LSMI19 Diritto condominiale
9 aprile 2019
Diritto condominiale

Condominio: l’uso esclusivo del cortile comune si trasferisce con l’unità immobiliare

Condominio: l’uso esclusivo del cortile comune si trasferisce con l’unità immobiliare

La questione
Capita che un condomino abbia il godimento esclusivo del cortile condominiale o di una parte di esso e che tale diritto di godimento gli sia stato riconosciuto sin dal momento della “nascita” del condominio. I regolamenti condominiali contenenti clausole di questo genere non sono rari.

La questione da affrontare e risolvere attiene alla trasferibilità o meno di tale godimento. Detto altrimenti: chi acquista l’unità immobiliare in condomino, che beneficia di tale godimento, e diventa così condomino, acquisisce anche tale godimento e, quindi, il diritto di utilizzare in via esclusiva il cortile comune (o la parte di esso)?
Il suo “inquadramento” in termini giuridici
Per procedere con questa operazione soccorre una recente pronuncia della Corte di Cassazione, l’ordinanza 24958 del 10.10.2018.
In questo provvedimento, la Suprema Corte ha sviluppato questo ragionamento:
 il diritto di uso esclusivo di un bene condominiale [nella specie, il cortile], attribuito a un determinato condomino al momento della costituzione del condominio, non incide “sull'appartenenza delle dette parti comuni alla collettività, ma sul riparto delle correlate facoltà di godimento fra i condomini, che avviene secondo modalità non paritarie determinate dal titolo, in deroga a quello altrimenti presunto ex articoli 1102 e 1117 c.c.”;
 questo diritto non deve, pertanto, essere qualificato come diritto reale di uso ex art. 1021 cod. civ.;
 ne viene che il diritto stesso non è assoggettato all’applicazione delle norme applicabili al diritto di uso. In particolare – e per quanto qui interessa – agli artt. 1024 e 979 (che richiama l’art. 1026) cod. civ.;
 è da ricordare che l’art. 1024 cod. civ. prevede il divieto di cessione del diritto di uso e che l’art. 979 cod. civ. – che viene richiamato per l’uso dall’art. 1026 cod. civ. – stabilisce la regola secondo cui il diritto (di usufrutto, ma a questo punto anche – per effetto del richiamo – il diritto di uso) si estingue al più tardi con la morte del titolare del diritto stesso;
 da quanto sopra discende una duplice fondamentale conseguenza:
 questo diritto di uso “condominiale” non si estingue alla morte del condomino, in capo al quale è stato originariamente attribuito
 questo diritto di uso “condominiale” può essere ceduto;
 la natura propter rem del diritto è evidente: esso è inscindibilmente legato all’unità immobiliare e non può “circolare” in maniera autonoma e in forma separata;
 tutto questo porta a concludere che il diritto di uso esclusivo di un bene condominiale [nella specie, il cortile] si trasferisce automaticamente – per effetto della compravendita dell’unità immobiliare del condomino che ne è titolare – in capo all’acquirente dell’unità stessa e nuovo condomino
Un’ulteriore conseguenza del non inquadramento del diritto di uso esclusivo su un bene condominiale nel diritto di uso ex art. 1021 cod. civ.
La Suprema Corte, con l’ordinanza di cui sopra, ha anche rilevato un altro aspetto molto importante, connesso alle altre due caratteristiche giuridiche di questo diritto di uso “condominiale”: si tratta di un diritto “tendenzialmente perpetuo”.
La cosa, invero, è del tutto logica: poiché a questo diritto non si applicano gli artt. 1024 e 979 cod. civ. ed esso, in conseguenza, è cedibile e “sopravvive” alla morte del suo primo titolare, trasferendosi – come si è visto – in capo all’acquirente dell’unità immobiliare, deve accadere la stessa cosa in occasione dei successivi passaggi di proprietà. Il che non sarebbe possibile se il diritto in questione fosse destinato ad estinguersi per effetto del decorso del tempo.
Detto altrimenti:
 chi acquista un’unità immobiliare, “assistita” dal diritto di uso esclusivo del cortile condominiale (o di parte di esso), sa di poter considerare questo diritto come suo a tutti gli effetti;
 in questo, il diritto in questione “assomiglia” – per quanto agli aspetti pratici – al terrazzo o alla cantina pertinenziale, che seguono l’unità immobiliare e si trasferiscono con essa in capo all’acquirente / nuovo condomino;
 tutto questo significa che, quando sarà il momento, il titolare del diritto di uso in questione potrà mettere in vendita l’unità immobiliare “accompagnata” da tale diritto.
Possibili ricadute pratiche della ricostruzione che precede
Non è difficile immaginare che i condomini interessati – ci si riferisce sia al condomino “uscente”, il venditore dell’unità, sia al condomino “entrante”, l’acquirente dell’unità medesima – potrebbero sfruttare la ricostruzione giuridica che precede per affrontare eventuali controversie tra di loro, ma soprattutto con il condominio e/o con altri condomini. E’ piuttosto probabile, infatti, che, in immediato seguito al trasferimento dell’unità immobiliare e alla connessa – come si è visto, legittima – rivendicazione del diritto di uso da parte del nuovo condomino qualcuno pretenda di verificare la fondatezza del diritto di quest’ultimo o, addirittura, decida di opporvisi.
In simili situazioni, il nuovo condomino potrebbe fondatamente invocare quanto sopra riportato per resistere alle iniziative proposte contro di lui.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – forma e contenuto del rendiconto straordinario

La riforma del 2012 / 2013 ha introdotto l’art. 1130 bis cod. civ., rubricato “Rendiconto condominiale”, che disciplina compiutamente – benché con qualche ambiguità e qualche “zona grigia” su cui è dovuta intervenire l’interpretazione giurisprudenziale – il documento che l’amministratore deve redigere e sottoporre alla compagine condominiale al termine della gestione ordinaria annuale. Si vuole qui compiere una sintetica riflessione sulla portata di questa disciplina, con particolare e specifico riferimento alla sua applicabilità al rendiconto relativo a un intervento straordinario.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la legittimazione dell’amministratore a resistere in giudizio e a proporre appello

La sentenza n. 22958 della Suprema Corte, pubblicata in data 22.7.2022 ha puntualizzato alcuni concetti di base in ordine alla legittimazione passiva dell’amministratore e ai rapporti tra quest’ultimo e l’assemblea in ipotesi di impugnazione di delibere assembleari e altri giudizi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – ancora sul tema dell'approvazione del rendiconto come strumento di tacita ratifica delle spese non autorizzate dall’assemblea

Una recente pronuncia del Tribunale di Ivrea offre lo spunto per tornare sul tema della ratifica – a opera della compagine condominiale attraverso l’approvazione del rendiconto – di una spesa non deliberata ex ante dall’assemblea e compiuta dall’amministratore al di fuori dell’ambito delle sue attribuzioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto