LSMI19 Diritto condominiale
22 ottobre 2019
Diritto condominiale

Manutenzione straordinaria in condominio: la competenza dell'assemblea e i rischi della delibera

Manutenzione straordinaria in condominio: la competenza dell'assemblea e i rischi della delibera

La giurisprudenza ha individuato da anni, con chiarezza e precisione, quali sono le delibere assembleari affette da nullità. Recentemente, tuttavia, la Corte di Cassazione ha avuto occasione, in tema di delibere aventi ad oggetto interventi di manutenzione straordinaria, di puntualizzare alcuni concetti e fissare alcuni punti fermi, che hanno ulteriormente approfondito e chiarito la nozione di “delibera assembleare nulla”.

Lo “stato dell’arte”
Sin dal 2005 la Corte di Cassazione – nella sua composizione plenaria e, quindi, nella forma più autorevole – ha individuato quando e per quali ragioni una delibera assembleare deve ritenersi nulla (e, quindi, non meramente annullabile): la sentenza delle Sezioni Unite n. 4806 del 7.3.2005 ha efficacemente “elencato” le delibere affette da tale insanabile forma di invalidità: si tratta delle delibere “prive degli elementi essenziali” di quelle “con oggetto impossibile o illecito (contrario all'ordine pubblico, alla morale o al buon costume)”, di quelle il cui oggetto “non rientra nella competenza dell'assemblea”, di quelle “che incidono sui diritti individuali sulle cose o servizi comuni o sulla proprietà esclusiva di ognuno dei condomini” e infine, le delibere “comunque invalide in relazione all'oggetto”.
Il recente approfondimento
In epoca molto recente – si parla della sentenza n. 25839 del 14.10.2019 – la Suprema Corte è tornata sull’argomento per affrontare uno specifico aspetto della nullità delle delibere assembleari: quello dell’assenza degli elementi essenziali. E lo ha fatto in relazione a una delibera, che aveva ad oggetto un intervento di manutenzione straordinaria.
La Corte ha colto l’occasione anche per ribadire un concetto già ben noto – e, tutto sommato, ovvio alla luce del dato normativo rappresentato dall’art. 1135, primo comma, n. 4) cod. civ. – e cioè la competenza esclusiva e non derogabile dell’assemblea in merito agli interventi di manutenzione straordinaria e quindi l’ineludibile necessità di una delibera avente ad oggetto l’esecuzione dei lavori.
Nella parte motiva della pronuncia n. 25839/2019, infatti, si legge “E' pacifico che occorra l'autorizzazione dell'assemblea (o, comunque, l'approvazione mediante sua successiva ratifica), ai sensi dell'art. 1135 c.c., comma 1, n. 4, e con la maggioranza prescritta dall'art. 1136 c.c., comma 4, per l'approvazione di un appalto relativo a riparazioni straordinarie dell'edificio condominiale (si vedano indicativamente Cass. Sez. 2, 21/02/2017, n. 4430; Cass. Sez. 2, 25/05/2016, n. 10865)”.
Ciò che specificamente interessa in questa sede, tuttavia, è l’attenzione dedicata dalla Corte ad un ben preciso profilo di nullità della delibera, quello – come si diceva – legato alla assenza degli elementi essenziali.
Le statuizioni della Corte
La sentenza è così lineare e chiara che vale senz’altro la pena riportare espressamente – e seguire – alcuni suoi passaggi:
“La delibera assembleare in ordine alla manutenzione straordinaria deve in ogni caso determinare l'oggetto del contratto di appalto da stipulare con l'impresa prescelta, ovvero le opere da compiersi ed il prezzo dei lavori, non necessariamente specificando tutti i particolari dell'opera, ma comunque fissandone gli elementi costruttivi fondamentali, nella loro consistenza qualitativa e quantitativa”
 “Le delibere assembleari del condominio devono comunque essere interpretate secondo i canoni ermeneutici stabiliti dagli artt. 1362 c.c. e segg., privilegiando, innanzitutto, l'elemento letterale, ed adoperando quindi, soltanto nel caso in cui esso si appalesi insufficiente, gli altri criteri interpretativi sussidiari indicati dalla legge (Cass. Sez. 2, 28/02/2006, n. 4501)”
 la delibera concretamente esaminata dalla Corte “non può spiegarsi come definitiva autorizzazione dell'assemblea, ai sensi dell'art. 1135 c.c., comma 1, n. 4, delle riparazioni straordinarie del passaggio pedonale di accesso ai portoni dell'edificio condominiale, in quanto essa non determinava ancora l'oggetto del contratto di appalto, atteso che non individuava l'impresa prescelta, né le opere da compiersi né il prezzo dei lavori”
Considerazioni finali e di sintesi
E’ agevole, a questo punto, “tirare le somme”:
 le delibere assembleari devono essere interpretate secondo le regole generali [artt. 1362 e seguenti], che il Codice civile prevede per l’interpretazione dei contratti;
 trova applicazione analogica in questa materia anche l’art. 1418, secondo comma, cod. civ., ai sensi del quale l’assenza di uno degli elementi essenziali dell’atto comporta la nullità dell’atto stesso;
 ci si riferisce, in particolare, alla volontà delle parti e all’oggetto: deve emergere che i condomini hanno voluto e deve emergere che cosa hanno voluto;
 se è vero che spesso, in sede di assembleare, non si ha né il tempo né la voglia di prestare la dovuta attenzione a quelli che possono apparire – ma non sono – dettagli, è, però, altrettanto vero che l’insidia è sempre dietro l’angolo e che in una materia apparentemente banale (ma, in realtà, “scivolosissima”), bisognerebbe raddoppiare le cautele e alzare la soglia di attenzione;
 è essenziale – la delibera dichiarata nulla da Cass. 25839/2019 ne costituisce la prova più evidente – coinvolgere professionisti competenti ed esperti, in grado di prevenire e “intercettare” quelli che sfuggono ai più, ma che si rivelano, se ed in quanto sottoposti al vaglio dell’Autorità Giudiziaria, errori gravi, fonte di problemi seri nella vita di un condominio.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – quando e come la mediazione impedisce la decadenza dall'impugnazione della delibera

L’art. 1137, secondo comma, cod. civ. prevede il diritto dei condomini di impugnare le delibere assembleari contrarie alla legge o al regolamento di condominio e impone l’obbligo – a pena di decadenza – di esercitare tale diritto entro trenta giorni.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: il quorum costitutivo è un requisito permanente dell'assemblea

E’ noto a tutti che l’assemblea di condominio si considera “regolarmente costituita” ex art. 1136, primo e terzo comma, cod. civ. se ad essa interviene un certo numero, minimo, di condomini, titolari di un certo quantitativo, minimo, di millesimi. La presenza di questi numeri minimi all’apertura dei lavori dell’assemblea, tuttavia, non basta: essa deve sussistere per l’intera durata della riunione, a pena di sopravvenuta inesistenza dell’assemblea condominiale.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio: in caso di mancata convocazione la prova di resistenza non serve

Ci si interroga sulla possibilità di “salvare” la delibera impugnata dal condomino che non è stato convocato: si può fingere che il condomino sia intervenuto e abbia votato e, quindi, conteggiare il suo voto come se fosse stato espresso e, all’esito, annullare la delibera solo se quel voto risulta determinante? Detto altrimenti: il vulnus della mancata convocazione attiene unicamente al voto oppure si deve ritenere che vi sia qualcosa di più grave, tale da precludere la possibilità di quel “salvataggio”?

leggi tutto