LSMI19 Diritto condominiale
2 aprile 2019
Diritto condominiale

Condominio: non solo l’amministratore, ma anche i consiglieri, possono accedere al conto corrente condominiale

Condominio: non solo l’amministratore, ma anche i consiglieri, possono accedere al conto corrente condominiale

La novità legislativa
La riforma del condominio del 2012 / 2013 ha introdotto – tra le altre – l’importante novità della “tracciabilità” dei movimenti finanziari:
 l’art. 1129, settimo comma, cod. civ. prevede l’obbligo dell’amministratore di “far transitare le somme ricevute a qualunque titolo dai condomini o da terzi, nonché quelle a qualsiasi titolo erogate per conto del condominio, su uno specifico conto corrente, postale o bancario, intestato al condominio”
 l’art. 1129, dodicesimo comma, cod. civ. elenca, tra le gravi irregolarità idonee a provocare la revoca giudiziale dell’amministratore “la mancata apertura ed utilizzazione del conto di cui al settimo comma”.

Il tema della legittimazione all’accesso
E’ stato chiaro, sin dalla stesura del testo di legge, che un punto delicato ed essenziale fosse rappresentato dalla legittimazione all’accesso a tale conto. Ci si è da subito chiesti chi dovesse essere considerato legittimato a prendere visione – ovviamente non si parla di movimentazione, del tutto estranea al concetto di mero accesso per informativa – del conto corrente e, quindi, degli estratti conto e delle relative movimentazioni.
Può apparire paradossale, alla luce del fatto che l’incarico all’amministratore viene conferito su base fiduciaria, ma è fin troppo agevole riscontrare spesso un clima di dubbio (per non dire di sfiducia), tale da far sorgere nei condomini l’idea che sarebbe preferibile per questi ultimi avere accesso diretto al conto corrente.
Sul punto, però, il legislatore ha apertamente preso posizione, prescrivendo il diritto di ciascun condomino “chiedere di prendere visione ed estrarre copia, a proprie spese, della rendicontazione periodica”, ma specificando che questo diritto po' essere esercitato “per il tramite dell'amministratore”.
L’interpretazione tradizionale
La “lettura” tradizionale della citata disposizione è sempre stata questa: con le parole “per il tramite dell'amministratore” il legislatore ha inteso attribuire e circoscrivere all’amministratore condominiale i rapporti con l’istituto bancario e, quindi, l’accesso al conto.
Questo ovviamente non significa che i condomini non abbiano alcun potere di accesso:
• l’art. 1130 bis cod. civ. disciplina il rendiconto, stabilendo che esso “contiene le voci di entrata e di uscita ed ogni altro dato inerente alla situazione patrimoniale del condominio, ai fondi disponibili ed alle eventuali riserve” e che “Si compone di un registro di contabilità, di un riepilogo finanziario, nonché di una nota sintetica esplicativa della gestione con l'indicazione anche dei rapporti in corso e delle questioni pendenti”;
• la stessa norma attribuisce all’assemblea il potere, esercitabile “in qualsiasi momento o per più annualità specificamente identificate”, di “nominare un revisore che verifichi la contabilità del condominio”;
• è, quindi, evidente che tale revisore non potrebbe compiere seriamente la verifica, di cui è incaricato, se non potesse prendere visione delle – si ricordi, obbligatorie – movimentazioni bancarie.
Il quadro, quindi, è sempre stato questo:
 di regola, solo l’amministratore può accedere al conto corrente bancario del condominio;
 la sola deroga a questa regola è rappresentata dallo scenario di revisione contabile, nel cui ambito il revisore incaricato dall’assemblea può prendere visione di tale estratto conto.
A voler essere precisi, si potrebbe osservare che il revisore ha “unicamente” il diritto di prendere visione dell’estratto conto e che questo – potendo il revisore acquisire le copie fornite dall’amministratore – non coincide necessariamente con il diritto di accedere al conto.
Una “lettura” diversa
Nel contesto generale, come sopra delineato, si sono inserite alcune decisioni dell'Arbitro Bancario Finanziario, il quale ha affermato – il passo è tratto da A.B.F. 16.9.2016 n. 7960 – che “la nuova disciplina non prescrive un obbligo, in capo al condomino, di esclusiva richiesta all'amministratore, unico legittimato a richiedere la documentazione, quanto, piuttosto, di preventiva richiesta all'amministratore stesso (così, dec. 8817/2015. Cfr., anche, dec. 691/2015)”.
Da quanto sopra è possibile “ritagliare” un ruolo e un potere in capo al consiglio di condominio [organo – giova ricordarlo – previsto dall’art. 1130 bis cod. civ. e dotato di “funzioni consultive e di controllo”]. E’, cioè, possibile ritenere che il consiglio possa – la cosa è pacifica – chiedere all'amministratore copia della documentazione periodica relativa al conto corrente condominiale e – ecco lo “spunto” di novità – che abbia il diritto, in ipotesi di mancato positivo riscontro da parte dell’amministratore, di rivolgersi direttamente alla banca per avere da quest’ultima l’estratto conto.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – forma e contenuto del rendiconto straordinario

La riforma del 2012 / 2013 ha introdotto l’art. 1130 bis cod. civ., rubricato “Rendiconto condominiale”, che disciplina compiutamente – benché con qualche ambiguità e qualche “zona grigia” su cui è dovuta intervenire l’interpretazione giurisprudenziale – il documento che l’amministratore deve redigere e sottoporre alla compagine condominiale al termine della gestione ordinaria annuale. Si vuole qui compiere una sintetica riflessione sulla portata di questa disciplina, con particolare e specifico riferimento alla sua applicabilità al rendiconto relativo a un intervento straordinario.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la legittimazione dell’amministratore a resistere in giudizio e a proporre appello

La sentenza n. 22958 della Suprema Corte, pubblicata in data 22.7.2022 ha puntualizzato alcuni concetti di base in ordine alla legittimazione passiva dell’amministratore e ai rapporti tra quest’ultimo e l’assemblea in ipotesi di impugnazione di delibere assembleari e altri giudizi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – ancora sul tema dell'approvazione del rendiconto come strumento di tacita ratifica delle spese non autorizzate dall’assemblea

Una recente pronuncia del Tribunale di Ivrea offre lo spunto per tornare sul tema della ratifica – a opera della compagine condominiale attraverso l’approvazione del rendiconto – di una spesa non deliberata ex ante dall’assemblea e compiuta dall’amministratore al di fuori dell’ambito delle sue attribuzioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto