LSMI19 Diritto condominiale
20 febbraio 2019
Diritto condominiale

La “nascita” del condominio

La “nascita” del condominio

Si sente spesso chiedere quale sia l’iter da seguire e quali i passi formali da compiere per la costituzione di un condominio. Quesiti come “adesso che le unità immobiliari sono state tutte vendute, come ci si deve muovere per costituire formalmente il condominio?”, al pari di espressioni quali “il condominio è stato costituito nell’assemblea in data ..” o “i nuovi proprietari delle unità immobiliari si riuniranno / si sono riuniti per costituire il condominio” sono molto frequenti, ma altrettanto sbagliate
Nelle righe che seguono si tenterà di fare chiarezza e di dare anche qualche indicazione operativa.

La corretta impostazione sul piano giuridico – la “nascita” del condominio

I riferimenti normativi sono rappresentati dagli artt. 1117 e 1117 bis cod. civ.:
  • “Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio (…) se non risulta il contrario dal titolo: (…)” [art. 1117 cod. civ.];
  • “Le disposizioni del presente capo si applicano, in quanto compatibili, in tutti i casi in cui più unità immobiliari o più edifici ovvero più condominii di unità immobiliari o di edifici abbiano parti comuni ai sensi dell'articolo 1117” [art. 1117 bis cod. civ.].

Queste due norme danno – ai fini che qui interessano – un’indicazione chiara ed essenziale: si ha un condominio ogni qualvolta due o più immobili / unità immobiliari hanno parti comuni ai sensi dell’art. 1117 cod. civ.
Nel corso degli anni – e, ancora, in epoca assai recente – la giurisprudenza ha dato un importante contributo al quadro generale, rendendolo efficacemente ancora più chiaro. E questo, sia relativamente al “momento genetico” del condominio sia con riferimento alle relative formalità sia, infine, in ordine alle ragioni stesse dell’esistenza di un condominio:
  • il condominio “ .. sorge nel momento in cui più soggetti divengono proprietari esclusivi delle varie unità immobiliari .. ” [Cass. 30.10.2018 n. 27636];
  • il condominio negli edifici sorge “ .. ‘ipso iure et de facto’, senza bisogno di apposite manifestazioni di volontà (né dell’originario costruttore, né dei proprietari delle unità immobiliari di ciascun condominio) o tanto meno di approvazioni assembleari .. ” [Cass. 19.1.2018 n. 1344] e quindi anche senza necessità di alcun comportamento;
  • “Per la costituzione di un condominio, si può prescindere da un atto formale qualora sussistano più parti di un edificio in comunione pro indiviso .. ” [T.A.R. Brescia 26.3.2018 n. 341]
  • il condominio si instaura “ .. sul fondamento della relazione di accessorietà tra i beni comuni e le proprietà individuali .. ” [Cass. 11.8.2017 n. 20071].

E’ da notare che gli stessi principi generali trovano piena applicazione anche nel fenomeno del c. d. “supercondominio” e cioè in quei casi in cui – per usare le parole del legislatore – “più edifici ovvero più condominii di unità immobiliari o di edifici abbiano parti comuni ai sensi dell'articolo 1117” [art. 1117 bis cod. civ.]. Sul punto, la Suprema Corte è stata chiarissima anche in epoca recente con le pronunce 19.1.2018 n. 1344 (già citata) e 25.10.2018 n, 27084.

Alla luce di tutto quanto già esposto, si può adesso fare sintesi:
  • il condominio sussiste quando due o più unità immobiliari, di proprietari diversi, hanno in comune dei beni (parti dell’edificio necessarie all'uso comune, aree e locali destinati ai servizi in comune, opere, installazioni, manufatti – impianti compresi – destinati all’uso comune) e questi beni comuni sono legati alle proprietà individuali da una relazione di accessorietà;
  • il condominio viene a esistenza di diritto, per il semplice fatto che si verifica la situazione dianzi descritta e per mero effetto della situazione stessa,
  • a tale fine, non è necessario che i condomini pongano in essere alcuna attività: non sono richiesti passi formali, decisioni, forme solenni e quant’altro. Il tutto avviene automaticamente, in virtù della semplice relazione esistente tra il fatto e il diritto. Né più né meno – il paragone non appaia irriverente – come in una nascita: il neonato viene partorito dalla madre [fatto] ed entra automaticamente in possesso della capacità giuridica [diritto]

I risvolti pratici di quanto sopra esposto

Tutto questo vale a livello teorico (ma non astratto, in quanto i concetti dianzi espressi hanno una forte valenza nella realtà quotidiana). E’, comunque, necessario un ulteriore passaggio, volto a far capire come il condominio, una volta “nato”, inizi a muovere i suoi primi passi per poi arrivare a camminare e “correre” da solo.

Il condominio, pur essendo una realtà di grande importanza sul piano operativo, sociale ed economico, con significative ricadute nella vita quotidiana delle persone, non ha personalità giuridica: è un ente di gestione, un ente collettivo a sé, non inquadrabile nelle grandi categorie delle persone fisiche, persone giuridiche, associazioni (riconosciute e non), fondazioni, comitati e enti vari.

Pur in questa sua strana dimensione, il condominio può e deve agire nel mondo e operare nella realtà quotidiana. E’, pertanto, necessario che i condomini si organizzino a tale scopo, attraverso l’adozione delle regole interne di funzionamento, l’individuazione e la nomina dei soggetti chiamati a gestire la neo-nata realtà, l’assolvimento dei vari adempimenti formali e operativi e tutto quanto occorre ancora.

Si entra, così, nell’ambito della richiesta di attribuzione al condominio del codice fiscale, dell’adozione del regolamento condominiale, della nomina degli organi del condominio (primo fra tutti, l’amministratore, obbligatorio quando i condomini sono più di otto), della stipula dei contratti con i vari soggetti destinati a fornire al Condominio ciò di cui questo ha bisogno (luce, gas, riscaldamento, ecc.) e così via.

E’ noto, tuttavia, che un condominio non viene ad esistenza nel deserto per magia o per effetto della manifestazione di volontà di un qualche non bene identificato Essere superiore. Esso, piuttosto, sorge – la cosa rientra nelle nozioni di comune esperienza – “sulle ceneri” del costruttore dell’edificio e subentra – sul piano giuridico, ma anche su quello concreto e pratico / operativo – a quest’ultimo.

I primi passi del nuovo condominio

Che cosa succede tipicamente?
Nell’esperienza della realtà quotidiana i passaggi sono, di regola, questi:
  • il costruttore vende le varie unità immobiliari, con ciò ponendo fine alla situazione di un unico proprietario dell’intero edificio e – come si è visto – “dando vita” al condominio;
  • a quel punto, essendo nella maggior parte dei casi l’unico in grado di farlo, egli riunisce i neo-proprietari [ormai, più correttamente, i condomini] affinché questi possano iniziare la loro vita condominiale;
  • spesso esiste già un amministratore / gestore delle parti comuni, scelto dal costruttore;
  • costui, per conto del costruttore e nell’interesse dei condomini, provvede a “prendere in carico” la gestione pratica dell’edificio: chiede l’attribuzione del codice fiscale, stipula – o rinnova, se già in essere con il costruttore unico proprietario – i vari contratti (soprattutto quelli non differibili), si occupa di procurare / rendere disponibili i vari documenti e registri indispensabili per la vita in condominio (registro dei verbali delle assemblee, registro di nomina e revoca dell'amministratore, registro di contabilità, registro di anagrafe condominiale e quant’altro) e provvede alla convocazione della prima assemblea.

Due concetti sono molto importanti:

  • quell’assemblea è la prima assemblea “ufficiale” del Condominio, la prima di cui deve essere redatto il verbale ex art. 1136, ultimo comma, cod. civ., da inserire poi nel relativo registro. E’ senz’altro opportuno che quel verbale contenga una “fotografia” della situazione in condominio a quella data e che in esso l’assemblea provveda, per quanto di suo interesse e di ragione, a ratificare quanto è stato fatto in precedenza. Questa assemblea, tuttavia, non ha valenza costitutiva: è la prima assemblea e, in quanto tale, adotta le prime decisioni e detta le prime linee – guida, gestisce la fisiologica transizione dalla fase monocratica e “tirannica” del costruttore / proprietario unico a quella pluralista e democratica della compagine condominiale, ma è l’assemblea di un condomino già esistente;
  • l’assemblea, così “entrata in funzione”, non è obbligata a tenersi – nominandolo formalmente – l’amministratore scelto a suo tempo dal costruttore, ma in qualche modo “azzera” le varie cariche e, in generale, il quadro complessivo dei “satelliti” del condominio e fa partire il condominio da zero.

A parziale deroga di quanto appena detto, è possibile che i condomini si trovino dei contratti stipulati dal costruttore [per la manutenzione, per la gestione deli impianti, per il giardino comune e così via] e siano costretti – per effetto di apposita clausola inserita nei vari contratti di compravendita – a dover subentrare in essi al costruttore, loro dante causa.

Questo, tuttavia, non vale per la nomina dell’amministratore, che rientra nelle prerogative sovrane e non rinunciabili dell’assemblea successivamente alla costituzione del condominio. Al più, l’assembla potrà decidere – se chiamata a pronunciarsi – di nominare lo stesso amministratore già scelto e incaricato dal costruttore, ma si tratterà sempre e comunque di una sua libera decisione.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

La “nascita” del condominio, la presunzione di proprietà comune e l’individuazione delle proprietà individuali attraverso il titolo contrario

Il condominio costituisce una situazione di comproprietà indivisa: quando esiste un edificio composto da unità immobiliari di proprietari diversi, alcune parti di tale edificio “Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio” (art. 1117, primo comma, cod. civ.). Si tratta essenzialmente di “tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune” (art. 1117, primo comma, n. 1) cod. civ.). Ma quando sorge il condominio e quali sono i criteri per individuare le parti comuni e distinguerle dalle parti dell’edificio di proprietà individuale?

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in merito alle morosità condominiale nell’epoca del Covid19

In questo periodo, con l’emergenza sanitaria e le tristemente note – e, comunque, facilmente intuibili – ricadute economiche su tutti gli italiani, si pone in maniera tutt’altro che secondaria il tema della morosità condominiale e del circolo vizioso, che questa crea di provocare.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in ordine alla gestione del condominio nelle circostanze eccezionali imposte dal Covid-19 – il ruolo di primo piano degli amministratori e l’importanza della stretta collaborazione tra amministratori e amministrati

Tra le misure, adottate e quindi imposte dal Governo per fronteggiare la diffusione del contagio da Covid-19, spicca il divieto di assembramenti: in sostanza, non ci si può riunire, né in luoghi pubblici né in luoghi privati, per incontri, riunioni, convegni e altro. Il divieto riguarda anche le assemblee condominiali, riunioni nell’ambito delle quali il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro è, di fatto, impossibile. Si pone, quindi, il problema del rischio di una sostanziale “paralisi” della vita dei condominii, enti di gestione che sono stati privati dei loro organi decisionali.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [parte 2]

In questa seconda parte del contributo sul tema della eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati, l’attenzione si concentrerà in particolare sui concetti introdotti dall’art. 4, commi 4 e 5, L. 9.1.1989 n. 13 e cioè sui presupposti, i limiti e le condizioni del legittimo diniego a un intervento edilizio su un edificio vincolato.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [Parte 1]

Per ovvie ed evidenti ragioni, nel Belpaese l’esigenza di trovare un compromesso, di individuare un soddisfacente punto di incontro tra la tutela del patrimonio immobiliare storico / artistico e la protezione delle persone che, negli edifici assoggettati a tali vincoli, abitano e lavorano, è particolarmente sentita. Negli anni, con il mutare della sensibilità sociale e l’aumento dell’attenzione a certi temi, si è assistito a un’autentica evoluzione, a una vera e propria “rivoluzione” che ha portato a “mettere a fuoco” una serie di principi fondamentali. Un’attenzione particolare è stata – ed è – dedicata al bilanciamento di interessi tra la tutela delle persone in difficoltà e la salvaguardia del patrimonio storico / artistico

leggi tutto
4 ottobre 2018

Lastrico solare in condominio: nel silenzio dell’art. 1126 cod. civ., chi decide di eseguire l’intervento di manutenzione?

Il codice civile, all’art. 1126 cod. civ., detta la regola per ripartire le spese legate agli interventi manutentivi sui lastrici solari, ma nulla dice in merito all’individuazione del soggetto legittimato a decidere se dare corso oppure no a quegli interventi. In questa sede si vuole rispondere a questa precisa e specifica domanda: chi ha il potere di decidere di eseguire la manutenzione sui lastrici solari?

leggi tutto
4 ottobre 2018

L’assemblea ordinaria del super-condominio

La riforma del condomino del 2012 / 2013 ha “fatto emergere” e regolamentato – benché in maniera lacunosa e poco chiara, pur ponendosi l’obiettivo di “snellire” – il fenomeno del super-condominio. Tra gli elementi più caratteristici c’è una sorta di “sdoppiamento” dell’assemblea ordinaria, nella quale sono chiamati ad esprimete il voto soggetti diversi a seconda delle materie contenute nel’o.d.g..

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – nessun interesse a impugnare se, sul piano economico, il pregiudizio è modesto

Ai sensi dell’art. 1137 cod. civ., ciascun condomino è legittimato a impugnare davanti all’Autorità Giudiziaria, chiedendone l’annullamento, le delibere “contrarie alla legge o al regolamento di condominio”. In alcuni casi e per specifiche ragioni, autorevolmente individuate da Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806, le delibere non sono annullabili, ma nulle, con la conseguenza – tra le altre – che il condomino può impugnarle senza limitazioni di tempo, chiedendo non il loro annullamento, ma l’accertamento – e, con esso, la dichiarazione – della loro nullità. In sede di impugnazione, il condomino attore deve dimostrare di avere un preciso interesse all’accertamento di tale nullità, in assenza del quale la sua domanda è destinata al rigetto.

leggi tutto