LSMI19 Diritto condominiale
19 novembre 2019
Diritto condominiale

Condominio – una veloce riflessione sui diritti attribuiti ai condomini dall’art. 1102 cod. civ.

Condominio – una veloce riflessione sui diritti attribuiti ai condomini dall’art. 1102 cod. civ.

Dettato in materia di comunione e reso applicabile al condominio dall’art. 1139 cod. civ., l’art. 1102 cod. civ. costituisce, sul piano pratico della quotidianità condominiale, un punto fondamentale, un “cardine”, uno “snodo” essenziale dei rapporti tra i condomini e del rapporto tra i condomini e il condominio.
Il contenuto e la portata di questa norma sono stati, negli anni, oggetto di grande attenzione. Ciononostante, alla giurisprudenza capita ancora di trovarsi “alle prese” con interpretazioni nuove (non sempre condivise) di questa norma.

Lo spunto per la riflessione – il caso concreto
Questa, in via di estrema sintesi, la vicenda (che ha – per così dire – “acceso la miccia”) :
• un condomino – che chiameremo convenzionalmente Pippo – ha allargato una sua porta, affacciata sul cortile comune e adibita ad accesso pedonale, e ha iniziato a utilizzare questo “nuovo” varco per accedere a un suo locale seminterrato, adibito ad autorimessa;
• alcuni condomini – che chiameremo convenzionalmente Topolino e Pluto – hanno reagito, dando il via a una causa civile nella quale hanno chiesto al Tribunale di accertare l’illegittimità dell’intervento realizzato da Pippo e, quindi, condannare lo stesso Pippo alla rimessione in pristino stato;
• il ragionamento di Topolino e Pluto era semplice: con l’intervento sopra descritto, Pippo aveva alterato lo stato del cortile e si era appropriato di una porzione del cortile stesso, eccedendo i limiti dettati dall’art 1102 cod. civ.
In effetti, il giudice del merito ha aderito alla prospettazione e alle tesi di Pippo. Sul piano processuale, la vicenda si è complicata con l’incrociarsi dell’appello principale di Pippo e dell’appello incidentale di Topolino e Pluto e, quindi, con il rigetto – per ragioni che non interessa esaminare qui – di entrambi tali gravami.
La vicenda è poi stata portata all’attenzione della Corte di Cassazione, la quale, con l’ordinanza 24720 del 3.10.2019, ha colto l’occasione di questa – l’espressione è usata in senso letterale – lite di cortile per fornire qualche interessante puntualizzazione sull’art. 1102 cod. civ..
Il dato normativo
L’art. 1102, primo comma, cod. civ. è ben noto, ma vale comunque la pena di ricordarne il testo: “Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il migliore godimento della cosa”
Gli elementi essenziali di questa disposizione, quelli potenzialmente critici, sono il concetto di “destinazione” del cortile e il concetto espresso dalle parole “farne parimenti uso secondo il loro diritto”.
Il ragionamento della Corte
La Suprema Corte ha preso le mosse dal suo consolidato insegnamento: “Secondo l'orientamento della giurisprudenza di legittimità, in considerazione dei limiti imposti dall'art. 1102 c.c. al condomino, che nell'uso della cosa comune non deve alterarne la destinazione nè impedire agli altri comunisti di farne parimenti uso secondo il loro diritto, l'alterazione o la modificazione della destinazione del bene comune si ricollega all'entità e alla qualità dell'incidenza del nuovo uso, giacché l'utilizzazione, anche particolare, della cosa da parte del condomino è consentita quando la stessa non alteri l'equilibrio fra le concorrenti utilizzazioni, attuali o potenziali, degli altri comproprietari e non determini pregiudizievoli invadenze nell'ambito dei coesistenti diritti di costoro (cfr. Cass., sent. n. 1072 del 2005)”.
Ha, quindi, fornito un importante chiarimento su funzione principale e destinazione accessoria del cortile comune, con particolare riferimento alla – per usare le parole del legislatore – alterazione della destinazione.
La Corte ha individuato la citata funzione principale nel “dare aria e luce alle varie unità immobiliari” e ha altresì specificato – richiamando Cass. 9.6.2010 n. 13879 – che, tra le destinazioni accessorie “rientra quella di consentire ai condomini l'accesso a piedi o con veicoli alle loro proprietà, di cui il cortile costituisce un accessorio, nonché la sosta anche temporanea dei veicoli stessi, senza che tale uso possa ritenersi condizionato dall'eventuale più limitata forma di godimento del cortile comune praticata nel passato cortile comune praticata nel passato”.
La Cassazione ha, infine, sottolineato che cosa avrebbe dovuto fare il giudice di merito: “ .. porsi il problema se la trasformazione operata dalla C. avesse alterato l'equilibrio tra le concorrenti - sia pure non identiche - utilizzazioni attuali e potenziali del bene comune da parte degli altri comproprietari”.
Considerazione finale
In buona sostanza, il pari uso della cosa comune, che deve essere garantito a tutti i condomini, non è quello concretamente effettuato, ma quello potenziale: l’uso del cortile – e, con esso, l’esercizio del diritto di (com)proprietà – è e deve essere paritario, nel senso che tutti i condomini devono essere in condizione di utilizzare il cortile nello stesso modo.
A ben vedere, questa pronuncia non contiene nulla di nuovo o innovativo, ma è apprezzabile – oltre che per la continuità nell’interpretazione delle regole – perché ha ribadito con chiarezza un concetto che spesso, nella realtà dei condominii e della ricaduta quotidiana, viene frainteso o addirittura distorto: il limite, imposto dall’art. 1102 cod. civ. all’esercizio del diritto di (com)proprietà, di impedire agli altri condomini di fare parimenti uso del bene comune non significa che tutti i condomini devono utilizzare il bene comune nello stesso modo, ma che tutti devono trovarsi nelle condizioni di far un uso potenzialmente equivalente del bene stesso.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

La “nascita” del condominio, la presunzione di proprietà comune e l’individuazione delle proprietà individuali attraverso il titolo contrario

Il condominio costituisce una situazione di comproprietà indivisa: quando esiste un edificio composto da unità immobiliari di proprietari diversi, alcune parti di tale edificio “Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio” (art. 1117, primo comma, cod. civ.). Si tratta essenzialmente di “tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune” (art. 1117, primo comma, n. 1) cod. civ.). Ma quando sorge il condominio e quali sono i criteri per individuare le parti comuni e distinguerle dalle parti dell’edificio di proprietà individuale?

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in merito alle morosità condominiale nell’epoca del Covid19

In questo periodo, con l’emergenza sanitaria e le tristemente note – e, comunque, facilmente intuibili – ricadute economiche su tutti gli italiani, si pone in maniera tutt’altro che secondaria il tema della morosità condominiale e del circolo vizioso, che questa crea di provocare.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in ordine alla gestione del condominio nelle circostanze eccezionali imposte dal Covid-19 – il ruolo di primo piano degli amministratori e l’importanza della stretta collaborazione tra amministratori e amministrati

Tra le misure, adottate e quindi imposte dal Governo per fronteggiare la diffusione del contagio da Covid-19, spicca il divieto di assembramenti: in sostanza, non ci si può riunire, né in luoghi pubblici né in luoghi privati, per incontri, riunioni, convegni e altro. Il divieto riguarda anche le assemblee condominiali, riunioni nell’ambito delle quali il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro è, di fatto, impossibile. Si pone, quindi, il problema del rischio di una sostanziale “paralisi” della vita dei condominii, enti di gestione che sono stati privati dei loro organi decisionali.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [parte 2]

In questa seconda parte del contributo sul tema della eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati, l’attenzione si concentrerà in particolare sui concetti introdotti dall’art. 4, commi 4 e 5, L. 9.1.1989 n. 13 e cioè sui presupposti, i limiti e le condizioni del legittimo diniego a un intervento edilizio su un edificio vincolato.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [Parte 1]

Per ovvie ed evidenti ragioni, nel Belpaese l’esigenza di trovare un compromesso, di individuare un soddisfacente punto di incontro tra la tutela del patrimonio immobiliare storico / artistico e la protezione delle persone che, negli edifici assoggettati a tali vincoli, abitano e lavorano, è particolarmente sentita. Negli anni, con il mutare della sensibilità sociale e l’aumento dell’attenzione a certi temi, si è assistito a un’autentica evoluzione, a una vera e propria “rivoluzione” che ha portato a “mettere a fuoco” una serie di principi fondamentali. Un’attenzione particolare è stata – ed è – dedicata al bilanciamento di interessi tra la tutela delle persone in difficoltà e la salvaguardia del patrimonio storico / artistico

leggi tutto
4 ottobre 2018

Lastrico solare in condominio: nel silenzio dell’art. 1126 cod. civ., chi decide di eseguire l’intervento di manutenzione?

Il codice civile, all’art. 1126 cod. civ., detta la regola per ripartire le spese legate agli interventi manutentivi sui lastrici solari, ma nulla dice in merito all’individuazione del soggetto legittimato a decidere se dare corso oppure no a quegli interventi. In questa sede si vuole rispondere a questa precisa e specifica domanda: chi ha il potere di decidere di eseguire la manutenzione sui lastrici solari?

leggi tutto
4 ottobre 2018

L’assemblea ordinaria del super-condominio

La riforma del condomino del 2012 / 2013 ha “fatto emergere” e regolamentato – benché in maniera lacunosa e poco chiara, pur ponendosi l’obiettivo di “snellire” – il fenomeno del super-condominio. Tra gli elementi più caratteristici c’è una sorta di “sdoppiamento” dell’assemblea ordinaria, nella quale sono chiamati ad esprimete il voto soggetti diversi a seconda delle materie contenute nel’o.d.g..

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – nessun interesse a impugnare se, sul piano economico, il pregiudizio è modesto

Ai sensi dell’art. 1137 cod. civ., ciascun condomino è legittimato a impugnare davanti all’Autorità Giudiziaria, chiedendone l’annullamento, le delibere “contrarie alla legge o al regolamento di condominio”. In alcuni casi e per specifiche ragioni, autorevolmente individuate da Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806, le delibere non sono annullabili, ma nulle, con la conseguenza – tra le altre – che il condomino può impugnarle senza limitazioni di tempo, chiedendo non il loro annullamento, ma l’accertamento – e, con esso, la dichiarazione – della loro nullità. In sede di impugnazione, il condomino attore deve dimostrare di avere un preciso interesse all’accertamento di tale nullità, in assenza del quale la sua domanda è destinata al rigetto.

leggi tutto