LSMI19 Lawgistic: trasporti e logistica
22 ottobre 2019
Trasporti e Logistica

Danno da perdita merci: Come calcolarlo?

Danno da perdita merci: Come calcolarlo?

Quando la merce in deposito o quella trasportata si perdono o risultano danneggiate, nonostante ogni cura prestata per custodirle, arriva puntuale la richiesta danni, che viene girata alla compagnia di assicurazione con molto affidamento e poca riflessione: ma, in definitiva, quanto potrebbe pretendere il soggetto danneggiato?

In tema di deposito, la responsabilità del custode conseguente alla perdita o all’avaria della merce che gli è stata consegnata (c.d. ex recepto) è regolata dai principi generali sull’adempimento delle obbligazioni (art. 1223 Cod. Civ.) per cui si considerano sia la perdita subita dal depositante, sia il mancato guadagno che questi ne avrebbe fatto, ad esempio, rivendendola a terzi. In questi casi, il danno ulteriore relativo alla merce depositata deve essere provato dal depositante, come causato direttamente dalla perdita o dalla avaria della stessa, con esclusione, di solito, del lucro venuto a cessare a causa del perimento della stessa.
I principi generali sulla quantificazione del pregiudizio risarcibile sono maggiormente precisati in materia di trasporto, laddove si afferma che (art. 1696 Cod. Civ.) “il danno derivante da perdita od avaria si calcola secondo il prezzo corrente delle cose trasportate nel luogo e nel tempo della consegna” con esclusione, pertanto, di altri danni indiretti, come il lucro cessante o il mancato guadagno da future commesse.
Tale precisazione è contenuta anche nelle principali Convenzioni internazionali (ad es. art. 23 CMR) laddove si fa riferimento al “valore” della merce trasportata, evidentemente, al netto dei costi del trasporto, visto che non è stato eseguito.
In genere, fanno fede le fatture che accompagnavano la merce trasportata, se in conto vendita, oppure le perizie redatte in contraddittorio tra le parti.
Non si tiene conto dell’IVA, se è recuperabile, mentre il soggetto danneggiato contabilizza il risarcimento a parte rispetto alla svalutazione di magazzino conseguente alla perdita od avaria della merce depositata e/o affidata per il trasporto.
La Corte di Cassazione (sezione VI civile sentenza 2.1.2018 n. 702) ha avuto modo di osservare che il risarcimento è dovuto anche nel caso in cui la richiesta sia stata formulata da parte di un mittente che non abbia provato di aver indennizzato il destinatario della merce per il mancato arrivo di questa a destinazione: è pertanto in capo al depositario o al vettore, convenuti in giudizio per danni dalla loro controparte contrattuale, l’onere della prova che quest’ultima non ha subito alcun pregiudizio dall’evento dannoso.
Le somme dovute al danneggiato dal depositario o dal trasportatore costituiscono un debito di valuta e, pertanto, su tali importi, anche se oggetto di immediata richiesta di pagamento, non vanno calcolati gli interessi moratori previsti dal Decr. Lgs. n. 231/2002 per i crediti commerciali, bensì, eventualmente, la sola rivalutazione monetaria ovvero il maggior danno dettagliatamente dimostrato dal creditore. Questo perché, soprattutto in caso di controversia, l’ammontare del risarcimento si considera accertato solo alla conclusione della lite, come avveniva ai tempi del Foro Romano.
Successivamente, però, i traffici si sono allargati e, salvo espresse riserve contrattuali, depositari e vettori non conoscono il valore della merce affidata alla loro custodia. Pertanto, per tutte le tipologie di trasporto, ma non per il deposito, la legge Italiana e le Convenzioni internazionali hanno stabilito dei massimali risarcitori a favore dei vettori effettivi, da applicarsi salvo i casi di colpa grave loro e/o dei loro dipendenti od addetti.
La presenza di detti massimali, che possono talvolta risultare oggettivamente insufficienti, come nel caso dell’autotrasporto nazionale per conto di terzi (1 euro per chilogrammo di merce trasportato) ha obbligato i proprietari delle merci a stipulare delle polizze assicurative, integrative all risks oppure dirette, a copertura della perdita e/o dell’avaria delle stesse, anche laddove vengono affidate a terzi.
Trattandosi di “scommesse” con soggetti terzi, che intervengono nel rapporto tra le parti solo per risarcire la perdita od il danneggiamento della merce depositata / trasportata, è quindi il caso che le prime regolino preventivamente e bene questa eventualità nel contratto che regola le loro prestazioni, secondo le loro particolari esigenze ed i lori specifici interessi.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Trasporti e Logistica":

4 ottobre 2018

La responsabilità civile ai tempi del coronavirus

Con la pandemia, ma in uno scenario economico già critico, si ripropongono questioni legali che mai avremmo voluto vedere. Alcune di esse sono state risolte con l’emissione di decreti governativi urgenti, altre sono oggetto di accordi tra le parti, altre sono lasciate in sospeso in attesa di tempi migliori per definirle. La responsabilità civile è l’insieme delle conseguenze che incombono ad un soggetto per aver violato o non applicato le norme che regolano il suo comportamento. Quando si verificano accadimenti straordinari, l’applicazione delle disposizioni sulla responsabilità civile viene messa a dura prova.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Lo sviluppo armonico del mercato della logistica e del trasporto in Italia: cosa farsene dei protocolli ?

Con l’anno nuovo, è arrivata l’epoca dei bilanci e dei nuovi intendimenti. Se i primi apparissero a grandi linee negativi, allora sarebbe meglio riesaminare alcune strategie. Il “Protocollo d’intesa per la legalità dei contratti di appalto nel settore della logistica” proposto dal Prefetto di Milano nel novembre scorso alle principali Associazioni degli operatori del settore sembra un progetto destinato a volare basso eppoi a cadere.Un mercato efficiente necessita di regole certe, che ne disciplinino l’accesso, la professionalità dei soggetti che vi operano ed il riconoscimento giuridico degli scambi che vi avvengono, secondo le forme concordate. Tutto ciò appare complicato, nel mercato della logistica e del trasporto nazionale, dove l’ingresso di nuovi operatori e di nuovi scenari gestionali obbligano i giuristi ad inseguire una realtà in continua evoluzione.

leggi tutto
4 ottobre 2018

TRASPORTO E MOVIMENTAZIONE DELLE MERCI: SE MI CARICHI…

Anche dal punto di vista giuridico, il caricamento e la sistemazione delle merci, non solo in magazzino, sono fasi delicate dell’attività logistica e possono coinvolgere la responsabilità di soggetti che talvolta non partecipano direttamente a queste operazioni. Il Ministero dell’Interno, in una recente Circolare dell’ottobre scorso, diretta agli organi di Polizia, ritorna sull’argomento, già trattato dal Ministero dei Trasporti con il Decreto n. 215/2017, a seguito del recepimento della Direttiva 2014/47/UE. Affidare a terzi (ad es. cooperative) l’attività di movimentazione della merce all’interno del magazzino e/o la sistemazione del carico sui mezzi vettori può talvolta risultare complicato e pericoloso. Numerose norme in materia di appalto e di trasporto prevedono ormai la responsabilità condivisa, sul piano civile, amministrativo e penale, a seconda dei casi, per chi affida incautamente tali attività a soggetti professionalmente impreparati e/o non adeguatamente istruiti.

leggi tutto
4 ottobre 2018

RISK ANALYSIS ED INCONTERMS NELLA LOGISTICA E NEL TRASPORTO

L’imminente revisione degli INCONTERMS, clausole standard relative ai commerci internazionali emesse dalla ICC - International Chamber of Commerce, una delle più diffuse organizzazioni di business a livello mondiale, ci offre lo spunto per approfondire alcuni temi cari alla Risk Analysis, che è l’attività che ciascun imprenditore dovrebbe svolgere per monitorare, gestire e “prezzare” i rischi tipici della sua attività caratteristica.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Prospettive tariffarie nella logistica e nel trasporto: la grande scommessa

La ripartenza dei Governi, nazionale e comunitario, apre prospettive di nuove regolamentazioni tariffarie, al netto di quanto sta avvenendo sul piano dei dazi internazionali: è un pericolo o un’opportunità? La tariffa è la misura del prezzo di un bene o di un servizio: nei moderni contratti di logistica e di trasporto, essa tiene costo dei costi caratteristici e di un margine di utile per il prestatore. Quando ciò non avviene, si rischiano abusi nel mercato, che non opera più in modo efficiente.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Prescrizioni in materia di prescrizione: sarebbe meglio essere chiari

Nel mondo dei trasporti è molto facile perdere diritti prima ancora di iniziare ad esercitarli: un breve approfondimento sul tema della prescrizione e qualche consiglio su come individuare i relativi termini, per correttamente interromperli, ovvero eccepirne l’avvenuta decorrenza. Mettiamo pure che ci sia un incidente della cui responsabilità venga coinvolto un vettore. Spesso, le parti chiedono chiarimenti alle rispettive compagnie di assicurazione, correndo talvolta il rischio di perdere di vista la conseguente pratica risarcitoria ed i relativi termini di prescrizione. Meglio prima predisporre uno scadenziario, in modo da sollecitare tempestivamente chi di dovere.

leggi tutto
4 ottobre 2018

CORRUZIONE PRIVATA NELLA LOGISTICA E NEI TRASPORTI: ma quanto mi costi ?

Dallo scorso mese di febbraio (legge 9.1.2019 n. 3) il reato di corruzione tra privati è configurabile anche senza la querela della persona offesa. I commerciali delle aziende di trasporto e di logistica devono fare quindi molta attenzione a trattare con i responsabili degli uffici acquisti, perché certe “gentilezze” rischiano di essere pagate care.

leggi tutto
4 ottobre 2018

La gestione del rischio nella logistica e nel trasporto

Le attività tipiche dell’operatore logistico e del trasportatore sono generalmente rischiose e, in alcuni casi, addirittura “pericolose”. La diligenza richiesta nello svolgerle è sempre più elevata e le coperture assicurative previste in caso di incidente non sempre sono efficaci. Occorre che il rischio sia gestito e adeguatamente remunerato. Nella normale gestione di impresa sono in aumento le procedure ed i modelli operativi che l’imprenditore deve seguire per svolgere la propria attività caratteristica (compliance). Non si tratta solo di burocrazia, bensì della creazione di valore, talvolta richiesto e comunque spendibile presso i clienti.

leggi tutto