LSMI19 Diritto condominiale
25 novembre 2021
Diritto condominiale

Condominio – per frequentare (assemblee, riunioni, feste, …) le sale condominiali non è necessario avere il Green Pass.

Condominio – per frequentare (assemblee, riunioni, feste, …) le sale condominiali non è necessario avere il Green Pass.

Un tema di grande attualità è costituito dalla questione del Green Pass e della sua necessità sì / no nell’ambito del condominio.
Più specificamente, molti amministratori si sono interrogati – e ancora lo fanno – sulla sussistenza o meno, in capo ai condomini che intervengono in assemblea /o, ancora, ai condomini che utilizzano spazi comuni per riunioni, feste et similia), dell’obbligo di avere ed esibire il Green Pass.
Fermo il fatto che la materia appare “fluida” e in continua evoluzione, l’analisi ragionata della normativa vigente – il riferimento è essenzialmente all’art. 3 D.L. 23.7.2021 n. 105 – consente di escludere tale sussistenza.

Il quadro generale e i termini della questione
E’ noto che l’art. 3 D.L. 105/2021 ha introdotto l’obbligo del Green Pass.
Il possesso di tale certificazione è indispensabile per tutta una serie di attività e per l’accesso – per citare solo due esempi, scegliendo probabilmente i più noti – nei ristoranti al chiuso e sui treni.
Per essere più precisi, si deve rilevare che tale disposizione di legge impone l’obbligo di avere il Green Pass per alcuni “servizi e attività”.
La domanda da porsi e a cui dare risposta è questa: il Green Pass è obbligatorio per intervenire alle assemblee di condominio o per partecipare a riunioni di varia natura (feste, pomeriggi ricreativi, circoli di lettura condominiali, ecc.) nelle sale comuni dei condominii?
La previsione normativa
I “servizi e attività” elencati nell’art. 3 D.L. 105/2021 sono questi:
a) “servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio, di cui all'articolo 4, per il consumo al tavolo, al chiuso;
b) spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi, di cui all'articolo 5;
c) musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre, di cui all'articolo 5-bis;
d) piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all'interno di strutture ricettive, di cui all'articolo 6, limitatamente alle attività al chiuso;
e) sagre e fiere, convegni e congressi di cui all'articolo 7;
f) centri termali, parchi tematici e di divertimento;
g) centri culturali, centri sociali e ricreativi, di cui all'articolo 8-bis, comma 1, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l'infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione;
h) attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò, di cui all'articolo 8-ter;
i) concorsi pubblici”;
La sua applicabilità al condominio
A sommesso avviso di chi scrive, né le sale comuni, che ospitino le assemblee, né le sale comuni, in cui si svolgano feste, riunioni et similia, rientrano nell’ambito di applicazione di questa normativa.
Non sembra, infatti, possibile individuare, nell’ambito della norma dianzi citata, una sola fattispecie astratta, di servizi e/o di attività, nella quale sia possibile sussumere la fattispecie concreta dell’assemblea condominiale o della festa/riunione in condominio.
Da questo discende che l’obbligo del Green Pass non sussiste per queste attività che si svolgano in questi spazi comuni.
A quanto sopra “fa eco” la posizione espressa dal Garante per la protezione dei dati personali nel suo parere del 9.6.2021, di cui vale la pena trascrivere uno specifico passaggio:
“Si ritiene pertanto che le certificazioni attestanti l’avvenuta vaccinazione o guarigione da Covid-19, o l’esito negativo di un test antigenico o molecolare non possano essere ritenute una condizione necessaria per consentire l’accesso a luoghi o servizi o per l’instaurazione o l’individuazione delle modalità di svolgimento di rapporti giuridici se non nei limiti in cui ciò è previsto da una norma di rango primario, nell’ambito dell’adozione delle misure di sanità pubblica necessarie per il contenimento del virus SARS-CoV-2”
Ai fini che qui interessano, il ragionamento del Garante può essere riproposto schematicamente come segue:
 solo una norma di rango primario e cioè una legge dello Stato, adottata “nell’ambito dell’adozione delle misure di sanità pubblica necessarie per il contenimento del virus SARS-CoV-2”, potrebbe legittimare che il possesso del Green Pass possa costituire condizione per accedere agli spazi comuni per l’esercizio dei diritti spettanti per legge al condomino in quanto tale [partecipazione all’assemblea, godimento dei beni comuni, …];
 l’art. 3 D.L. 105/2021 contiene l’elencazione di una serie di servizi e attività, per l’accesso ai quali la stessa disposizione – che è una legge dello Stato – pone come condizione il possesso del Green Pass;
 tale disposizione non prevede espressamente gli spazi comuni condominiali, né le assemblee o altre riunioni tra condomini;
 la disposizione in questione deve intendersi come una norma speciale, insuscettibile – in quanto tale – di applicazione analogica,
 questo significa, in buona sostanza, che non è possibile estendere l’applicazione di questa norma a fattispecie non espressamente previste, ma solo simili a queste ultime.
Da tutto questo si deve concludere – questa la posizione del Garante – che il possesso del Green Pass non può legittimamente essere ritenuto condizione necessaria per l’accesso a tali spazi e l’esercizio dei diritti di condomino.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – quando e come la mediazione impedisce la decadenza dall'impugnazione della delibera

L’art. 1137, secondo comma, cod. civ. prevede il diritto dei condomini di impugnare le delibere assembleari contrarie alla legge o al regolamento di condominio e impone l’obbligo – a pena di decadenza – di esercitare tale diritto entro trenta giorni.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: il quorum costitutivo è un requisito permanente dell'assemblea

E’ noto a tutti che l’assemblea di condominio si considera “regolarmente costituita” ex art. 1136, primo e terzo comma, cod. civ. se ad essa interviene un certo numero, minimo, di condomini, titolari di un certo quantitativo, minimo, di millesimi. La presenza di questi numeri minimi all’apertura dei lavori dell’assemblea, tuttavia, non basta: essa deve sussistere per l’intera durata della riunione, a pena di sopravvenuta inesistenza dell’assemblea condominiale.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: in caso di mancata convocazione la prova di resistenza non serve

Ci si interroga sulla possibilità di “salvare” la delibera impugnata dal condomino che non è stato convocato: si può fingere che il condomino sia intervenuto e abbia votato e, quindi, conteggiare il suo voto come se fosse stato espresso e, all’esito, annullare la delibera solo se quel voto risulta determinante? Detto altrimenti: il vulnus della mancata convocazione attiene unicamente al voto oppure si deve ritenere che vi sia qualcosa di più grave, tale da precludere la possibilità di quel “salvataggio”?

leggi tutto