LSMI19 Diritto condominiale
24 gennaio 2019
Diritto condominiale

Condominio: unità immobiliare in comproprietà e solidarietà passiva

Condominio: unità immobiliare in comproprietà e solidarietà passiva

È noto che, in condominio, la regola generale che “presidia” il lato passivo delle obbligazioni è costituito dalla parziarietà: i condomini rispondono di un’obbligazione, gravante sul condominio a favore di soggetti terzi, a certe condizioni e, comunque sempre e comunque nei limiti delle rispettive quote millesimali.

Questo principio generale è stato statuito dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite [con la sentenza 8.4.2003 n. 9148] e successivamente confermato da altre pronunce [si veda Cass. 9.1.2017, n. 199].
La stessa regola non vale, invece, per i comproprietari di un’unità immobiliare in relazione alle obbligazioni verso il condominio: costoro sono, infatti, responsabili solidalmente e cioè ciascuno di essi può essere chiamato a pagare – fatto salvo il suo diritto di regresso sui condebitori – l’intero debito.

I termini della questione – il fatto

L'’occasione per affrontare questa tematica nasce da una fattispecie invero piuttosto comune:
  • un condomino viene a mancare;
  • a seguito e per effetto di tale decesso gli eredi del condomino si ritrovano comproprietari pro indiviso di un appartamento;
  • il de cuius aveva alcuni debiti verso il condominio per spese condominiali arretrate ex artt. 1118 e 1123 cod. civ.;
  • il condominio chiede agli eredi di far fronte a tali debiti.

I termini della questione – il diritto

Schematicamente:
  • le obbligazioni in materia condominiale devono essere considerate come obbligazioni propter rem. S da essei caratterizzano, quindi, per il fatto che il soggetto gravato, è individuato in base alla titolarità del bene immobile;
  • questi debiti, per effetto della natura reale dell’obbligazione, si trasferiscono in capo agli eredi in uno con la titolarità del bene immobile;
  • relativamente alle obbligazioni ex artt. 1118 e 1123 cod. civ. il legittimato passivo rispetto al condomino è sempre il condomino, con la conseguenza che, in caso di decesso, il diritto di credito del condominio si “sposta” sugli eredi (i quali, per effetto dell’accettazione dell’eredità, sono appunto i nuovi condomini).

Il punto diventa stabilire se questi nuovi condomini, comproprietari pro indiviso della medesima unità immobiliare, siano legati tra loro da un vincolo di solidarietà (con il conseguente diritto del condomino di pretendere da ciascuno di essi l’estinzione dell’intero debito) oppure se trovi applicazione la regola della parziarietà delle obbligazioni.

La solidarietà passiva

La giurisprudenza ha ben chiarito che i comproprietari di un’unità immobiliare in condominio sono tenuti in solido, verso il condominio, al pagamento degli oneri condominiali.
Sul punto, è recentemente intervenuta una sentenza del Tribunale di Bologna in data 27.3.2018. La quale, a sua volta, si rifà all’insegnamento di cui alla pronuncia della Suprema Corte n. 21907 del 21.10.2011 [la quale richiama precedenti decisioni, che cita espressamente (Cass. 5.6.1959, Cass. 10.2.1970 n. 335, Cass. 21.10.1978 n. 4769, Cass. 4.6.2008 n. 14813)].
Il ragionamento seguito dalla Corte, prima, e dal Tribunale di Bologna, poi, può essere schematicamente riassunto come segue:
  • l'obbligazione avente ad oggetto le spese condominiali è determinata con riferimento al valore della singola unità immobiliare dell'edificio in condominio, e cioè al valore del piano o porzione di piano che spetta ai singoli condomini in proprietà esclusiva;
  • al lato soggettivo, nel caso di una comunione ordinaria inquadrata nel condominio quale elemento complesso [e cioè nell’ipotesi che un’unità in condominio appartenga a più soggetti], la comunione medesima viene riguardata, sul piano del diritto positivo, più nel suo aspetto unitario che non in quello della scomposizione nei singoli diritti di proprietà sulla quota ideale. Basti pensare che l'art. 67 disp. att. cod. civ. impone che i comproprietari abbiano un solo rappresentante nell'assemblea;
  • detto altrimenti:
    • l'obbligo del contributo alle spese grava sul titolare del piano o della porzione di piano, inteso come cosa unica,
    • i comproprietari della singola unità costituiscono, rispetto al condominio, un insieme unico;
  • inoltre, trova applicazione l’art. 1294 cod. civ., ai sensi del quale la solidarietà tra condebitori si presume. Da notare che questa norma – per usare le parole di Cass. 21.10.2011 n. 21907 – “non è derogata dalla normativa sulla comproprietà”;
  • da quanto sopra discende che ciascuno dei comproprietari dell’unità immobiliare è tenuto in solido con gli altri verso il condominio;

Questo, in sostanza, il principio di diritto enunciato da Cass. 21.10.2011 n. 21907 (che il Tribunale di Bologna ha recentemente richiamato e fatto suo): “I comproprietari di una unità immobiliare sita in condominio sono tenuti in solido, nei confronti del condominio, al pagamento degli oneri condominiali, sia perchè detto obbligo di contribuzione grava sui contitolari del piano o della porzione di piano inteso come cosa unica e i comunisti stessi rappresentano, nei confronti del condominio, un insieme, sia in virtù del principio generale dettato dall'art. 1294 c.c. (secondo il quale, nel caso di pluralità di debitori, la solidarietà si presume), alla cui applicabilità non è di ostacolo la circostanza che le quote dell'unità immobiliare siano pervenute ai comproprietari in forza di titoli diversi”.

È interessante evidenziare che la Suprema Corte ha preso in considerazione, richiamandola espressamente, la pronuncia delle Sezioni Unite n. 9148 dell’8.4.2003 e il principio di diritto dalla medesima espresso circa la natura parziaria e non solidale delle obbligazioni in condominio, e ha statuito che tra le due regole non sussiste contrasto. In altre parole: non c’è conflitto tra la regola che stabilisce la parziarietà delle obbligazioni assunte dal condominio e la regola che stabilisce la solidarietà delle obbligazioni assunte dai comproprietari della singola unità.
La ragione, nella sua essenza, è semplice:
  • c’è una differenza importante tra il rapporto di debito – credito tra il condominio (e, quindi, i condomini, obbligati in seconda battuta e nei limiti di cui all’art. 63, secondo comma. disp. att. cod. civ.) e i terzi e il rapporto debito – credito tra il condominio e i condomini;
  • questa differenza non può che portare a conclusioni diverse per le due differenti fattispecie (espressamente definite tali da Cass. 21.10.2011 n. 21907);
  • il rapporto “esterno” – tra il condominio e il terzo – è soggetto la regola della parziarietà, mentre il rapporto “interno” – tra il condominio e il condomino o i condomini comproprietari di una stessa unità – è assoggettato alla regola della solidarietà.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – quando e come la mediazione impedisce la decadenza dall'impugnazione della delibera

L’art. 1137, secondo comma, cod. civ. prevede il diritto dei condomini di impugnare le delibere assembleari contrarie alla legge o al regolamento di condominio e impone l’obbligo – a pena di decadenza – di esercitare tale diritto entro trenta giorni.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: il quorum costitutivo è un requisito permanente dell'assemblea

E’ noto a tutti che l’assemblea di condominio si considera “regolarmente costituita” ex art. 1136, primo e terzo comma, cod. civ. se ad essa interviene un certo numero, minimo, di condomini, titolari di un certo quantitativo, minimo, di millesimi. La presenza di questi numeri minimi all’apertura dei lavori dell’assemblea, tuttavia, non basta: essa deve sussistere per l’intera durata della riunione, a pena di sopravvenuta inesistenza dell’assemblea condominiale.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: in caso di mancata convocazione la prova di resistenza non serve

Ci si interroga sulla possibilità di “salvare” la delibera impugnata dal condomino che non è stato convocato: si può fingere che il condomino sia intervenuto e abbia votato e, quindi, conteggiare il suo voto come se fosse stato espresso e, all’esito, annullare la delibera solo se quel voto risulta determinante? Detto altrimenti: il vulnus della mancata convocazione attiene unicamente al voto oppure si deve ritenere che vi sia qualcosa di più grave, tale da precludere la possibilità di quel “salvataggio”?

leggi tutto