LSMI19 Diritto condominiale
16 gennaio 2020
Diritto condominiale

Condominio – se, quando e come è lecito registrare i lavori dell’assemblea

Condominio – se, quando e come è lecito registrare i lavori dell’assemblea

Nella sua veste di avvocato specializzato nel diritto condominiale, chi scrive si è spesso trovato - e tuttora si trova - alle prese con un interrogativo che sembra interessare e coinvolgere molto condomini e amministrare. Di base, la domanda, articolata, è questa:
 è lecito (e quindi possibile) fonoregistrare le assemblee condominiali?
 è lecito (e quindi possibile) videoregistrare le assemblee condominiali?
 per fare l’una e l’altra cosa è necessario l’assenso di tutti i condomini, della maggioranza oppure cosa?
La questione - divenuta di grande attualità grazie all’evolversi della tecnologia - è delicata. Per fortuna, sul punto soccorre un chiaro insegnamento giurisprudenziale.

Una premessa introduttiva
Nell’attuale società tecnologica del video e dell’audio, e anche grazie all’influenza di certa letteratura e cinematografia anglosassone, sono sempre più numerosi i condomini che ritengono di tutelarsi – non è sempre agevole capire da cosa e nei confronti di chi – attraverso la registrazione di quanto viene detto in assemblea.
Quella in cui viviamo, tuttavia, è anche la società della privacy e del GDPR, la cui conoscenza, generalmente molto superficiale e lacunosa, porta molti a ritenere che ormai quasi tutto sia impossibile e/o vietato.
Ne viene che, molto spesso, il vero limite alla registrazione dei lavori assembleari è costituito, in concreto, dalla – tanto radicata quanto erronea – convinzione che tale registrazione non sia lecita ed esponga il suo autore a pesanti conseguenze.
Poche idee, quindi, e in compenso piuttosto confuse.
Queste poche righe hanno l’ambizione di aprire uno squarcio e – senza la benché minima pretesa di completezza – gettare un po’ di luce in questa materia.
Il consolidato insegnamento giurisprudenziale
Sia in sede penale sia in sede civile è più volte intervenuta la Corte di Cassazione, le cui pronunce permettono oggi di delineare un quadro preciso del “firmamento” normativo e interpretativo in questa materia.
In materia penale, il punto di riferimento è costituito dalla pronuncia della Corte a Sezioni Unite n. 36747 del 28.5.2003: “La registrazione fonografica di conversazioni o comunicazioni realizzata, anche clandestinamente, da soggetto partecipe di dette comunicazioni, o comunque autorizzato ad assistervi, costituisce - sempre che non si tratti della riproduzione di atti processuali - prova documentale secondo la disciplina dell'art. 234 c.p.p.”.
Il rilievo penale delle registrazioni “fai-da-te” non è particolarmente interessante in questa sede, fatta salva la circostanza che lo “sdoganamento” delle registrazioni in sede penale ha, di fatto, contribuito a chiarire il quadro generale e “alleggerito” il tema anche in sede civile.
Prendendo le mosse dalle pronunce più recenti e procedendo a ritroso, possiamo individuare e richiamare non meno di tre sentenze che hanno bene inquadrato e chiarito la questione:
 “La registrazione su nastro magnetico di una conversazione può costituire fonte di prova, ex art. 2712 c.c., se colui contro il quale la registrazione è prodotta non contesti che la conversazione sia realmente avvenuta, né che abbia avuto il tenore risultante dal nastro, e sempre che almeno uno dei soggetti, tra cui la conversazione si svolge, sia parte in causa; il disconoscimento, da effettuare nel rispetto delle preclusioni processuali degli artt. 167 e 183 c.p.c., deve essere chiaro, circostanziato ed esplicito e concretizzarsi nell'allegazione di elementi attestanti la non corrispondenza tra la realtà fattuale e quella riprodotta” [Cass. 19.1.2018 n. 1250];
“La registrazione su nastro magnetico di una conversazione telefonica può costituire fonte di prova, ex art. 2712 c.c., se colui contro il quale la registrazione è prodotta non contesti che la conversazione sia realmente avvenuta, né che abbia avuto il tenore risultante dal nastro, e sempre che almeno uno dei soggetti, tra cui la conversazione si svolge, sia parte in causa” [Cass. 1.3.2017 n. 5259];
“La registrazione su nastro magnetico di una conversazione telefonica può costituire fonte di prova, a norma dell'art. 2712 c.c., se colui contro il quale la registrazione è prodotta non contesti che la conversazione sia realmente avvenuta e che abbia avuto il tenore risultante dal nastro, sempre che non si tratti di conversazione svoltasi tra soggetti estranei alla lite. All'ammissibilità di una prova siffatta non osta la previsione di cui all'art. 615 bis c.p., che incrimina le indebite interferenze da parte di terzi estranei alla conversazione, ma non ne vieta la riproduzione da parte del destinatario del messaggio telefonico” [Cass. 11.9.1996 n. 8219];
La normativa sulla privacy
Sono opportuni due rilievi:
• il primo attiene alla “genesi” del trattamento dei dati personali (inteso come registrazione dei lavori assembleari). La normativa comunitaria in materia non si applica ai trattamenti di dati personali effettuati “da una persona fisica nell'ambito di attività a carattere esclusivamente personale o domestico” [art. 2, secondo comma, lett. C), GDPR] con l’ulteriore specificazione che l’attività a carattere esclusivamente personale è definita dal Considerando n. 18 del Preambolo come l’attività priva di “una connessione con un'attività commerciale o professionale”.
La conseguenza è che, nella maggior parte dei casi – si pensi ai condominii residenziali –, sotto questo specifico aspetto la normativa sulla privacy non “entra in gioco”;
• il secondo rilievo riguarda, invece, l’utilizzo delle registrazioni: ai sensi dell’art. 6, primo comma, lett. f) del GDPR, il trattamento del dato personale [fonoregistrazione] è lecito quando esso è finalizzato alla tutela di un diritto in sede giudiziaria e, quindi, volta alla pre-costituzione di una prova.
Registrazioni audio e video
Dalla lettura di quanto sopra riportato emerge con forza che la giurisprudenza ha dato il suo imprimatur alla registrazione audio o fonoregistrazione: di fatto, è consentito utilizzare un registratore per “catturare” le voci di amministratore e condomini e, quindi, acquisire e conservare una traccia acustica di quanto è stato detto in assemblea.
Il discorso, invece, è diverso per quanto attiene alla videoregistrazione, all’acquisizione, cioè, non solo delle voci, ma anche delle immagini degli intervenuti all’assemblea.
Al riguardo è intervenuto il Garante per la protezione dei dati personali [provvedimento 18.5.2006, in G. U. 3.7.2006], che ha statuito piuttosto chiaramente che la videoregistrazione dei lavori assembleari è lecita se – e solo se – sia stato preventivamente acquisito il consenso informato di tutti i partecipanti all’assemblea stessa.
Sintesi e riepilogo
Per chiudere:
• la fonoregistrazione, pur con qualche “coordinata” [la registrazione deve avere lo scopo della tutela di un diritto, il suo autore deve essere presente in assemblea e, inoltre, deve essere parte della causa in cui la registrazione sarà utilizzata come prova], ma senza limiti di sostanza (che potrebbero eventualmente intervenire quando si passasse al possibile utilizzo della stessa fonoregistrazione) e senza necessità di alcun benestare è sempre possibile;
• la videoregistrazione, invece, è possibile unicamente in presenza del consenso informato di tutti i partecipanti all’assemblea.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – quando e come la mediazione impedisce la decadenza dall'impugnazione della delibera

L’art. 1137, secondo comma, cod. civ. prevede il diritto dei condomini di impugnare le delibere assembleari contrarie alla legge o al regolamento di condominio e impone l’obbligo – a pena di decadenza – di esercitare tale diritto entro trenta giorni.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: il quorum costitutivo è un requisito permanente dell'assemblea

E’ noto a tutti che l’assemblea di condominio si considera “regolarmente costituita” ex art. 1136, primo e terzo comma, cod. civ. se ad essa interviene un certo numero, minimo, di condomini, titolari di un certo quantitativo, minimo, di millesimi. La presenza di questi numeri minimi all’apertura dei lavori dell’assemblea, tuttavia, non basta: essa deve sussistere per l’intera durata della riunione, a pena di sopravvenuta inesistenza dell’assemblea condominiale.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: in caso di mancata convocazione la prova di resistenza non serve

Ci si interroga sulla possibilità di “salvare” la delibera impugnata dal condomino che non è stato convocato: si può fingere che il condomino sia intervenuto e abbia votato e, quindi, conteggiare il suo voto come se fosse stato espresso e, all’esito, annullare la delibera solo se quel voto risulta determinante? Detto altrimenti: il vulnus della mancata convocazione attiene unicamente al voto oppure si deve ritenere che vi sia qualcosa di più grave, tale da precludere la possibilità di quel “salvataggio”?

leggi tutto