LSMI19 Diritto condominiale
22 ottobre 2019
Diritto condominiale

Manutenzione straordinaria in condominio: la competenza dell'assemblea e i rischi della delibera

Manutenzione straordinaria in condominio: la competenza dell'assemblea e i rischi della delibera

La giurisprudenza ha individuato da anni, con chiarezza e precisione, quali sono le delibere assembleari affette da nullità. Recentemente, tuttavia, la Corte di Cassazione ha avuto occasione, in tema di delibere aventi ad oggetto interventi di manutenzione straordinaria, di puntualizzare alcuni concetti e fissare alcuni punti fermi, che hanno ulteriormente approfondito e chiarito la nozione di “delibera assembleare nulla”.

Lo “stato dell’arte”
Sin dal 2005 la Corte di Cassazione – nella sua composizione plenaria e, quindi, nella forma più autorevole – ha individuato quando e per quali ragioni una delibera assembleare deve ritenersi nulla (e, quindi, non meramente annullabile): la sentenza delle Sezioni Unite n. 4806 del 7.3.2005 ha efficacemente “elencato” le delibere affette da tale insanabile forma di invalidità: si tratta delle delibere “prive degli elementi essenziali” di quelle “con oggetto impossibile o illecito (contrario all'ordine pubblico, alla morale o al buon costume)”, di quelle il cui oggetto “non rientra nella competenza dell'assemblea”, di quelle “che incidono sui diritti individuali sulle cose o servizi comuni o sulla proprietà esclusiva di ognuno dei condomini” e infine, le delibere “comunque invalide in relazione all'oggetto”.
Il recente approfondimento
In epoca molto recente – si parla della sentenza n. 25839 del 14.10.2019 – la Suprema Corte è tornata sull’argomento per affrontare uno specifico aspetto della nullità delle delibere assembleari: quello dell’assenza degli elementi essenziali. E lo ha fatto in relazione a una delibera, che aveva ad oggetto un intervento di manutenzione straordinaria.
La Corte ha colto l’occasione anche per ribadire un concetto già ben noto – e, tutto sommato, ovvio alla luce del dato normativo rappresentato dall’art. 1135, primo comma, n. 4) cod. civ. – e cioè la competenza esclusiva e non derogabile dell’assemblea in merito agli interventi di manutenzione straordinaria e quindi l’ineludibile necessità di una delibera avente ad oggetto l’esecuzione dei lavori.
Nella parte motiva della pronuncia n. 25839/2019, infatti, si legge “E' pacifico che occorra l'autorizzazione dell'assemblea (o, comunque, l'approvazione mediante sua successiva ratifica), ai sensi dell'art. 1135 c.c., comma 1, n. 4, e con la maggioranza prescritta dall'art. 1136 c.c., comma 4, per l'approvazione di un appalto relativo a riparazioni straordinarie dell'edificio condominiale (si vedano indicativamente Cass. Sez. 2, 21/02/2017, n. 4430; Cass. Sez. 2, 25/05/2016, n. 10865)”.
Ciò che specificamente interessa in questa sede, tuttavia, è l’attenzione dedicata dalla Corte ad un ben preciso profilo di nullità della delibera, quello – come si diceva – legato alla assenza degli elementi essenziali.
Le statuizioni della Corte
La sentenza è così lineare e chiara che vale senz’altro la pena riportare espressamente – e seguire – alcuni suoi passaggi:
“La delibera assembleare in ordine alla manutenzione straordinaria deve in ogni caso determinare l'oggetto del contratto di appalto da stipulare con l'impresa prescelta, ovvero le opere da compiersi ed il prezzo dei lavori, non necessariamente specificando tutti i particolari dell'opera, ma comunque fissandone gli elementi costruttivi fondamentali, nella loro consistenza qualitativa e quantitativa”
 “Le delibere assembleari del condominio devono comunque essere interpretate secondo i canoni ermeneutici stabiliti dagli artt. 1362 c.c. e segg., privilegiando, innanzitutto, l'elemento letterale, ed adoperando quindi, soltanto nel caso in cui esso si appalesi insufficiente, gli altri criteri interpretativi sussidiari indicati dalla legge (Cass. Sez. 2, 28/02/2006, n. 4501)”
 la delibera concretamente esaminata dalla Corte “non può spiegarsi come definitiva autorizzazione dell'assemblea, ai sensi dell'art. 1135 c.c., comma 1, n. 4, delle riparazioni straordinarie del passaggio pedonale di accesso ai portoni dell'edificio condominiale, in quanto essa non determinava ancora l'oggetto del contratto di appalto, atteso che non individuava l'impresa prescelta, né le opere da compiersi né il prezzo dei lavori”
Considerazioni finali e di sintesi
E’ agevole, a questo punto, “tirare le somme”:
 le delibere assembleari devono essere interpretate secondo le regole generali [artt. 1362 e seguenti], che il Codice civile prevede per l’interpretazione dei contratti;
 trova applicazione analogica in questa materia anche l’art. 1418, secondo comma, cod. civ., ai sensi del quale l’assenza di uno degli elementi essenziali dell’atto comporta la nullità dell’atto stesso;
 ci si riferisce, in particolare, alla volontà delle parti e all’oggetto: deve emergere che i condomini hanno voluto e deve emergere che cosa hanno voluto;
 se è vero che spesso, in sede di assembleare, non si ha né il tempo né la voglia di prestare la dovuta attenzione a quelli che possono apparire – ma non sono – dettagli, è, però, altrettanto vero che l’insidia è sempre dietro l’angolo e che in una materia apparentemente banale (ma, in realtà, “scivolosissima”), bisognerebbe raddoppiare le cautele e alzare la soglia di attenzione;
 è essenziale – la delibera dichiarata nulla da Cass. 25839/2019 ne costituisce la prova più evidente – coinvolgere professionisti competenti ed esperti, in grado di prevenire e “intercettare” quelli che sfuggono ai più, ma che si rivelano, se ed in quanto sottoposti al vaglio dell’Autorità Giudiziaria, errori gravi, fonte di problemi seri nella vita di un condominio.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – mancata trasmissione dei preventivi di spesa e validità della delibera

Una recentissima pronuncia della Corte d’Appello di Milano – è la n. 1234 del 20.4.2021, in condominioweb.com del 6.5.2021 – affronta un tema ricorrente: quello della necessità / non necessità di allegare all’avviso di convocazione dell’assemblea i preventivi di spesa, su cui la compagine condominiale è chiamata a pronunciarsi. Con questo, la Corte fornisce il pretesto per riprendere il più ampio tema della documentazione da allegare all’avviso di convocazione e dei riflessi di questa allegazione / mancata allegazione sulla validità della delibera

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – qualche riflessione sull’approvazione del rendiconto

Nella quotidiana esperienza dell’“universo condominio” gioca un ruolo significativo il rendiconto, che l’amministratore annualmente sottopone all’assemblea. Ci si interroga soprattutto sulla valenza da attribuire, in concreto, alla approvazione / mancata approvazione di esso e si assiste spesso al caso di assemblee che rifiutano l’approvazione del rendiconto per timore di “assolvere”, con questo, l’amministratore dalle sue colpe e responsabilità. Esiste, però, una diversa “lettura” della cosa.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio - l'acquisizione dello status di condomino

In epoca molto recente il Tribunale di Ivrea ha pronunciato una sentenza – è la n. 392 del 16.4.2021, pubblicata in condominioweb.it 29.4.2021 – con la quale ha “distillato” tre principi importanti. In questo, il giudice piemontese si è collocato sulla scia di consolidati orientamenti interpretativi della Suprema Corte. Qui di affronterà il tema dell’acquisizione dello status di condomino, con particolare e specifico riferimento al momento in cui tale acquisizione avviene.

leggi tutto
4 ottobre 2018

La decadenza – per decorso dei termini – del condomino dal diritto di impugnare la delibera assembleare deve essere eccepita dal Condominio

In epoca molto recente il Tribunale di Ivrea ha pronunciato una sentenza – è la n. 392 del 16.4.2021, pubblicata in condominioweb.it 29.4.2021 – con la quale ha “distillato” tre principi importanti. In questo, il giudice piemontese si è collocato sulla scia di consolidati orientamenti interpretativi della Suprema Corte. Qui di affronterà il tema dell’atteggiamento processuale, che il Condominio dovrebbe assumere nei confronti del condomino, il quale impugnasse tardivamente una delibera.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – Cass. SS.UU. 14.4.2021 n. 9839 – delibere annullabili e delibere nulle

Con la loro sentenza n. 9839 del 14.4.2021 le Sezioni Unite hanno – risolvendo due contrasti giurisprudenziali – “messo un punto” in ordine ad alcune questioni, restando sostanzialmente nella “scia” di Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806, ma anche statuendo alcuni principi di diritto di portata innovativa. I temi toccati dalla Corte sono stati diversi. In questa sede si affronterà quello – caratterizzato da una significativa “ricaduta” pratica – relativo alle categorie di invalidità delle delibere condominiali

leggi tutto