LSMI19 Diritto condominiale
25 febbraio 2020
Diritto condominiale

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [parte 2]

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [parte 2]

In questa seconda parte del contributo sul tema della eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati, l’attenzione si concentrerà in particolare sui concetti introdotti dall’art. 4, commi 4 e 5, L. 9.1.1989 n. 13 e cioè sui presupposti, i limiti e le condizioni del legittimo diniego a un intervento edilizio su un edificio vincolato.

Il dato normativo
Con specifico riferimento al “punto di equilibrio” tra la protezione delle persone disagiate e la tutela del patrimonio storico / artistico, l’analisi deve prendere l’avvio dall’art. 4, commi 4 e 5, L. 9.1.1989 n. 13.
Questo il mero dato normativo:
“L'autorizzazione può essere negata solo ove non sia possibile realizzare le opere senza serio pregiudizio del bene tutelato” [comma 4]
“Il diniego deve essere motivato con la specificazione della natura e della serietà del pregiudizio, della sua rilevanza in rapporto al complesso in cui l'opera si colloca e con riferimento a tutte le alternative eventualmente prospettate dall'interessato” [comma 5].
In buona sostanza, il legislatore del 1989 ha introdotto il principio generale secondo cui gli interventi finalizzati all’eliminazione delle barriere architettoniche sono possibili anche negli edifici assoggettati a vincolo, ha stabilito che la P.A. può negare la relativa autorizzazione solo nell’ipotesi di un “serio pregiudizio” al bene immobile tutelato e ha dettagliatamente “declinato” le ragioni e le modalità sia del diniego.
L’elaborazione giurisprudenziale di tale dato
Com’era ampiamente prevedibile – e anche auspicabile – la giurisprudenza ha “preso e fatto suo” il dato normativo, sforzandosi di “mettere a fuoco” i concreti precetti in esso contenuti.
E’ interessante, al riguardo, esaminare alcuni significativi arresti giurisprudenziali che hanno contribuito non poco a chiarire l’effettiva portata dei precetti normativi:
► con la sua sentenza n. 682 del 12.2.2014 il Consiglio di Stato
• ha chiarito che, in presenza di barriere architettoniche, i vincoli e i limiti “posti per finalità di tutela storico-culturale o paesistico-ambientale” non possono e non devono intendersi automaticamente derogati e superati, ma “permangono e devono essere rispettati” qualora l’intervento finalizzato all’eliminazione di quelle barriere recherebbe, all’immobile e all’interesse culturale che ha fatto sorgere il vincolo [interesse culturale che “si sostanzia nella salvaguardia dell’immobile vincolato”], il “serio pregiudizio” di cui parla la norma. Il che equivale a dire che, in presenza di questo pregiudizio, l’intervento edilizio / impiantistico non può essere assentito dalla P.A.,
• ha chiarito, altresì, che, quando si tratta di contrastare “una situazione di svantaggio delle persone con disabilità”, il livello del “serio pregiudizio”, idoneo a giustificare e addirittura a rendere obbligatorio il diniego dell’autorizzazione “rimane quello ordinario della mera non compatibilità dell’intervento sul bene”, atteso che “il rifermento all’accessibilità dei disabili non può essere utilizzato a pretesto per eludere e superare la soglia di ordinaria valutazione”,
• ha specificato che la P.A., per negare l’autorizzazione, “deve identificare il pregiudizio e la sua serietà, in concreto rapporto alle caratteristiche proprie del bene” eventualmente interessato dall’intervento,
• ha sottolineato che il “serio pregiudizio” ex art. 4, comma 4, L. 13/1989 “non va inteso come danneggiamento fisico dell’immobile, bensì come rischio di nocumento per il valore tutelato con il vincolo”
► con la sua sentenza n. 4824 del 18.10.2017 il Consiglio di Stato ha “fatto eco” alla norma, ribadendo che l'autorizzazione all’intervento per eliminare barriere architettoniche “può essere negata solo ove non sia possibile realizzare le opere senza serio pregiudizio del bene tutelato”
► con la sua sentenza n. 5845 del 28.12.2015 il Consiglio di Stato ha statuito che il diniego all’intervento per l’eliminazione delle barriere architettoniche “non può essere generico bensì supportato da precisi elementi ostativi ai sensi dell'art. 4, legge n. 13 del 1989”
► da ultimo, anche la pronuncia del Consiglio di Stato 14.1.2020 n. 355 ha “valorizzato” l’art. 4, commi 4 e 5, L. 13/1989, statuendo che tali disposizioni hanno – per usare le parole dello stesso Consiglio di Stato, che sul punto a sua volta richiama Cons. Stato 18.10.2017 n. 4824 – “ .. introdotto nel nostro ordinamento (…) un onere di motivazione particolarmente intenso, e ciò in quanto l'interesse alla protezione della persona svantaggiata può soccombere di fronte alla tutela del patrimonio artistico, a sua volta promanante dall'art. 9 Cost. soltanto in casi eccezionali”.
Considerazione finale
Tale ultimo “passaggio” è di particolare interesse in quanto conferma come l’evoluzione nell’interpretazione della legge abbia messo al centro di tutto la persona e le sue esigenze e abbia valorizzato, anche a scapito di altri pur importanti “beni” (come, appunto, il valore storico – artistico del patrimonio), la necessità di tutela di coloro che hanno disabilità e difficoltà motorie. A tale riguardo, particolarmente illuminante appare l’affermazione del concetto secondo cui “l'interesse alla protezione della persona svantaggiata può soccombere di fronte alla tutela del patrimonio artistico (…) soltanto in casi eccezionali”. Concetto che può anche essere – forse più efficacemente – espresso così:
a) le persone rivestono maggiore importanza rispetto a tutto il resto;
b) ne viene che, nel confronto – concepito per capire e decidere quale debba essere il bene prevalente e, quindi, in concreto oggetto di tutela – tra le difficoltà (psichiche, fisiche, motorie e non solo) e i disagi delle persone, da un lato, e il valore storico/artistico dei beni immobili, dall’altro, bisogna attribuire maggiore importanza ai primi;
c) quella sub b) è la regola generale;
d) è possibile derogare a tale regola generale se – e solo se – non sia davvero possibile eliminare le barriere architettoniche dell’edificio senza un significativo vulnus a ciò che il vincolo, posto sul bene, mira a tutelare,
e) detto altrimenti: la P.A. deve sempre autorizzare l’intervento volto a eliminare le barriere architettoniche, anche laddove progettato in un edificio assoggettato a vincolo, fatto salvo il caso che l’intervento stesso comprometta in maniera seria e significativa l’intrinseco valore storico / artistico dell’immobile.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – quando e come la mediazione impedisce la decadenza dall'impugnazione della delibera

L’art. 1137, secondo comma, cod. civ. prevede il diritto dei condomini di impugnare le delibere assembleari contrarie alla legge o al regolamento di condominio e impone l’obbligo – a pena di decadenza – di esercitare tale diritto entro trenta giorni.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: il quorum costitutivo è un requisito permanente dell'assemblea

E’ noto a tutti che l’assemblea di condominio si considera “regolarmente costituita” ex art. 1136, primo e terzo comma, cod. civ. se ad essa interviene un certo numero, minimo, di condomini, titolari di un certo quantitativo, minimo, di millesimi. La presenza di questi numeri minimi all’apertura dei lavori dell’assemblea, tuttavia, non basta: essa deve sussistere per l’intera durata della riunione, a pena di sopravvenuta inesistenza dell’assemblea condominiale.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: in caso di mancata convocazione la prova di resistenza non serve

Ci si interroga sulla possibilità di “salvare” la delibera impugnata dal condomino che non è stato convocato: si può fingere che il condomino sia intervenuto e abbia votato e, quindi, conteggiare il suo voto come se fosse stato espresso e, all’esito, annullare la delibera solo se quel voto risulta determinante? Detto altrimenti: il vulnus della mancata convocazione attiene unicamente al voto oppure si deve ritenere che vi sia qualcosa di più grave, tale da precludere la possibilità di quel “salvataggio”?

leggi tutto