LSMI19 Diritto condominiale
30 settembre 2019
Diritto condominiale

Condominio – l’amministratore cessato dal suo incarico non va più in prorogatio

Condominio – l’amministratore cessato dal suo incarico non va più in prorogatio

Uno degli aspetti più interessanti – e dalle più significative ricadute pratiche – della riforma del 2012 / 2013 è costituito dalla regola che disciplina la cessazione dell’incarico dell’amministratore. Rispetto a prima della riforma, infatti, la disciplina legale – e, con essa, le sue ricadute pratiche – è significativamente mutata. Viene, tuttavia, spesso da chiedersi se i condomini e gli amministratori abbiano coscienza della cosa.

La questione nelle sue linee essenziali
Anteriormente alla riforma, quando l’amministratore smetteva di essere tale (per la naturale cessazione del suo incarico, per la sua revoca, per le sue dimissioni, …) di fatto quasi nessuno se ne accorgeva. Più precisamente, la cosa passava inosservata e sotto silenzio se non veniva nominato subito un nuovo amministratore, pronto a subentrare a quello uscente.
Questo dipendeva dal fatto che, in buona sostanza, l’amministratore cessava di essere in carica ed entrava in quella che veniva – e ancora viene, laddove l’istituto trova applicazione – chiamata prorogatio. Il che, sul piano pratico, concreto e operativo, significava che l’amministratore, con buona pace del suo nuovo status di ex amministratore (o amministratore uscente), continuava a operare esattamente come prima, facendo tutto quanto faceva prima e percependo il medesimo compenso.
All’esito dell’entrata in vigore, nel 2013, della riforma del condominio del 2012, il quadro è completamente cambiato: basti dire che adesso vige l’art. 1129, ottavo comma, cod. civ., ai sensi del quale “Alla cessazione dell'incarico l'amministratore è tenuto alla consegna di tutta la documentazione in suo possesso afferente al condominio e ai singoli condomini e ad eseguire le attività urgenti al fine di evitare pregiudizi agli interessi comuni senza diritto ad ulteriori compensi”.
Come si vede, quindi, la normativa attuale incide in maniera molto più profonda non solo sugli aspetti più strettamente giuridici, ma anche sui risvolti pratici della situazione che nasce dalla cessazione dell’amministratore dal suo incarico.
Il punto è capire che cosa effettivamente succede, alla luce della normativa vigente, quando un amministratore cessa di essere tale.
Le dimissioni equivalgono alla revoca e alla cessazione
Il primo punto degno di attenzione, a livello generale, è il fatto che l’art. 1129, ottavo comma, cod. civ. non distingue le tre diverse ipotesi della fine del rapporto tra l’amministratore e il condominio: la norma parla di “cessazione dell'incarico” e con questo mette sullo stesso piano le tre ipotesi di cessazione fisiologica per scadenza dell’incarico, dimissioni volontarie e revoca. Detto altrimenti: la disciplina, che il legislatore ha dettato per il periodo successivo a quando l’amministratore ha smesso di essere tale, è la medesima a prescindere dalla ragione per cui ciò è avvenuto.
Le novità introdotte dalla riforma
Si è accennato alla circostanza che l’amministratore, pur cessato dall’incarico, continuava a operare esattamente come prima, facendo tutto quanto faceva prima e percependo il medesimo compenso.
Il legislatore ha decisamente voluto intervenire su questo stato di cose, ma durante il percorso della riforma sono state vagliate varie opzioni. Basti pensare che ad un certo punto, durante le varie scritture del testo della nuova legge, si è arrivati a questa formula: “Nell'ipotesi di revoca prima della scadenza, è dovuto all'amministratore il compenso per i successivi venti giorni per il compimento delle operazioni di presentazione del rendiconto e di successione dall'incarico, fermo restando l'obbligo della consegna immediata della cassa, del libro dei verbali e di ogni altro carteggio relativo a operazioni di riscossione delle quote, nonché a quelle da svolgere con urgenza, al fine di evitare il pregiudizio degli interessi comuni e dei singoli condomini” e alla previsione “Il compenso dell'amministratore comprende i costi delle operazioni necessarie alla successione nel suo incarico” [così il testo dell'art. 1129 c.c. licenziato in prima battuta al Senato – fonte: https://www.condominioweb.com/un-focus-sulla-prorogatio-dellamministratore-di-condominio.16237].
Adesso vige – come si è visto – il nuovo art. 1129, ottavo comma, cod. civ., che prevede l’obbligo dell’amministratore uscente di consegnare la tutta la documentazione e di compiere le “attività urgenti” allo specifico scopo di “evitare pregiudizi agli interessi comuni”. Il tutto – la norma è esplicita – “senza diritto ad ulteriori compensi”.
Che cosa se ne può e se ne deve dedurre?
L’amministratore non più in carica oggi – attività
Per fare sintesi: che cosa può e deve fare, oggi, l’amministratore che non è più in carica? Detto altrimenti: quale significato deve essere attribuito alle parole “attività urgenti al fine di evitare pregiudizi agli interessi comuni”?
Chi scrive ritiene che in tale concetto debba rientrare solo tutto ciò che risulta effettivamente urgente e indifferibile sotto pena di pregiudizio: un intervento di messa in sicurezza, il conferimento al legale dell’incarico per la costituzione in un procedimento d’urgenza, il pagamento di una bolletta che, ove non pagata, porterebbe all’interruzione del servizio, la presentazione di una dichiarazione fiscale (la cui mancata presentazione esporrebbe il condominio a sanzioni e interessi), il ritiro di un atto giudiziario notificato al condominio e la connessa informativa all’assemblea ex art. 1131, terzo comma, cod. civ. e così via.
Tutto ciò che può essere rimandato e/o lasciato al nuovo amministratore senza che il condominio subisca un autentico pregiudizio non rientra nel concetto di “attività urgenti al fine di evitare pregiudizi agli interessi comuni”.
E’ evidente che la domanda dianzi formulata non può avere una risposta che sia “buona” per tutte le latitudini e tutte le longitudini. Sarà necessario un concreto esame analitico, caso per caso, delle varie fattispecie.
L’amministratore non più in carica oggi – compensi
Come si è visto, la norma è esplicita: a sommesso avviso di chi scrive, le parole “senza diritto ad ulteriori compensi” sono di per sé sufficientemente chiare e portano a ritenere che, dopo la cessazione del suo incarico, l’amministratore non ha più diritto a percepire alcunché.
Questo è tanto più vero ed evidente alla luce del fatto che – come si è visto – la norma è cambiata nel corso della sua “gestazione”, arrivando alla attuale formulazione, nonché ala luce di come essa è cambiata.
Esiste una sola situazione, in cui l’amministratore cessato potrebbe legittimamente reclamare qualcosa: ci si riferisce all’ipotesi che, al momento della nomina dell’amministratore e, quindi, dell’indicazione del suo compenso ex art. 1129, quattordicesimo comma, cod. civ., l’assemblea e l’amministratore abbiano pattuito – con valenza, quindi, contrattuale – a favore del secondo uno specifico compenso per l’attività di passaggio di consegne. Tale pattuizione “sopravvivrebbe” alla cessazione dell’amministratore e, proprio perché “nata” specificamente in previsione del momento in cui l’amministratore avrebbe dovuto fare qualcosa senza essere più in carica, non sarebbe resa inefficacn dalla citata previsione dell’art. 1129, ottavo comma, cod. civ..
Per essere chiari:
 se, dopo la cessazione del suo incarico, ordinasse e seguisse un intervento di messa in sicurezza, l’amministratore non avrebbe diritto ad alcun compenso;
 se, dopo la cessazione del suo incarico, segue il passaggio di consegne con il suo successore, l’amministratore non ha diritto a percepire la somma a suo tempo espressamente e specificamente pattuita per tale attività.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

La “nascita” del condominio, la presunzione di proprietà comune e l’individuazione delle proprietà individuali attraverso il titolo contrario

Il condominio costituisce una situazione di comproprietà indivisa: quando esiste un edificio composto da unità immobiliari di proprietari diversi, alcune parti di tale edificio “Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio” (art. 1117, primo comma, cod. civ.). Si tratta essenzialmente di “tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune” (art. 1117, primo comma, n. 1) cod. civ.). Ma quando sorge il condominio e quali sono i criteri per individuare le parti comuni e distinguerle dalle parti dell’edificio di proprietà individuale?

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in merito alle morosità condominiale nell’epoca del Covid19

In questo periodo, con l’emergenza sanitaria e le tristemente note – e, comunque, facilmente intuibili – ricadute economiche su tutti gli italiani, si pone in maniera tutt’altro che secondaria il tema della morosità condominiale e del circolo vizioso, che questa crea di provocare.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in ordine alla gestione del condominio nelle circostanze eccezionali imposte dal Covid-19 – il ruolo di primo piano degli amministratori e l’importanza della stretta collaborazione tra amministratori e amministrati

Tra le misure, adottate e quindi imposte dal Governo per fronteggiare la diffusione del contagio da Covid-19, spicca il divieto di assembramenti: in sostanza, non ci si può riunire, né in luoghi pubblici né in luoghi privati, per incontri, riunioni, convegni e altro. Il divieto riguarda anche le assemblee condominiali, riunioni nell’ambito delle quali il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro è, di fatto, impossibile. Si pone, quindi, il problema del rischio di una sostanziale “paralisi” della vita dei condominii, enti di gestione che sono stati privati dei loro organi decisionali.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [parte 2]

In questa seconda parte del contributo sul tema della eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati, l’attenzione si concentrerà in particolare sui concetti introdotti dall’art. 4, commi 4 e 5, L. 9.1.1989 n. 13 e cioè sui presupposti, i limiti e le condizioni del legittimo diniego a un intervento edilizio su un edificio vincolato.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [Parte 1]

Per ovvie ed evidenti ragioni, nel Belpaese l’esigenza di trovare un compromesso, di individuare un soddisfacente punto di incontro tra la tutela del patrimonio immobiliare storico / artistico e la protezione delle persone che, negli edifici assoggettati a tali vincoli, abitano e lavorano, è particolarmente sentita. Negli anni, con il mutare della sensibilità sociale e l’aumento dell’attenzione a certi temi, si è assistito a un’autentica evoluzione, a una vera e propria “rivoluzione” che ha portato a “mettere a fuoco” una serie di principi fondamentali. Un’attenzione particolare è stata – ed è – dedicata al bilanciamento di interessi tra la tutela delle persone in difficoltà e la salvaguardia del patrimonio storico / artistico

leggi tutto
4 ottobre 2018

Lastrico solare in condominio: nel silenzio dell’art. 1126 cod. civ., chi decide di eseguire l’intervento di manutenzione?

Il codice civile, all’art. 1126 cod. civ., detta la regola per ripartire le spese legate agli interventi manutentivi sui lastrici solari, ma nulla dice in merito all’individuazione del soggetto legittimato a decidere se dare corso oppure no a quegli interventi. In questa sede si vuole rispondere a questa precisa e specifica domanda: chi ha il potere di decidere di eseguire la manutenzione sui lastrici solari?

leggi tutto
4 ottobre 2018

L’assemblea ordinaria del super-condominio

La riforma del condomino del 2012 / 2013 ha “fatto emergere” e regolamentato – benché in maniera lacunosa e poco chiara, pur ponendosi l’obiettivo di “snellire” – il fenomeno del super-condominio. Tra gli elementi più caratteristici c’è una sorta di “sdoppiamento” dell’assemblea ordinaria, nella quale sono chiamati ad esprimete il voto soggetti diversi a seconda delle materie contenute nel’o.d.g..

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – nessun interesse a impugnare se, sul piano economico, il pregiudizio è modesto

Ai sensi dell’art. 1137 cod. civ., ciascun condomino è legittimato a impugnare davanti all’Autorità Giudiziaria, chiedendone l’annullamento, le delibere “contrarie alla legge o al regolamento di condominio”. In alcuni casi e per specifiche ragioni, autorevolmente individuate da Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806, le delibere non sono annullabili, ma nulle, con la conseguenza – tra le altre – che il condomino può impugnarle senza limitazioni di tempo, chiedendo non il loro annullamento, ma l’accertamento – e, con esso, la dichiarazione – della loro nullità. In sede di impugnazione, il condomino attore deve dimostrare di avere un preciso interesse all’accertamento di tale nullità, in assenza del quale la sua domanda è destinata al rigetto.

leggi tutto