LSMI19 Diritto condominiale
30 settembre 2019
Diritto condominiale

Condominio – l’amministratore cessato dal suo incarico non va più in prorogatio

Condominio – l’amministratore cessato dal suo incarico non va più in prorogatio

Uno degli aspetti più interessanti – e dalle più significative ricadute pratiche – della riforma del 2012 / 2013 è costituito dalla regola che disciplina la cessazione dell’incarico dell’amministratore. Rispetto a prima della riforma, infatti, la disciplina legale – e, con essa, le sue ricadute pratiche – è significativamente mutata. Viene, tuttavia, spesso da chiedersi se i condomini e gli amministratori abbiano coscienza della cosa.

La questione nelle sue linee essenziali
Anteriormente alla riforma, quando l’amministratore smetteva di essere tale (per la naturale cessazione del suo incarico, per la sua revoca, per le sue dimissioni, …) di fatto quasi nessuno se ne accorgeva. Più precisamente, la cosa passava inosservata e sotto silenzio se non veniva nominato subito un nuovo amministratore, pronto a subentrare a quello uscente.
Questo dipendeva dal fatto che, in buona sostanza, l’amministratore cessava di essere in carica ed entrava in quella che veniva – e ancora viene, laddove l’istituto trova applicazione – chiamata prorogatio. Il che, sul piano pratico, concreto e operativo, significava che l’amministratore, con buona pace del suo nuovo status di ex amministratore (o amministratore uscente), continuava a operare esattamente come prima, facendo tutto quanto faceva prima e percependo il medesimo compenso.
All’esito dell’entrata in vigore, nel 2013, della riforma del condominio del 2012, il quadro è completamente cambiato: basti dire che adesso vige l’art. 1129, ottavo comma, cod. civ., ai sensi del quale “Alla cessazione dell'incarico l'amministratore è tenuto alla consegna di tutta la documentazione in suo possesso afferente al condominio e ai singoli condomini e ad eseguire le attività urgenti al fine di evitare pregiudizi agli interessi comuni senza diritto ad ulteriori compensi”.
Come si vede, quindi, la normativa attuale incide in maniera molto più profonda non solo sugli aspetti più strettamente giuridici, ma anche sui risvolti pratici della situazione che nasce dalla cessazione dell’amministratore dal suo incarico.
Il punto è capire che cosa effettivamente succede, alla luce della normativa vigente, quando un amministratore cessa di essere tale.
Le dimissioni equivalgono alla revoca e alla cessazione
Il primo punto degno di attenzione, a livello generale, è il fatto che l’art. 1129, ottavo comma, cod. civ. non distingue le tre diverse ipotesi della fine del rapporto tra l’amministratore e il condominio: la norma parla di “cessazione dell'incarico” e con questo mette sullo stesso piano le tre ipotesi di cessazione fisiologica per scadenza dell’incarico, dimissioni volontarie e revoca. Detto altrimenti: la disciplina, che il legislatore ha dettato per il periodo successivo a quando l’amministratore ha smesso di essere tale, è la medesima a prescindere dalla ragione per cui ciò è avvenuto.
Le novità introdotte dalla riforma
Si è accennato alla circostanza che l’amministratore, pur cessato dall’incarico, continuava a operare esattamente come prima, facendo tutto quanto faceva prima e percependo il medesimo compenso.
Il legislatore ha decisamente voluto intervenire su questo stato di cose, ma durante il percorso della riforma sono state vagliate varie opzioni. Basti pensare che ad un certo punto, durante le varie scritture del testo della nuova legge, si è arrivati a questa formula: “Nell'ipotesi di revoca prima della scadenza, è dovuto all'amministratore il compenso per i successivi venti giorni per il compimento delle operazioni di presentazione del rendiconto e di successione dall'incarico, fermo restando l'obbligo della consegna immediata della cassa, del libro dei verbali e di ogni altro carteggio relativo a operazioni di riscossione delle quote, nonché a quelle da svolgere con urgenza, al fine di evitare il pregiudizio degli interessi comuni e dei singoli condomini” e alla previsione “Il compenso dell'amministratore comprende i costi delle operazioni necessarie alla successione nel suo incarico” [così il testo dell'art. 1129 c.c. licenziato in prima battuta al Senato – fonte: https://www.condominioweb.com/un-focus-sulla-prorogatio-dellamministratore-di-condominio.16237].
Adesso vige – come si è visto – il nuovo art. 1129, ottavo comma, cod. civ., che prevede l’obbligo dell’amministratore uscente di consegnare la tutta la documentazione e di compiere le “attività urgenti” allo specifico scopo di “evitare pregiudizi agli interessi comuni”. Il tutto – la norma è esplicita – “senza diritto ad ulteriori compensi”.
Che cosa se ne può e se ne deve dedurre?
L’amministratore non più in carica oggi – attività
Per fare sintesi: che cosa può e deve fare, oggi, l’amministratore che non è più in carica? Detto altrimenti: quale significato deve essere attribuito alle parole “attività urgenti al fine di evitare pregiudizi agli interessi comuni”?
Chi scrive ritiene che in tale concetto debba rientrare solo tutto ciò che risulta effettivamente urgente e indifferibile sotto pena di pregiudizio: un intervento di messa in sicurezza, il conferimento al legale dell’incarico per la costituzione in un procedimento d’urgenza, il pagamento di una bolletta che, ove non pagata, porterebbe all’interruzione del servizio, la presentazione di una dichiarazione fiscale (la cui mancata presentazione esporrebbe il condominio a sanzioni e interessi), il ritiro di un atto giudiziario notificato al condominio e la connessa informativa all’assemblea ex art. 1131, terzo comma, cod. civ. e così via.
Tutto ciò che può essere rimandato e/o lasciato al nuovo amministratore senza che il condominio subisca un autentico pregiudizio non rientra nel concetto di “attività urgenti al fine di evitare pregiudizi agli interessi comuni”.
E’ evidente che la domanda dianzi formulata non può avere una risposta che sia “buona” per tutte le latitudini e tutte le longitudini. Sarà necessario un concreto esame analitico, caso per caso, delle varie fattispecie.
L’amministratore non più in carica oggi – compensi
Come si è visto, la norma è esplicita: a sommesso avviso di chi scrive, le parole “senza diritto ad ulteriori compensi” sono di per sé sufficientemente chiare e portano a ritenere che, dopo la cessazione del suo incarico, l’amministratore non ha più diritto a percepire alcunché.
Questo è tanto più vero ed evidente alla luce del fatto che – come si è visto – la norma è cambiata nel corso della sua “gestazione”, arrivando alla attuale formulazione, nonché ala luce di come essa è cambiata.
Esiste una sola situazione, in cui l’amministratore cessato potrebbe legittimamente reclamare qualcosa: ci si riferisce all’ipotesi che, al momento della nomina dell’amministratore e, quindi, dell’indicazione del suo compenso ex art. 1129, quattordicesimo comma, cod. civ., l’assemblea e l’amministratore abbiano pattuito – con valenza, quindi, contrattuale – a favore del secondo uno specifico compenso per l’attività di passaggio di consegne. Tale pattuizione “sopravvivrebbe” alla cessazione dell’amministratore e, proprio perché “nata” specificamente in previsione del momento in cui l’amministratore avrebbe dovuto fare qualcosa senza essere più in carica, non sarebbe resa inefficacn dalla citata previsione dell’art. 1129, ottavo comma, cod. civ..
Per essere chiari:
 se, dopo la cessazione del suo incarico, ordinasse e seguisse un intervento di messa in sicurezza, l’amministratore non avrebbe diritto ad alcun compenso;
 se, dopo la cessazione del suo incarico, segue il passaggio di consegne con il suo successore, l’amministratore non ha diritto a percepire la somma a suo tempo espressamente e specificamente pattuita per tale attività.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – forma e contenuto del rendiconto straordinario

La riforma del 2012 / 2013 ha introdotto l’art. 1130 bis cod. civ., rubricato “Rendiconto condominiale”, che disciplina compiutamente – benché con qualche ambiguità e qualche “zona grigia” su cui è dovuta intervenire l’interpretazione giurisprudenziale – il documento che l’amministratore deve redigere e sottoporre alla compagine condominiale al termine della gestione ordinaria annuale. Si vuole qui compiere una sintetica riflessione sulla portata di questa disciplina, con particolare e specifico riferimento alla sua applicabilità al rendiconto relativo a un intervento straordinario.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la legittimazione dell’amministratore a resistere in giudizio e a proporre appello

La sentenza n. 22958 della Suprema Corte, pubblicata in data 22.7.2022 ha puntualizzato alcuni concetti di base in ordine alla legittimazione passiva dell’amministratore e ai rapporti tra quest’ultimo e l’assemblea in ipotesi di impugnazione di delibere assembleari e altri giudizi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – ancora sul tema dell'approvazione del rendiconto come strumento di tacita ratifica delle spese non autorizzate dall’assemblea

Una recente pronuncia del Tribunale di Ivrea offre lo spunto per tornare sul tema della ratifica – a opera della compagine condominiale attraverso l’approvazione del rendiconto – di una spesa non deliberata ex ante dall’assemblea e compiuta dall’amministratore al di fuori dell’ambito delle sue attribuzioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto