LSMI19 Diritto condominiale
28 gennaio 2020
Diritto condominiale

Condominio – il fondo patrimoniale non “protegge” dal condominio creditore

Condominio – il fondo patrimoniale non “protegge” dal condominio creditore

Non sembra fuori luogo dedicare qualche riflessione al fondo patrimoniale e alla sua relazione – verrebbe quasi da dire “interazione” – con la morosità condominiale. In buona sostanza, ci si chiede se la costituzione di un fondo patrimoniale ex art. 167 e ss. cod. civ. possa efficacemente “mettere al riparo” i beni costituiti (o “conferiti”) in quello stesso fondo rispetto alle possibili iniziative del condominio nei confronti dei condomini morosi

Il fondo patrimoniale
L’art. 167, primo comma, cod. civ. prevede: “Ciascuno o ambedue i coniugi, per atto pubblico, o un terzo, anche per testamento, possono costituire un fondo patrimoniale, destinando determinati beni, immobili o mobili iscritti in pubblici registri, o titoli di credito, a far fronte ai bisogni della famiglia”.
In buona sostanza, il fondo patrimoniale è una forma di tutela rispetto alle pur legittime pretese dei creditori di uno o di entrambi i coniugi: i coniugi possono stabilire – e rendere noto, nonché opponibile, al mondo – che alcuni beni immobili di loro proprietà sono destinati “ .. a far fronte ai bisogni della famiglia” e sono, per ciò stesso, sottratti alla disponibilità dei creditori.
Schematicamente:
 la regola generale è quella dell’art. 2740 cod. civ., ai sensi del quale chiunque risponde dei debiti che ha contratto “ .. con tutti i suoi beni presenti e futuri”;
 l’art. 167 cod. civ. introduce una legittima deroga a questa regola generale, attribuendo ai coniugi la possibilità di “sfilare” uno o più beni da questa garanzia generica e generale, facendo sì che quegli stessi beni siano “aggredibili” unicamente per la soddisfazione di debiti contratti per far fronte a esigenze della famiglia.
La relazione tra il fondo patrimoniale e la morosità in condominio
Ci si è chiesti se questa “sottrazione” del bene (o dei beni) alla garanzia generale dovuta ai creditori possa verificarsi in ambito condominiale. Se sia possibile, cioè, far valere il fondo patrimoniale al fine di inibire al condominio di agire esecutivamente sui beni immobili di proprietà dei condomini.
La questione ha una evidente e innegabile ricaduta pratica:
 di regola, il condominio confida sull’esistenza – inevitabile, perché altrimenti non si potrebbe neanche configurare lo status di condomino – di un bene immobile e sulla possibilità di agire su di esso per il recupero delle somme dovute al condominio
 se venisse meno tale possibilità di agire esecutivamente, il rischio per il condominio di non riuscire a soddisfare i suoi crediti sarebbe evidentemente molto elevato e altrettanto concreto.
Il concetto di debiti contratti “ .. per far fronte ai bisogni della famiglia” e la connessa assoggettabilità dei beni del fondo a esecuzione forzata
Soccorre, al riguardo, l’insegnamento della giurisprudenza.
La Suprema Corte è intervenuta nel 2010 con la sentenza 4.6.2010 n. 13622, nella quale ha chiarito che i beni costituiti nel fondo assolvono, “in quanto correlati al soddisfacimento delle esigenze famigliari”, una funzione di garanzia.
La Corte ha, cioè, sottolineato che i beni costituiti nel fondo possono essere “aggrediti” dai creditori quando il rapporto credito / debito è collegato alla famiglia, alla sua vita e alle connesse esigente finanziarie.
La Corte è stata ancora più esplicita e puntuale con la sentenza 31.10.2014 n. 23163 dalla cui motivazione è agevole estrapolare alcuni passaggi molto significativi:
“ .. in tema di fondo patrimoniale, il criterio identificativo dei crediti il cui soddisfacimento può essere realizzato in via esecutiva sui beni conferiti nel fondo va ricercato nella relazione esistente tra gli scopi per cui i debiti sono stati contratti ed i bisogni della famiglia, con la conseguenza che l'esecuzione sui beni del fondo o sui frutti di esso può avere luogo qualora la fonte e la ragione del rapporto obbligatorio abbiano inerenza diretta ed immediata con i bisogni della famiglia (Cass. n. 12998/06, tra le altre)”
 “Il Collegio ritiene che tra i debiti contratti per i bisogni della famiglia vadano compresi quelli riguardanti i beni costituiti in fondo patrimoniale, dal momento che questi stessi beni sono per definizione destinati a soddisfare i bisogni della famiglia (cfr., da ultimo, Cass. n. 13622/10, circa la funzione di garanzia assolta dai beni costituiti in fondo, in quanto correlati al soddisfacimento delle esigenze familiari)”
 “I creditori delle spese sopportate dai coniugi per la conservazione e la manutenzione dei beni costituiti in fondo patrimoniale possono far valere la garanzia patrimoniale su tali ultimi beni e procedere alla loro espropriazione forzata per i debiti relativi”
Considerazioni finali e di sintesi
E’ ora possibile e anche agevole fare sintesi:
• il fondo patrimoniale può essere “aggredito” per i debiti legai ai bisogni della famiglia e nati per essi;
• i debiti verso il condominio sono intrinsecamente legati al bene immobile in condominio: nascono ex art. 1118 cod. civ. dal bene stesso e costituiscono obbligazioni propter rem, che sussistono in quanto legati alla proprietà immobiliare e non esisterebbero nemmeno senza di essa;
• ne viene che i beni costituiti nel fondo patrimoniale possono essere assoggettati a esecuzione forzata per il soddisfacimento dei crediti sorti da quegli stessi beni per le esigenze della famiglia;
• ne viene ulteriormente che il condominio può, per la morosità condominiale, “aggredire” i beni costituiti nel fondo patrimoniale.
Questo, del resto, ha una sua innegabile logica: le spese condominiali sono legate al – e nascono dal – mantenimento dei beni comuni e godimento dei servizi condominiali e questi beni e servizi non possono essere neanche concepiti se non a servizio dei condomini e delle loro famiglie e per la soddisfazione dei loro bisogni.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – forma e contenuto del rendiconto straordinario

La riforma del 2012 / 2013 ha introdotto l’art. 1130 bis cod. civ., rubricato “Rendiconto condominiale”, che disciplina compiutamente – benché con qualche ambiguità e qualche “zona grigia” su cui è dovuta intervenire l’interpretazione giurisprudenziale – il documento che l’amministratore deve redigere e sottoporre alla compagine condominiale al termine della gestione ordinaria annuale. Si vuole qui compiere una sintetica riflessione sulla portata di questa disciplina, con particolare e specifico riferimento alla sua applicabilità al rendiconto relativo a un intervento straordinario.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la legittimazione dell’amministratore a resistere in giudizio e a proporre appello

La sentenza n. 22958 della Suprema Corte, pubblicata in data 22.7.2022 ha puntualizzato alcuni concetti di base in ordine alla legittimazione passiva dell’amministratore e ai rapporti tra quest’ultimo e l’assemblea in ipotesi di impugnazione di delibere assembleari e altri giudizi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – ancora sul tema dell'approvazione del rendiconto come strumento di tacita ratifica delle spese non autorizzate dall’assemblea

Una recente pronuncia del Tribunale di Ivrea offre lo spunto per tornare sul tema della ratifica – a opera della compagine condominiale attraverso l’approvazione del rendiconto – di una spesa non deliberata ex ante dall’assemblea e compiuta dall’amministratore al di fuori dell’ambito delle sue attribuzioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto