LSMI19 Diritto condominiale
8 novembre 2019
Diritto condominiale

Condominio – le delibere nulle possono e devono essere eseguite?

Condominio – le delibere nulle possono e devono essere eseguite?

Capita – a dirla tutta la situazione è più frequente di quanto dovrebbe – che una delibera assunta dall’assemblea condominiale sia viziata. In particolare, che sia – per quanto qui interessa – nulla.
Si pone il tema della “sorte” concreta di una simile delibera: essa può e/o deve essere eseguita dall’amministratore e dai condomini? Oppure questa presunta nullità è idonea a far sì che la delibera non riceva legittimamente esecuzione?

La nullità
In linea generale, si può dire che la nullità è una forma di invalidità che può “colpire” i negozi giuridici, gli atti, i contratti, e così via.
L’enciclopedia Treccani [treccani.it/enciclopedia] riporta questa definizione: “La nullità è la situazione di invalidità del negozio giuridico, determinata da un vizio che rende il negozio stesso inidoneo a produrre i suoi effetti e quindi inefficace”.
Per quanto attiene al regime giuridico della nullità, può rapidamente accennarsi al fato che questa forma di invalidità
a) può essere fatta valere, senza limiti di tempo, da chiunque vi abbia interesse
b) può essere – entro certi limiti – rilevata d’ufficio dal giudice
c) ha come conseguenza che l’atto / il negozio giuridico / il contratto affetto da questa “patologia” non produce alcun effetto.
Quanto sub c) veniva espresso nel diritto romano con il brocardo “quod nullum est nullum producit effectum”.
In linea generale, la nullità deriva da alcune cause specifiche, individuate dal legislatore: relativamente ai soli contratti, l’art. 1418 cod. civ. prescrive la nullità per contrarietà a norme imperative, per la mancanza di uno dei requisiti indicati dall'art. 1325 cod. civ., per illiceità della, per illiceità dei motivi (che sono stati determinanti per la stipula), per impossibilità, illiceità, indeterminatezza o indeterminabilità dell’oggetto.
La stessa norma stabilisce, poi, la nullità del contratto “negli altri casi stabiliti dalla legge”.
Le delibere assembleari nulle
Come ogni altro atto, anche le delibere adottate dall’assemblea condominiale possono essere affette da nullità.
L’amministratore e i condomini, tuttavia, hanno il vincolo e l’obbligo specifico di rispettare le delibere e dare esecuzione alle stesse: le delibere sono “obbligatorie per tutti i condomini” [art. 1137, primo comma, cod. civ.] e l’amministratore è tenuto ex art. 1130, primo comma, cod. civ. a dare loro esecuzione, addirittura rischiando, in caso di non ottemperanza, di subire la revoca giudiziaria ex art. 1129 cod. civ..
Per capire quanto è “forte” l’efficacia vincolante delle delibere, si consideri che l’art. 1137, terzo comma, cod. civ. prevede che tale efficacia non venga meno per effetto dell’impugnazione della delibera, ma “sopravviva” a tale impugnazione e possa “cedere” se – e solo se “la sospensione sia ordinata dall'autorità giudiziaria”.
Con specifico riferimento alla nullità delle delibere condominiali, è “scesa in campo” anche la Corte di Cassazione a Sezioni Unite, statuendo espressamente che devono essere ritenute nulle “le delibere (…) prive degli elementi essenziali, le delibere con oggetto impossibile o illecito (contrario all'ordine pubblico, alla morale o al buon costume), le delibere con oggetto che non rientra nella competenza dell'assemblea, le delibere che incidono sui diritti individuali sulle cose o servizi comuni o sulla proprietà esclusiva di ognuno dei condomini, le delibere comunque invalide in relazione all'oggetto”.
A questo punto, anche alla luce di quanto esposto sinora, si entra nel vivo per porsi la sola domanda, che realmente conta: cosa possono e devono fare i condomini e l’amministratore di fronte a una delibera nulla?
La “gestione” delle delibere nulle
Il problema si pone – la cosa è evidente – solo per quelle delibere che “odorano” di nullità, ma che non sono (o non sono ancora) state assoggettate al vaglio dell’Autorità Giudiziaria e da quest’ultima “falciate”.
Detto altrimenti (e molto in concreto):
 come dovrebbe comportarsi l’amministratore, chiamato a dover eseguire una delibera adottata dall’assemblea e non impugnata, che avesse un forte dubbio circa la validità della stessa?
 dovrebbe, nell’ambito del mandato ricevuto dall’assemblea e nell’alveo delle sue attribuzioni, eseguirla oppure potrebbe efficacemente rifiutarsi di farlo?
 in quest’ultimo caso, potrebbe semplicemente fidarsi della sua stessa valutazione e “farsi scudo” di essa per non dare seguito alla delibera, oppure dovrebbe restare in attesa, sollecitandolo, di un qualche genere di indicazione? E, in caso, da parte di chi?
Bisogna premettere che non è possibile configurare in capo all’amministratore una qualche responsabilità per non aver “individuato” la nullità di una delibera: l’amministratore non è un giudice e, in molti casi, la nullità può anche non essere affatto evidente.
E’, tuttavia, innegabile che un amministratore ha spesso sufficiente sensibilità, esperienza e – perché no? – preparazione per “avvertire” una probabile o anche solo possibile nullità.
A sommesso avviso di chi scrive, l’amministratore che si trovasse in questa situazione dovrebbe:
a) acquisire un parere legale sulla sospetta invalidità della delibera;
b) condividere le valutazioni contenute in questo parere con i condomini;
c) convocare l’assemblea, inserendo nell’o.d.g. la sospetta nullità della delibera precedente e portando, così, la questione all’attenzione dei condomini, cui verrebbe demandata la decisione.
Per quanto sub a), è ovvio che l’acquisizione del parere dovrebbe essere a spese del condominio, non essendo ragionevole che l’amministratore si faccia personalmente carico della cosa. Sarebbe, al riguardo, sufficiente che l’assemblea ratificasse la spesa decisa dall’amministratore.
In alternativa, l’amministratore dovrebbe convocare l’assemblea, farsi autorizzare all’acquisizione del parere e quindi, acquisito il parere stesso, convocare un’altra assemblea per rimettere ancora la decisione finale sul tutto alla compagine condominiale.
Quanto sub b) sarebbe soddisfatto dalla semplice distribuzione del parere a tuti i condomini, eventualmente anche insieme all’avviso di convocazione della seconda assemblea.
Per quanto sub c), l’amministratore dovrebbe – ovviamente, con l’autorevole supporto del parere – condividere con i condomini i suoi sospetti sulla nullità della delibera e prospettare loro la/e possibile/i soluzione/i. Che in sostanza deve essere, nel migliore degli scenari, questa:
• l’assemblea prende atto del problema sollevato dall’amministratore e si pronuncia in merito alla nullità dell’assemblea;
• se i condomini ritengono che tale nullità sussista, allora l’assemblea deve adottare una delibera suddivisa – per così dire – in due parti: la decisione di “abbandonare” la delibera in questione [non serve alcun formalismo: basta semplicemente la decisione di voler considerare la delibera superata e di abbandonarla, dispensando l’amministratore dall’obbligo ex art. 1130, primo comma, cod. civ. di dare esecuzione alla stessa] e, quindi, l’adozione di una nuova delibera, che introduca per lo stesso argomento una decisione e una posizione diversa;
• qualora, invece, i condomini ritenessero che tale nullità non sussista, l’amministratore non potrebbe che procedere a dare esecuzione alla delibera.
L’elemento fondamentale da cogliere è che, in ogni caso, l’amministratore non può e non deve assumersi la responsabilità e il rischio di dare in autonomia esecuzione a una delibera nulla. Evidenziando il problema e rimettendo apertamente la decisione all’assemblea, l’amministratore allontanerebbe il rischio che, nel futuro, qualche condomino vada a chiedergli conto dell’esecuzione di una delibera nulla e, magari, ad avanzare, al riguardo, pretese risarcitorie.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – forma e contenuto del rendiconto straordinario

La riforma del 2012 / 2013 ha introdotto l’art. 1130 bis cod. civ., rubricato “Rendiconto condominiale”, che disciplina compiutamente – benché con qualche ambiguità e qualche “zona grigia” su cui è dovuta intervenire l’interpretazione giurisprudenziale – il documento che l’amministratore deve redigere e sottoporre alla compagine condominiale al termine della gestione ordinaria annuale. Si vuole qui compiere una sintetica riflessione sulla portata di questa disciplina, con particolare e specifico riferimento alla sua applicabilità al rendiconto relativo a un intervento straordinario.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la legittimazione dell’amministratore a resistere in giudizio e a proporre appello

La sentenza n. 22958 della Suprema Corte, pubblicata in data 22.7.2022 ha puntualizzato alcuni concetti di base in ordine alla legittimazione passiva dell’amministratore e ai rapporti tra quest’ultimo e l’assemblea in ipotesi di impugnazione di delibere assembleari e altri giudizi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – ancora sul tema dell'approvazione del rendiconto come strumento di tacita ratifica delle spese non autorizzate dall’assemblea

Una recente pronuncia del Tribunale di Ivrea offre lo spunto per tornare sul tema della ratifica – a opera della compagine condominiale attraverso l’approvazione del rendiconto – di una spesa non deliberata ex ante dall’assemblea e compiuta dall’amministratore al di fuori dell’ambito delle sue attribuzioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto