota alle relative spese e alle conseguenze negative legate all’eventuale esito sfavorevole della lite;
> chi subentra nella proprietà di un bene in condominio succede al suo dante causa in tutti i diritti e in tutti gli obblighi legati a tale proprietà;
> l’1132 cod. civ. introduce una deroga [sul punto, si veda Trib. Firenze 4.12.2006, in Arch. locazioni 2007, 3, 309], circoscritta alle conseguenze negative legate al caso di soccombenza: il condomino, il quale abbia dissentito nelle forme previste, dovrà farsi carico della sua quota parte di spese legate alla difesa del condominio, ma non sarà costretto a subire le conseguenze della condanna del condomino;
> quid iuris in caso di trasferimento dell’unità immobiliare in corso di causa? Il dissenso e le sue conseguenze [cioè il connesso diritto di essere escluso dalle conseguenze della soccombenza] si trasferiscono in capo al nuovo condomino? Se sì, la cosa è automatica oppure il nuovo condomino deve fare qualcosa?
Le due possibili soluzioni
La domanda può anche essere formulata – sul piano più strettamente giuridico – in questi termini: l’esenzione ex art. 1132 cod. civ. è personale oppure è “assorbita” dalla natura propter rem (con la connessa ambulatorietà) degli obblighi del condomino?
Questo introduce le due possibili opzioni:
a) ritenere che il dissenso ex art. 1132 cod. civ. sia un atto personale, inidoneo a valere e produrre effetti per un soggetto diverso da quello che lo ha compiuto;
b) ritenere, al contrario, che il dissenso ex art. 1132 cod. civ. “imprima” un carattere particolare e specifico alla veste di condomino, producendo l’effetto di “trasformare” l’obbligo generale di contribuire alle conseguenze della soccombenza del condominio in causa in qualcosa di diverso e di più ridotta portata [cioè nell’obbligo di pagare tutte le spese tranne le conseguenze negative della causa..
A parere di chi scrive, la soluzione sub b) è da preferirsi in quanto più coerente con il sistema generale.
La manifestazione del dissenso ex art. 1132 cod. civ. “trasforma” per sempre le obbligazioni propter rem collegate a quella specifica unità immobiliare: chiunque diventi, nel tempo, il proprietario di tale unità e ipso facto condomino, si troverà gravato di un “ridotto” obbligo generale ex artt. 1118, 1123 e 1137 cod. civ. di partecipare pro quota alle spese deliberate per i beni e i servizi comuni. Nel senso che quell’obbligo generale avrà una minore estensione: con specifico riferimento e limitatamente a quella causa civile, esso non comprenderà il dovere di farsi carico delle conseguenze economiche negative della causa stessa.
Il rapporto del nuovo condomino con il condominio
Se ed in quanto si voglia ritenere fondata e, quindi, condivisibile la tesi dianzi esposta, si deve anche concludere – per tornare a una delle domande iniziali – che il nuovo condomino non avrà necessità di assumere alcuna iniziativa al fine di ottenere che il dissenso da lui “ereditato” venga rispettato dal condominio
Il piano contrattuale
E’ fin troppo agevole comprendere che, fermo il limitatissimo margine di manovra lasciato dalla normativa sul condominio negli edifici e dalla connessa sostanziale impossibilità di trovare un punto di incontro nei rapporti con il condominio, i condomini dovranno affrontare e gestire la tematica sul piano contrattuale. Prevedendo – è quanto viene subito in mente – clausole contrattuali, in forza delle quali il venditore / condomino uscente informa compiutamente l’acquirente / condomino entrante circa l’esistenza e lo stato della causa, nonché in merito ai rischi connessi alla lite e sulla loro portata, e assume un impegno di manleva / garanzia nei confronti del citato acquirente / condomino entrante.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

La “nascita” del condominio, la presunzione di proprietà comune e l’individuazione delle proprietà individuali attraverso il titolo contrario

Il condominio costituisce una situazione di comproprietà indivisa: quando esiste un edificio composto da unità immobiliari di proprietari diversi, alcune parti di tale edificio “Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio” (art. 1117, primo comma, cod. civ.). Si tratta essenzialmente di “tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune” (art. 1117, primo comma, n. 1) cod. civ.). Ma quando sorge il condominio e quali sono i criteri per individuare le parti comuni e distinguerle dalle parti dell’edificio di proprietà individuale?

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in merito alle morosità condominiale nell’epoca del Covid19

In questo periodo, con l’emergenza sanitaria e le tristemente note – e, comunque, facilmente intuibili – ricadute economiche su tutti gli italiani, si pone in maniera tutt’altro che secondaria il tema della morosità condominiale e del circolo vizioso, che questa crea di provocare.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in ordine alla gestione del condominio nelle circostanze eccezionali imposte dal Covid-19 – il ruolo di primo piano degli amministratori e l’importanza della stretta collaborazione tra amministratori e amministrati

Tra le misure, adottate e quindi imposte dal Governo per fronteggiare la diffusione del contagio da Covid-19, spicca il divieto di assembramenti: in sostanza, non ci si può riunire, né in luoghi pubblici né in luoghi privati, per incontri, riunioni, convegni e altro. Il divieto riguarda anche le assemblee condominiali, riunioni nell’ambito delle quali il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro è, di fatto, impossibile. Si pone, quindi, il problema del rischio di una sostanziale “paralisi” della vita dei condominii, enti di gestione che sono stati privati dei loro organi decisionali.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [parte 2]

In questa seconda parte del contributo sul tema della eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati, l’attenzione si concentrerà in particolare sui concetti introdotti dall’art. 4, commi 4 e 5, L. 9.1.1989 n. 13 e cioè sui presupposti, i limiti e le condizioni del legittimo diniego a un intervento edilizio su un edificio vincolato.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [Parte 1]

Per ovvie ed evidenti ragioni, nel Belpaese l’esigenza di trovare un compromesso, di individuare un soddisfacente punto di incontro tra la tutela del patrimonio immobiliare storico / artistico e la protezione delle persone che, negli edifici assoggettati a tali vincoli, abitano e lavorano, è particolarmente sentita. Negli anni, con il mutare della sensibilità sociale e l’aumento dell’attenzione a certi temi, si è assistito a un’autentica evoluzione, a una vera e propria “rivoluzione” che ha portato a “mettere a fuoco” una serie di principi fondamentali. Un’attenzione particolare è stata – ed è – dedicata al bilanciamento di interessi tra la tutela delle persone in difficoltà e la salvaguardia del patrimonio storico / artistico

leggi tutto
4 ottobre 2018

Lastrico solare in condominio: nel silenzio dell’art. 1126 cod. civ., chi decide di eseguire l’intervento di manutenzione?

Il codice civile, all’art. 1126 cod. civ., detta la regola per ripartire le spese legate agli interventi manutentivi sui lastrici solari, ma nulla dice in merito all’individuazione del soggetto legittimato a decidere se dare corso oppure no a quegli interventi. In questa sede si vuole rispondere a questa precisa e specifica domanda: chi ha il potere di decidere di eseguire la manutenzione sui lastrici solari?

leggi tutto
4 ottobre 2018

L’assemblea ordinaria del super-condominio

La riforma del condomino del 2012 / 2013 ha “fatto emergere” e regolamentato – benché in maniera lacunosa e poco chiara, pur ponendosi l’obiettivo di “snellire” – il fenomeno del super-condominio. Tra gli elementi più caratteristici c’è una sorta di “sdoppiamento” dell’assemblea ordinaria, nella quale sono chiamati ad esprimete il voto soggetti diversi a seconda delle materie contenute nel’o.d.g..

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – nessun interesse a impugnare se, sul piano economico, il pregiudizio è modesto

Ai sensi dell’art. 1137 cod. civ., ciascun condomino è legittimato a impugnare davanti all’Autorità Giudiziaria, chiedendone l’annullamento, le delibere “contrarie alla legge o al regolamento di condominio”. In alcuni casi e per specifiche ragioni, autorevolmente individuate da Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806, le delibere non sono annullabili, ma nulle, con la conseguenza – tra le altre – che il condomino può impugnarle senza limitazioni di tempo, chiedendo non il loro annullamento, ma l’accertamento – e, con esso, la dichiarazione – della loro nullità. In sede di impugnazione, il condomino attore deve dimostrare di avere un preciso interesse all’accertamento di tale nullità, in assenza del quale la sua domanda è destinata al rigetto.

leggi tutto