LSMI19 Diritto condominiale
29 ottobre 2020
Diritto condominiale

Condominio – il legislatore prevede l’assemblea in videoconferenza, ma, pur volendo semplificare la gestione dei condominii, complica ulteriormente il quadro generale

Condominio – il legislatore prevede l’assemblea in videoconferenza, ma, pur volendo semplificare la gestione dei condominii, complica ulteriormente il quadro generale

Il c.d. Decreto agosto – cioè il D.L. 14.8.2020 n. 104, convertito con modifiche dalla L. 13.10.2020 n. 126, in vigore dal 14 ottobre 2020 – è intervenuto sulle modalità di convocazione e svolgimento delle assemblee condominiali.
Lo scopo era chiaramente quello di prevenire e comunque contrastare gli assembramenti, incentivando modalità di riunione alternative. Ma il legislatore ha finito per “partorire” il classico “mostro”, per creare uno scenario in cui la concreta gestione quotidiana delle cose rischia seriamente di rivelarsi persino più complessa e difficile rispetto a prima.

Il punto di partenza: il dato normativo

Questo il nuovo testo dei commi 3 e 6 Art. 66 disp. att. cod. civ.:
“[III]. L'avviso di convocazione, contenente specifica indicazione dell'ordine del giorno, deve essere comunicato almeno cinque giorni prima della data fissata per l'adunanza in prima convocazione, a mezzo di posta raccomandata, posta elettronica certificata, fax o tramite consegna a mano, e deve contenere l'indicazione del luogo e dell'ora della riunione o, se prevista in modalità di videoconferenza, della piattaforma elettronica sulla quale si terrà la riunione e dell'ora della stessa. In caso di omessa, tardiva o incompleta convocazione degli aventi diritto, la deliberazione assembleare è annullabile ai sensi dell'articolo 1137 del codice su istanza dei dissenzienti o assenti perché non ritualmente convocati”;
“[VI]. Anche ove non espressamente previsto dal regolamento condominiale, previo consenso di tutti i condomini, la partecipazione all'assemblea può avvenire in modalità di videoconferenza. In tal caso, il verbale, redatto dal segretario e sottoscritto dal presidente, è trasmesso all'amministratore e a tutti i condomini con le medesime formalità previste per la convocazione”.

Giova richiamare subito l’attenzione sulle novità:
• in linea generale e di principio, per le assemblee di condominio la modalità della videoconferenza è ora possibile e legittima;
• in concreto, questa possibilità e legittimità è condizionata a che la medesima sia “espressamente” prevista dal regolamento o, in alternativa, che tutti i condomini esprimano il loro consenso alla cosa.

Questo significa che riunire i condomini in videoconferenza si può, ma solo a certe condizioni e entro determinati limiti.

In concreto: gli scenari possibili

Sono essenzialmente due:
1) il regolamento condominiale contiene la previsione astratta della convocazione dell’assemblea in videoconferenza
2) il regolamento non contiene la previsione astratta della convocazione dell’assemblea in videoconferenza.

Per quanto attiene allo scenario n. 1), non dovrebbe sorgere alcun problema serio, di più difficile “gestione” e soluzione rispetto a quelli che quotidianamente si affrontano e si risolvono nei condominii.
Di fatto, l’amministratore deve solo prestare attenzione a elaborare e diffondere un avviso di convocazione fatto bene e deve assicurarsi che questo arrivi a tutti gli aventi diritto
Concetto che, peraltro, può essere espresso anche adesso – e poteva sempre essere espresso anche in passato – in ordine ai tradizionali avvisi di convocazione per l’assemblea in presenza.

E’ appena caso di rilevare che queste previsioni possono esistere in condominii di recente edificazione e/o, in alternativa, in condominii che, pur “datati”, hanno deciso di ammodernare il loro regolamento e hanno introdotto la previsione in questione. Appare, infatti decisamente improbabile che regolamenti condominiali nati, con i rispettivi condominii, negli anni ’40, ’50, ’60 e così via parlino di videoconferenza.

Per quanto attiene allo scenario n. 2), il legislatore per primo si è accorto del problema e ha pensato a una via d’uscita dal possibile impasse, prevedendo che il “previo consenso di tutti i condomini” sia equipollente – ai fini che qui si stanno esaminando – alla previsione del regolamento.
Nel fare questo, però, ha adottato una previsione che, lungi dal dettare indicazioni precise e univoche, idonee ad aiutare, ha sollevato più dubbi di quelli che ha contribuito a superare.

Il tema, infatti, è rappresentato dalla corretta interpretazione delle parole “previo consenso di tutti i condomini”.
Che cosa significano? Bisogna che il consenso sia espresso da tutti i condomini e cioè da tutti coloro che partecipano al condominio – vale a dire il 100% dei condomini, titolari di 1.000/1.000 – oppure è sufficiente che sia espresso da tutti i condomini che intervengono all’assemblea?

Se si prende in considerazione la ratio della norma, allora si deve ritenere che la previsione riguardi solo i condomini che intervengono all’assemblea. Sarebbe, infatti, contraddittorio e, in ultima analisi, assurdo pensare a modalità più “agili” e “snelle” di convocazione e svolgimento e, al tempo stesso, “ingessare”, il tutto imponendo la raccolta di un consenso – quello di chi non c’è – che, di fatto, risulta concretamente impossibile raggiungere.

Ci sono, tuttavia, potenziali e non trascurabili profili di annullabilità delle delibere così adottate in videoconferenza e non è possibile ignorarli.

Il terzo comma dell’art. 66 disp. att. cod. civ. prevede espressamente che “In caso di omessa, tardiva o incompleta convocazione degli aventi diritto, la deliberazione assembleare è annullabile ai sensi dell'articolo 1137 del codice su istanza dei dissenzienti o assenti perché non ritualmente convocati” e non bisogna dimenticare che per Cass. SS.UU. 7.3.2006 n. 4806 le “delibere con vizi relativi alla regolare costituzione dell'assemblea” sono annullabili.

Ne viene che il condomino assente o astenuto potrebbe impugnare la delibera, sostenendo che la modalità in videoconferenza, se non prevista dal regolamento, può essere legittima solo se ed in quanto ci sia il consenso del 100% dei condomini e che, quindi, l’esistenza di qualche assente (chi agisce, per primo) e l’inevitabile inesistenza del suo consenso fa “saltare il banco”.

Del resto, la cosa ha una logica stringente: se il condomino non si presenta all’assemblea in videoconferenza, allora non può esprimere il suo consenso a tale modalità di svolgimento e questo fa sì che venga meno la condizione, cui la validità dell’assemblea in videoconferenza è espressamente per legge assoggettata.

Amara conclusione

Quanto sopra porta inevitabilmente a una duplice, amara considerazione (che per certi aspetti “fa eco” all’incipit):
 il D.L. Agosto voleva intervenire per risolvere qualche problema e dare una mano, ma nella sostanza ha persino peggiorato il quadro complessivo;
 ancora una volta bisogna constatare che l’“universo condominio”, benché sia un fenomeno – sociale ed economico – straordinariamente diffuso e trasversale, viene sempre sottovalutato e trattato male, al punto che il legislatore non sembra neanche preoccuparsi, dopo aver concepito norme utili, di scriverle sufficientemente bene da non vanificare, in concreto, questa loro utilità
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – quando e come la mediazione impedisce la decadenza dall'impugnazione della delibera

L’art. 1137, secondo comma, cod. civ. prevede il diritto dei condomini di impugnare le delibere assembleari contrarie alla legge o al regolamento di condominio e impone l’obbligo – a pena di decadenza – di esercitare tale diritto entro trenta giorni.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: il quorum costitutivo è un requisito permanente dell'assemblea

E’ noto a tutti che l’assemblea di condominio si considera “regolarmente costituita” ex art. 1136, primo e terzo comma, cod. civ. se ad essa interviene un certo numero, minimo, di condomini, titolari di un certo quantitativo, minimo, di millesimi. La presenza di questi numeri minimi all’apertura dei lavori dell’assemblea, tuttavia, non basta: essa deve sussistere per l’intera durata della riunione, a pena di sopravvenuta inesistenza dell’assemblea condominiale.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: in caso di mancata convocazione la prova di resistenza non serve

Ci si interroga sulla possibilità di “salvare” la delibera impugnata dal condomino che non è stato convocato: si può fingere che il condomino sia intervenuto e abbia votato e, quindi, conteggiare il suo voto come se fosse stato espresso e, all’esito, annullare la delibera solo se quel voto risulta determinante? Detto altrimenti: il vulnus della mancata convocazione attiene unicamente al voto oppure si deve ritenere che vi sia qualcosa di più grave, tale da precludere la possibilità di quel “salvataggio”?

leggi tutto