LSMI19 Diritto condominiale
18 febbraio 2020
Diritto condominiale

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [Parte 1]

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [Parte 1]

Per ovvie ed evidenti ragioni, nel Belpaese l’esigenza di trovare un compromesso, di individuare un soddisfacente punto di incontro tra la tutela del patrimonio immobiliare storico / artistico e la protezione delle persone che, negli edifici assoggettati a tali vincoli, abitano e lavorano, è particolarmente sentita. Negli anni, con il mutare della sensibilità sociale e l’aumento dell’attenzione a certi temi, si è assistito a un’autentica evoluzione, a una vera e propria “rivoluzione” che ha portato a “mettere a fuoco” una serie di principi fondamentali.
Un’attenzione particolare è stata – ed è – dedicata al bilanciamento di interessi tra la tutela delle persone in difficoltà e la salvaguardia del patrimonio storico / artistico

Premessa introduttiva
Questo intervento – che si divide e si articola in due “puntate” – prende spunto da una recente pronuncia del Consiglio di Stato, la n. 355 del 14.1.2020.
Tale sentenza esprime alcuni concetti che, invero, non sono nuovi, ma che è importante e utile sottolineare e ribadire costantemente.


Il tema e il quadro normativo
Il tema è costituito dagli interventi volti all’eliminazione – con lo scopo di rendere più agevole o anche semplicemente possibile l’accesso delle persone affette da disabilità o, comunque, da situazioni di menomazione, debolezza, ecc. – delle barriere architettoniche nei condominii.
Il riferimento normativo è costituito dalla L. 9.1.1989 n. 13, rubricata “Disposizioni per favorire il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati”.
A grandi linee, questa normativa ha dettato regole chiare per la costruzione di edifici “aperti” alle persone portatrici di handicap [questo il termine utilizzato nella legge (cfr. Art. 2, comma 2). Nella realtà, anche questo aspetto della normativa e il suo “impatto” sociale sono stari oggetto di un percorso evolutivo] e da queste accessibili. Basti pensare che l’art. 1, comma 2, di tale legge nazionale parla espressamente di “prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica”
Per quanto interessa in questa sede, particolare rilievo assume l’art. 4, i cui commi 1, 4 e 5 rispettivamente prescrivono:
“Per gli interventi di cui all'articolo 2, ove l'immobile sia soggetto al vincolo di cui all'articolo 1 della legge 29 giugno 1939, n. 1497, le regioni, o le autorità da esse subdelegate, competenti al rilascio dell'autorizzazione di cui all'articolo 7 della citata legge, provvedono entro il termine perentorio di novanta giorni dalla presentazione della domanda, anche impartendo, ove necessario, apposite prescrizioni”.
 “L'autorizzazione può essere negata solo ove non sia possibile realizzare le opere senza serio pregiudizio del bene tutelato”.
 “Il diniego deve essere motivato con la specificazione della natura e della serietà del pregiudizio, della sua rilevanza in rapporto al complesso in cui l'opera si colloca e con riferimento a tutte le alternative eventualmente prospettate dall'interessato”.



L’evoluzione dell’interpretazione giurisprudenziale
In questo quadro normativo si è inserita l’interpretazione della giurisprudenza, che ha
a) statuito la necessità di una interpretazione costituzionalmente orientata della normativa, arrivando a decretarne l’applicabilità non solo in presenza di disabili e non solo per condomini;
b) statuito la necessità di una interpretazione estensiva della normativa;
c) affrontato lo specifico tema del rapporto tra la tutela delle persone deboli e bisognose di protezione (rientrano in questa categoria i disabili, ma anche gli anziani e, più in generale, le persone affette da difficoltà motorie e disagi fisici) e la tutela del patrimonio storico – artistico.
A tale riguardo esiste il già citato art. 4 L. 13/1989, che negli anni ha dovuto e ancora deve essere interpretato, soprattutto per far sì che la norma sia “viva”, adatta ai tempi e in linea con l’evoluzione del sentimento generale.
C’è, peraltro, da dire che tale normativa nazionale risulta “accompagnata” da una normativa internazionale [Convenzione delle Nazioni Unite del 13.12.2006, ratificata in Italia con la L. 3.3.2009 n. 18, dettata espressamente sui diritti delle “persone con disabilità”], adeguatamente “valorizzata” dalla giurisprudenza nazionale.


I concetti espressi dalla giurisprudenza
Negli anni si è assistito ad un autentico percorso evolutivo. E’ interessante ripercorrerlo in base ai concetti via via espressi nel corso del tempo, sempre nel solco e alla luce di una interpretazione costituzionalmente orientata:
• l’accessibilità deve essere intesa come una qualitas degli edifici [in questo senso C. Cost. 10.5.1999 n. 167];
• la normativa trova applicazione non solo per i portatori di handicap, ma, in generale, per i soggetti bisognosi di protezione e tutela [in questo senso, tra le altre, Cass. 24.6.2009 n. 14786];
• la normativa trova applicazione anche in assenza di persone disabili nell’edificio [in questo senso, tra le altre, Cass. 25.10.2012 n. 18334];
• la normativa trova applicazione anche a prescindere dall’effettivo utilizzo, da parte di disabili, delle – per usare le parole dell’art. 2, primo comma, L. 13/1989 – “innovazioni (…) dirette ad eliminare le barriere architettoniche”, dei “percorsi attrezzati” e dei “dispositivi di segnalazione” per i ciechi [in questo senso, tra le altre, Cass. 28.3.2017 n. 7938];
• la normativa è dettata – e deve intendersi – a protezione anche delle persone anziane, che affrontano disagi fisici e difficoltà motorie [in questo senso Cons. Stato 18.10.2017 n. 4824]



La pronuncia del Consiglio di Stato 14.1.20209 n. 355
Nel solco della ricordata evoluzione giurisprudenziale si colloca, in epoca recentissima, la citata pronuncia del Consiglio di Stato.
Per amore di sintesi, ci si concentra su alcuni specifici passaggi di tale sentenza, particolarmente significativi:
• “la speciale disciplina di favore contenuta nella l. 9 gennaio 1989, n. 13, si applica anche a beneficio di persone anziane le quali, pur non essendo portatrici di disabilità vere e proprie, soffrano comunque di disagi fisici e di difficoltà motorie”
• la L. 9.1.1989 n. 13 esprime – in base a un'interpretazione costituzionalmente orientata – il principio “secondo il quale i problemi delle persone affette da una qualche specie invalidità devono essere assunti dall'intera collettività”
• la medesima normativa “ha imposto in via generale che nella costruzione di edifici privati e nella ristrutturazione di quelli preesistenti, le barriere architettoniche siano eliminate indipendentemente dalla effettiva utilizzazione degli edifici stessi da parte di persone disabili, trattandosi comunque di garantire diritti fondamentali”
I punti essenziali, come messi in luce dal Consiglio di Stato, sono questi:
 “i problemi delle persone affette da una qualche specie invalidità devono essere assunti dall'intera collettività”
 l’eliminazione delle barriere architettoniche serve a “garantire diritti fondamentali”.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – crediti vecchi, rendiconto e decreto ingiuntivo

Con una recente pronuncia – sentenza n. 3847 del 15.2.2021 – la Suprema Corte ha preso una chiara posizione in merito ai crediti del condominio risalenti nel tempo, al loro inserimento nei rendiconti degli anni successivi e, quindi, alla facoltà dell’amministratore di chiedere e ottenere ex art. 63 disp. att. cod. civ., relativamente a detti crediti “vecchi”, il decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il verbale dell’assemblea deve avere la forma scritta e il contenuto della riunione non può essere provato per testi

Una recente pronuncia della Corte d’Appello di Genova – la sentenza n. 106 del 29.1.2021 – fornisce l’occasione per alcune considerazioni su un tema che può apparire banale, ma che poi così scontato non è se è vero – com’è vero – che sul punto si continua a litigare

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la manutenzione / riparazione del cortile comune che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse e il tema dell’impermeabilizzazione

Un tema sempre “caldo” è quello della ripartizione delle spese necessarie alla manutenzione / riparazione del cortile condominiale che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse. Anche in epoca recente la giurisprudenza è intervenuta sul punto – si parla della sentenza Tribunale Roma 14.1.2021 n. 665 – per ribadire e confermare l’orientamento interpretativo consolidatosi nel tempo. Orientamento interpretativo che – vale la pena di dirlo – non risulta del tutto alieno da qualche perplessità

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il condomino è efficacemente convocato se l’avviso di convocazione all’assemblea arriva al suo indirizzo nei termini di legge

In epoca molto recente il Tribunale di Roma ha affrontato la questione (invero, già ben nota) dell’efficacia – intesa come tempestività – della trasmissione dell’avviso di convocazione all’assemblea condominiale, avvenuta con lettera raccomandata non ritirata per l’assenza del destinatario

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’“impugnativa” degli atti dell’amministratore

L’art. 1133 cod. civ. è probabilmente, tra le disposizioni vigenti in materia di condominio, quella che ha avuto – e ancora ha – la minore “ricaduta” concreta (nel senso di minore applicazione). In realtà, è una norma perfettamente coerente con i principi base dell’“universo condominio” e, se letta e analizzata bene, potrebbe anche essere efficacemente utilizzata in molte situazioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’assemblea in videoconferenza: spunti di riflessione

La storia – talmente recente da poter essere considerata ancora cronaca – è mota: con il c.d. Decreto agosto – cioè il D.L. 14.8.2020 n. 104, convertito con modifiche dalla L. 13.10.2020 n. 126, in vigore dal 14 ottobre 2020 – è intervenuto sulle modalità di convocazione e svolgimento delle assemblee condominiali, introducendo espressamente la possibilità che l’assemblea condominiale si svolga da remoto. C’è stato poi un repentino ripensamento: la norma di agosto / ottobre è stata successivamente modificata – a opera del D.L. 7.10,2020 n. 125, convertito con modifiche dalla L. 27.11.2020 n. 159 – nel senso di prevedere che la legittimità dell’assemblea in videoconferenza derivi dal consenso non di tutti i condomini, ma della maggioranza dei medesimi. La nuova norma è scritta molto male, ma si può tentare di interpretarla meglio

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eventuale sussistenza di irregolarità meramente formali relative all’assemblea in prima convocazione non impatta sull’assemblea in seconda convocazione

Un recente pronuncia del Tribunale di Cosenza – si parla della sentenza 30.11.2020 n. 2131 – riprende, confermandolo, il più risalente insegnamento della Suprema Corte in merito alla possibilità di svolgere l’assemblea in seconda convocazione anche se non c’è il verbale relativo all’assemblea in prima convocazione andata “deserta”

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – un bar è un bar e non è un’altra cosa e può essere aperto in un condominio se il regolamento condominiale di natura contrattuale non lo vieta espressamente

A fine 2020 il Tribunale di Pisa – la sentenza è la n. 1181 del 28.12.2020 – è tornato sull’argomento dei divieti e dei limiti imposti alla proprietà privata dal regolamento condominiale di natura contrattuale e lo ha fatto esaminando specificamente il presunto divieto di adibire le unità in condominio a bar

leggi tutto