LSMI19 Diritto condominiale
19 novembre 2019
Diritto condominiale

Condominio – una veloce riflessione sui diritti attribuiti ai condomini dall’art. 1102 cod. civ.

Condominio – una veloce riflessione sui diritti attribuiti ai condomini dall’art. 1102 cod. civ.

Dettato in materia di comunione e reso applicabile al condominio dall’art. 1139 cod. civ., l’art. 1102 cod. civ. costituisce, sul piano pratico della quotidianità condominiale, un punto fondamentale, un “cardine”, uno “snodo” essenziale dei rapporti tra i condomini e del rapporto tra i condomini e il condominio.
Il contenuto e la portata di questa norma sono stati, negli anni, oggetto di grande attenzione. Ciononostante, alla giurisprudenza capita ancora di trovarsi “alle prese” con interpretazioni nuove (non sempre condivise) di questa norma.

Lo spunto per la riflessione – il caso concreto
Questa, in via di estrema sintesi, la vicenda (che ha – per così dire – “acceso la miccia”) :
• un condomino – che chiameremo convenzionalmente Pippo – ha allargato una sua porta, affacciata sul cortile comune e adibita ad accesso pedonale, e ha iniziato a utilizzare questo “nuovo” varco per accedere a un suo locale seminterrato, adibito ad autorimessa;
• alcuni condomini – che chiameremo convenzionalmente Topolino e Pluto – hanno reagito, dando il via a una causa civile nella quale hanno chiesto al Tribunale di accertare l’illegittimità dell’intervento realizzato da Pippo e, quindi, condannare lo stesso Pippo alla rimessione in pristino stato;
• il ragionamento di Topolino e Pluto era semplice: con l’intervento sopra descritto, Pippo aveva alterato lo stato del cortile e si era appropriato di una porzione del cortile stesso, eccedendo i limiti dettati dall’art 1102 cod. civ.
In effetti, il giudice del merito ha aderito alla prospettazione e alle tesi di Pippo. Sul piano processuale, la vicenda si è complicata con l’incrociarsi dell’appello principale di Pippo e dell’appello incidentale di Topolino e Pluto e, quindi, con il rigetto – per ragioni che non interessa esaminare qui – di entrambi tali gravami.
La vicenda è poi stata portata all’attenzione della Corte di Cassazione, la quale, con l’ordinanza 24720 del 3.10.2019, ha colto l’occasione di questa – l’espressione è usata in senso letterale – lite di cortile per fornire qualche interessante puntualizzazione sull’art. 1102 cod. civ..
Il dato normativo
L’art. 1102, primo comma, cod. civ. è ben noto, ma vale comunque la pena di ricordarne il testo: “Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il migliore godimento della cosa”
Gli elementi essenziali di questa disposizione, quelli potenzialmente critici, sono il concetto di “destinazione” del cortile e il concetto espresso dalle parole “farne parimenti uso secondo il loro diritto”.
Il ragionamento della Corte
La Suprema Corte ha preso le mosse dal suo consolidato insegnamento: “Secondo l'orientamento della giurisprudenza di legittimità, in considerazione dei limiti imposti dall'art. 1102 c.c. al condomino, che nell'uso della cosa comune non deve alterarne la destinazione nè impedire agli altri comunisti di farne parimenti uso secondo il loro diritto, l'alterazione o la modificazione della destinazione del bene comune si ricollega all'entità e alla qualità dell'incidenza del nuovo uso, giacché l'utilizzazione, anche particolare, della cosa da parte del condomino è consentita quando la stessa non alteri l'equilibrio fra le concorrenti utilizzazioni, attuali o potenziali, degli altri comproprietari e non determini pregiudizievoli invadenze nell'ambito dei coesistenti diritti di costoro (cfr. Cass., sent. n. 1072 del 2005)”.
Ha, quindi, fornito un importante chiarimento su funzione principale e destinazione accessoria del cortile comune, con particolare riferimento alla – per usare le parole del legislatore – alterazione della destinazione.
La Corte ha individuato la citata funzione principale nel “dare aria e luce alle varie unità immobiliari” e ha altresì specificato – richiamando Cass. 9.6.2010 n. 13879 – che, tra le destinazioni accessorie “rientra quella di consentire ai condomini l'accesso a piedi o con veicoli alle loro proprietà, di cui il cortile costituisce un accessorio, nonché la sosta anche temporanea dei veicoli stessi, senza che tale uso possa ritenersi condizionato dall'eventuale più limitata forma di godimento del cortile comune praticata nel passato cortile comune praticata nel passato”.
La Cassazione ha, infine, sottolineato che cosa avrebbe dovuto fare il giudice di merito: “ .. porsi il problema se la trasformazione operata dalla C. avesse alterato l'equilibrio tra le concorrenti - sia pure non identiche - utilizzazioni attuali e potenziali del bene comune da parte degli altri comproprietari”.
Considerazione finale
In buona sostanza, il pari uso della cosa comune, che deve essere garantito a tutti i condomini, non è quello concretamente effettuato, ma quello potenziale: l’uso del cortile – e, con esso, l’esercizio del diritto di (com)proprietà – è e deve essere paritario, nel senso che tutti i condomini devono essere in condizione di utilizzare il cortile nello stesso modo.
A ben vedere, questa pronuncia non contiene nulla di nuovo o innovativo, ma è apprezzabile – oltre che per la continuità nell’interpretazione delle regole – perché ha ribadito con chiarezza un concetto che spesso, nella realtà dei condominii e della ricaduta quotidiana, viene frainteso o addirittura distorto: il limite, imposto dall’art. 1102 cod. civ. all’esercizio del diritto di (com)proprietà, di impedire agli altri condomini di fare parimenti uso del bene comune non significa che tutti i condomini devono utilizzare il bene comune nello stesso modo, ma che tutti devono trovarsi nelle condizioni di far un uso potenzialmente equivalente del bene stesso.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – crediti vecchi, rendiconto e decreto ingiuntivo

Con una recente pronuncia – sentenza n. 3847 del 15.2.2021 – la Suprema Corte ha preso una chiara posizione in merito ai crediti del condominio risalenti nel tempo, al loro inserimento nei rendiconti degli anni successivi e, quindi, alla facoltà dell’amministratore di chiedere e ottenere ex art. 63 disp. att. cod. civ., relativamente a detti crediti “vecchi”, il decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il verbale dell’assemblea deve avere la forma scritta e il contenuto della riunione non può essere provato per testi

Una recente pronuncia della Corte d’Appello di Genova – la sentenza n. 106 del 29.1.2021 – fornisce l’occasione per alcune considerazioni su un tema che può apparire banale, ma che poi così scontato non è se è vero – com’è vero – che sul punto si continua a litigare

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la manutenzione / riparazione del cortile comune che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse e il tema dell’impermeabilizzazione

Un tema sempre “caldo” è quello della ripartizione delle spese necessarie alla manutenzione / riparazione del cortile condominiale che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse. Anche in epoca recente la giurisprudenza è intervenuta sul punto – si parla della sentenza Tribunale Roma 14.1.2021 n. 665 – per ribadire e confermare l’orientamento interpretativo consolidatosi nel tempo. Orientamento interpretativo che – vale la pena di dirlo – non risulta del tutto alieno da qualche perplessità

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il condomino è efficacemente convocato se l’avviso di convocazione all’assemblea arriva al suo indirizzo nei termini di legge

In epoca molto recente il Tribunale di Roma ha affrontato la questione (invero, già ben nota) dell’efficacia – intesa come tempestività – della trasmissione dell’avviso di convocazione all’assemblea condominiale, avvenuta con lettera raccomandata non ritirata per l’assenza del destinatario

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’“impugnativa” degli atti dell’amministratore

L’art. 1133 cod. civ. è probabilmente, tra le disposizioni vigenti in materia di condominio, quella che ha avuto – e ancora ha – la minore “ricaduta” concreta (nel senso di minore applicazione). In realtà, è una norma perfettamente coerente con i principi base dell’“universo condominio” e, se letta e analizzata bene, potrebbe anche essere efficacemente utilizzata in molte situazioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’assemblea in videoconferenza: spunti di riflessione

La storia – talmente recente da poter essere considerata ancora cronaca – è mota: con il c.d. Decreto agosto – cioè il D.L. 14.8.2020 n. 104, convertito con modifiche dalla L. 13.10.2020 n. 126, in vigore dal 14 ottobre 2020 – è intervenuto sulle modalità di convocazione e svolgimento delle assemblee condominiali, introducendo espressamente la possibilità che l’assemblea condominiale si svolga da remoto. C’è stato poi un repentino ripensamento: la norma di agosto / ottobre è stata successivamente modificata – a opera del D.L. 7.10,2020 n. 125, convertito con modifiche dalla L. 27.11.2020 n. 159 – nel senso di prevedere che la legittimità dell’assemblea in videoconferenza derivi dal consenso non di tutti i condomini, ma della maggioranza dei medesimi. La nuova norma è scritta molto male, ma si può tentare di interpretarla meglio

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eventuale sussistenza di irregolarità meramente formali relative all’assemblea in prima convocazione non impatta sull’assemblea in seconda convocazione

Un recente pronuncia del Tribunale di Cosenza – si parla della sentenza 30.11.2020 n. 2131 – riprende, confermandolo, il più risalente insegnamento della Suprema Corte in merito alla possibilità di svolgere l’assemblea in seconda convocazione anche se non c’è il verbale relativo all’assemblea in prima convocazione andata “deserta”

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – un bar è un bar e non è un’altra cosa e può essere aperto in un condominio se il regolamento condominiale di natura contrattuale non lo vieta espressamente

A fine 2020 il Tribunale di Pisa – la sentenza è la n. 1181 del 28.12.2020 – è tornato sull’argomento dei divieti e dei limiti imposti alla proprietà privata dal regolamento condominiale di natura contrattuale e lo ha fatto esaminando specificamente il presunto divieto di adibire le unità in condominio a bar

leggi tutto