LSMI19 Diritto condominiale
25 novembre 2018
Diritto condominiale

Condominio: se l’amministratore non è in regola con gli obblighi formativi, la sua nomina non è valida

Condominio: se l’amministratore non è in regola con gli obblighi formativi, la sua nomina non è valida

L’amministratore ieri e oggi

La riforma del 2012 / 2013 ha profondamente innovato in merito alla figura dell’amministratore, imprimendo una brusca “sterzata” rispetto al passato nella direzione di rendere gli amministratori dei professionisti qualificati.

L’art. 71 bis disp. att. cod. civ. contiene l’elenco dei requisiti necessari per poter – queste le parole del legislatore – “svolgere l'incarico di amministratore di condominio”. Tra questi requisiti, viene qui in evidenza quello di cui al primo comma, lett. g): per ricoprire il ruolo di amministratore è necessario aver “frequentato un corso di formazione iniziale” e svolgere “attività di formazione periodica in materia di amministrazione condominiale”.

L’intento del legislatore è chiarissimo: si è voluto “scardinare” il sistema vigente nel passato, in forza del quale i condominii venivano troppo spesso amministrati da personaggi improvvisati, privi della benché minima preparazione teorica e talvolta anche di dubbia onestà e rettitudine.
La scelta del legislatore è stata netta e inequivocabile: lo scopo è quello di trasformare il tradizionale mestiere di amministratore di condominio in qualcosa di diverso, di fare del classico amministratore di condominio una figura nuova, caratterizzata da una certa professionalità [intesa come competenza e serietà] e in grado di amministrare il condominio con un atteggiamento manageriale.

Detto altrimenti: sostituire il tradizionale gestore con un autentico manager.

Coerentemente con questa impostazione, il legislatore ha anche introdotto il D.M. 13.8.2014 n. 140 e cioè la normativa che ha specificato in concreto i criteri e le modalità per la formazione e l’aggiornamento degli amministratori di condominio.

La più frequente “patologia”

I maligni sostengono che le leggi esistono per essere disattese, aggirate e violate.
Anche senza indulgere a simili qualunquismi, non si può ignorare il semplice dato di fatto costituito dall’esistenza di significative “sacche” di illegalità sostanziale, riconducibili al mancato rispetto delle leggi vigenti.

Gli amministratori di condominio non costituiscono un’eccezione e capita, quindi, fin troppo spesso che i condominii si ritrovino con “vecchi” amministratori non in regola con l’assolvimento degli obblighi e che le assemblee si trovino a nominare amministratori altrettanto non in regola.

Alla luce di questo, la domanda da porsi è semplice: cosa succede se l’amministratore non è in regola con gli obblighi formativi e di aggiornamento?

Una prima possibile risposta

L’art. 1137 cod. civ. stabilisce che le deliberazioni “contrarie alla legge o al regolamento di condominio” possono essere impugnate per ottenere dal Giudice il loro “annullamento”.
Il ragionamento, quindi, potrebbe essere semplicemente questo:
  • per legge, l’amministratore deve aver assolto gli obblighi di formazione e aggiornamento;
  • l’amministratore, il quale non abbia assolto tali obblighi, non può svolgere il suo mestiere;
  • l’assemblea, che nomini un amministratore non in regola dal punto di vista della formazione e dell’aggiornamento, sarebbe un’assemblea adottata in violazione della legge;
  • la delibera contraria alla legge può essere – come già detto – annullata.

Una seconda possibile risposta

Questa seconda opzione è più drastica e si basa su un’interpretazione più rigida della legge.
È l’interpretazione fatta sua dal Tribunale di Padova con la sentenza del 24.3.2017, pubblicata in Arch. locazioni 2017, 5, 595 e in Condominioelocazione.it 16 novembre 2017, secondo la quale “La mancata frequentazione del corso di formazione periodica rende illegittima la nomina dell'amministratore di condominio nel senso che l'amministratore non potrà assumere incarichi per l'anno successivo e che la sua nomina è nulla”.

Perché addirittura nulla?
La spiegazione è semplice: il Tribunale di Padova considera la normativa vigente in subiecta materia [art. 71 bis disp. att. cod. civ. e D.M. 13.8.2014 n. 140] alla stregua di norme imperative e le delibere “con oggetto illecito” – con ciò intendendosi un oggetto “contrario all'ordine pubblico” – sono, al pari delle “delibere comunque invalide in relazione all'oggetto”, nulle. Sul punto, si veda Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806.

Un’opinione ancora diversa

A riprova del fatto che la materia è “fluida” e in continuo “assestamento”, giova richiamare una sentenza del Tribunale di Verona in data 13.11.2018.
Questo giudice, pur riconoscendo la non conformità a legge della nomina dell’amministratore non in regola con gli obblighi formativi, ha rilevato che la nullità è una ben specifica forma di invalidità, che il legislatore, quando ha voluto prevedere questa “sanzione”, lo ha fatto espressamente [si veda, al riguardo, il quattordicesimo comma dell’art. 1129 cod. civ.] e che non si può ricavare un’ipotesi di nullità per via interpretativa.
La conclusione del Tribunale di Verona è semplice:
  • l’amministratore non in regola con gli obblighi formativi può essere validamente nominato;
  • la sua condotta, tuttavia, integra – soprattutto se reiterata nel tempo – gli estremi della “grave irregolarità” ex art. 1129, undicesimo comma, cod. civ., con la conseguenza che ogni condomino potrebbe chiedere al Tribunale la revoca dell’amministratore stesso.

Sintesi

Quale che sia l’impostazione teoretica della questione, le ricadute pratiche della nomina di un amministratore non in regola con gli obblighi formativi si risolvono sempre e comunque nell’invalidità di tale nomina.
Da qui, l’evidente estrema opportunità – per non parlare di vera e propria necessità – che i condomini verifichino, prima della nomina, in quale situazione il nuovo amministratore in pectore si trova rispetto alla sua formazione professionale.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – forma e contenuto del rendiconto straordinario

La riforma del 2012 / 2013 ha introdotto l’art. 1130 bis cod. civ., rubricato “Rendiconto condominiale”, che disciplina compiutamente – benché con qualche ambiguità e qualche “zona grigia” su cui è dovuta intervenire l’interpretazione giurisprudenziale – il documento che l’amministratore deve redigere e sottoporre alla compagine condominiale al termine della gestione ordinaria annuale. Si vuole qui compiere una sintetica riflessione sulla portata di questa disciplina, con particolare e specifico riferimento alla sua applicabilità al rendiconto relativo a un intervento straordinario.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la legittimazione dell’amministratore a resistere in giudizio e a proporre appello

La sentenza n. 22958 della Suprema Corte, pubblicata in data 22.7.2022 ha puntualizzato alcuni concetti di base in ordine alla legittimazione passiva dell’amministratore e ai rapporti tra quest’ultimo e l’assemblea in ipotesi di impugnazione di delibere assembleari e altri giudizi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – ancora sul tema dell'approvazione del rendiconto come strumento di tacita ratifica delle spese non autorizzate dall’assemblea

Una recente pronuncia del Tribunale di Ivrea offre lo spunto per tornare sul tema della ratifica – a opera della compagine condominiale attraverso l’approvazione del rendiconto – di una spesa non deliberata ex ante dall’assemblea e compiuta dall’amministratore al di fuori dell’ambito delle sue attribuzioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto