LSMI19 Diritto condominiale
10 ottobre 2019
Diritto condominiale

Condominio – il verbale di assemblea non “autosufficiente” non è valido

Condominio – il verbale di assemblea non “autosufficiente” non è valido

I verbali assembleari devono soddisfare una serie di requisiti, che sono formali e, al tempo stesso, anche sostanziali. Si pensi al numero di condomini presenti in assemblea [quorum costitutivo] e alle loro manifestazioni di voto [quorum deliberativo].
I verbali di assemblea sono soggetti ad un controllo diffuso, astrattamente ad opera di chiunque, e non sono mai integrati – fatta eccezione per qualche allegato – da elementi ulteriori, estranei ad essi. Perché questo sistema possa “funzionare”, quindi, è indispensabile che i verbali stessi contengano tutti gli elementi da prendere formalmente in considerazione affinché sia possibile determinarne la validità.

I termini della questione
La legge prescrive una serie di regole, che le assemblee condominiali devono rispettare. Si tratta di casi, in cui la forma è essa stessa sostanza: per esempio, che i condomini, i quali hanno votato a favore della nomina dell’amministratore, fossero il 50% + 1 di quelli presenti in assemblea e che fossero titolari di almeno 500/1.000 non è una questione secondaria né accademica, ma determina la validità o l’invalidità della nomina compiuta.
Ne discende la necessità che il rispetto di queste regole sia agevolmente verificabile. E che lo sia senza ricorrere a elementi esterni.
E’ – detto altrimenti – indispensabile che il verbale sia completo e autonomo, nl senso di contenere n sé gli elementi necessari e sufficienti per compiere la doverosa verifica di legittimità.
La recente sentenza del Tribunale di Roma e la posizione della giurisprudenza
In epoca recente – si parla della sentenza 15869 del 31.7.2019 – il Tribunale di Roma ha ripreso e ribadito un concetto già ben noto e diffuso nel mondo del diritto condominiale. Meno – almeno, stando a quanto si legge nei verbali quotidianamente redatti dagli amministratori e distribuiti ai condomini – nel mondo della operatività concreta e delle quotidiane prassi condominiali.
Questo principio può essere definito – mutuando le parole elaborate dalla giurisprudenza a proposito del ricorso per cassazione – con l’espressione “autosufficienza del verbale assembleare”.
Con questa pronuncia, il Tribunale di Roma si colloca nel solco degli insegnamenti della Corte di Cassazione, di cui cita espressamente alcuni specifici arresti
Anche alla luce della chiarezza delle parole usate, vale la pena di citare qui espressamente i passaggi delle pronunce della Suprema Corte, come testualmente riferiti dal Tribunale di Roma: “Cass. Sez. II n.24132 del 13 novembre 2009 nel solco della pronuncia di Cass. SS.UU. 7 marzo 2005 n.4806 ha affermato il seguente cogente principio di diritto: "Il verbale dell'assemblea condominiale rappresenta la descrizione di quanto è avvenuto in una determinata riunione e da esso devono risultare tutte le condizioni di validità della deliberazione, senza incertezze o dubbi, non essendo consentito fare ricorso a presunzioni per colmarne le lacune. Il verbale deve pertanto contenere l'elenco nominativo dei partecipanti intervenuti di persona o per delega, indicando i nomi dei condomini assenzienti e di quelli dissenzienti, con i rispettivi valori millesimali, perchè tale individuazione è indispensabile per la verifica della esistenza dei quorum prescritti 8 dall'articolo 1136 c.c.. In questo senso è orientata la giurisprudenza di questa Corte, la quale ha affermato: (a) che non è conforme alla disciplina indicata omettere di riprodurre nel verbale l'indicazione nominativa dei singoli condomini favorevoli e contrari e le loro quote di partecipazione al condominio, limitandosi a prendere atto del risultato della votazione, in concreto espresso con la locuzione "l'assemblea, a maggioranza, ha deliberato" (Sez. Il, 19 ottobre 1998, n. 10329; Sez. II, 29 gennaio 1999, n. 810); (b) che la mancata verbalizzazione del numero dei condomini votanti a favore o contro la delibera approvata, oltre che dei millesimi da ciascuno di essi rappresentati, invalida la delibera stessa, impedendo il controllo sulla sussistenza di una delle maggioranze richieste dall'art. 1136 cod. civ., né potendo essere attribuita efficacia sanante alla mancata contestazione, in sede di assemblea, della inesistenza di tale quorum da parte del condomino dissenziente, a carico del quale non è stabilito, al riguardo, alcun onere a pena di decadenza (Sez. IL 22 gennaio 2000, n. 697); (c) che è annullabile la 7_ o D delibera il cui verbale contenga omissioni relative alla individuazione dei singoli condomini assenzienti o dissenzienti o al valore delle rispettive quote (Sez. Un., 7 marzo 2005, n. 4806)"”
Sintesi: le regole – base e le relative conseguenze pratiche
Come accennato, il Tribunale di Roma ha ripreso e ribadito un principio generale. Che può essere articolato e sintetizzato così:
 chiunque legga il verbale di un’assemblea condominiale deve essere in grado di verificare subito quali decisioni siano state adottate da quella assemblea;
 chiunque legga il verbale di un’assemblea condominiale deve essere in grado di verificare subito se la stessa abbia adottato le sue decisioni in maniera valida;
 è, pertanto, evidente che il verbale deve contenere gli elementi, da cui si possa ricavare il dato della validità o meno della delibera.
La semplicità e la portata di queste regole generali consentono di “mettere a fuoco” – ovviamente, senza la benché minima pretesa di completezza – alcuni grossolani errori, che chiunque può rinvenire nei verbali assembleari:
non si può ricorrere a formule generiche come “l’assemblea, con il voto favorevole della maggioranza dei presenti, titolari di 510/1.000, delibera …”;
• per verificare che questi “numeri” siano reali, bisogna indicare analiticamente i nomi dei condomini che hanno votato a favore, i nomi di quelli che hanno votato contro e i nomi degli astenuti;
• la formula “l’assemblea, all’unanimità dei presenti – contrari i soli condomini Rossi e Verdi – delibera ..” può andare bene solo alla tassativa condizione che, nel verbale, vengano riportati i nomi di tutti i presenti, il loro numero rispetto alla totalità dei condomini e la loro “consistenza” millesimale
Sintesi schematica
Nel tentativo di essere ancora più chiari:
• ai sensi dell’art. 1136, primo e terzo comma, cod. civ., l’assemblea è validamente costituita con la presenza del 50% + 1 di tutti i condomini, titolari di 666/1.000 [prima convocazione] o con la presenza di 1/3 di tutti i condomini, titolari di 334/1.000 [seconda convocazione];
• una delibera è approvata se ottiene il voto favorevole del 50% + 1 dei condomini intervenuti, titolari – a seconda delle materie poste in votazione – di una certa “quota” millesimale;
• per capire se i quorum costitutivo e deliberativo di cui sopra siano stati raggiunti, deve potersi desumere dal testo del verbale il numero totale dei condomini, il numero dei condomini presenti, il numero dei condomini che hanno votato a favore, il numero dei condomini che hanno votato contro e il numero dei condomini che si sono astenuti, nonché i millesimi di cui tutti costoro sono titolari;
• la precisa individuazione dei condomini assenti e di quelli dissenzienti è essenziale anche per verificare la legittimazione alle eventuali impugnazioni delle delibere
E’ chiaro che il dato può anche non essere esplicito, ma deve comunque essere agevolmente e con certezza desumibile: se il verbale riporta che erano presenti 650/1.000 e che i condomini i quali non hanno votato a favore ne esprimevano 200, è ovvio che i voti favorevoli “contano” 450/1.000.
Considerazione finale
Per concludere, si ribadisce il concetto – base, la vera e propria “anima” di tutte le considerazioni che precedono: il verbale di assemblea è e deve essere un documento autosufficiente, nel senso che la sua mera lettura (con l’individuazione di tutti gli elementi essenziali sopra menzionati) deve permettere di valutare la validità e la legittimità dell’assemblea e delle delibere in tale sede adottate.
In difetto, la delibera è invalida e può essere impugnata per il suo annullamento.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – forma e contenuto del rendiconto straordinario

La riforma del 2012 / 2013 ha introdotto l’art. 1130 bis cod. civ., rubricato “Rendiconto condominiale”, che disciplina compiutamente – benché con qualche ambiguità e qualche “zona grigia” su cui è dovuta intervenire l’interpretazione giurisprudenziale – il documento che l’amministratore deve redigere e sottoporre alla compagine condominiale al termine della gestione ordinaria annuale. Si vuole qui compiere una sintetica riflessione sulla portata di questa disciplina, con particolare e specifico riferimento alla sua applicabilità al rendiconto relativo a un intervento straordinario.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la legittimazione dell’amministratore a resistere in giudizio e a proporre appello

La sentenza n. 22958 della Suprema Corte, pubblicata in data 22.7.2022 ha puntualizzato alcuni concetti di base in ordine alla legittimazione passiva dell’amministratore e ai rapporti tra quest’ultimo e l’assemblea in ipotesi di impugnazione di delibere assembleari e altri giudizi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – ancora sul tema dell'approvazione del rendiconto come strumento di tacita ratifica delle spese non autorizzate dall’assemblea

Una recente pronuncia del Tribunale di Ivrea offre lo spunto per tornare sul tema della ratifica – a opera della compagine condominiale attraverso l’approvazione del rendiconto – di una spesa non deliberata ex ante dall’assemblea e compiuta dall’amministratore al di fuori dell’ambito delle sue attribuzioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto