LSMI19 Diritto condominiale
12 settembre 2019
Diritto condominiale

Il condomino può aprire in facciata luci e vedute, creando una porta – finestra

Il condomino può aprire in facciata luci e vedute, creando una porta – finestra

Capita spesso che un condomino provi il desiderio di trasformare una finestra in una porta – finestra o, più modestamente, di creare una nuova finestra per consentire all’aria e alla luce di invadere l’appartamento e aumentarne, così, la godibilità e – perché no? – il valore.
Al ricorrere di certi presupposti, tale intervento è legittimo e il condomino, esercitando un suo diritto, può eseguirlo senza bisogno di alcuna autorizzazione da parte del Condominio.

La normativa di riferimento
La disposizione principale è l’art. 1102, primo comma, cod. civ., “accompagnata” dall’art. 1120, quarto comma, cod. civ.. Queste norme stabiliscono che il condomino, per il migliore o più intenso godimento della sua proprietà esclusiva, può servirsi della cosa comune, eventualmente anche modificandola, a condizione che non alteri la destinazione della cosa comune, non impedisca agli altri condomini di usare la cosa comune come facevano prima dell’intervento del singolo, non renda impossibile anche a uno solo degli altri condomini l’uso della cosa comune e non crei pregiudizio alla stabilità, alla sicurezza e/o al decoro architettonico dell’edificio.
La fattispecie concreta
Tra le cose comuni, come sopra a disposizione del condomino, ci sono anche le facciate, che l’art. 1117, primo comma, cod. civ. espressamente qualifica come “oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio”.
Il punto essenziale è, quindi, capire se la modifica della facciata condominiale, nel senso della apertura in essa di una porta – finestra, possa essere ritenuta legittima nel senso di cui sopra e automaticamente possibile.
L’insegnamento della Suprema Corte
La giurisprudenza ha statuito ormai da molto tempo che l’apertura di un varco [posta – finestra, finestra o porta] deve essere ritenuto legittimo ex art. 1102 cod. civ.. Sul punto, si veda – tra le altre – Cass. 6.2.2009 n. 3035 [“In tema di condominio negli edifici, l'apertura di un varco nel muro perimetrale per esigenze del singolo condomino è consentita, quale uso più intenso del bene comune, con eccezione del caso in cui tale varco metta in comunicazione l'appartamento del condomino con altra unità immobiliare attigua, pur di proprietà del medesimo, ricompresa in un diverso edificio condominiale, poiché in questo caso il collegamento tra unità abitative determina la creazione di una servitù a carico di fondazioni e struttura del fabbricato”].
Merita, poi, specifica e particolare attenzione la sentenza della Corte di Cassazione n. 13874, emessa in data 9.6.2010.
Questa pronuncia, infatti, puntualizza alcuni elementi in diritto che appaiono sicuramente molto interessanti e contribuiscono non poco a chiarire, analizzando la – per così dire – natura intrinseca del condominio, il rapporto tra la normativa civilistica in generale (sulle distanze, sulle luci e vedute e altro) e quella specificamente dettata per il condominio negli edifici.
Analiticamente:
• i cortili comuni, assolvendo alla specifica finalità di dare aria e luce agli immobili circostanti, sono senz’altro fruibili a tale scopo;
• in questo ambito, l’apertura di finestre e la trasformazione di una luce in veduta rientrano tra i poteri spettanti ai condomini ex art. 1102 cod. civ.;
• tale apertura / trasformazione rientra nel concetto di “modificazioni necessarie per il migliore godimento della cosa”, espressamente previsto proprio dall’art. 1102 cod. civ.;
• non avrebbe senso invocare, a tale riguardo, le limitazioni derivanti dalle ordinarie prescrizioni in tema di luci e vedute. Sul punto, la Corte è chiarissima: “ .. in considerazione della peculiarità del condominio, caratterizzato dalla presenza di una pluralità di unità immobiliari che insistono nel medesimo fabbricato, i diritti e gli obblighi dei partecipanti vanno necessariamente determinati alla luce della disciplina dettata dall'art. 1102 cod. civ.: qualora il condomino abbia utilizzato i beni comuni nell'ambito dei poteri e dei limiti stabiliti dalla norma sopra richiamata, l'esercizio legittimo dei diritti spettanti al condomino iure proprietatis esclude che possano invocarsi le violazioni delle norme dettate in materia di distanze fra proprietà confinanti”;
• analogamente, non si può invocare la tutela del diritto alla riservatezza, potenzialmente leso dall’apertura di una veduta: “ .. se certamente è configurabile e meritevole di tutela anche nel condominio il diritto alla riservatezza, il pregiudizio in concreto risentito non può prescindere da un valutazione comparativa degli opposti interessi dei condomini, dovendo il diritto di ciascuno proprietario di godere e di utilizzare la proprietà esclusiva essere naturalmente limitato dalla necessaria contiguità degli appartamenti, che inevitabilmente comporta restrizioni delle facoltà di godimento che al proprietario spetterebbero, dovendo al riguardo ritenersi connaturate quelle limitazioni che siano l'effetto dell'esercizio legittimo dei poteri spettanti agli altri comproprietari”.
Sintesi e considerazioni finali
E’ ora possibile fare sintesi e “distillare” dall’insegnamento della Corte qualche concetto – base di portata generale:
 il condominio è una realtà, in fatto e in diritto, del tutto peculiare, un autentico “mondo a parte” nell’universo dell’ordinamento giuridico italiano;
 nell’ambito e nel contesto di questa realtà, bisogna sempre operare un attento ed efficace contemperamento di interessi e di diritti e obblighi;
 tale operazione di contemperamento deve essere compiuta tenendo conto che il condominio impone a soggetti spesso estranei una stretta vicinanza – per non dire convivenza – e che questa vicinanza non può non portare alla “compressione” di alcune posizioni individuali;
 in questo senso, disposizioni come l’art. 1102 cod. civ. specificamente dettato per individuare i limiti e i punti di equilibrio tra i diritti di un condomino e i diritti degli altri, devono essere visti e utilizzati come una sorta di “bussola”, una guida interpretativa, una manuale di istruzioni per una convivenza equilibrata e pacifica tra condomini.
In buona sostanza, chi decide di abitare in un condominio sa – e non può non accettarlo – che dovrà subire alcune limitazioni dei suoi diritti, necessariamente e intrinsecamente connesse alla struttura stessa del condominio negli edifici. Ma sa anche di avere alcuni diritti e di poterli esercitare.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – quando e come la mediazione impedisce la decadenza dall'impugnazione della delibera

L’art. 1137, secondo comma, cod. civ. prevede il diritto dei condomini di impugnare le delibere assembleari contrarie alla legge o al regolamento di condominio e impone l’obbligo – a pena di decadenza – di esercitare tale diritto entro trenta giorni.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: il quorum costitutivo è un requisito permanente dell'assemblea

E’ noto a tutti che l’assemblea di condominio si considera “regolarmente costituita” ex art. 1136, primo e terzo comma, cod. civ. se ad essa interviene un certo numero, minimo, di condomini, titolari di un certo quantitativo, minimo, di millesimi. La presenza di questi numeri minimi all’apertura dei lavori dell’assemblea, tuttavia, non basta: essa deve sussistere per l’intera durata della riunione, a pena di sopravvenuta inesistenza dell’assemblea condominiale.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: in caso di mancata convocazione la prova di resistenza non serve

Ci si interroga sulla possibilità di “salvare” la delibera impugnata dal condomino che non è stato convocato: si può fingere che il condomino sia intervenuto e abbia votato e, quindi, conteggiare il suo voto come se fosse stato espresso e, all’esito, annullare la delibera solo se quel voto risulta determinante? Detto altrimenti: il vulnus della mancata convocazione attiene unicamente al voto oppure si deve ritenere che vi sia qualcosa di più grave, tale da precludere la possibilità di quel “salvataggio”?

leggi tutto