LSMI19 Diritto condominiale
15 ottobre 2019
Diritto condominiale

Condominio – il tetto è di tutti e tutti ne pagano la manutenzione

Condominio – il tetto è di tutti e tutti ne pagano la manutenzione

La Corte di Cassazione è stata chiamata a pronunciarsi su un tema, che ai più potrebbe apparire ormai consolidato e “privo di insidie”, ma che evidentemente tale non è, se è vero (come è vero) che nel 2018 / 2019 ancora nasce – e addirittura “sbarca” in Cassazione –, al riguardo, un contenzioso.
Il tema è quello della ripartizione delle spese legate alla manutenzione, in questo caso straordinaria, del tetto dell’edificio condominiale

I termini della questione
La lite “atterrata” sul tavolo della Corte di Cassazione nasce, in buona sostanza, dall’interpretazione che una condomina dà degli artt. 1117, 1118 e 1123 cod. civ..
In sostanza:
• la condomina che ha agito negava che il tetto dovesse essere considerato una parte comune ex art. 1117 cod. civ;
• ciò in quanto, non essendo le unità della condomina attrice / ricorrente al di sotto della proiezione verticale del tetto, la comunione della copertura non sussisterebbe;
• ne discenderebbe – questa la tesi sostenuta dalla condomina attrice / ricorrente – che le spese legate alla ristrutturazione del tetto medesimo non avrebbero dovuto essere addebitate alla condomina, che di tale tetto non sarebbe proprietaria;
• questo – la cosa è evidente – in applicazione dell’art. 1123, secondo e terzo comma, cod. civ..
Il condivisibile ragionamento della Suprema Corte
La Suprema Corte, richiamandosi al suo consolidato orientamento interpretativo – al riguardo, vengono espressamente citate Cass. 22.12.2014 n. 27154 Cass. 3.1.2013 n. 64, Cass. 4.5.1999 n. 4403, Cass. 29.4.1993 n. 5064 e Cass. 27.11.1990 n. 11423 –, ha seguito il ragionamento che può essere sinteticamente riepilogato ed esposto così:
• le parti dell’edificio in condominio – si parla di tetti e muri – deputate “a preservare l’edificio condominiale dagli agenti atmosferici e dalle infiltrazioni d’acqua” assolvono a una funzione “necessaria all’uso collettivo”;
• esse rientrano, quindi, tra le parti comuni di cui all’art. 1117, primo comma, n. 1) cd. civ. e sono di proprietà pro indiviso di tutti i condomini;
• tali parti dell’edificio non rientrano, invece, nell’ambito di applicazione dell’art. 1123, secondo e terzo comma, cod. civ. perché non sono “suscettibili di destinazione al servizio dei condomini in misura diversa, ovvero al godimento di alcuni condomini e non di altri”;
• la ripartizione delle spese di manutenzione in misura proporzionale all’uso delle cose comuni o in misura correlata all’unità, che da tali cose si trae, “non si giustifica, infatti, con riferimento a quelle parti, come il tetto (o la facciata) che costituiscono le strutture essenziali ai fini dell’esistenza stessa dello stabile unitariamente considerato e che sono destinate a servire in maniera uguale ed indifferenziata le varie unità immobiliari dell’edificio”.
Questo ragionamento, logico e condivisibile, può anche essere articolato ed espresso in maniera un po’ diversa:
 con una previsione di carattere generale, l’art. 1117, primo comma, n. 1) cod. civ. definisce comuni “le parti dell'edificio necessarie all'uso comune”;
 del resto, senza le facciate e la copertura non esisterebbe neanche l’edificio e, quindi, non ci sono dubbi che queste porzioni dell’edificio sono effettivamente necessarie;
 il tetto e le facciate, quindi, assolvono – e non potrebbero non assolvere – alla loro funzione naturale e lo fanno a vantaggio di tutti, con la conseguenza che tutti i condomini ne sono proprietari pro quota;
 coerentemente, l’art. 1117 primo comma, n. 1) cod. civ. inserisce espressamente i tetti e le facciate nelle parti comuni;
 se i tetti e le facciate assolvono alla loro funzione a vantaggio di tutti i condomini, nessuno di questi può evitare di contribuire alle spese per la loro manutenzione e conversazione;
 trova, pertanto applicazione la regola generale del primo comma dell’art. 1123 cod. civ. [ripartizione della spesa tra tutti in misura proporzionata alla quota di proprietà] e non le “deroghe” declinate dal secondo [ripartizione della spesa tra tutti in proporzione all’utilità che i singoli ricavano dal bene comune] e dal terzo comma dello stesso articolo [esclusone dalle spese dei condomini che non possono trarre dal bene comune la benché minima utilità].
La Corte ha colto l’occasione per puntualizzare in maniera chiara alcuni aspetti legati ai criteri che portano a ripartire fra tutti i condomini le spese di manutenzione del tetto:
• ha rilevanza non l’appartenenza del tetto a tutti o solo ad alcuni condomini, ma la funzione di copertura che il tetto stesso assolve a vantaggio – come già detto – di tutti;
• al riguardo, non ha alcuna importanza che la singola specifica unità sia o meno posta al di sotto della verticale sottostante alla zona del tetto da riparare, in quanto “ .. non può ammettersi (…) una ripartizione per zone di un medesimo tetto”,
• l’art. 1126 cod. civ. disciplina le riparazioni e le manutenzioni dei soli lastrici solari (intesi in senso stretto) di uso esclusivo e non delle coperture in generale e non può, pertanto, trovare applicazione alle tradizionali coperture;
• con i tetti, tale norma “entra in gioco” solo nell’ipotesi di un tetto di proprietà esclusiva di un solo condomino.
Considerazione finale
Come si è detto in aperura, sembra strano che qualcuno decida – invero, con una disinvoltura degna di miglior causa – di imbarcarci in un contenzioso centrato su una questione giuridica piuttosto semplice:
 premessa maggiore: le parti dell’edificio necessarie all'uso comune sono di proprietà di tutti i condomini;
 premessa minore: il tetto assolve a una funzione comune a vantaggio di tutti i condomini e senza di esso l’edificio non potrebbe esistere;
 conclusione: il tetto è di proprietà di tutti i condomini ed è, quindi, una parte comune. Non a caso l’art. 1117 cod. civ. lo prevede espressamente.
Poiché il tetto è una parte comune, la ripartizione delle spese ad esso relative segue la regola generale dell’art. 1123, primo comma, cod. civ..
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – crediti vecchi, rendiconto e decreto ingiuntivo

Con una recente pronuncia – sentenza n. 3847 del 15.2.2021 – la Suprema Corte ha preso una chiara posizione in merito ai crediti del condominio risalenti nel tempo, al loro inserimento nei rendiconti degli anni successivi e, quindi, alla facoltà dell’amministratore di chiedere e ottenere ex art. 63 disp. att. cod. civ., relativamente a detti crediti “vecchi”, il decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il verbale dell’assemblea deve avere la forma scritta e il contenuto della riunione non può essere provato per testi

Una recente pronuncia della Corte d’Appello di Genova – la sentenza n. 106 del 29.1.2021 – fornisce l’occasione per alcune considerazioni su un tema che può apparire banale, ma che poi così scontato non è se è vero – com’è vero – che sul punto si continua a litigare

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la manutenzione / riparazione del cortile comune che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse e il tema dell’impermeabilizzazione

Un tema sempre “caldo” è quello della ripartizione delle spese necessarie alla manutenzione / riparazione del cortile condominiale che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse. Anche in epoca recente la giurisprudenza è intervenuta sul punto – si parla della sentenza Tribunale Roma 14.1.2021 n. 665 – per ribadire e confermare l’orientamento interpretativo consolidatosi nel tempo. Orientamento interpretativo che – vale la pena di dirlo – non risulta del tutto alieno da qualche perplessità

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il condomino è efficacemente convocato se l’avviso di convocazione all’assemblea arriva al suo indirizzo nei termini di legge

In epoca molto recente il Tribunale di Roma ha affrontato la questione (invero, già ben nota) dell’efficacia – intesa come tempestività – della trasmissione dell’avviso di convocazione all’assemblea condominiale, avvenuta con lettera raccomandata non ritirata per l’assenza del destinatario

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’“impugnativa” degli atti dell’amministratore

L’art. 1133 cod. civ. è probabilmente, tra le disposizioni vigenti in materia di condominio, quella che ha avuto – e ancora ha – la minore “ricaduta” concreta (nel senso di minore applicazione). In realtà, è una norma perfettamente coerente con i principi base dell’“universo condominio” e, se letta e analizzata bene, potrebbe anche essere efficacemente utilizzata in molte situazioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’assemblea in videoconferenza: spunti di riflessione

La storia – talmente recente da poter essere considerata ancora cronaca – è mota: con il c.d. Decreto agosto – cioè il D.L. 14.8.2020 n. 104, convertito con modifiche dalla L. 13.10.2020 n. 126, in vigore dal 14 ottobre 2020 – è intervenuto sulle modalità di convocazione e svolgimento delle assemblee condominiali, introducendo espressamente la possibilità che l’assemblea condominiale si svolga da remoto. C’è stato poi un repentino ripensamento: la norma di agosto / ottobre è stata successivamente modificata – a opera del D.L. 7.10,2020 n. 125, convertito con modifiche dalla L. 27.11.2020 n. 159 – nel senso di prevedere che la legittimità dell’assemblea in videoconferenza derivi dal consenso non di tutti i condomini, ma della maggioranza dei medesimi. La nuova norma è scritta molto male, ma si può tentare di interpretarla meglio

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eventuale sussistenza di irregolarità meramente formali relative all’assemblea in prima convocazione non impatta sull’assemblea in seconda convocazione

Un recente pronuncia del Tribunale di Cosenza – si parla della sentenza 30.11.2020 n. 2131 – riprende, confermandolo, il più risalente insegnamento della Suprema Corte in merito alla possibilità di svolgere l’assemblea in seconda convocazione anche se non c’è il verbale relativo all’assemblea in prima convocazione andata “deserta”

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – un bar è un bar e non è un’altra cosa e può essere aperto in un condominio se il regolamento condominiale di natura contrattuale non lo vieta espressamente

A fine 2020 il Tribunale di Pisa – la sentenza è la n. 1181 del 28.12.2020 – è tornato sull’argomento dei divieti e dei limiti imposti alla proprietà privata dal regolamento condominiale di natura contrattuale e lo ha fatto esaminando specificamente il presunto divieto di adibire le unità in condominio a bar

leggi tutto