LSMI19 Diritto condominiale
13 febbraio 2021
Diritto condominiale

Condominio – l’approvazione e la revisione delle tabelle millesimali

Condominio – l’approvazione e la revisione delle tabelle millesimali

La normativa in tema di approvazione e la revisione delle tabelle millesimali appare molto chiara e altrettanto rigorosa.
La giurisprudenza, tuttavia, è intervenuta a chiarire l’applicazione concreta di tale normativa e, quindi, a “mitigare” questo rigore.
In epoca recente il Tribunale di Monza è tornato sull’argomento e ha ribadito con forza i principi ormai consolidati in materia

Lo scenario generale e il quadro normativo di riferimento
Le disposizioni che “entrano in gioco” sono gli artt. 68 e 69 disp. att. cod. civ., che rispettivamente recitano così:
“Ove non precisato dal titolo ai sensi dell'articolo 1118, per gli effetti indicati dagli articoli 1123, 1124, 1126 e 1136 del codice, il valore proporzionale di ciascuna unità immobiliare è espresso in millesimi in apposita tabella allegata al regolamento di condominio.
Nell'accertamento dei valori di cui al primo comma non si tiene conto del canone locatizio, dei miglioramenti e dello stato di manutenzione di ciascuna unità immobiliare” [art. 68];
 “I valori proporzionali delle singole unità immobiliari espressi nella tabella millesimale di cui all'articolo 68 possono essere rettificati o modificati all'unanimità. Tali valori possono essere rettificati o modificati, anche nell'interesse di un solo condomino, con la maggioranza prevista dall'articolo 1136, secondo comma, del codice, nei seguenti casi:
1) quando risulta che sono conseguenza di un errore;
2) quando, per le mutate condizioni di una parte dell'edificio, in conseguenza di sopraelevazione, di incremento di superfici o di incremento o diminuzione delle unità immobiliari, è alterato per più di un quinto il valore proporzionale dell'unità immobiliare anche di un solo condomino. In tal caso il relativo costo è sostenuto da chi ha dato luogo alla variazione.
Ai soli fini della revisione dei valori proporzionali espressi nella tabella millesimale allegata al regolamento di condominio ai sensi dell'articolo 68, può essere convenuto in giudizio unicamente il condominio in persona dell'amministratore. Questi è tenuto a darne senza indugio notizia all'assemblea dei condomini. L'amministratore che non adempie a quest'obbligo può essere revocato ed è tenuto al risarcimento degli eventuali danni.
Le norme di cui al presente articolo si applicano per la rettifica o la revisione delle tabelle per la ripartizione delle spese redatte in applicazione dei criteri legali o convenzionali” [art. 69]
Le previsioni normative appaiono molto chiare e, proprio per questo, relativamente semplici.
La giurisprudenza, tuttavia, è intervenuta per approfondire e meglio delineare il concetto contenuto nelle parole “I valori proporzionali delle singole unità immobiliari espressi nella tabella millesimale di cui all'articolo 68 possono essere rettificati o modificati all'unanimità”
L’interpretazione della normativa vigente e la sua applicazione pratica
In buona sostanza, la giurisprudenza ha – per così dire – “ricostruito” la materia in questo modo:
a) le tabelle millesimali possono essere approvate e/o modificate all’unanimità;
b) le tabelle millesimali possono essere rettificate e/o modificate a maggioranza – in questo caso si tratta del 50% + 1 dei condomini intervenuti in assemblea, titolari di almeno 500/1.000 – quando la loro revisione si rende necessaria a causa di un errore o per effetto di un mutamento della situazione di fatto di una o più unità immobiliari.
Per la prima ipotesi, si pensi al caso in cui solo successivamente alla redazione e adozione delle tabelle qualcuno si accorge che queste contengono un errore, magari anche molto “banale” (come un mero errore di calcolo).
Per la seconda ipotesi, si pensi al caso in cui un condomino abbia acquistato dal suo vicino di pianerottolo una stanza, che abbia quindi, “incorporato” nel suo appartamento, o anche al caso in cui il proprietario dell’ultimo piano abbia sopraelevato per recuperare un sottotetto e abbia, così, aumentato la superficie e la consistenza della sua unità abitativa;
c) a parziale deroga – e a migliore “declinazione” – di quanto sub a), bisogna distinguere tra
• tabelle millesimali, a mezzo delle quali si sia voluto coscientemente e deliberatamente derogare ai criteri di ripartizione delle spese previsti dalla legge (con ciò dando vita alla “diversa convenzione” di cui all’art. 1123, primo comma, cod. civ.), e
• tabelle millesimali, a mezzo delle quali si sia, invece, voluto dare applicazione ai criteri di ripartizione delle spese previsti dalla legge.
Le tabelle del primo tipo hanno natura negoziale e devono, quindi, necessariamente essere approvate / rettificate / modificate all’unanimità.
Le tabelle del secondo tipo, invece, non hanno tale natura e possono, quindi, essere approvate / rettificate / modificate con la maggioranza prevista dall’art. 1136, secondo comma, cod. civ., vale a dire 50% + 1 dei condomini intervenuti in assemblea e 500/1000.
Sul punto, la Suprema Corte è stata molto chiara: “Per l'atto di approvazione delle tabelle millesimali e per quello di revisione delle stesse, è sufficiente la maggioranza qualificata di cui all'art. 1136, comma 2, c.c., ogni qual volta l'approvazione o la revisione avvengano con funzione meramente ricognitiva dei valori e dei criteri stabiliti dalla legge; viceversa, la tabella da cui risulti espressamente che si sia inteso derogare al regime legale di ripartizione delle spese, ovvero approvare quella "diversa convenzione", di cui all'art. 1123, comma 1, c.c., rivelando la sua natura contrattuale, necessita dell'approvazione unanime dei condomini” (così Cass. 10.3.2020 n. 6735. In senso conforme si veda Cass. 25.10.2018, n. 27159. In materia e a supporto si può vedere anche Cass. 25.1.2018 n. 1848.
Con la sua sentenza 4.1.2021 n. 25 Tribunale di Monza è – per così dire – “andato in scia” di questo insegnamento giurisprudenziale (che ha evidentemente dimostrato di condividere appieno) e ha ribadito che le tabelle millesimali prive di natura negoziale possono essere approvate / rettificate / modificate con la maggioranza prevista dall’art. 1136, secondo comma, cod. civ..
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – quando e come la mediazione impedisce la decadenza dall'impugnazione della delibera

L’art. 1137, secondo comma, cod. civ. prevede il diritto dei condomini di impugnare le delibere assembleari contrarie alla legge o al regolamento di condominio e impone l’obbligo – a pena di decadenza – di esercitare tale diritto entro trenta giorni.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: il quorum costitutivo è un requisito permanente dell'assemblea

E’ noto a tutti che l’assemblea di condominio si considera “regolarmente costituita” ex art. 1136, primo e terzo comma, cod. civ. se ad essa interviene un certo numero, minimo, di condomini, titolari di un certo quantitativo, minimo, di millesimi. La presenza di questi numeri minimi all’apertura dei lavori dell’assemblea, tuttavia, non basta: essa deve sussistere per l’intera durata della riunione, a pena di sopravvenuta inesistenza dell’assemblea condominiale.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: in caso di mancata convocazione la prova di resistenza non serve

Ci si interroga sulla possibilità di “salvare” la delibera impugnata dal condomino che non è stato convocato: si può fingere che il condomino sia intervenuto e abbia votato e, quindi, conteggiare il suo voto come se fosse stato espresso e, all’esito, annullare la delibera solo se quel voto risulta determinante? Detto altrimenti: il vulnus della mancata convocazione attiene unicamente al voto oppure si deve ritenere che vi sia qualcosa di più grave, tale da precludere la possibilità di quel “salvataggio”?

leggi tutto