LSMI19 Diritto condominiale
30 gennaio 2020
Diritto condominiale

Condominio – nessun interesse a impugnare se, sul piano economico, il pregiudizio è modesto

Condominio – nessun interesse a impugnare se, sul piano economico, il pregiudizio è modesto

Ai sensi dell’art. 1137 cod. civ., ciascun condomino è legittimato a impugnare davanti all’Autorità Giudiziaria, chiedendone l’annullamento, le delibere “contrarie alla legge o al regolamento di condominio”.
In alcuni casi e per specifiche ragioni, autorevolmente individuate da Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806, le delibere non sono annullabili, ma nulle, con la conseguenza – tra le altre – che il condomino può impugnarle senza limitazioni di tempo, chiedendo non il loro annullamento, ma l’accertamento – e, con esso, la dichiarazione – della loro nullità. In sede di impugnazione, il condomino attore deve dimostrare di avere un preciso interesse all’accertamento di tale nullità, in assenza del quale la sua domanda è destinata al rigetto.

La vicenda di fatto
In un condominio di Roma, un condomino ha impugnato la delibera assembleare che stabiliva la ripartizione di una determinata spesa, contestando – per violazione dell’art. 1223 cod. civ. – la legittimità e la fondatezza del criterio utilizzato per quella ripartizione.
In sostanza e per quanto qui interessa
• il Condominio ha utilizzato un certo criterio di ripartizione di una spesa, procedendo ai relativi addebiti ai condomini
• il condomino, ritenendo che questo criterio violasse l’art. 1123 cod. civ. e “forte” dell’insegnamento della Suprema Corte, secondo cui la concreta applicazione di un criterio di ripartizione delle spese diverso da quelli dell’art. 1123 cod. civ. comporta la nullità della relativa delibera [cfr. Cass. 21.5.2012 n. 8010], ha contestato la legittimità della delibera, chiedendo al Tribunale di dichiararne la nullità;
• in concreto e sul piano pratico, per effetto dell’applicazione del criterio adottato dall’assemblea l’attore si trovava gravato dalla spesa di € 292,80, mentre l’applicazione del criterio ritenuto corretto dall’attore portava a quantificare la “sua” spesa in € 288,61.
Il “perimetro” giuridico
In termini giuridici, la questione è “a cavallo” tra il diritto sostanziale e quello processuale: se, infatti, è vero che “chiunque” è legittimato a far valere la nullità [cfr. in tal senso l’art. 1421 cod. civ.], è altrettanto vero che chi agisce in tal senso deve avere un preciso “interesse” [idem].
A questo deve aggiungersi il principio generale di natura processuale di cui all’art. 100 cod. proc. civ., secondo cui “Per proporre una domanda o per contraddire alla stessa è necessario avervi interesse”.
La pronuncia del Tribunale di Roma
Il Tribunale Roma, con la sentenza 16919 del 4.9.2019 [in www.condominioweb.com], ha statuito che
 il condomino, il quale impugni una delibera per asserita nullità, riconducibile alla violazione dell’art. 1123 cod. civ., deve “allegare e dimostrare di averi interesse”;
 questo interesse “presuppone la derivazione dalla deliberazione assembleare di un apprezzabile suo personale pregiudizio”
 tale pregiudizio si deve misurare “in termini di mutamento della rispettiva posizione patrimoniale”.
Questo interesse e quello ad agire ex art. 100 cod. proc. civ. costituiscono – per così dire – due declinazioni dello stesso concetto, due aspetti strettamente connessi dello stesso tema.
Muovendo da queste considerazioni generali e astratte, il Tribunale ha “calato” i principii nel concreto, riconoscendo che, nel caso in decisione, l’interesse di cui sopra “non sussiste considerato che non è oggetto di contestazione la circostanza che, sulla base del criterio di ripartizione adottato dall'assemblea, l'attore è gravato di una spesa di euro 292,80 e che applicando invece il criterio ritenuto corretto dalla parte l'attore sarebbe tenuto a pagare l'importo di euro 288,61 con la differenza di quattro euro”.
I precedenti richiamati dal Tribunale di Roma
Nella sua decisione del 4.9.2019, il Tribunale di Roma ha espressamente richiamato due pronunce della Suprema Corte.
Si tratta di Cass. 9.3.2017 n. 6128 e Cass. 1.12. 2000 n. 15377, che hanno rispettivamente insegnato “Il condomino che intenda impugnare una delibera dell'assemblea, per l'assunta erroneità della disposta ripartizione delle spese, deve allegare e dimostrare di avervi interesse, il quale presuppone la derivazione dalla detta deliberazione di un apprezzabile pregiudizio personale, in termini di mutamento della sua posizione patrimoniale” e “Con riguardo alla impugnazione di delibere condominiali invalide, la valutazione dell'interesse alla impugnazione si pone in termini di strumentalità rispetto alla decisione sulla rilevabilità d'ufficio della nullità. Infatti, posto che il giudice può e deve rilevare la eventuale nullità dell'atto posto a fondamento della domanda, non ha senso, ove ad essa la parte non abbia interesse, che detta nullità sia effettivamente rilevata. L'interesse ad impugnare la delibera condominiale deve essere concreto, dovendo concernere la posizione di vantaggio effettivo che dalla pronunzia di merito può derivare, e non solo astratto”.
Sintesi
In sostanza, quindi, può dirsi che
• l’impugnazione di una delibera assembleare presuppone che questa, oltre a essere viziata, provochi al condomino un apprezzabile pregiudizio diretto;
• il pregiudizio è apprezzabile se si sostanzia, per il condomino, in un peggioramento “della sua posizione patrimoniale”;
• detto altrimenti: il condomino è legittimato a impugnare la delibera se questa gli causa un danno economico di apprezzabile entità.
In effetti, il Tribunale di Roma ha dimostrato di esercitare un sano pragmatismo, che sicuramente chi scrive non ritiene di criticare.
Se è vero, infatti, che i principi di diritto devono essere “inquadrati” e applicati in astratto, è altrettanto vero che essi devono servire alla vita quotidiana e devono, quindi, essere utilizzati per “distillare” concrete regole di comportamento, che la comunità degli associati possa riconoscere, condividere e sentire sue e applicare / rispettare giorno dopo giorno.
E’ agevole pensare che la maggior parte delle persone, per ritenere una regola giusta e sentirla accettabile, debba trovarla proporzionata, adeguata alla realtà della vita di tutti i giorni. In quest’ottica, la stragrande maggioranza delle persone non potrebbe sottrarsi a un’immediata e spontanea riflessione in merito alla proporzione tra la regola e gli effetti concreti della sua applicazione.
La sussistenza o meno dell’interesse di cui sopra, quindi, vale come criterio correttivo della fredda, asettica e “inumana” applicazione delle regole, come “freno” alla possibile applicazione delle regole per le regole, come se queste costituissero un valore in sé e per sé, anche astratte dalla vita concreta che sono chiamate a disciplinare e, in ultima analisi, a rendere possibile.
In line generale, può dirsi che le regole servono a migliorare – e, prima ancora, a rendere possibile – la civile convivenza e che, quindi, non possono ritenersi accettabili regole che non abbiano, in concreto, questa funzione.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

La “nascita” del condominio, la presunzione di proprietà comune e l’individuazione delle proprietà individuali attraverso il titolo contrario

Il condominio costituisce una situazione di comproprietà indivisa: quando esiste un edificio composto da unità immobiliari di proprietari diversi, alcune parti di tale edificio “Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio” (art. 1117, primo comma, cod. civ.). Si tratta essenzialmente di “tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune” (art. 1117, primo comma, n. 1) cod. civ.). Ma quando sorge il condominio e quali sono i criteri per individuare le parti comuni e distinguerle dalle parti dell’edificio di proprietà individuale?

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in merito alle morosità condominiale nell’epoca del Covid19

In questo periodo, con l’emergenza sanitaria e le tristemente note – e, comunque, facilmente intuibili – ricadute economiche su tutti gli italiani, si pone in maniera tutt’altro che secondaria il tema della morosità condominiale e del circolo vizioso, che questa crea di provocare.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in ordine alla gestione del condominio nelle circostanze eccezionali imposte dal Covid-19 – il ruolo di primo piano degli amministratori e l’importanza della stretta collaborazione tra amministratori e amministrati

Tra le misure, adottate e quindi imposte dal Governo per fronteggiare la diffusione del contagio da Covid-19, spicca il divieto di assembramenti: in sostanza, non ci si può riunire, né in luoghi pubblici né in luoghi privati, per incontri, riunioni, convegni e altro. Il divieto riguarda anche le assemblee condominiali, riunioni nell’ambito delle quali il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro è, di fatto, impossibile. Si pone, quindi, il problema del rischio di una sostanziale “paralisi” della vita dei condominii, enti di gestione che sono stati privati dei loro organi decisionali.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [parte 2]

In questa seconda parte del contributo sul tema della eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati, l’attenzione si concentrerà in particolare sui concetti introdotti dall’art. 4, commi 4 e 5, L. 9.1.1989 n. 13 e cioè sui presupposti, i limiti e le condizioni del legittimo diniego a un intervento edilizio su un edificio vincolato.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [Parte 1]

Per ovvie ed evidenti ragioni, nel Belpaese l’esigenza di trovare un compromesso, di individuare un soddisfacente punto di incontro tra la tutela del patrimonio immobiliare storico / artistico e la protezione delle persone che, negli edifici assoggettati a tali vincoli, abitano e lavorano, è particolarmente sentita. Negli anni, con il mutare della sensibilità sociale e l’aumento dell’attenzione a certi temi, si è assistito a un’autentica evoluzione, a una vera e propria “rivoluzione” che ha portato a “mettere a fuoco” una serie di principi fondamentali. Un’attenzione particolare è stata – ed è – dedicata al bilanciamento di interessi tra la tutela delle persone in difficoltà e la salvaguardia del patrimonio storico / artistico

leggi tutto
4 ottobre 2018

Lastrico solare in condominio: nel silenzio dell’art. 1126 cod. civ., chi decide di eseguire l’intervento di manutenzione?

Il codice civile, all’art. 1126 cod. civ., detta la regola per ripartire le spese legate agli interventi manutentivi sui lastrici solari, ma nulla dice in merito all’individuazione del soggetto legittimato a decidere se dare corso oppure no a quegli interventi. In questa sede si vuole rispondere a questa precisa e specifica domanda: chi ha il potere di decidere di eseguire la manutenzione sui lastrici solari?

leggi tutto
4 ottobre 2018

L’assemblea ordinaria del super-condominio

La riforma del condomino del 2012 / 2013 ha “fatto emergere” e regolamentato – benché in maniera lacunosa e poco chiara, pur ponendosi l’obiettivo di “snellire” – il fenomeno del super-condominio. Tra gli elementi più caratteristici c’è una sorta di “sdoppiamento” dell’assemblea ordinaria, nella quale sono chiamati ad esprimete il voto soggetti diversi a seconda delle materie contenute nel’o.d.g..

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il fondo patrimoniale non “protegge” dal condominio creditore

Non sembra fuori luogo dedicare qualche riflessione al fondo patrimoniale e alla sua relazione – verrebbe quasi da dire “interazione” – con la morosità condominiale. In buona sostanza, ci si chiede se la costituzione di un fondo patrimoniale ex art. 167 e ss. cod. civ. possa efficacemente “mettere al riparo” i beni costituiti (o “conferiti”) in quello stesso fondo rispetto alle possibili iniziative del condominio nei confronti dei condomini morosi

leggi tutto