LSMI19 Diritto condominiale
14 gennaio 2020
Diritto condominiale

Condominio – le cause condominiali di competenza del Giudice di Pace

Condominio – le cause condominiali di competenza del Giudice di Pace

Non sempre, per capire chi ha ragione e chi ha torto, i condomini e i condominii devono rivolgersi al Tribunale: l’ordinamento prevede, infatti, espressamente la competenza di un altro Ufficio Giudiziario, che in qualche misura si affianca a quella del Tribunale. Si tratta del Giudice di Pace, cui l’art. 7 cod. proc. civ. riserva espressamente uno specifico ruolo da interpretare sul palcoscenico della vita del condominio.

I termini della questione
Il ricorso all’Autorità Giudiziaria non coincide sempre e comunque – verebbe da dire automaticamente – con il ricorso al Tribunale. Esistono, infatti, altri Uffici Giudiziari a cui, a seconda dei casi, le persone possono rivolgersi.
Primo fra tutti – per restare in ambito civilistico e comunque, nel primo grado di giudizio – il Giudice di Pace.
Questo è vero anche in ambito condominiale; l’art. 7, terzo comma, n. 2) cod. proc. civ. prevede un’espressa riserva di competenza a favore del Giudice di Pace, competente, “qualunque ne sia il valore” – e cioè in via esclusiva e, per così dire, integrale – “per le cause relative alla misura ed alle modalità d'uso dei servizi di condominio di case”
Questo prevede, si direbbe quasi a livello teorico e astratto, il codice.
Sul piano concreto, però, che cosa deve intendersi per “cause relative alla misura (…) dei servizi di condominio di case”? E che cosa deve intendersi per “cause relative (…) alle modalità d'uso dei servizi di condominio di case”?
Detto altrimenti: in quali situazioni bisogna radicare la lite inderogabilmente davanti al Giudice di Pace?
L’insegnamento giurisprudenziale
Per dare risposta a questi interrogativi soccorre, ancora una volta, l’insegnamento della giurisprudenza, con particolare riferimento alla “lettura” che, dell’art. 7, terzo comma, n. 2) cod. proc. civ., dà la Corte di Cassazione.
Il riferimento è alla sentenza n. 3937 del 18.2.2008: “In tema di controversie tra condomini, devono intendersi per cause relative alle modalità d'uso di servizi condominiali quelle riguardanti limiti qualitativi di esercizio delle facoltà contenute nel diritto di comunione e, quindi, quelle relative al modo più conveniente e opportuno in cui tali facoltà debbono essere esercitate. Diversamente, per cause relative alla misura dei servizi condominiali debbono intendersi quelle concernenti una riduzione o limitazione quantitativa del diritto dei singoli condomini”.
Si può, quindi, dire schematicamente quanto segue:
• le “cause relative (…) alle modalità d'uso dei servizi di condominio di case” sono quelle in cui si affrontano gli aspetti qualitativi e, quindi, si discute del “modo più conveniente e opportuno in cui tali facoltà [le facoltà dei condomini – n.d.r.] debbono essere esercitate”
• le “cause relative alla misura (..) dei servizi di condominio di case” sono quelle che hanno a oggetto i limiti di esercizio delle facoltà dei condomini e che, quindi, hanno ad oggetto la “riduzione o limitazione quantitativa del diritto dei singoli condomini”.
Un esempio concreto può forse aiutare a inquadrare meglio la questione e la distinzione:
• la pretesa dell’assemblea di limitare, riducendolo a soli tre giorni a settimana, il diritto di un condomino di utilizzare il cortile comune per parcheggiare darebbe origine, attinendo agli aspetti quantitativi dell’esercizio del diritto, a una causa sulla “misura (..) dei servizi di condominio di case”,
• la pretesa dell’assemblea di imporre ai condomini di parcheggiare solo con la parte anteriore dell’auto verso il centro del cortile darebbe origine, riguardando gli aspetti qualitativi dell’esercizio del diritto, a una causa sulla “modalità d'uso dei servizi di condominio”.
La competenza del Tribunale per l’“uso dei servizi di condominio di case”
Ovviamente, queste due ipotesi non esauriscono l’intero panorama delle possibili controversie sui “servizi di condominio di case”.
In particolare, ci sono non poche controversie nelle quali non si discute né dei limiti quantitativi delle facoltà dei condomini né del modo migliore per l’esercizio delle facoltà stesse, ma, più banalmente, della possibilità di negare alla radice la facoltà del condomino.
In queste ipotesi, sussiste – è ancora Cass. 18.2.2008 n. 3937 a insegnarlo – “la competenza ordinaria per valore”: non si contraddice, infatti, né circa il “quanto” né in merito al “come” i condomini esercitano le loro facoltà, ma si discute più direttamente e radicalmente in merito al “se” essi possano esercitarle.
Questo basta per “mettere fuori gioco” la riserva di competenza a favore del Giudice di Pace.
Sintesi
Per riassumere e concludere, si può schematicamente riepilogare in questi termini quanto già detto:
 causa avente ad oggetto l’accertamento di specifiche – nel senso di maggiori / minori – modalità d’uso dei servizi condominiali: competenza esclusiva del Giudice di Pace.
Esempio: il Condominio agisce per limitare, riducendolo a soli tre giorni a settimana, il diritto di un condomino di utilizzare il cortile comune per parcheggiare;
 causa avente ad oggetto l’accertamento di specifiche modalità – sotto il profilo di convenienza e opportunità – per l’utilizzo dei servizi condominiali: competenza esclusiva del Giudice di Pace.
Esempio: il Condominio agisce al fine di imporre ai condomini di parcheggiare in cortile sempre e solo con la parte anteriore dell’auto verso il centro del cortile stesso;
 causa avente ad oggetto l’accertamento dell’insussistenza del diritto di un certo condomino a utilizzare: competenza del Tribunale.
Esempio: il Condominio agisce per ottenere l’accertamento dell’insussistenza del diritto di un condomino a usare il cortile comune per parcheggiare.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – crediti vecchi, rendiconto e decreto ingiuntivo

Con una recente pronuncia – sentenza n. 3847 del 15.2.2021 – la Suprema Corte ha preso una chiara posizione in merito ai crediti del condominio risalenti nel tempo, al loro inserimento nei rendiconti degli anni successivi e, quindi, alla facoltà dell’amministratore di chiedere e ottenere ex art. 63 disp. att. cod. civ., relativamente a detti crediti “vecchi”, il decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il verbale dell’assemblea deve avere la forma scritta e il contenuto della riunione non può essere provato per testi

Una recente pronuncia della Corte d’Appello di Genova – la sentenza n. 106 del 29.1.2021 – fornisce l’occasione per alcune considerazioni su un tema che può apparire banale, ma che poi così scontato non è se è vero – com’è vero – che sul punto si continua a litigare

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la manutenzione / riparazione del cortile comune che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse e il tema dell’impermeabilizzazione

Un tema sempre “caldo” è quello della ripartizione delle spese necessarie alla manutenzione / riparazione del cortile condominiale che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse. Anche in epoca recente la giurisprudenza è intervenuta sul punto – si parla della sentenza Tribunale Roma 14.1.2021 n. 665 – per ribadire e confermare l’orientamento interpretativo consolidatosi nel tempo. Orientamento interpretativo che – vale la pena di dirlo – non risulta del tutto alieno da qualche perplessità

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il condomino è efficacemente convocato se l’avviso di convocazione all’assemblea arriva al suo indirizzo nei termini di legge

In epoca molto recente il Tribunale di Roma ha affrontato la questione (invero, già ben nota) dell’efficacia – intesa come tempestività – della trasmissione dell’avviso di convocazione all’assemblea condominiale, avvenuta con lettera raccomandata non ritirata per l’assenza del destinatario

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’“impugnativa” degli atti dell’amministratore

L’art. 1133 cod. civ. è probabilmente, tra le disposizioni vigenti in materia di condominio, quella che ha avuto – e ancora ha – la minore “ricaduta” concreta (nel senso di minore applicazione). In realtà, è una norma perfettamente coerente con i principi base dell’“universo condominio” e, se letta e analizzata bene, potrebbe anche essere efficacemente utilizzata in molte situazioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’assemblea in videoconferenza: spunti di riflessione

La storia – talmente recente da poter essere considerata ancora cronaca – è mota: con il c.d. Decreto agosto – cioè il D.L. 14.8.2020 n. 104, convertito con modifiche dalla L. 13.10.2020 n. 126, in vigore dal 14 ottobre 2020 – è intervenuto sulle modalità di convocazione e svolgimento delle assemblee condominiali, introducendo espressamente la possibilità che l’assemblea condominiale si svolga da remoto. C’è stato poi un repentino ripensamento: la norma di agosto / ottobre è stata successivamente modificata – a opera del D.L. 7.10,2020 n. 125, convertito con modifiche dalla L. 27.11.2020 n. 159 – nel senso di prevedere che la legittimità dell’assemblea in videoconferenza derivi dal consenso non di tutti i condomini, ma della maggioranza dei medesimi. La nuova norma è scritta molto male, ma si può tentare di interpretarla meglio

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eventuale sussistenza di irregolarità meramente formali relative all’assemblea in prima convocazione non impatta sull’assemblea in seconda convocazione

Un recente pronuncia del Tribunale di Cosenza – si parla della sentenza 30.11.2020 n. 2131 – riprende, confermandolo, il più risalente insegnamento della Suprema Corte in merito alla possibilità di svolgere l’assemblea in seconda convocazione anche se non c’è il verbale relativo all’assemblea in prima convocazione andata “deserta”

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – un bar è un bar e non è un’altra cosa e può essere aperto in un condominio se il regolamento condominiale di natura contrattuale non lo vieta espressamente

A fine 2020 il Tribunale di Pisa – la sentenza è la n. 1181 del 28.12.2020 – è tornato sull’argomento dei divieti e dei limiti imposti alla proprietà privata dal regolamento condominiale di natura contrattuale e lo ha fatto esaminando specificamente il presunto divieto di adibire le unità in condominio a bar

leggi tutto