LSMI19 Diritto condominiale
8 ottobre 2020
Diritto condominiale

La “nascita” del condominio, la presunzione di proprietà comune e l’individuazione delle proprietà individuali attraverso il titolo contrario

La “nascita” del condominio, la presunzione di proprietà comune e l’individuazione delle proprietà individuali attraverso il titolo contrario

Il condominio costituisce una situazione di comproprietà indivisa: quando esiste un edificio composto da unità immobiliari di proprietari diversi, alcune parti di tale edificio “Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio” (art. 1117, primo comma, cod. civ.).
Si tratta essenzialmente di “tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune” (art. 1117, primo comma, n. 1) cod. civ.).
Ma quando sorge il condominio e quali sono i criteri per individuare le parti comuni e distinguerle dalle parti dell’edificio di proprietà individuale?

I termini della questione
Bisogna avviare il ragionamento dal dato normativo: il già citato art. 1117 cod. civ. individua una serie di parti dell’edificio, relativamente alle quali espressamente statuisce che esse “Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio (…) se non risulta il contrario dal titolo”.
Il tema è ben noto da molti anni, è stato affrontato innumerevoli volte e sotto tutti gli aspetti. In epoca recente, tuttavia, la Suprema Corte è stata chiamata a pronunciarsi ancora in subiecta materia e ha colto l’occasione – con l’ordinanza 21.9.2020 n. 19712 – per ribadire con chiarezza alcuni punti fermi.
I cardini del ragionamento della Corte di Cassazione
Nella realtà di fatto, prima ancora che di diritto, il punto di partenza è costituito da un edificio integralmente di proprietà di un unico soggetto – tipicamente, il costruttore – il quale decide di frazionare l’immobile e trasferire a soggetti terzi la proprietà delle singole unità.
Questo è l’esatto e specifico momento in cui il condominio “nasce”. Sul punto, la Cassazione è chiarissima: “ .. la situazione di condominio, regolata dagli artt. 1117 c.c. e ss., si attua sin dal momento in cui si opera il frazionamento della proprietà di un edificio, a seguito del trasferimento della prima unità immobiliare suscettibile di separata utilizzazione dall'originario unico proprietario ad altro soggetto”.
La Corte prosegue, poi, evidenziando che quello è anche il momento in cui sorge e opera la presunzione d condominialità e cioè la “presunzione legale ex art. 1137 c.c. di comunione ‘pro indiviso’”.
Il che equivale a dire che, con il primo trasferimento della prima unità immobiliare si crea il condominio e che, in forza di tale stato di cose, tutta una serie di parti (e impianti) dell’edificio si presumono per legge in comproprietà tra tutti i condomini.
Questa presunzione può essere superata: è, infatti, possibile dimostrare che, in realtà, una determinata parte dell’edificio è di proprietà esclusiva di un singolo condomino. L’unico “strumento” per questo, tuttavia, è costituito dal titolo contrario. Al riguardo, ancora Cass. 21.9.2020 n. 19712: “E' consolidato l'orientamento di questa Corte ad avviso del quale spetta al condomino, che pretenda l'appartenenza esclusiva di un bene, quale appunto un lastrico solare, compreso tra quelli elencati espressamente o per relationem dall'art. 1117 c.c., dar prova della sua asserita proprietà esclusiva derivante da titolo contrario; in difetto di tale prova, infatti, deve essere affermata l'appartenenza dei suddetti beni indistintamente a tutti i condomini (Cass. Sez. 2, 17/02/2020, n. 3852; Cass. Sez. 2, 07/05/2010, n. 11195; Cass. Sez. 2, 18/04/2002, n. 5633; Cass. Sez. 2, 15/06/2001, n. 8152; Cass. Sez. 2, 04/04/2001, n. 4953)”.
L’attenzione alla volontà delle parti
Si è detto che la proprietà comune di certe parti dell’edificio si presume e che questa situazione deve essere confermata e ribadita solo “se non risulta il contrario dal titolo”. Il che equivale a dire, in concreto, che si può e si deve ritenere che una parte dell’edificio, normalmente comune a tutti i condomini, appartenga in realtà unicamente a uno di essi se e solo se dall’atto, a mezzo del quale tale ultimo presunto proprietario esclusivo ha acquistato, emerge con forza e chiarezza che la volontà delle parti del contratto fosse esattamente in quel senso.
Per capirsi:
• il lastrico solare – è solo un esempio: il discorso varrebbe per tutti i beni comuni menzionati dal Codice Civile – rientra ex art. 1117, primo comma, n. 1), cod. civ. tra i beni, che si presumono comuni a tutti i condomini;
• il condomino proprietario dell’ultimo piano, il quale ritenga di aver acquistato la proprietà esclusiva di detto lastrico e intenda, quindi, rivendicarla, deve necessariamente dimostrare che la volontà del suo dante causa e sua, al momento del trasferimento della proprietà dell’unità immobiliare, era chiaramente ed esattamente questa. Cioè che, in uno con l’unità immobiliare, l’originario proprietario abbia inteso vendere – e specularmente l’acquirente abbia inteso acquistare – anche la proprietà esclusiva del lastrico, che a detta unità è fisicamente collegato (e che, per effetto di tale specifico e particolare trasferimento, è – per così dire – “uscita” dall’elenco delle parti comuni.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – mancata trasmissione dei preventivi di spesa e validità della delibera

Una recentissima pronuncia della Corte d’Appello di Milano – è la n. 1234 del 20.4.2021, in condominioweb.com del 6.5.2021 – affronta un tema ricorrente: quello della necessità / non necessità di allegare all’avviso di convocazione dell’assemblea i preventivi di spesa, su cui la compagine condominiale è chiamata a pronunciarsi. Con questo, la Corte fornisce il pretesto per riprendere il più ampio tema della documentazione da allegare all’avviso di convocazione e dei riflessi di questa allegazione / mancata allegazione sulla validità della delibera

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – qualche riflessione sull’approvazione del rendiconto

Nella quotidiana esperienza dell’“universo condominio” gioca un ruolo significativo il rendiconto, che l’amministratore annualmente sottopone all’assemblea. Ci si interroga soprattutto sulla valenza da attribuire, in concreto, alla approvazione / mancata approvazione di esso e si assiste spesso al caso di assemblee che rifiutano l’approvazione del rendiconto per timore di “assolvere”, con questo, l’amministratore dalle sue colpe e responsabilità. Esiste, però, una diversa “lettura” della cosa.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio - l'acquisizione dello status di condomino

In epoca molto recente il Tribunale di Ivrea ha pronunciato una sentenza – è la n. 392 del 16.4.2021, pubblicata in condominioweb.it 29.4.2021 – con la quale ha “distillato” tre principi importanti. In questo, il giudice piemontese si è collocato sulla scia di consolidati orientamenti interpretativi della Suprema Corte. Qui di affronterà il tema dell’acquisizione dello status di condomino, con particolare e specifico riferimento al momento in cui tale acquisizione avviene.

leggi tutto
4 ottobre 2018

La decadenza – per decorso dei termini – del condomino dal diritto di impugnare la delibera assembleare deve essere eccepita dal Condominio

In epoca molto recente il Tribunale di Ivrea ha pronunciato una sentenza – è la n. 392 del 16.4.2021, pubblicata in condominioweb.it 29.4.2021 – con la quale ha “distillato” tre principi importanti. In questo, il giudice piemontese si è collocato sulla scia di consolidati orientamenti interpretativi della Suprema Corte. Qui di affronterà il tema dell’atteggiamento processuale, che il Condominio dovrebbe assumere nei confronti del condomino, il quale impugnasse tardivamente una delibera.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – Cass. SS.UU. 14.4.2021 n. 9839 – delibere annullabili e delibere nulle

Con la loro sentenza n. 9839 del 14.4.2021 le Sezioni Unite hanno – risolvendo due contrasti giurisprudenziali – “messo un punto” in ordine ad alcune questioni, restando sostanzialmente nella “scia” di Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806, ma anche statuendo alcuni principi di diritto di portata innovativa. I temi toccati dalla Corte sono stati diversi. In questa sede si affronterà quello – caratterizzato da una significativa “ricaduta” pratica – relativo alle categorie di invalidità delle delibere condominiali

leggi tutto