LSMI19 Diritto condominiale
25 luglio 2019
Diritto condominiale

Il regolamento condominiale di natura contrattuale: precisazioni in merito ai divieti

Il regolamento condominiale di natura contrattuale: precisazioni in merito ai divieti

Se è vero che le clausole di un regolamento condominiale di natura contrattuale possono, in astratto, porre seri limiti ai diritti dei condomini e arrivare a “comprimere” tali diritti, è altrettanto vero che, in concreto, è necessario – affinché ciò accada – che la formulazione di quelle clausole soddisfi alcuni requisiti. Per tacere delle avvertenze in tema di interpretazione di tali clausole.

Il quadro normativo
Essenzialmente, due sole disposizioni del codice civile disciplinano il regolamento condominiale: si tratta dell’art. 11389 cod. civ. [“1) Quando in un edificio il numero dei condomini è superiore a dieci, deve essere formato un regolamento, il quale contenga le norme circa l'uso delle cose comuni e la ripartizione delle spese, secondo i diritti e gli obblighi spettanti a ciascun condomino, nonché le norme per la tutela del decoro dell'edificio e quelle relative all'amministrazione. 2) Ciascun condomino può prendere l'iniziativa per la formazione del regolamento di condominio o per la revisione di quello esistente. 3) Il regolamento deve essere approvato dall'assemblea con la maggioranza stabilita dal secondo comma dell'articolo 1136 ed allegato al registro indicato dal numero 7) dell'articolo 1130. Esso può essere impugnato a norma dell'articolo 1107. 4) Le norme del regolamento non possono in alcun modo menomare i diritti di ciascun condomino, quali risultano dagli atti di acquisto e dalle convenzioni, e in nessun caso possono derogare alle disposizioni degli articoli 1118, secondo comma, 1119, 1120, 1129, 1131, 1132, 1136 e 1137. 5) Le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici”] e dell’art. 72 disp. att. cod. civ. [“I regolamenti di condominio non possono derogare alle disposizioni dei precedenti articoli 63, 66, 67 e 69”].
Entrambe tali norme si applicano al solo regolamento di natura assembleare.
I due generi di regolamento condominiale
Esistono due generi di regolamento condominiale: quello assemblea e quello contrattuale.
E’ opinione diffusa che la dicotomia tra i due regolamenti nasca dal processo di formazione dell’uno e dell’altro:
 se è stato predisposto dall’originario proprietario unico dell’edificio e allegato ai contratti di compravendita, allora è un regolamento di natura contrattuale,
 se, invece, è stato adottato dal codominio già costituito con una sua delibera, allora è un regolamento di natura assembleare.
Questo è vero, ma il dato così fornito non è completo:
 la predisposizione ad opera dell’originario proprietario unico è un presupposto non sufficiente della natura contrattuale: hanno, infatti, tale natura solo le clausole che limitano i diritti dei condomini sulle proprietà esclusive o su quella comune o attribuiscono ad alcuni condomini diritti maggiori rispetto agli altri;
 anche il regolamento adottato dall’assemblea può avere natura contrattuale, a condizione che sia stato adottato dal 100% dei condomini, titolari di 1.000/1.000.
La differenza tra l’uno e l’altro è, peraltro, ben descritta nella pronuncia n. 23255, resa dalla Corte di Cassazione in data 15.11.2016: “Le clausole del regolamento condominiale predisposto dall'originario proprietario dell'edificio condominiale e allegato ai contratti di acquisto delle singole unità immobiliari, nonché quelle dei regolamenti condominiali formati con il consenso unanime di tutti i condomini, hanno natura contrattuale soltanto qualora si tratti di clausole limitatrici dei diritti dei condomini sulle proprietà esclusive o comuni ovvero attributive ad alcuni condomini di maggiori diritti rispetto agli altri, mentre, qualora si limitino a disciplinare l'uso dei beni comuni, hanno natura regolamentare. Ne consegue che, mentre le clausole di natura contrattuale possono essere modificate soltanto dall'unanimità dei condomini e non da una deliberazione assembleare maggioritaria, avendo la modificazione la medesima natura contrattuale, le clausole di natura regolamentare sono modificabili anche da una deliberazione adottata con la maggioranza prescritta dall'art. 1136, comma 2, c.c.”.
Un altro modo di esprimere il concetto è questo:
 l’elaborazione e l’adozione del regolamento nelle forme di cui sopra – e cioè ad opera dell’originario unico proprietario o della compagine condominiale nella sua interezza (100% dei condomini e 1.000/1.000) – non basta ad attribuire natura contrattuale ad una certa clausola del regolamento;
 perché questa natura possa ritenersi sussistere, è necessario anche che la clausola “comprima” i diritti dei singoli condomini o attribuisca ad alcuni di essi diritti più ampi rispetto a quelli degli altri condomini;
 in assenza dell’uno o dell’altro requisito, la clausola – a prescindere dalle modalità di redazione e/o approvazione del regolamento in cui essa è inserita – ha natura regolamentare (o assembleare).
Il regolamento di natura contrattuale
Dal punto di vista giuridico, questo regolamento è un contratto atipico e cioè un contratto che non rientra in una delle figure predeterminate dal legislatore, ma è il risultato della libera autonomia delle parti.
Ai sensi dell’art. 1322 cod. civ., questi contratti sono legittimi e validi, ma a condizione che “siano diretti a realizzare interessi meritevoli di tutela secondo l'ordinamento giuridico”.
Nella sostanza, questo genere di regolamento rappresenta il solo strumento per intervenire, limitandoli e “comprimendoli”, sui diritti che i singoli condomini vantano sulle parti di edificio di proprietà esclusiva e sulle parti comuni. Per evidenziare uno specifico aspetto della operatività e della portata di questi regolamenti, si pensi che essi costituiscono la “diversa convenzione” che consente ex art. 1123, primo comma, cod. civ. di derogare al principio generale secondo cui gli oneri condominiali sono a carico dei condomini “in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno”.
Le cautele nella formulazione e nella interpretazione delle clausole regolamentari di natura contrattuale
Per “mettere a fuoco” la questione nel migliore dei modi soccorrono due pronunce della Suprema Corte:
• la prima attiene alla formulazione di queste clausole [“Le restrizioni alle facoltà inerenti alla proprietà esclusiva, contenute nel regolamento di condominio di natura contrattuale, devono essere formulate in modo espresso o comunque non equivoco in modo tale da non lasciare alcun margine d'incertezza sul contenuto e la portata delle relative disposizioni. Trattandosi di materia che attiene alla compressione di facoltà normalmente inerenti alle proprietà esclusive dei singoli condomini, i divieti ed i limiti devono risultare da espressioni incontrovertibilmente rivelatrici di un intento chiaro, non suscettibile di dar luogo a incertezze e non possono quindi dar luogo ad un'interpretazione estensiva delle relative norme. Non appare pertanto legittima un'interpretazione della norma regolamentare — che non pone alcun espresso divieto all'utilizzo del locale a ristorazione — in modo estensivo, comprimendo ulteriormente in modo arbitrario le facoltà del proprietario” Cass. 20.7.2009 n. 16832];
• la seconda è, invece, relativa alla loro interpretazione [“L'interpretazione del contenuto della clausola del regolamento condominiale da dove emerge un limite od un obbligo imposto alle singole unità immobiliari deve essere compiuta restrittivamente, seguendo le norme che regolano l'interpretazione del contratto, ed è censurabile dal giudice di legittimità solo per violazione di legge ed in caso di illogicità o vizio di motivazione della sentenza” Cass. 6.12.2016 n. 24958].
Considerazione finale
Ancora una volta, il diritto condominiale si rivela insidioso.
Buon senso e prudenza, quindi, inducono come sempre a muoversi con la dovuta attenzione e cautela per evitare di trovarsi – il riferimento è concreto ed è tratto dall’esperienza professionale – con una compagine condominiale che, profondamente convinta di avere solide basi per contrastare la posizione assunta da un condomino, si trovi a dover fare i conti con una realtà di segno contrario, resa concreta e “viva” da una pronuncia giurisprudenziale.
La “morale”, quindi, è di rivolgersi a professionisti esperti e competenti sia per la redazione sia per l’interpretazione dei regolamenti.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

La “nascita” del condominio, la presunzione di proprietà comune e l’individuazione delle proprietà individuali attraverso il titolo contrario

Il condominio costituisce una situazione di comproprietà indivisa: quando esiste un edificio composto da unità immobiliari di proprietari diversi, alcune parti di tale edificio “Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio” (art. 1117, primo comma, cod. civ.). Si tratta essenzialmente di “tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune” (art. 1117, primo comma, n. 1) cod. civ.). Ma quando sorge il condominio e quali sono i criteri per individuare le parti comuni e distinguerle dalle parti dell’edificio di proprietà individuale?

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in merito alle morosità condominiale nell’epoca del Covid19

In questo periodo, con l’emergenza sanitaria e le tristemente note – e, comunque, facilmente intuibili – ricadute economiche su tutti gli italiani, si pone in maniera tutt’altro che secondaria il tema della morosità condominiale e del circolo vizioso, che questa crea di provocare.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in ordine alla gestione del condominio nelle circostanze eccezionali imposte dal Covid-19 – il ruolo di primo piano degli amministratori e l’importanza della stretta collaborazione tra amministratori e amministrati

Tra le misure, adottate e quindi imposte dal Governo per fronteggiare la diffusione del contagio da Covid-19, spicca il divieto di assembramenti: in sostanza, non ci si può riunire, né in luoghi pubblici né in luoghi privati, per incontri, riunioni, convegni e altro. Il divieto riguarda anche le assemblee condominiali, riunioni nell’ambito delle quali il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro è, di fatto, impossibile. Si pone, quindi, il problema del rischio di una sostanziale “paralisi” della vita dei condominii, enti di gestione che sono stati privati dei loro organi decisionali.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [parte 2]

In questa seconda parte del contributo sul tema della eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati, l’attenzione si concentrerà in particolare sui concetti introdotti dall’art. 4, commi 4 e 5, L. 9.1.1989 n. 13 e cioè sui presupposti, i limiti e le condizioni del legittimo diniego a un intervento edilizio su un edificio vincolato.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [Parte 1]

Per ovvie ed evidenti ragioni, nel Belpaese l’esigenza di trovare un compromesso, di individuare un soddisfacente punto di incontro tra la tutela del patrimonio immobiliare storico / artistico e la protezione delle persone che, negli edifici assoggettati a tali vincoli, abitano e lavorano, è particolarmente sentita. Negli anni, con il mutare della sensibilità sociale e l’aumento dell’attenzione a certi temi, si è assistito a un’autentica evoluzione, a una vera e propria “rivoluzione” che ha portato a “mettere a fuoco” una serie di principi fondamentali. Un’attenzione particolare è stata – ed è – dedicata al bilanciamento di interessi tra la tutela delle persone in difficoltà e la salvaguardia del patrimonio storico / artistico

leggi tutto
4 ottobre 2018

Lastrico solare in condominio: nel silenzio dell’art. 1126 cod. civ., chi decide di eseguire l’intervento di manutenzione?

Il codice civile, all’art. 1126 cod. civ., detta la regola per ripartire le spese legate agli interventi manutentivi sui lastrici solari, ma nulla dice in merito all’individuazione del soggetto legittimato a decidere se dare corso oppure no a quegli interventi. In questa sede si vuole rispondere a questa precisa e specifica domanda: chi ha il potere di decidere di eseguire la manutenzione sui lastrici solari?

leggi tutto
4 ottobre 2018

L’assemblea ordinaria del super-condominio

La riforma del condomino del 2012 / 2013 ha “fatto emergere” e regolamentato – benché in maniera lacunosa e poco chiara, pur ponendosi l’obiettivo di “snellire” – il fenomeno del super-condominio. Tra gli elementi più caratteristici c’è una sorta di “sdoppiamento” dell’assemblea ordinaria, nella quale sono chiamati ad esprimete il voto soggetti diversi a seconda delle materie contenute nel’o.d.g..

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – nessun interesse a impugnare se, sul piano economico, il pregiudizio è modesto

Ai sensi dell’art. 1137 cod. civ., ciascun condomino è legittimato a impugnare davanti all’Autorità Giudiziaria, chiedendone l’annullamento, le delibere “contrarie alla legge o al regolamento di condominio”. In alcuni casi e per specifiche ragioni, autorevolmente individuate da Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806, le delibere non sono annullabili, ma nulle, con la conseguenza – tra le altre – che il condomino può impugnarle senza limitazioni di tempo, chiedendo non il loro annullamento, ma l’accertamento – e, con esso, la dichiarazione – della loro nullità. In sede di impugnazione, il condomino attore deve dimostrare di avere un preciso interesse all’accertamento di tale nullità, in assenza del quale la sua domanda è destinata al rigetto.

leggi tutto