LSMI19 Diritto condominiale
30 settembre 2019
Diritto condominiale

Condominio – l’amministratore cessato dal suo incarico non va più in prorogatio

Condominio – l’amministratore cessato dal suo incarico non va più in prorogatio

Uno degli aspetti più interessanti – e dalle più significative ricadute pratiche – della riforma del 2012 / 2013 è costituito dalla regola che disciplina la cessazione dell’incarico dell’amministratore. Rispetto a prima della riforma, infatti, la disciplina legale – e, con essa, le sue ricadute pratiche – è significativamente mutata. Viene, tuttavia, spesso da chiedersi se i condomini e gli amministratori abbiano coscienza della cosa.

La questione nelle sue linee essenziali
Anteriormente alla riforma, quando l’amministratore smetteva di essere tale (per la naturale cessazione del suo incarico, per la sua revoca, per le sue dimissioni, …) di fatto quasi nessuno se ne accorgeva. Più precisamente, la cosa passava inosservata e sotto silenzio se non veniva nominato subito un nuovo amministratore, pronto a subentrare a quello uscente.
Questo dipendeva dal fatto che, in buona sostanza, l’amministratore cessava di essere in carica ed entrava in quella che veniva – e ancora viene, laddove l’istituto trova applicazione – chiamata prorogatio. Il che, sul piano pratico, concreto e operativo, significava che l’amministratore, con buona pace del suo nuovo status di ex amministratore (o amministratore uscente), continuava a operare esattamente come prima, facendo tutto quanto faceva prima e percependo il medesimo compenso.
All’esito dell’entrata in vigore, nel 2013, della riforma del condominio del 2012, il quadro è completamente cambiato: basti dire che adesso vige l’art. 1129, ottavo comma, cod. civ., ai sensi del quale “Alla cessazione dell'incarico l'amministratore è tenuto alla consegna di tutta la documentazione in suo possesso afferente al condominio e ai singoli condomini e ad eseguire le attività urgenti al fine di evitare pregiudizi agli interessi comuni senza diritto ad ulteriori compensi”.
Come si vede, quindi, la normativa attuale incide in maniera molto più profonda non solo sugli aspetti più strettamente giuridici, ma anche sui risvolti pratici della situazione che nasce dalla cessazione dell’amministratore dal suo incarico.
Il punto è capire che cosa effettivamente succede, alla luce della normativa vigente, quando un amministratore cessa di essere tale.
Le dimissioni equivalgono alla revoca e alla cessazione
Il primo punto degno di attenzione, a livello generale, è il fatto che l’art. 1129, ottavo comma, cod. civ. non distingue le tre diverse ipotesi della fine del rapporto tra l’amministratore e il condominio: la norma parla di “cessazione dell'incarico” e con questo mette sullo stesso piano le tre ipotesi di cessazione fisiologica per scadenza dell’incarico, dimissioni volontarie e revoca. Detto altrimenti: la disciplina, che il legislatore ha dettato per il periodo successivo a quando l’amministratore ha smesso di essere tale, è la medesima a prescindere dalla ragione per cui ciò è avvenuto.
Le novità introdotte dalla riforma
Si è accennato alla circostanza che l’amministratore, pur cessato dall’incarico, continuava a operare esattamente come prima, facendo tutto quanto faceva prima e percependo il medesimo compenso.
Il legislatore ha decisamente voluto intervenire su questo stato di cose, ma durante il percorso della riforma sono state vagliate varie opzioni. Basti pensare che ad un certo punto, durante le varie scritture del testo della nuova legge, si è arrivati a questa formula: “Nell'ipotesi di revoca prima della scadenza, è dovuto all'amministratore il compenso per i successivi venti giorni per il compimento delle operazioni di presentazione del rendiconto e di successione dall'incarico, fermo restando l'obbligo della consegna immediata della cassa, del libro dei verbali e di ogni altro carteggio relativo a operazioni di riscossione delle quote, nonché a quelle da svolgere con urgenza, al fine di evitare il pregiudizio degli interessi comuni e dei singoli condomini” e alla previsione “Il compenso dell'amministratore comprende i costi delle operazioni necessarie alla successione nel suo incarico” [così il testo dell'art. 1129 c.c. licenziato in prima battuta al Senato – fonte: https://www.condominioweb.com/un-focus-sulla-prorogatio-dellamministratore-di-condominio.16237].
Adesso vige – come si è visto – il nuovo art. 1129, ottavo comma, cod. civ., che prevede l’obbligo dell’amministratore uscente di consegnare la tutta la documentazione e di compiere le “attività urgenti” allo specifico scopo di “evitare pregiudizi agli interessi comuni”. Il tutto – la norma è esplicita – “senza diritto ad ulteriori compensi”.
Che cosa se ne può e se ne deve dedurre?
L’amministratore non più in carica oggi – attività
Per fare sintesi: che cosa può e deve fare, oggi, l’amministratore che non è più in carica? Detto altrimenti: quale significato deve essere attribuito alle parole “attività urgenti al fine di evitare pregiudizi agli interessi comuni”?
Chi scrive ritiene che in tale concetto debba rientrare solo tutto ciò che risulta effettivamente urgente e indifferibile sotto pena di pregiudizio: un intervento di messa in sicurezza, il conferimento al legale dell’incarico per la costituzione in un procedimento d’urgenza, il pagamento di una bolletta che, ove non pagata, porterebbe all’interruzione del servizio, la presentazione di una dichiarazione fiscale (la cui mancata presentazione esporrebbe il condominio a sanzioni e interessi), il ritiro di un atto giudiziario notificato al condominio e la connessa informativa all’assemblea ex art. 1131, terzo comma, cod. civ. e così via.
Tutto ciò che può essere rimandato e/o lasciato al nuovo amministratore senza che il condominio subisca un autentico pregiudizio non rientra nel concetto di “attività urgenti al fine di evitare pregiudizi agli interessi comuni”.
E’ evidente che la domanda dianzi formulata non può avere una risposta che sia “buona” per tutte le latitudini e tutte le longitudini. Sarà necessario un concreto esame analitico, caso per caso, delle varie fattispecie.
L’amministratore non più in carica oggi – compensi
Come si è visto, la norma è esplicita: a sommesso avviso di chi scrive, le parole “senza diritto ad ulteriori compensi” sono di per sé sufficientemente chiare e portano a ritenere che, dopo la cessazione del suo incarico, l’amministratore non ha più diritto a percepire alcunché.
Questo è tanto più vero ed evidente alla luce del fatto che – come si è visto – la norma è cambiata nel corso della sua “gestazione”, arrivando alla attuale formulazione, nonché ala luce di come essa è cambiata.
Esiste una sola situazione, in cui l’amministratore cessato potrebbe legittimamente reclamare qualcosa: ci si riferisce all’ipotesi che, al momento della nomina dell’amministratore e, quindi, dell’indicazione del suo compenso ex art. 1129, quattordicesimo comma, cod. civ., l’assemblea e l’amministratore abbiano pattuito – con valenza, quindi, contrattuale – a favore del secondo uno specifico compenso per l’attività di passaggio di consegne. Tale pattuizione “sopravvivrebbe” alla cessazione dell’amministratore e, proprio perché “nata” specificamente in previsione del momento in cui l’amministratore avrebbe dovuto fare qualcosa senza essere più in carica, non sarebbe resa inefficacn dalla citata previsione dell’art. 1129, ottavo comma, cod. civ..
Per essere chiari:
 se, dopo la cessazione del suo incarico, ordinasse e seguisse un intervento di messa in sicurezza, l’amministratore non avrebbe diritto ad alcun compenso;
 se, dopo la cessazione del suo incarico, segue il passaggio di consegne con il suo successore, l’amministratore non ha diritto a percepire la somma a suo tempo espressamente e specificamente pattuita per tale attività.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – crediti vecchi, rendiconto e decreto ingiuntivo

Con una recente pronuncia – sentenza n. 3847 del 15.2.2021 – la Suprema Corte ha preso una chiara posizione in merito ai crediti del condominio risalenti nel tempo, al loro inserimento nei rendiconti degli anni successivi e, quindi, alla facoltà dell’amministratore di chiedere e ottenere ex art. 63 disp. att. cod. civ., relativamente a detti crediti “vecchi”, il decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il verbale dell’assemblea deve avere la forma scritta e il contenuto della riunione non può essere provato per testi

Una recente pronuncia della Corte d’Appello di Genova – la sentenza n. 106 del 29.1.2021 – fornisce l’occasione per alcune considerazioni su un tema che può apparire banale, ma che poi così scontato non è se è vero – com’è vero – che sul punto si continua a litigare

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la manutenzione / riparazione del cortile comune che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse e il tema dell’impermeabilizzazione

Un tema sempre “caldo” è quello della ripartizione delle spese necessarie alla manutenzione / riparazione del cortile condominiale che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse. Anche in epoca recente la giurisprudenza è intervenuta sul punto – si parla della sentenza Tribunale Roma 14.1.2021 n. 665 – per ribadire e confermare l’orientamento interpretativo consolidatosi nel tempo. Orientamento interpretativo che – vale la pena di dirlo – non risulta del tutto alieno da qualche perplessità

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il condomino è efficacemente convocato se l’avviso di convocazione all’assemblea arriva al suo indirizzo nei termini di legge

In epoca molto recente il Tribunale di Roma ha affrontato la questione (invero, già ben nota) dell’efficacia – intesa come tempestività – della trasmissione dell’avviso di convocazione all’assemblea condominiale, avvenuta con lettera raccomandata non ritirata per l’assenza del destinatario

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’“impugnativa” degli atti dell’amministratore

L’art. 1133 cod. civ. è probabilmente, tra le disposizioni vigenti in materia di condominio, quella che ha avuto – e ancora ha – la minore “ricaduta” concreta (nel senso di minore applicazione). In realtà, è una norma perfettamente coerente con i principi base dell’“universo condominio” e, se letta e analizzata bene, potrebbe anche essere efficacemente utilizzata in molte situazioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’assemblea in videoconferenza: spunti di riflessione

La storia – talmente recente da poter essere considerata ancora cronaca – è mota: con il c.d. Decreto agosto – cioè il D.L. 14.8.2020 n. 104, convertito con modifiche dalla L. 13.10.2020 n. 126, in vigore dal 14 ottobre 2020 – è intervenuto sulle modalità di convocazione e svolgimento delle assemblee condominiali, introducendo espressamente la possibilità che l’assemblea condominiale si svolga da remoto. C’è stato poi un repentino ripensamento: la norma di agosto / ottobre è stata successivamente modificata – a opera del D.L. 7.10,2020 n. 125, convertito con modifiche dalla L. 27.11.2020 n. 159 – nel senso di prevedere che la legittimità dell’assemblea in videoconferenza derivi dal consenso non di tutti i condomini, ma della maggioranza dei medesimi. La nuova norma è scritta molto male, ma si può tentare di interpretarla meglio

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eventuale sussistenza di irregolarità meramente formali relative all’assemblea in prima convocazione non impatta sull’assemblea in seconda convocazione

Un recente pronuncia del Tribunale di Cosenza – si parla della sentenza 30.11.2020 n. 2131 – riprende, confermandolo, il più risalente insegnamento della Suprema Corte in merito alla possibilità di svolgere l’assemblea in seconda convocazione anche se non c’è il verbale relativo all’assemblea in prima convocazione andata “deserta”

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – un bar è un bar e non è un’altra cosa e può essere aperto in un condominio se il regolamento condominiale di natura contrattuale non lo vieta espressamente

A fine 2020 il Tribunale di Pisa – la sentenza è la n. 1181 del 28.12.2020 – è tornato sull’argomento dei divieti e dei limiti imposti alla proprietà privata dal regolamento condominiale di natura contrattuale e lo ha fatto esaminando specificamente il presunto divieto di adibire le unità in condominio a bar

leggi tutto