LSMI19 Diritto condominiale
18 novembre 2021
Diritto condominiale

Condominio – l’androne comune non rientra nell’ambito di applicazione dell’art. 1126 cod. civ.

Condominio – l’androne comune non rientra nell’ambito di applicazione dell’art. 1126 cod. civ.

Nella quotidiana esperienza dell’“universo condominio” capita di imbattersi con una certa frequenza in un problema pratico di applicazione dell’art. 1126 cod. civ..
In sostanza, ci si chiede se l’androne comune, cui il lastrico solare fa innegabilmente da copertura, rientri nell’ambito di applicazione dell’art. 1126 cod. civ. e, quindi, se i 2/3 della spesa debbano essere ripartiti anche tra tutti i partecipanti al condominio in veste di comproprietari del citato androne.

I termini della questione e la disposizione applicabile
Schematicamente:
• un lastrico sola necessita di un intervento manutentivo;
• l’assemblea delibera l’effettuazione di detto intervento e, con essa, la relativa spesa;
• “entra in gioco” l’art. 1126 cod. civ., ai sensi del quale quella spesa deve essere ripartita come segue: 1/3 a carico dei condomini “che ne hanno l'uso esclusivo” e 2/3 “a carico di tutti i condomini dell'edificio o della parte di questo a cui il lastrico solare serve, in proporzione del valore del piano o della porzione di piano di ciascuno”;
• il lastrico solare serve da copertura per alcuni appartamenti, ma anche per una porzione dell’androne comune, dell’ingresso dell’edificio condominiale.
La domanda, cui si deve dare risposta, è semplice: i 2/3 della spesa devono essere ripartiti solo tra i proprietari delle unità immobiliari di proprietà esclusiva che si trovano nella proiezione verticale del lastrico, oppure a tale spesa devono contribuire anche tutti i condomini in quanto comproprietari dell’androne comune (che si trova anch’esso nella proiezione verticale del lastrico e a cui, pertanto, il lastrico serve da copertura)?
L’insegnamento della giurisprudenza
E’ agevole trovare la risposta – formulata, tra l’altro, in maniera chiara e inequivocabile – nella giurisprudenza della Suprema Corte, cui “fa eco” anche la giurisprudenza di merito.
Soccorre, al riguardo, Cass. 10.5.2017 n. 11484, la cui massima recita “In tema di condominio negli edifici, l'art. 1126 c.c., allorché pone l’obbligo di partecipare alla spesa relativa alle riparazioni del lastrico solare di uso esclusivo, nella misura di due terzi, a carico di "tutti i condomini dell'edificio o della parte di questo a cui il lastrico solare serve", fa riferimento ai soli condomini che siano anche proprietari individuali delle singole unità immobiliari comprese nella proiezione verticale di detto lastrico ed alle quali esso funge da copertura, mentre restano esclusi gli altri condomini alle cui porzioni individuali il lastrico stesso non sia sovrapposto, indipendentemente dall'esistenza, nella colonna d'aria ad esso sottostante, di parti comuni”.
In senso conforme si veda Cass. 4.6.2001 n. 7472.
Molto interessante appare il ragionamento seguito dalla Corte, che si rifà a sue precedenti statuizioni.
Nella parte motiva della sentenza n. 11484/2017 si legge:
“L'art. 1126 c.c., obbligando a partecipare alla spesa relativa alle riparazioni del lastrico solare di uso esclusivo, nella misura di due terzi, "tutti i condomini dell'edificio o della parte di questo a cui il lastrico solare serve", si riferisce evidentemente a coloro ai quali appartengono unità immobiliari di proprietà individuale comprese nella proiezione verticale del manufatto da riparare o ricostruire, alle quali, pertanto, esso funge da copertura, con esclusione dei condomini ai cui appartamenti il lastrico stesso non sia sovrapposto (cfr. Cass. Sez. 2, n. 7472 del 04/06/2001; Cass. Sez. 2, n. 3542 del 15/04/1994; Cass. Sez. 2, n. 244 del 29/01/1974; anche Cass. Sez. 2, n. 2726 del 25/02/2002).
 Come meglio ancora spiegato da Cass. Sez. 2, n. 2821 del 16/07/1976, l'obbligo di partecipare alla ripartizione dei cennati due terzi della spesa non deriva, quindi, dalla sola, generica, qualità di partecipante del condominio (come invece ha ritenuto la Corte d'Appello di Milano), ma dall'essere proprietario di un'unità immobiliare compresa nella colonna d'aria sottostante alla terrazza o al lastrico oggetto della riparazione. Del resto, è pressoché inevitabile che la terrazza a livello o il lastrico di uso esclusivo coprano altresì una o più parti che siano comuni a tutti i condomini, e non solo a quelli della rispettiva ala del fabbricato, come, ad esempio, il suolo su cui sorge l'edificio, la facciata, le fondazioni, ma se bastasse ciò per chiamare a concorrere alle spese del bene di copertura tutti i condomini, l'art. 1126 c.c., non avrebbe alcuna pratica applicazione”.
Come si accennava, il principio espresso da Cass. 10.5.2017 n. 11484 è ripreso anche dalla giurisprudenza di merito: in epoca recente, Tribunale Salerno 25.3.2019 n. 1094 (in Redazione Giuffrè 2019).
Chi scrive trova convincente e condivide il ragionamento della giurisprudenza, come sopra riferito.
In effetti, già la disposizione dell’art. 1126 cod. civ. induce – nel suo tenore letterale – a escludere dal suo ambito di applicazione i condomini tutti in quanto comproprietari dell’androne: il riferimento alla ripartizione della spesa dei 2/3 tra “tutti i condomini (…) della parte di questo [l’edificio – n.d.r.] a cui il lastrico solare serve” induce a ritenere che il legislatore abbia sempre inteso coinvolgere solo i proprietari delle unità coperte dal lastrico e non tutti i condomini indiscriminatamente.
E’, del resto, condivisibile il rilievo secondo cui una diversa “lettura” della norma la priverebbe, in sostanza, di applicazione pratica: è, infatti, evidente che il lastrico, in quanto parte del sistema di copertura, non può non servire, per l’appunto, da copertura a qualche parte comune. Non fosse altro che al “suolo su cui sorge l'edificio”, parte comune ex art. 1117 cod. civ..
L’intera compagine condominiale sarebbe, per ciò stesso, sempre e comunque tenuta a concorrere ai 2/3 della spesa. Il che porterebbe a chiedersi la ragione della stessa esistenza dell’art. 1126 cod. civ..
Inoltre, sarebbe anche oltremodo difficile quantificare la parte di spesa che fa carico a ognuno:
 la norma dice che la ripartizione tra i condomini coinvolti avviene “in proporzione del valore del piano o della porzione di piano di ciascuno”;
 ma, se tutti i condomini fossero coinvolti, sarebbe impossibile procedere a una quantificazione diversa rispetto a quella di cui alle tabelle millesimali;
 e ancora: i condomini dei due o tre piani sottostanti al lastrico sarebbero coinvolti nella spesa in ragione dei loro millesimi per due volte (la prima per in quanto proprietari delle unità e la seconda in quanto comproprietari dell’androne).
Considerazione finale e di sintesi
L’applicazione, che – come sopra ricordato – la giurisprudenza fa dell’art. 1126 cod. civ., è senz’altro corretta: essa è in linea con la ratio legis [il legislatore ha chiaramente inteso escludere dalla spesa in questione i condomini che non hanno le loro unità sotto al lastrico] e, inoltre, rende la norma concretamente applicabile.
Da qui, la risposta alla domanda sopra formulata: i 2/3 della spesa devono essere ripartiti unicamente tra i proprietari delle unità immobiliari di proprietà esclusiva che si trovano nella proiezione verticale del lastrico, con esclusione di tutti gli altri condomini.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – forma e contenuto del rendiconto straordinario

La riforma del 2012 / 2013 ha introdotto l’art. 1130 bis cod. civ., rubricato “Rendiconto condominiale”, che disciplina compiutamente – benché con qualche ambiguità e qualche “zona grigia” su cui è dovuta intervenire l’interpretazione giurisprudenziale – il documento che l’amministratore deve redigere e sottoporre alla compagine condominiale al termine della gestione ordinaria annuale. Si vuole qui compiere una sintetica riflessione sulla portata di questa disciplina, con particolare e specifico riferimento alla sua applicabilità al rendiconto relativo a un intervento straordinario.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la legittimazione dell’amministratore a resistere in giudizio e a proporre appello

La sentenza n. 22958 della Suprema Corte, pubblicata in data 22.7.2022 ha puntualizzato alcuni concetti di base in ordine alla legittimazione passiva dell’amministratore e ai rapporti tra quest’ultimo e l’assemblea in ipotesi di impugnazione di delibere assembleari e altri giudizi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – ancora sul tema dell'approvazione del rendiconto come strumento di tacita ratifica delle spese non autorizzate dall’assemblea

Una recente pronuncia del Tribunale di Ivrea offre lo spunto per tornare sul tema della ratifica – a opera della compagine condominiale attraverso l’approvazione del rendiconto – di una spesa non deliberata ex ante dall’assemblea e compiuta dall’amministratore al di fuori dell’ambito delle sue attribuzioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto