LSMI19 Diritto condominiale
30 gennaio 2020
Diritto condominiale

Condominio – nessun interesse a impugnare se, sul piano economico, il pregiudizio è modesto

Condominio – nessun interesse a impugnare se, sul piano economico, il pregiudizio è modesto

Ai sensi dell’art. 1137 cod. civ., ciascun condomino è legittimato a impugnare davanti all’Autorità Giudiziaria, chiedendone l’annullamento, le delibere “contrarie alla legge o al regolamento di condominio”.
In alcuni casi e per specifiche ragioni, autorevolmente individuate da Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806, le delibere non sono annullabili, ma nulle, con la conseguenza – tra le altre – che il condomino può impugnarle senza limitazioni di tempo, chiedendo non il loro annullamento, ma l’accertamento – e, con esso, la dichiarazione – della loro nullità. In sede di impugnazione, il condomino attore deve dimostrare di avere un preciso interesse all’accertamento di tale nullità, in assenza del quale la sua domanda è destinata al rigetto.

La vicenda di fatto
In un condominio di Roma, un condomino ha impugnato la delibera assembleare che stabiliva la ripartizione di una determinata spesa, contestando – per violazione dell’art. 1223 cod. civ. – la legittimità e la fondatezza del criterio utilizzato per quella ripartizione.
In sostanza e per quanto qui interessa
• il Condominio ha utilizzato un certo criterio di ripartizione di una spesa, procedendo ai relativi addebiti ai condomini
• il condomino, ritenendo che questo criterio violasse l’art. 1123 cod. civ. e “forte” dell’insegnamento della Suprema Corte, secondo cui la concreta applicazione di un criterio di ripartizione delle spese diverso da quelli dell’art. 1123 cod. civ. comporta la nullità della relativa delibera [cfr. Cass. 21.5.2012 n. 8010], ha contestato la legittimità della delibera, chiedendo al Tribunale di dichiararne la nullità;
• in concreto e sul piano pratico, per effetto dell’applicazione del criterio adottato dall’assemblea l’attore si trovava gravato dalla spesa di € 292,80, mentre l’applicazione del criterio ritenuto corretto dall’attore portava a quantificare la “sua” spesa in € 288,61.
Il “perimetro” giuridico
In termini giuridici, la questione è “a cavallo” tra il diritto sostanziale e quello processuale: se, infatti, è vero che “chiunque” è legittimato a far valere la nullità [cfr. in tal senso l’art. 1421 cod. civ.], è altrettanto vero che chi agisce in tal senso deve avere un preciso “interesse” [idem].
A questo deve aggiungersi il principio generale di natura processuale di cui all’art. 100 cod. proc. civ., secondo cui “Per proporre una domanda o per contraddire alla stessa è necessario avervi interesse”.
La pronuncia del Tribunale di Roma
Il Tribunale Roma, con la sentenza 16919 del 4.9.2019 [in www.condominioweb.com], ha statuito che
 il condomino, il quale impugni una delibera per asserita nullità, riconducibile alla violazione dell’art. 1123 cod. civ., deve “allegare e dimostrare di averi interesse”;
 questo interesse “presuppone la derivazione dalla deliberazione assembleare di un apprezzabile suo personale pregiudizio”
 tale pregiudizio si deve misurare “in termini di mutamento della rispettiva posizione patrimoniale”.
Questo interesse e quello ad agire ex art. 100 cod. proc. civ. costituiscono – per così dire – due declinazioni dello stesso concetto, due aspetti strettamente connessi dello stesso tema.
Muovendo da queste considerazioni generali e astratte, il Tribunale ha “calato” i principii nel concreto, riconoscendo che, nel caso in decisione, l’interesse di cui sopra “non sussiste considerato che non è oggetto di contestazione la circostanza che, sulla base del criterio di ripartizione adottato dall'assemblea, l'attore è gravato di una spesa di euro 292,80 e che applicando invece il criterio ritenuto corretto dalla parte l'attore sarebbe tenuto a pagare l'importo di euro 288,61 con la differenza di quattro euro”.
I precedenti richiamati dal Tribunale di Roma
Nella sua decisione del 4.9.2019, il Tribunale di Roma ha espressamente richiamato due pronunce della Suprema Corte.
Si tratta di Cass. 9.3.2017 n. 6128 e Cass. 1.12. 2000 n. 15377, che hanno rispettivamente insegnato “Il condomino che intenda impugnare una delibera dell'assemblea, per l'assunta erroneità della disposta ripartizione delle spese, deve allegare e dimostrare di avervi interesse, il quale presuppone la derivazione dalla detta deliberazione di un apprezzabile pregiudizio personale, in termini di mutamento della sua posizione patrimoniale” e “Con riguardo alla impugnazione di delibere condominiali invalide, la valutazione dell'interesse alla impugnazione si pone in termini di strumentalità rispetto alla decisione sulla rilevabilità d'ufficio della nullità. Infatti, posto che il giudice può e deve rilevare la eventuale nullità dell'atto posto a fondamento della domanda, non ha senso, ove ad essa la parte non abbia interesse, che detta nullità sia effettivamente rilevata. L'interesse ad impugnare la delibera condominiale deve essere concreto, dovendo concernere la posizione di vantaggio effettivo che dalla pronunzia di merito può derivare, e non solo astratto”.
Sintesi
In sostanza, quindi, può dirsi che
• l’impugnazione di una delibera assembleare presuppone che questa, oltre a essere viziata, provochi al condomino un apprezzabile pregiudizio diretto;
• il pregiudizio è apprezzabile se si sostanzia, per il condomino, in un peggioramento “della sua posizione patrimoniale”;
• detto altrimenti: il condomino è legittimato a impugnare la delibera se questa gli causa un danno economico di apprezzabile entità.
In effetti, il Tribunale di Roma ha dimostrato di esercitare un sano pragmatismo, che sicuramente chi scrive non ritiene di criticare.
Se è vero, infatti, che i principi di diritto devono essere “inquadrati” e applicati in astratto, è altrettanto vero che essi devono servire alla vita quotidiana e devono, quindi, essere utilizzati per “distillare” concrete regole di comportamento, che la comunità degli associati possa riconoscere, condividere e sentire sue e applicare / rispettare giorno dopo giorno.
E’ agevole pensare che la maggior parte delle persone, per ritenere una regola giusta e sentirla accettabile, debba trovarla proporzionata, adeguata alla realtà della vita di tutti i giorni. In quest’ottica, la stragrande maggioranza delle persone non potrebbe sottrarsi a un’immediata e spontanea riflessione in merito alla proporzione tra la regola e gli effetti concreti della sua applicazione.
La sussistenza o meno dell’interesse di cui sopra, quindi, vale come criterio correttivo della fredda, asettica e “inumana” applicazione delle regole, come “freno” alla possibile applicazione delle regole per le regole, come se queste costituissero un valore in sé e per sé, anche astratte dalla vita concreta che sono chiamate a disciplinare e, in ultima analisi, a rendere possibile.
In line generale, può dirsi che le regole servono a migliorare – e, prima ancora, a rendere possibile – la civile convivenza e che, quindi, non possono ritenersi accettabili regole che non abbiano, in concreto, questa funzione.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – crediti vecchi, rendiconto e decreto ingiuntivo

Con una recente pronuncia – sentenza n. 3847 del 15.2.2021 – la Suprema Corte ha preso una chiara posizione in merito ai crediti del condominio risalenti nel tempo, al loro inserimento nei rendiconti degli anni successivi e, quindi, alla facoltà dell’amministratore di chiedere e ottenere ex art. 63 disp. att. cod. civ., relativamente a detti crediti “vecchi”, il decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il verbale dell’assemblea deve avere la forma scritta e il contenuto della riunione non può essere provato per testi

Una recente pronuncia della Corte d’Appello di Genova – la sentenza n. 106 del 29.1.2021 – fornisce l’occasione per alcune considerazioni su un tema che può apparire banale, ma che poi così scontato non è se è vero – com’è vero – che sul punto si continua a litigare

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la manutenzione / riparazione del cortile comune che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse e il tema dell’impermeabilizzazione

Un tema sempre “caldo” è quello della ripartizione delle spese necessarie alla manutenzione / riparazione del cortile condominiale che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse. Anche in epoca recente la giurisprudenza è intervenuta sul punto – si parla della sentenza Tribunale Roma 14.1.2021 n. 665 – per ribadire e confermare l’orientamento interpretativo consolidatosi nel tempo. Orientamento interpretativo che – vale la pena di dirlo – non risulta del tutto alieno da qualche perplessità

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il condomino è efficacemente convocato se l’avviso di convocazione all’assemblea arriva al suo indirizzo nei termini di legge

In epoca molto recente il Tribunale di Roma ha affrontato la questione (invero, già ben nota) dell’efficacia – intesa come tempestività – della trasmissione dell’avviso di convocazione all’assemblea condominiale, avvenuta con lettera raccomandata non ritirata per l’assenza del destinatario

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’“impugnativa” degli atti dell’amministratore

L’art. 1133 cod. civ. è probabilmente, tra le disposizioni vigenti in materia di condominio, quella che ha avuto – e ancora ha – la minore “ricaduta” concreta (nel senso di minore applicazione). In realtà, è una norma perfettamente coerente con i principi base dell’“universo condominio” e, se letta e analizzata bene, potrebbe anche essere efficacemente utilizzata in molte situazioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’assemblea in videoconferenza: spunti di riflessione

La storia – talmente recente da poter essere considerata ancora cronaca – è mota: con il c.d. Decreto agosto – cioè il D.L. 14.8.2020 n. 104, convertito con modifiche dalla L. 13.10.2020 n. 126, in vigore dal 14 ottobre 2020 – è intervenuto sulle modalità di convocazione e svolgimento delle assemblee condominiali, introducendo espressamente la possibilità che l’assemblea condominiale si svolga da remoto. C’è stato poi un repentino ripensamento: la norma di agosto / ottobre è stata successivamente modificata – a opera del D.L. 7.10,2020 n. 125, convertito con modifiche dalla L. 27.11.2020 n. 159 – nel senso di prevedere che la legittimità dell’assemblea in videoconferenza derivi dal consenso non di tutti i condomini, ma della maggioranza dei medesimi. La nuova norma è scritta molto male, ma si può tentare di interpretarla meglio

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eventuale sussistenza di irregolarità meramente formali relative all’assemblea in prima convocazione non impatta sull’assemblea in seconda convocazione

Un recente pronuncia del Tribunale di Cosenza – si parla della sentenza 30.11.2020 n. 2131 – riprende, confermandolo, il più risalente insegnamento della Suprema Corte in merito alla possibilità di svolgere l’assemblea in seconda convocazione anche se non c’è il verbale relativo all’assemblea in prima convocazione andata “deserta”

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – un bar è un bar e non è un’altra cosa e può essere aperto in un condominio se il regolamento condominiale di natura contrattuale non lo vieta espressamente

A fine 2020 il Tribunale di Pisa – la sentenza è la n. 1181 del 28.12.2020 – è tornato sull’argomento dei divieti e dei limiti imposti alla proprietà privata dal regolamento condominiale di natura contrattuale e lo ha fatto esaminando specificamente il presunto divieto di adibire le unità in condominio a bar

leggi tutto