LSMI19 Diritto condominiale
16 aprile 2019
Diritto condominiale

Condominio: terrazze adiacenti e vedute

Condominio: terrazze adiacenti e vedute

In base alla legge, non è possibile aprire vedute né realizzare terrazze a distanza inferiore a un metro e mezzo dal fondo del vicino.
Questa è la regola generale, ma sembra che nei condominii essa non trovi applicazione. Non si è, tuttavia, in presenza di ripetute e macroscopiche violazioni dei precetti normativi, ma di una interpretazione dei medesimi più conforme alla realtà condominiale.

Il quadro normativo di riferimento
E’ costituito dagli artt. 900 e 905 cod. civ.:
 il primo identifica le vedute e le definisce come “Le finestre o altre aperture sul fondo del vicino” che “permettono di affacciarsi e di guardare di fronte, obliquamente o lateralmente”
 il secondo recita “Non si possono aprire vedute dirette verso il fondo chiuso o non chiuso e neppure sopra il tetto del vicino, se tra il fondo di questo e la faccia esteriore del muro in cui si aprono le vedute dirette non vi è la distanza di un metro e mezzo” (primo comma) e “Non si possono parimenti costruire balconi o altri sporti, terrazze, lastrici solari e simili, muniti di parapetto che permetta di affacciarsi sul fondo del vicino, se non vi è la distanza di un metro e mezzo tra questo fondo e la linea esteriore di dette opere” (secondo comma).
L’impossibilità di aprire vedute dirette verso il fondo altrui a una distanza inferiore a 150 cm dal fondo stesso e l’impossibilità di costruire – sempre a una distanza inferiore a 150 cm dal fondo – terrazze idonee a permettere di affacciarsi su un fondo altrui, sono, quindi, piuttosto evidenti.
E’, tuttavia, nozione di comune esperienza che questa regola su vedute e distanze non sembra trovare applicazione in molti edifici condominiali, dove è frequente vedere due o più terrazze aggettanti tra loro adiacenti, “separate” unicamente da bassi muretti o da strutture a questi assimilabili, del tutto inidonee a impedire “di affacciarsi e di guardare di fronte, obliquamente o lateralmente”. Situazioni – detto altrimenti – in cui, per chi si trovasse su un terrazzo, risulterebbe decisamente moto agevole affacciarsi e sporgersi sul terrazzo accanto.
L’intervento giurisprudenziale
La Suprema Corte è intervenuta in materia e ha fornito una diversa “lettura” degli artt. 900 e 905 cod. civ., idonea a contemperare la normativa e la sua applicazione con la realtà fattuale degli edifici in condominio.
Questi interventi risalgono anche all’epoca recente: “In tema di condominio degli edifici, la disciplina sulle distanze legali delle vedute non si applica alle opere eseguite in epoca anteriore alla costituzione del condominio, atteso che, in tal caso, l'intero edificio, formando oggetto di un unico diritto dominicale, può essere nel suo assetto liberamente precostituito o modificato dal proprietario anche in vista delle future vendite dei singoli piani o porzioni di piano, operazioni che determinano, da un lato, il trasferimento della proprietà sulle parti comuni e l'insorgere del condominio, e, dall'altro lato, la costituzione, in deroga (od in contrasto) al regime legale delle distanze, di vere e proprie servitù a vantaggio e a carico delle unità immobiliari di proprietà esclusiva dei singoli acquirenti, secondo lo schema della servitù per destinazione del padre di famiglia” (Cass. 10.5.2018 n. 11287. In senso conforme, si veda Cass. 7.4.2015 n. 6923).
Questi arresti giurisprudenziali devono essere letti in coordinamento – per quanto qui interessa – con altre pronunce [Cass. 30.10.2018 n. 27636 e Cass. 19.1.2018 n. 1344], le quali hanno individuato il momento della “nascita” del condominio nella prima cessione di proprietà, quando si passa da una situazione di unico proprietario ad una situazione di due o più proprietari.
Sintesi
Quanto sinora esposto consente di formulare – anche per sintesi e in guisa di conclusione – alcune deduzioni:
 il condominio si costituisce con il primo trasferimento di proprietà;
 fino alla costituzione del condominio, il costruttore – nella sua veste di proprietario esclusivo dell’intero stabile – può senz’altro progettare e realizzare i terrazzi senza rispettare la normativa su vedute e distanze;
 è evidente che, proprio – per usare le parole della Cassazione – “in vista delle future vendite dei singoli piani o porzioni di piano”, il costruttore non si porrà più di tanto il problema delle vedute e delle distanze e, in una logica di rispondenza alle richieste ed esigenze del mercato, costituirà, per i suoi scopi, delle vere e proprie servitù “per destinazione del padre di famiglia”;
 del resto, la cosa ha una sua logica: il proprietario unico dell’intero edificio lo realizza e lo modifica come vuole, senza neanche porsi il tema dello jus in re aliena, e i successivi acquirenti si renderanno proprietari del piano o della porzione di piano dopo averlo visto e, quindi, con la piena consapevolezza di cosa vanno ad acquistare.
Conclusione
Si ritiene che questa lettura “dinamica” delle disposizioni codicistiche sia in linea con la realtà delle cose, apprezzabile e, quindi, condivisibile.
Sarebbe, in tutta franchezza, abbastanza assurdo porre dei limiti alla libertà di progettazione di chi sta pensando, oggi, e realizzerà, domani, un edificio nuovo, se questi limiti si fondano solo sul rispetto di diritti che possono comunque essere rispettati e soddisfatti con pieno ossequio alla libertà – di impresa, ma anche di scelta – delle persone.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

La “nascita” del condominio, la presunzione di proprietà comune e l’individuazione delle proprietà individuali attraverso il titolo contrario

Il condominio costituisce una situazione di comproprietà indivisa: quando esiste un edificio composto da unità immobiliari di proprietari diversi, alcune parti di tale edificio “Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio” (art. 1117, primo comma, cod. civ.). Si tratta essenzialmente di “tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune” (art. 1117, primo comma, n. 1) cod. civ.). Ma quando sorge il condominio e quali sono i criteri per individuare le parti comuni e distinguerle dalle parti dell’edificio di proprietà individuale?

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in merito alle morosità condominiale nell’epoca del Covid19

In questo periodo, con l’emergenza sanitaria e le tristemente note – e, comunque, facilmente intuibili – ricadute economiche su tutti gli italiani, si pone in maniera tutt’altro che secondaria il tema della morosità condominiale e del circolo vizioso, che questa crea di provocare.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in ordine alla gestione del condominio nelle circostanze eccezionali imposte dal Covid-19 – il ruolo di primo piano degli amministratori e l’importanza della stretta collaborazione tra amministratori e amministrati

Tra le misure, adottate e quindi imposte dal Governo per fronteggiare la diffusione del contagio da Covid-19, spicca il divieto di assembramenti: in sostanza, non ci si può riunire, né in luoghi pubblici né in luoghi privati, per incontri, riunioni, convegni e altro. Il divieto riguarda anche le assemblee condominiali, riunioni nell’ambito delle quali il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro è, di fatto, impossibile. Si pone, quindi, il problema del rischio di una sostanziale “paralisi” della vita dei condominii, enti di gestione che sono stati privati dei loro organi decisionali.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [parte 2]

In questa seconda parte del contributo sul tema della eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati, l’attenzione si concentrerà in particolare sui concetti introdotti dall’art. 4, commi 4 e 5, L. 9.1.1989 n. 13 e cioè sui presupposti, i limiti e le condizioni del legittimo diniego a un intervento edilizio su un edificio vincolato.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [Parte 1]

Per ovvie ed evidenti ragioni, nel Belpaese l’esigenza di trovare un compromesso, di individuare un soddisfacente punto di incontro tra la tutela del patrimonio immobiliare storico / artistico e la protezione delle persone che, negli edifici assoggettati a tali vincoli, abitano e lavorano, è particolarmente sentita. Negli anni, con il mutare della sensibilità sociale e l’aumento dell’attenzione a certi temi, si è assistito a un’autentica evoluzione, a una vera e propria “rivoluzione” che ha portato a “mettere a fuoco” una serie di principi fondamentali. Un’attenzione particolare è stata – ed è – dedicata al bilanciamento di interessi tra la tutela delle persone in difficoltà e la salvaguardia del patrimonio storico / artistico

leggi tutto
4 ottobre 2018

Lastrico solare in condominio: nel silenzio dell’art. 1126 cod. civ., chi decide di eseguire l’intervento di manutenzione?

Il codice civile, all’art. 1126 cod. civ., detta la regola per ripartire le spese legate agli interventi manutentivi sui lastrici solari, ma nulla dice in merito all’individuazione del soggetto legittimato a decidere se dare corso oppure no a quegli interventi. In questa sede si vuole rispondere a questa precisa e specifica domanda: chi ha il potere di decidere di eseguire la manutenzione sui lastrici solari?

leggi tutto
4 ottobre 2018

L’assemblea ordinaria del super-condominio

La riforma del condomino del 2012 / 2013 ha “fatto emergere” e regolamentato – benché in maniera lacunosa e poco chiara, pur ponendosi l’obiettivo di “snellire” – il fenomeno del super-condominio. Tra gli elementi più caratteristici c’è una sorta di “sdoppiamento” dell’assemblea ordinaria, nella quale sono chiamati ad esprimete il voto soggetti diversi a seconda delle materie contenute nel’o.d.g..

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – nessun interesse a impugnare se, sul piano economico, il pregiudizio è modesto

Ai sensi dell’art. 1137 cod. civ., ciascun condomino è legittimato a impugnare davanti all’Autorità Giudiziaria, chiedendone l’annullamento, le delibere “contrarie alla legge o al regolamento di condominio”. In alcuni casi e per specifiche ragioni, autorevolmente individuate da Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806, le delibere non sono annullabili, ma nulle, con la conseguenza – tra le altre – che il condomino può impugnarle senza limitazioni di tempo, chiedendo non il loro annullamento, ma l’accertamento – e, con esso, la dichiarazione – della loro nullità. In sede di impugnazione, il condomino attore deve dimostrare di avere un preciso interesse all’accertamento di tale nullità, in assenza del quale la sua domanda è destinata al rigetto.

leggi tutto