LSMI19 Diritto condominiale
18 novembre 2021
Diritto condominiale

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche deve essere vista nell’ottica della solidarietà condominiale

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche deve essere vista nell’ottica della solidarietà condominiale

Una recente pronuncia del Tribunale di Vicenza – è la n. 1370 del 1.7.2021, pubblicata in www.condominioweb.com del 24.8.2021 – fornisce il pretesto per alcune considerazioni in ordine agli interventi volti all’eliminazione delle barriere architettoniche e alla loro “lettura” alla luce del principio della c. d. solidarietà condominiale

I termini della questione
In via di estrema sintesi, può dirsi che il tema specifico è costituto dalla possibilità di far coesistere l’applicazione della normativa sull’eliminazione delle barriere architettoniche con il rispetto dei diritti dei condomini sulle parti comuni.
Il caso concreto e specifico – che appare, tuttavia, anche paradigmatico e, quindi, idoneo a essere visto come una fattispecie di più ampio e generale “respiro” – è, in buona sostanza, questo:
 in un condominio matura, in seno alla maggioranza, l’idea di installare un ascensore comune;
 l’installazione di tale impianto è possibile;
 tale possibilità, tuttavia, si accompagna necessariamente a un qualche “sacrificio” di alcune parti comuni, il cui godimento da parte dei condomini diventerebbe, all’esito dell’installazione, qualitativamente e/o quantitativamente meno agevole.
La domanda da porsi è semplice: si deve (e, se sì, come si può) affermare il diritto all’installazione di un ascensore quando il relativo intervento ha, come conseguenza, una siffatta diminuzione del godimento di parti comuni dell’edificio?
Considerazioni di carattere generale: il favor per il tema dell’eliminazione delle barriere architettoniche
Come correttamente evidenzia il Tribunale di Vicenza, l’eliminazione delle barriere architettoniche al fine di agevolare l’accessibilità degli edifici è stata, negli anni, oggetto di una condivisibile evoluzione giurisprudenziale “ispirata all’assetto normativo costituito dalle norme di legge ordinaria (…) ed ai valori costituzionali (diritto alla salute, tutela dei diritti fondamentali della persona)”.
Nel nostro ordinamento, del resto, è chiaramente individuabile un forte favor rispetto a questo tema, tanto del legislatore quanto della magistratura.
Sotto il primo profilo, basta pensare alla L. 9.1.1989 n. 13, adottata ormai ben trentadue anni fa, specificamente dettata in materia di eliminazione delle barriere architettoniche, e alla più recente riforma del diritto condominiale, che ha introdotto – si tratta del nuovo art. 1120, secondo comma, n. 2), cod. civ. – un quorum deliberativo più facilmente raggiungibile per le innovazioni “che (…) hanno ad oggetto (…) le opere e gli interventi previsti per eliminare le barriere architettoniche”.
Si tratta sempre di normative che hanno lo scopo di rendere più agevole – e ipso facto di diffondere – l’abbattimento delle barriere architettoniche.
Sotto il secondo profilo, si richiamano le molte pronunce (già esaminate su queste stesse pagine) che hanno portato ad allargare – estendendolo anche alle persone anziane – l’ambito di applicazione della normativa di settore e a superare il tema della necessaria – per tale applicazione – presenza in condominio di un disabile.
Considerazioni di carattere generale: la c. d. solidarietà condominiale.
In questo specifico ambito, interpreta un ruolo importante la c. d. solidarietà condominiale.
Si tratta di un condivisibile concetto di fonte giurisprudenziale, elaborato nel corso degli anni.
Essa consiste nel principio “secondo il quale la coesistenza di più unità immobiliari in un unico fabbricato implica di per sé il contemperamento di vari interessi, tra i quali deve includersi anche quello delle persone disabili all'eliminazione delle barriere architettoniche, oggetto di un diritto fondamentale, che prescinde dall'effettiva dell'utilizzazione da parte di costoro degli edifici interessati” [così Cass. 28.3.2017 n. 7938. In senso conforme, tra le molte, si vedano Cass. 9.3.2017 n. 6129 e Cass. 5.8.2015 n. 16486. In epoca più recente si registra Cass. 26.11.2019 n. 30838, la cui massima lascia spazio a ben pochi dubbi: “Il principio di solidarietà condominiale impone di facilitare l'eliminazione delle barriere architettoniche”].
Considerazioni finali e di sintesi
A questo specifico riguardo, soccorre ancora la più volte citata pronuncia del Tribunale di Vicenza, le cui parole possono essere nuovamente “prese in prestito” per esprimere i concetti di fondo.
In definitiva e in conclusione, può dirsi questo:
• l’installazione ex novo di un ascensore all’interno di un condominio costituisce un’innovazione ex artt. 1120 e 1121 cod. civ..
Sul punto, l’insegnamento della giurisprudenza è “solido”: per tutte, si veda Cass. 14.9.2017 n. 21339;
• quando l’esecuzione del relativo intervento porta con sé una – queste le parole del Tribunale di Vicenza – “sfumata, ridotta ‘fruibilità’ di porzioni comuni dell’edificio” e questa è “indispensabile e inevitabile per l’installazione del manufatto”, allora “gli interessi in potenziale conflitto vanno valutati in un’ottica comparativa”;
• questa comparazione deve avvenire “alla luce di un’interpretazione costituzionalmente orientata” e nell’ambito della già vista solidarietà condominiale;
• in questa prospettiva, la menzionata “sfumata, ridotta ‘fruibilità’ di porzioni comuni dell’edificio” assume “valenza recessiva” e non può, quindi, essere invocata per “giustificare il divieto dell’installazione del manufatto”;
• l’unico caso di innovazione vietata resta – ai sensi dell’art. 1120, quarto comma, cod. civ. – quella degli interventi “che possano recare pregiudizio alla stabilità o alla sicurezza del fabbricato, che ne alterino il decoro architettonico o che rendano talune parti comuni dell'edificio inservibili all'uso o al godimento anche di un solo condomino”.
Detto in parole molto più semplici: se l’installazione di un ascensore porta con sé una limitazione solo parziale e limitata del godimento delle parti comuni, i condomini non direttamente interessati a tale ascensore devono, comunque, accettare questa limitazione e, quindi, “sopportare” l’installazione dell’impianto.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – quando e come la mediazione impedisce la decadenza dall'impugnazione della delibera

L’art. 1137, secondo comma, cod. civ. prevede il diritto dei condomini di impugnare le delibere assembleari contrarie alla legge o al regolamento di condominio e impone l’obbligo – a pena di decadenza – di esercitare tale diritto entro trenta giorni.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: il quorum costitutivo è un requisito permanente dell'assemblea

E’ noto a tutti che l’assemblea di condominio si considera “regolarmente costituita” ex art. 1136, primo e terzo comma, cod. civ. se ad essa interviene un certo numero, minimo, di condomini, titolari di un certo quantitativo, minimo, di millesimi. La presenza di questi numeri minimi all’apertura dei lavori dell’assemblea, tuttavia, non basta: essa deve sussistere per l’intera durata della riunione, a pena di sopravvenuta inesistenza dell’assemblea condominiale.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: in caso di mancata convocazione la prova di resistenza non serve

Ci si interroga sulla possibilità di “salvare” la delibera impugnata dal condomino che non è stato convocato: si può fingere che il condomino sia intervenuto e abbia votato e, quindi, conteggiare il suo voto come se fosse stato espresso e, all’esito, annullare la delibera solo se quel voto risulta determinante? Detto altrimenti: il vulnus della mancata convocazione attiene unicamente al voto oppure si deve ritenere che vi sia qualcosa di più grave, tale da precludere la possibilità di quel “salvataggio”?

leggi tutto