LSMI19 Diritto condominiale
18 febbraio 2020
Diritto condominiale

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [Parte 1]

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [Parte 1]

Per ovvie ed evidenti ragioni, nel Belpaese l’esigenza di trovare un compromesso, di individuare un soddisfacente punto di incontro tra la tutela del patrimonio immobiliare storico / artistico e la protezione delle persone che, negli edifici assoggettati a tali vincoli, abitano e lavorano, è particolarmente sentita. Negli anni, con il mutare della sensibilità sociale e l’aumento dell’attenzione a certi temi, si è assistito a un’autentica evoluzione, a una vera e propria “rivoluzione” che ha portato a “mettere a fuoco” una serie di principi fondamentali.
Un’attenzione particolare è stata – ed è – dedicata al bilanciamento di interessi tra la tutela delle persone in difficoltà e la salvaguardia del patrimonio storico / artistico

Premessa introduttiva
Questo intervento – che si divide e si articola in due “puntate” – prende spunto da una recente pronuncia del Consiglio di Stato, la n. 355 del 14.1.2020.
Tale sentenza esprime alcuni concetti che, invero, non sono nuovi, ma che è importante e utile sottolineare e ribadire costantemente.


Il tema e il quadro normativo
Il tema è costituito dagli interventi volti all’eliminazione – con lo scopo di rendere più agevole o anche semplicemente possibile l’accesso delle persone affette da disabilità o, comunque, da situazioni di menomazione, debolezza, ecc. – delle barriere architettoniche nei condominii.
Il riferimento normativo è costituito dalla L. 9.1.1989 n. 13, rubricata “Disposizioni per favorire il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati”.
A grandi linee, questa normativa ha dettato regole chiare per la costruzione di edifici “aperti” alle persone portatrici di handicap [questo il termine utilizzato nella legge (cfr. Art. 2, comma 2). Nella realtà, anche questo aspetto della normativa e il suo “impatto” sociale sono stari oggetto di un percorso evolutivo] e da queste accessibili. Basti pensare che l’art. 1, comma 2, di tale legge nazionale parla espressamente di “prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica”
Per quanto interessa in questa sede, particolare rilievo assume l’art. 4, i cui commi 1, 4 e 5 rispettivamente prescrivono:
“Per gli interventi di cui all'articolo 2, ove l'immobile sia soggetto al vincolo di cui all'articolo 1 della legge 29 giugno 1939, n. 1497, le regioni, o le autorità da esse subdelegate, competenti al rilascio dell'autorizzazione di cui all'articolo 7 della citata legge, provvedono entro il termine perentorio di novanta giorni dalla presentazione della domanda, anche impartendo, ove necessario, apposite prescrizioni”.
 “L'autorizzazione può essere negata solo ove non sia possibile realizzare le opere senza serio pregiudizio del bene tutelato”.
 “Il diniego deve essere motivato con la specificazione della natura e della serietà del pregiudizio, della sua rilevanza in rapporto al complesso in cui l'opera si colloca e con riferimento a tutte le alternative eventualmente prospettate dall'interessato”.



L’evoluzione dell’interpretazione giurisprudenziale
In questo quadro normativo si è inserita l’interpretazione della giurisprudenza, che ha
a) statuito la necessità di una interpretazione costituzionalmente orientata della normativa, arrivando a decretarne l’applicabilità non solo in presenza di disabili e non solo per condomini;
b) statuito la necessità di una interpretazione estensiva della normativa;
c) affrontato lo specifico tema del rapporto tra la tutela delle persone deboli e bisognose di protezione (rientrano in questa categoria i disabili, ma anche gli anziani e, più in generale, le persone affette da difficoltà motorie e disagi fisici) e la tutela del patrimonio storico – artistico.
A tale riguardo esiste il già citato art. 4 L. 13/1989, che negli anni ha dovuto e ancora deve essere interpretato, soprattutto per far sì che la norma sia “viva”, adatta ai tempi e in linea con l’evoluzione del sentimento generale.
C’è, peraltro, da dire che tale normativa nazionale risulta “accompagnata” da una normativa internazionale [Convenzione delle Nazioni Unite del 13.12.2006, ratificata in Italia con la L. 3.3.2009 n. 18, dettata espressamente sui diritti delle “persone con disabilità”], adeguatamente “valorizzata” dalla giurisprudenza nazionale.


I concetti espressi dalla giurisprudenza
Negli anni si è assistito ad un autentico percorso evolutivo. E’ interessante ripercorrerlo in base ai concetti via via espressi nel corso del tempo, sempre nel solco e alla luce di una interpretazione costituzionalmente orientata:
• l’accessibilità deve essere intesa come una qualitas degli edifici [in questo senso C. Cost. 10.5.1999 n. 167];
• la normativa trova applicazione non solo per i portatori di handicap, ma, in generale, per i soggetti bisognosi di protezione e tutela [in questo senso, tra le altre, Cass. 24.6.2009 n. 14786];
• la normativa trova applicazione anche in assenza di persone disabili nell’edificio [in questo senso, tra le altre, Cass. 25.10.2012 n. 18334];
• la normativa trova applicazione anche a prescindere dall’effettivo utilizzo, da parte di disabili, delle – per usare le parole dell’art. 2, primo comma, L. 13/1989 – “innovazioni (…) dirette ad eliminare le barriere architettoniche”, dei “percorsi attrezzati” e dei “dispositivi di segnalazione” per i ciechi [in questo senso, tra le altre, Cass. 28.3.2017 n. 7938];
• la normativa è dettata – e deve intendersi – a protezione anche delle persone anziane, che affrontano disagi fisici e difficoltà motorie [in questo senso Cons. Stato 18.10.2017 n. 4824]



La pronuncia del Consiglio di Stato 14.1.20209 n. 355
Nel solco della ricordata evoluzione giurisprudenziale si colloca, in epoca recentissima, la citata pronuncia del Consiglio di Stato.
Per amore di sintesi, ci si concentra su alcuni specifici passaggi di tale sentenza, particolarmente significativi:
• “la speciale disciplina di favore contenuta nella l. 9 gennaio 1989, n. 13, si applica anche a beneficio di persone anziane le quali, pur non essendo portatrici di disabilità vere e proprie, soffrano comunque di disagi fisici e di difficoltà motorie”
• la L. 9.1.1989 n. 13 esprime – in base a un'interpretazione costituzionalmente orientata – il principio “secondo il quale i problemi delle persone affette da una qualche specie invalidità devono essere assunti dall'intera collettività”
• la medesima normativa “ha imposto in via generale che nella costruzione di edifici privati e nella ristrutturazione di quelli preesistenti, le barriere architettoniche siano eliminate indipendentemente dalla effettiva utilizzazione degli edifici stessi da parte di persone disabili, trattandosi comunque di garantire diritti fondamentali”
I punti essenziali, come messi in luce dal Consiglio di Stato, sono questi:
 “i problemi delle persone affette da una qualche specie invalidità devono essere assunti dall'intera collettività”
 l’eliminazione delle barriere architettoniche serve a “garantire diritti fondamentali”.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – quando e come la mediazione impedisce la decadenza dall'impugnazione della delibera

L’art. 1137, secondo comma, cod. civ. prevede il diritto dei condomini di impugnare le delibere assembleari contrarie alla legge o al regolamento di condominio e impone l’obbligo – a pena di decadenza – di esercitare tale diritto entro trenta giorni.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: il quorum costitutivo è un requisito permanente dell'assemblea

E’ noto a tutti che l’assemblea di condominio si considera “regolarmente costituita” ex art. 1136, primo e terzo comma, cod. civ. se ad essa interviene un certo numero, minimo, di condomini, titolari di un certo quantitativo, minimo, di millesimi. La presenza di questi numeri minimi all’apertura dei lavori dell’assemblea, tuttavia, non basta: essa deve sussistere per l’intera durata della riunione, a pena di sopravvenuta inesistenza dell’assemblea condominiale.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: in caso di mancata convocazione la prova di resistenza non serve

Ci si interroga sulla possibilità di “salvare” la delibera impugnata dal condomino che non è stato convocato: si può fingere che il condomino sia intervenuto e abbia votato e, quindi, conteggiare il suo voto come se fosse stato espresso e, all’esito, annullare la delibera solo se quel voto risulta determinante? Detto altrimenti: il vulnus della mancata convocazione attiene unicamente al voto oppure si deve ritenere che vi sia qualcosa di più grave, tale da precludere la possibilità di quel “salvataggio”?

leggi tutto