LSMI19 Diritto condominiale
18 aprile 2019
Diritto condominiale

Condominio: l’assemblea può essere convocata via e-mail?

Condominio: l’assemblea può essere convocata via e-mail?

La riforma del diritto del condominio, risalente al 2012 / 2013, ha modificato – tra le altre – la disposizione contenuta nell’art. 66, terzo comma, disp. att. cod. civ., relativa agli strumenti che l’amministratore può e deve utilizzare per convocare l’assemblea.

Più precisamente, il legislatore – si veda infra – ha specificamente menzionato gli strumenti per l’invio ai condomini dell’avviso di convocazione.
Questa modifica ha fatto sorgere un dubbio: l’eventuale utilizzo di strumento doversi rispetto a quelli espressamente menzionati dell’art. 66, terzo comma, disp. att. cod. civ. impatta sulla validità dell’assemblea?
Il dato normativo
E’ senz’altro opportuno, per capire la questione e “inquadrare” la sua genesi, prendere le mosse dal dato normativo:
 l’art. 66, terzo comma, disp. att. cod. civ., come modificato dalla riforma del 2012 / 2013, recita: “L'avviso di convocazione (…) deve essere comunicato almeno cinque giorni prima della data fissata per l'adunanza in prima convocazione, a mezzo di posta raccomandata, posta elettronica certificata, fax o tramite consegna a mano ..”
 prima della riforma del 2012 / 2013, l’art. 66, terzo comma, disp. att. cod. civ. recitava: “L'avviso di convocazione deve essere comunicato ai condomini almeno cinque giorni prima della data fissata per l'adunanza”.
Il testo è palesemente cambiato. Si tratta, quindi, di capire quale fosse l’intenzione del legislatore e se questa modifica debba avere conseguenze concrete nella vita quotidiana dei condominii.
L’interpretazione
La giurisprudenza di merito – in questo, “spalleggiata” dalla dottrina – ha subito assunto una posizione molto formale e rigorosa, facendo tacitamente ricorso al noto principio interpretativo ubi lex voluit dixit e, quindi, attribuendo alla modifica introdotta dal legislatore la valenza di una era e propria modifica sostanziale.
A tale riguardo, è significativa la sentenza del Tribunale di Genova 23.10.2014 (in Archivio delle locazioni 2015, 4, 435), la cui massima “suona” così: “In tema di avviso di convocazione dell'assemblea, se prima della riforma dell'istituto condominiale intervenuta con la l. n. 220 del 2012 vigeva il principio di libertà delle forme (per cui l'unico criterio concretamente applicabile doveva ritenersi quello che garantisse il raggiungimento dello scopo), ai sensi del nuovo disposto dell'art. 66, comma 3, disp. att. c.c. l'amministratore del condominio deve utilizzare le forme scritte imposte dalla norma. Conseguentemente, in caso di comunicazione effettuata dall'amministratore mediante posta elettronica certificata, la stessa può ritenersi validamente effettuata ai sensi di legge solamente se entrambi gli utenti (mittente e destinatario) siano titolari di PEC”.
L’idea di fondo era – ed è – questa:
 modificando l’art. 66, terzo comma, disp. att. cod. civ., il legislatore ha inteso tipizzare le forme della comunicazione, limitandole alle quattro espressamente menzionate;
 ne viene che qualsiasi altra forma di comunicazione deve essere considerata contra legem e, per ciò stesso, inammissibile;
 questo ha “fatto giustizia” del criterio di fondo del raggiungimento dello scopo, alla luce del quale sono state sempre ammesse le modalità equivalenti e equipollenti.
L’interpretazione – segue
In epoca molto recente – siamo al 3.1.2019 – è intervenuta sullo specifico punto delle modalità di trasmissione dell’avviso di convocazione anche la Corte d’Appello di Brescia [sentenza n. 4/2019], la quale
a) in astratto, ha condiviso il pensiero generale del Tribunale di Genova;
b) in concreto, però, ha valorizzato la volontà e il comportamento delle parti.
Per quanto sub a), la Corte ha confermato che “è corretto ritenere che unico strumento equipollente alla raccomandata indicata dalla disposizione di legge è la comunicazione PEC, posto che solo con tale modalità perviene al notificante un messaggio di accettazione e consegna dell'avviso”.
Per quanto sub b), la Corte ha rilevato come fosse stato lo stesso condomino attore “ad aver richiesto la comunicazione avverso un mezzo "informale" quale la e.mail, non avendo egli indicato un indirizzo PEC bensì l'indirizzo, mail, .. ” e ne ha tratto la conclusione che “ .. l'invio della mail (…) ha rispettato le forme indicate dal condomino”.
Come si vede, due impostazioni teoriche – quasi due “filosofie” – diverse: la prima attribuisce grande valore al dato normativo e alla certezza che deriverebbe dalla sua applicazione rigorosa, mentre la seconda attribuisce maggiore importanza alla realtà sostanziale, destinata – questa è la logica di base – a prevalere sulla forma.
Riflessione finale
A sommesso avviso di chi scrive, la forma è senz’altro molto importante, ma non può e non deve prevalere sempre e comunque: se si dimostra che l’avviso di convocazione dell’assemblea, a prescindere dalla modalità di invio, è effettivamente giunto al suo destinatario, negare validità a tale convocazione e, quindi, alla delibera in seguito adottata appare come una palese “forzatura”.
Da qui, un’altra duplice considerazione:
• il condomino, il quale impugnasse la delibera, dovrebbe allegare di non aver mai ricevuto la convocazione, lasciando al Condominio l’onere di provare il contrario;
• dare atto dell’arrivo della convocazione con una modalità diversa rispetto a quelle previste dalla legge equivale comunque a riconoscere che l’avviso è arrivato e ha raggiunto il suo scopo.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

La “nascita” del condominio, la presunzione di proprietà comune e l’individuazione delle proprietà individuali attraverso il titolo contrario

Il condominio costituisce una situazione di comproprietà indivisa: quando esiste un edificio composto da unità immobiliari di proprietari diversi, alcune parti di tale edificio “Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio” (art. 1117, primo comma, cod. civ.). Si tratta essenzialmente di “tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune” (art. 1117, primo comma, n. 1) cod. civ.). Ma quando sorge il condominio e quali sono i criteri per individuare le parti comuni e distinguerle dalle parti dell’edificio di proprietà individuale?

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in merito alle morosità condominiale nell’epoca del Covid19

In questo periodo, con l’emergenza sanitaria e le tristemente note – e, comunque, facilmente intuibili – ricadute economiche su tutti gli italiani, si pone in maniera tutt’altro che secondaria il tema della morosità condominiale e del circolo vizioso, che questa crea di provocare.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in ordine alla gestione del condominio nelle circostanze eccezionali imposte dal Covid-19 – il ruolo di primo piano degli amministratori e l’importanza della stretta collaborazione tra amministratori e amministrati

Tra le misure, adottate e quindi imposte dal Governo per fronteggiare la diffusione del contagio da Covid-19, spicca il divieto di assembramenti: in sostanza, non ci si può riunire, né in luoghi pubblici né in luoghi privati, per incontri, riunioni, convegni e altro. Il divieto riguarda anche le assemblee condominiali, riunioni nell’ambito delle quali il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro è, di fatto, impossibile. Si pone, quindi, il problema del rischio di una sostanziale “paralisi” della vita dei condominii, enti di gestione che sono stati privati dei loro organi decisionali.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [parte 2]

In questa seconda parte del contributo sul tema della eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati, l’attenzione si concentrerà in particolare sui concetti introdotti dall’art. 4, commi 4 e 5, L. 9.1.1989 n. 13 e cioè sui presupposti, i limiti e le condizioni del legittimo diniego a un intervento edilizio su un edificio vincolato.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [Parte 1]

Per ovvie ed evidenti ragioni, nel Belpaese l’esigenza di trovare un compromesso, di individuare un soddisfacente punto di incontro tra la tutela del patrimonio immobiliare storico / artistico e la protezione delle persone che, negli edifici assoggettati a tali vincoli, abitano e lavorano, è particolarmente sentita. Negli anni, con il mutare della sensibilità sociale e l’aumento dell’attenzione a certi temi, si è assistito a un’autentica evoluzione, a una vera e propria “rivoluzione” che ha portato a “mettere a fuoco” una serie di principi fondamentali. Un’attenzione particolare è stata – ed è – dedicata al bilanciamento di interessi tra la tutela delle persone in difficoltà e la salvaguardia del patrimonio storico / artistico

leggi tutto
4 ottobre 2018

Lastrico solare in condominio: nel silenzio dell’art. 1126 cod. civ., chi decide di eseguire l’intervento di manutenzione?

Il codice civile, all’art. 1126 cod. civ., detta la regola per ripartire le spese legate agli interventi manutentivi sui lastrici solari, ma nulla dice in merito all’individuazione del soggetto legittimato a decidere se dare corso oppure no a quegli interventi. In questa sede si vuole rispondere a questa precisa e specifica domanda: chi ha il potere di decidere di eseguire la manutenzione sui lastrici solari?

leggi tutto
4 ottobre 2018

L’assemblea ordinaria del super-condominio

La riforma del condomino del 2012 / 2013 ha “fatto emergere” e regolamentato – benché in maniera lacunosa e poco chiara, pur ponendosi l’obiettivo di “snellire” – il fenomeno del super-condominio. Tra gli elementi più caratteristici c’è una sorta di “sdoppiamento” dell’assemblea ordinaria, nella quale sono chiamati ad esprimete il voto soggetti diversi a seconda delle materie contenute nel’o.d.g..

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – nessun interesse a impugnare se, sul piano economico, il pregiudizio è modesto

Ai sensi dell’art. 1137 cod. civ., ciascun condomino è legittimato a impugnare davanti all’Autorità Giudiziaria, chiedendone l’annullamento, le delibere “contrarie alla legge o al regolamento di condominio”. In alcuni casi e per specifiche ragioni, autorevolmente individuate da Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806, le delibere non sono annullabili, ma nulle, con la conseguenza – tra le altre – che il condomino può impugnarle senza limitazioni di tempo, chiedendo non il loro annullamento, ma l’accertamento – e, con esso, la dichiarazione – della loro nullità. In sede di impugnazione, il condomino attore deve dimostrare di avere un preciso interesse all’accertamento di tale nullità, in assenza del quale la sua domanda è destinata al rigetto.

leggi tutto