LSMI19 Diritto condominiale
15 ottobre 2019
Diritto condominiale

Condominio – il tetto è di tutti e tutti ne pagano la manutenzione

Condominio – il tetto è di tutti e tutti ne pagano la manutenzione

La Corte di Cassazione è stata chiamata a pronunciarsi su un tema, che ai più potrebbe apparire ormai consolidato e “privo di insidie”, ma che evidentemente tale non è, se è vero (come è vero) che nel 2018 / 2019 ancora nasce – e addirittura “sbarca” in Cassazione –, al riguardo, un contenzioso.
Il tema è quello della ripartizione delle spese legate alla manutenzione, in questo caso straordinaria, del tetto dell’edificio condominiale

I termini della questione
La lite “atterrata” sul tavolo della Corte di Cassazione nasce, in buona sostanza, dall’interpretazione che una condomina dà degli artt. 1117, 1118 e 1123 cod. civ..
In sostanza:
• la condomina che ha agito negava che il tetto dovesse essere considerato una parte comune ex art. 1117 cod. civ;
• ciò in quanto, non essendo le unità della condomina attrice / ricorrente al di sotto della proiezione verticale del tetto, la comunione della copertura non sussisterebbe;
• ne discenderebbe – questa la tesi sostenuta dalla condomina attrice / ricorrente – che le spese legate alla ristrutturazione del tetto medesimo non avrebbero dovuto essere addebitate alla condomina, che di tale tetto non sarebbe proprietaria;
• questo – la cosa è evidente – in applicazione dell’art. 1123, secondo e terzo comma, cod. civ..
Il condivisibile ragionamento della Suprema Corte
La Suprema Corte, richiamandosi al suo consolidato orientamento interpretativo – al riguardo, vengono espressamente citate Cass. 22.12.2014 n. 27154 Cass. 3.1.2013 n. 64, Cass. 4.5.1999 n. 4403, Cass. 29.4.1993 n. 5064 e Cass. 27.11.1990 n. 11423 –, ha seguito il ragionamento che può essere sinteticamente riepilogato ed esposto così:
• le parti dell’edificio in condominio – si parla di tetti e muri – deputate “a preservare l’edificio condominiale dagli agenti atmosferici e dalle infiltrazioni d’acqua” assolvono a una funzione “necessaria all’uso collettivo”;
• esse rientrano, quindi, tra le parti comuni di cui all’art. 1117, primo comma, n. 1) cd. civ. e sono di proprietà pro indiviso di tutti i condomini;
• tali parti dell’edificio non rientrano, invece, nell’ambito di applicazione dell’art. 1123, secondo e terzo comma, cod. civ. perché non sono “suscettibili di destinazione al servizio dei condomini in misura diversa, ovvero al godimento di alcuni condomini e non di altri”;
• la ripartizione delle spese di manutenzione in misura proporzionale all’uso delle cose comuni o in misura correlata all’unità, che da tali cose si trae, “non si giustifica, infatti, con riferimento a quelle parti, come il tetto (o la facciata) che costituiscono le strutture essenziali ai fini dell’esistenza stessa dello stabile unitariamente considerato e che sono destinate a servire in maniera uguale ed indifferenziata le varie unità immobiliari dell’edificio”.
Questo ragionamento, logico e condivisibile, può anche essere articolato ed espresso in maniera un po’ diversa:
 con una previsione di carattere generale, l’art. 1117, primo comma, n. 1) cod. civ. definisce comuni “le parti dell'edificio necessarie all'uso comune”;
 del resto, senza le facciate e la copertura non esisterebbe neanche l’edificio e, quindi, non ci sono dubbi che queste porzioni dell’edificio sono effettivamente necessarie;
 il tetto e le facciate, quindi, assolvono – e non potrebbero non assolvere – alla loro funzione naturale e lo fanno a vantaggio di tutti, con la conseguenza che tutti i condomini ne sono proprietari pro quota;
 coerentemente, l’art. 1117 primo comma, n. 1) cod. civ. inserisce espressamente i tetti e le facciate nelle parti comuni;
 se i tetti e le facciate assolvono alla loro funzione a vantaggio di tutti i condomini, nessuno di questi può evitare di contribuire alle spese per la loro manutenzione e conversazione;
 trova, pertanto applicazione la regola generale del primo comma dell’art. 1123 cod. civ. [ripartizione della spesa tra tutti in misura proporzionata alla quota di proprietà] e non le “deroghe” declinate dal secondo [ripartizione della spesa tra tutti in proporzione all’utilità che i singoli ricavano dal bene comune] e dal terzo comma dello stesso articolo [esclusone dalle spese dei condomini che non possono trarre dal bene comune la benché minima utilità].
La Corte ha colto l’occasione per puntualizzare in maniera chiara alcuni aspetti legati ai criteri che portano a ripartire fra tutti i condomini le spese di manutenzione del tetto:
• ha rilevanza non l’appartenenza del tetto a tutti o solo ad alcuni condomini, ma la funzione di copertura che il tetto stesso assolve a vantaggio – come già detto – di tutti;
• al riguardo, non ha alcuna importanza che la singola specifica unità sia o meno posta al di sotto della verticale sottostante alla zona del tetto da riparare, in quanto “ .. non può ammettersi (…) una ripartizione per zone di un medesimo tetto”,
• l’art. 1126 cod. civ. disciplina le riparazioni e le manutenzioni dei soli lastrici solari (intesi in senso stretto) di uso esclusivo e non delle coperture in generale e non può, pertanto, trovare applicazione alle tradizionali coperture;
• con i tetti, tale norma “entra in gioco” solo nell’ipotesi di un tetto di proprietà esclusiva di un solo condomino.
Considerazione finale
Come si è detto in aperura, sembra strano che qualcuno decida – invero, con una disinvoltura degna di miglior causa – di imbarcarci in un contenzioso centrato su una questione giuridica piuttosto semplice:
 premessa maggiore: le parti dell’edificio necessarie all'uso comune sono di proprietà di tutti i condomini;
 premessa minore: il tetto assolve a una funzione comune a vantaggio di tutti i condomini e senza di esso l’edificio non potrebbe esistere;
 conclusione: il tetto è di proprietà di tutti i condomini ed è, quindi, una parte comune. Non a caso l’art. 1117 cod. civ. lo prevede espressamente.
Poiché il tetto è una parte comune, la ripartizione delle spese ad esso relative segue la regola generale dell’art. 1123, primo comma, cod. civ..
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – quando e come la mediazione impedisce la decadenza dall'impugnazione della delibera

L’art. 1137, secondo comma, cod. civ. prevede il diritto dei condomini di impugnare le delibere assembleari contrarie alla legge o al regolamento di condominio e impone l’obbligo – a pena di decadenza – di esercitare tale diritto entro trenta giorni.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: il quorum costitutivo è un requisito permanente dell'assemblea

E’ noto a tutti che l’assemblea di condominio si considera “regolarmente costituita” ex art. 1136, primo e terzo comma, cod. civ. se ad essa interviene un certo numero, minimo, di condomini, titolari di un certo quantitativo, minimo, di millesimi. La presenza di questi numeri minimi all’apertura dei lavori dell’assemblea, tuttavia, non basta: essa deve sussistere per l’intera durata della riunione, a pena di sopravvenuta inesistenza dell’assemblea condominiale.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: in caso di mancata convocazione la prova di resistenza non serve

Ci si interroga sulla possibilità di “salvare” la delibera impugnata dal condomino che non è stato convocato: si può fingere che il condomino sia intervenuto e abbia votato e, quindi, conteggiare il suo voto come se fosse stato espresso e, all’esito, annullare la delibera solo se quel voto risulta determinante? Detto altrimenti: il vulnus della mancata convocazione attiene unicamente al voto oppure si deve ritenere che vi sia qualcosa di più grave, tale da precludere la possibilità di quel “salvataggio”?

leggi tutto