LSMI19 Diritto condominiale
27 aprile 2021
Diritto condominiale

Condominio – le “spese personali” e il loro addebito al condomino

Condominio – le “spese personali” e il loro addebito al condomino

Un tema spesso ricorrente nell’“universo condominio” è quelle delle c.d. “spese personali”. Di quelle voci di costo, cioè, che sostiene il condominio, ma che sono riconducibili – in maniera più o meno diretta, più o meno fondata – al singolo condomino.
A tale riguardo, la confusione regna – anche sul piano pratico, operativo e concreto – sovrana e porta spesso i condominii a commettere errori grossolani

I termini della questione
In ogni edificio succede che il condominio si faccia concretamente carico di alcune spese, salvo poi ritenere che le stesse siano riconducibili a questo o a quello specifico condomino e voler, quindi, recuperare dal medesimo quanto sborsato.
Un esempio concreto aiuterà a capire meglio:
• il condomino Rossi è moroso, avendo omesso il versamento della seconda rata delle spese relative al preventivo approvato;
• un primo sollecito di pagamento, formulato dall’amministratore e trasmesso via e-mail (e, quindi, senza esborsi), non ha sortito alcun effetto;
• l’amministratore decide di far intervenire il legale di fiducia del condominio e gli chiede di trasmettere al condomino Rossi, a mezzo lettera raccomandata A.R., una diffida ad adempiere;
• all’esito della raccomandata del legale, il Sig. Rossi versa nelle casse del condominio quanto dovuto;
• il condominio riceve – e paga – la parcella dell’avvocato come sopra incaricato, e quindi sborsa la cifra di € X;
• l’amministratore, ritenendo che l’esborso di € X sia diretta conseguenza del comportamento del Sig. Rossi e che, pertanto, comportamento ed esborso siano legati da un diretto nesso di causalità, inserisce la somma di € X nel rendiconto condominiale sotto la voce “spese personali” del condomino Rossi;
• l’assemblea approva tale rendiconto e il relativo riparto, con ciò ponendo a carico del condomino Rossi l’esborso di € X.
Questa è una situazione che, a scapito della sua “normalità” [nell’accezione di “frequente ricorrenza”], appare sbagliata e può costituire fonte di criticità in condominio.
La questione delle “spese personali” può e deve essere affrontata su due piani diversi e separati, benché connessi: il piano contabile e il piano giuridico.
Il “piano” contabile
Sul piano contabile, l’inserimento di una voce di “spesa personale” nel rendiconto condominiale è normale, comprensibile e, per certi aspetti, anche doveroso.
In effetti, l’amministratore deve – anche in ragione e alla luce dell’obbligo di “far transitare le somme (…) a qualsiasi titolo erogate per conto del condominio, su uno specifico conto corrente, postale o bancario, intestato al condominio” di cui all’art. 1129, settimo comma, cod. civ. – tenere conto e traccia di tutte le uscite del condominio e quindi anche di quelle riferibili (e forse addebitabili) al singolo condomino.
Nell’esempio di cui sopra: se dalle casse del condominio esce l’importo di € X per pagare la parcella del legale incaricato della diffida al Sig. Rossi, è giusto che l’amministratore registri tale uscita in contabilità e ne dia, quindi, ragione nel rendiconto.
Il “piano” giuridico
Il discorso diventa assai meno facile, meno “lineare” e più “scivoloso” quando si passa ad esaminare la questione sul piano giuridico. Il rischio di una delibera nulla, infatti, è – per così dire – in agguato dietro il primo angolo.
La nullità della delibera che approva il rendiconto e il relativo piano di riparto non attiene tanto alla prima parte e cioè all’approvazione del rendiconto che contiene la voce di spesa “personale”: in fondo, le uscite sono uscite e – lo si è visto poc’anzi – è anche corretto che l’amministratore ne dia conto. Com’è giusto che l’assemblea prenda atto dell’esborso e “approvi” il suo inserimento nel rendiconto.
La nullità in questione riguarda più che altro la seconda parte e cioè l’approvazione del piano di riparto. E’, infatti, con questa delibera che l’assemblea pone a carico del Sig. Rossi la “spesa personale” ed è in forza di questo riparto – l’art. 63 disp. att. cod. civ. parla della “riscossione dei contributi in base allo stato di ripartizione approvato dall'assemblea” – che l’amministratore agisce per recuperare il credito.
A tale riguardo ci si deve rifare al cristallino insegnamento della Suprema Corte a Sezioni Unite, la quale – si parla della sentenza 7.3.2005 n. 4806 – ha chiaramente individuato come nulle tutte le delibere il cui oggetto “non rientra nella competenza dell'assemblea” e tutte le delibere “che incidono sui diritti individuali sulle cose o servizi comuni o sulla proprietà esclusiva di ognuno dei condomini”.
Questo concetto può essere espresso – per una maggiore aderenza alla fattispecie dell’esempio – anche così: le delibere, le quali pongano a carico del singolo condomino una spesa, a cui il condomino stesso non è tenuto ex artt. 1118, terzo comma, e 1123, primo comma, cod. civ., sono nulle.
Oltre alla già evocata sentenza Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806 meritano di essere citate Cass. 21.9.2017 n. 21965 e la pronuncia del Tribunale di Milano 27.4.2016 n. 5195 (in Arch. Locazioni 2016, 4, 413) [secondo cui “E’ affetta da nullità la delibera con cui l'assemblea condominiale - esercitando un potere di c.d. autodichla - approvi il consuntivo di spesa, addebitando ad un condòmino spese di natura personale, in violazione dei criteri di ripartizione posti dall'art. 1123 c.c. e delle prerogative assembleari riconosciute dall'art. 1135 c.c.”].
La questione, in ultima analisi, può anche essere riassunta così:
 senza il consenso diretto ed esplicito del singolo condomino interessato, l’assemblea non può addebitare a un singolo condomino una spesa che ritiene “personale” di quest’ultimo;
 la delibera che, in assenza di tale consenso diretto ed esplicito, lo facesse sarebbe affetta da nullità.
Cass. 21.9.2017 n. 21965 e una specifica forma di nullità in tema di spese
E’ interessante soffermarsi su uno specifico aspetto della nullità dell’addebito delle spese personali, come tenuto in considerazione e preso in esame da Cass. 21.9.2017 n. 21965.
Nella sua parte motiva, tale pronuncia, esaminando la sentenza di Corte d’Appello che era stata impugnata e richiamando il “consolidato indirizzo interpretativo” della stessa Cassazione [si veda Cass. SS.UU. 30.12.1999 n. 943], ha, in buona sostanza, statuito quanto segue:
• l’addebito di spese personali potrebbe avvenire solo in forza di un regolamento condominiale di natura contrattuale che lo consentisse;
• se il regolamento condominiale, pur di natura contrattuale, non contenesse una clausola in tal senso, allora sarebbe necessario procedere alla modifica del regolamento stesso;
• tale modifica sarebbe valida se – e solo se – venisse approvata dalla compagine condominiale all’unanimità [100% dei condomini e 1.000/1.000] e se detta volontà dei condomini fosse manifestata “in forma scritta”.
Ne viene, quindi, che ben difficilmente una “normale” delibera assembleare potrà essere “letta” come una modifica del regolamento condominiale di natura contrattuale nel senso di introdurre la facoltà del condominio di addebitare ai condomini “spese personali”.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – quando e come la mediazione impedisce la decadenza dall'impugnazione della delibera

L’art. 1137, secondo comma, cod. civ. prevede il diritto dei condomini di impugnare le delibere assembleari contrarie alla legge o al regolamento di condominio e impone l’obbligo – a pena di decadenza – di esercitare tale diritto entro trenta giorni.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: il quorum costitutivo è un requisito permanente dell'assemblea

E’ noto a tutti che l’assemblea di condominio si considera “regolarmente costituita” ex art. 1136, primo e terzo comma, cod. civ. se ad essa interviene un certo numero, minimo, di condomini, titolari di un certo quantitativo, minimo, di millesimi. La presenza di questi numeri minimi all’apertura dei lavori dell’assemblea, tuttavia, non basta: essa deve sussistere per l’intera durata della riunione, a pena di sopravvenuta inesistenza dell’assemblea condominiale.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: in caso di mancata convocazione la prova di resistenza non serve

Ci si interroga sulla possibilità di “salvare” la delibera impugnata dal condomino che non è stato convocato: si può fingere che il condomino sia intervenuto e abbia votato e, quindi, conteggiare il suo voto come se fosse stato espresso e, all’esito, annullare la delibera solo se quel voto risulta determinante? Detto altrimenti: il vulnus della mancata convocazione attiene unicamente al voto oppure si deve ritenere che vi sia qualcosa di più grave, tale da precludere la possibilità di quel “salvataggio”?

leggi tutto