LSMI19 Diritto condominiale
22 ottobre 2019
Diritto condominiale

Manutenzione straordinaria in condominio: la competenza dell'assemblea e i rischi della delibera

Manutenzione straordinaria in condominio: la competenza dell'assemblea e i rischi della delibera

La giurisprudenza ha individuato da anni, con chiarezza e precisione, quali sono le delibere assembleari affette da nullità. Recentemente, tuttavia, la Corte di Cassazione ha avuto occasione, in tema di delibere aventi ad oggetto interventi di manutenzione straordinaria, di puntualizzare alcuni concetti e fissare alcuni punti fermi, che hanno ulteriormente approfondito e chiarito la nozione di “delibera assembleare nulla”.

Lo “stato dell’arte”
Sin dal 2005 la Corte di Cassazione – nella sua composizione plenaria e, quindi, nella forma più autorevole – ha individuato quando e per quali ragioni una delibera assembleare deve ritenersi nulla (e, quindi, non meramente annullabile): la sentenza delle Sezioni Unite n. 4806 del 7.3.2005 ha efficacemente “elencato” le delibere affette da tale insanabile forma di invalidità: si tratta delle delibere “prive degli elementi essenziali” di quelle “con oggetto impossibile o illecito (contrario all'ordine pubblico, alla morale o al buon costume)”, di quelle il cui oggetto “non rientra nella competenza dell'assemblea”, di quelle “che incidono sui diritti individuali sulle cose o servizi comuni o sulla proprietà esclusiva di ognuno dei condomini” e infine, le delibere “comunque invalide in relazione all'oggetto”.
Il recente approfondimento
In epoca molto recente – si parla della sentenza n. 25839 del 14.10.2019 – la Suprema Corte è tornata sull’argomento per affrontare uno specifico aspetto della nullità delle delibere assembleari: quello dell’assenza degli elementi essenziali. E lo ha fatto in relazione a una delibera, che aveva ad oggetto un intervento di manutenzione straordinaria.
La Corte ha colto l’occasione anche per ribadire un concetto già ben noto – e, tutto sommato, ovvio alla luce del dato normativo rappresentato dall’art. 1135, primo comma, n. 4) cod. civ. – e cioè la competenza esclusiva e non derogabile dell’assemblea in merito agli interventi di manutenzione straordinaria e quindi l’ineludibile necessità di una delibera avente ad oggetto l’esecuzione dei lavori.
Nella parte motiva della pronuncia n. 25839/2019, infatti, si legge “E' pacifico che occorra l'autorizzazione dell'assemblea (o, comunque, l'approvazione mediante sua successiva ratifica), ai sensi dell'art. 1135 c.c., comma 1, n. 4, e con la maggioranza prescritta dall'art. 1136 c.c., comma 4, per l'approvazione di un appalto relativo a riparazioni straordinarie dell'edificio condominiale (si vedano indicativamente Cass. Sez. 2, 21/02/2017, n. 4430; Cass. Sez. 2, 25/05/2016, n. 10865)”.
Ciò che specificamente interessa in questa sede, tuttavia, è l’attenzione dedicata dalla Corte ad un ben preciso profilo di nullità della delibera, quello – come si diceva – legato alla assenza degli elementi essenziali.
Le statuizioni della Corte
La sentenza è così lineare e chiara che vale senz’altro la pena riportare espressamente – e seguire – alcuni suoi passaggi:
“La delibera assembleare in ordine alla manutenzione straordinaria deve in ogni caso determinare l'oggetto del contratto di appalto da stipulare con l'impresa prescelta, ovvero le opere da compiersi ed il prezzo dei lavori, non necessariamente specificando tutti i particolari dell'opera, ma comunque fissandone gli elementi costruttivi fondamentali, nella loro consistenza qualitativa e quantitativa”
 “Le delibere assembleari del condominio devono comunque essere interpretate secondo i canoni ermeneutici stabiliti dagli artt. 1362 c.c. e segg., privilegiando, innanzitutto, l'elemento letterale, ed adoperando quindi, soltanto nel caso in cui esso si appalesi insufficiente, gli altri criteri interpretativi sussidiari indicati dalla legge (Cass. Sez. 2, 28/02/2006, n. 4501)”
 la delibera concretamente esaminata dalla Corte “non può spiegarsi come definitiva autorizzazione dell'assemblea, ai sensi dell'art. 1135 c.c., comma 1, n. 4, delle riparazioni straordinarie del passaggio pedonale di accesso ai portoni dell'edificio condominiale, in quanto essa non determinava ancora l'oggetto del contratto di appalto, atteso che non individuava l'impresa prescelta, né le opere da compiersi né il prezzo dei lavori”
Considerazioni finali e di sintesi
E’ agevole, a questo punto, “tirare le somme”:
 le delibere assembleari devono essere interpretate secondo le regole generali [artt. 1362 e seguenti], che il Codice civile prevede per l’interpretazione dei contratti;
 trova applicazione analogica in questa materia anche l’art. 1418, secondo comma, cod. civ., ai sensi del quale l’assenza di uno degli elementi essenziali dell’atto comporta la nullità dell’atto stesso;
 ci si riferisce, in particolare, alla volontà delle parti e all’oggetto: deve emergere che i condomini hanno voluto e deve emergere che cosa hanno voluto;
 se è vero che spesso, in sede di assembleare, non si ha né il tempo né la voglia di prestare la dovuta attenzione a quelli che possono apparire – ma non sono – dettagli, è, però, altrettanto vero che l’insidia è sempre dietro l’angolo e che in una materia apparentemente banale (ma, in realtà, “scivolosissima”), bisognerebbe raddoppiare le cautele e alzare la soglia di attenzione;
 è essenziale – la delibera dichiarata nulla da Cass. 25839/2019 ne costituisce la prova più evidente – coinvolgere professionisti competenti ed esperti, in grado di prevenire e “intercettare” quelli che sfuggono ai più, ma che si rivelano, se ed in quanto sottoposti al vaglio dell’Autorità Giudiziaria, errori gravi, fonte di problemi seri nella vita di un condominio.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – crediti vecchi, rendiconto e decreto ingiuntivo

Con una recente pronuncia – sentenza n. 3847 del 15.2.2021 – la Suprema Corte ha preso una chiara posizione in merito ai crediti del condominio risalenti nel tempo, al loro inserimento nei rendiconti degli anni successivi e, quindi, alla facoltà dell’amministratore di chiedere e ottenere ex art. 63 disp. att. cod. civ., relativamente a detti crediti “vecchi”, il decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il verbale dell’assemblea deve avere la forma scritta e il contenuto della riunione non può essere provato per testi

Una recente pronuncia della Corte d’Appello di Genova – la sentenza n. 106 del 29.1.2021 – fornisce l’occasione per alcune considerazioni su un tema che può apparire banale, ma che poi così scontato non è se è vero – com’è vero – che sul punto si continua a litigare

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la manutenzione / riparazione del cortile comune che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse e il tema dell’impermeabilizzazione

Un tema sempre “caldo” è quello della ripartizione delle spese necessarie alla manutenzione / riparazione del cortile condominiale che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse. Anche in epoca recente la giurisprudenza è intervenuta sul punto – si parla della sentenza Tribunale Roma 14.1.2021 n. 665 – per ribadire e confermare l’orientamento interpretativo consolidatosi nel tempo. Orientamento interpretativo che – vale la pena di dirlo – non risulta del tutto alieno da qualche perplessità

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il condomino è efficacemente convocato se l’avviso di convocazione all’assemblea arriva al suo indirizzo nei termini di legge

In epoca molto recente il Tribunale di Roma ha affrontato la questione (invero, già ben nota) dell’efficacia – intesa come tempestività – della trasmissione dell’avviso di convocazione all’assemblea condominiale, avvenuta con lettera raccomandata non ritirata per l’assenza del destinatario

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’“impugnativa” degli atti dell’amministratore

L’art. 1133 cod. civ. è probabilmente, tra le disposizioni vigenti in materia di condominio, quella che ha avuto – e ancora ha – la minore “ricaduta” concreta (nel senso di minore applicazione). In realtà, è una norma perfettamente coerente con i principi base dell’“universo condominio” e, se letta e analizzata bene, potrebbe anche essere efficacemente utilizzata in molte situazioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’assemblea in videoconferenza: spunti di riflessione

La storia – talmente recente da poter essere considerata ancora cronaca – è mota: con il c.d. Decreto agosto – cioè il D.L. 14.8.2020 n. 104, convertito con modifiche dalla L. 13.10.2020 n. 126, in vigore dal 14 ottobre 2020 – è intervenuto sulle modalità di convocazione e svolgimento delle assemblee condominiali, introducendo espressamente la possibilità che l’assemblea condominiale si svolga da remoto. C’è stato poi un repentino ripensamento: la norma di agosto / ottobre è stata successivamente modificata – a opera del D.L. 7.10,2020 n. 125, convertito con modifiche dalla L. 27.11.2020 n. 159 – nel senso di prevedere che la legittimità dell’assemblea in videoconferenza derivi dal consenso non di tutti i condomini, ma della maggioranza dei medesimi. La nuova norma è scritta molto male, ma si può tentare di interpretarla meglio

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eventuale sussistenza di irregolarità meramente formali relative all’assemblea in prima convocazione non impatta sull’assemblea in seconda convocazione

Un recente pronuncia del Tribunale di Cosenza – si parla della sentenza 30.11.2020 n. 2131 – riprende, confermandolo, il più risalente insegnamento della Suprema Corte in merito alla possibilità di svolgere l’assemblea in seconda convocazione anche se non c’è il verbale relativo all’assemblea in prima convocazione andata “deserta”

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – un bar è un bar e non è un’altra cosa e può essere aperto in un condominio se il regolamento condominiale di natura contrattuale non lo vieta espressamente

A fine 2020 il Tribunale di Pisa – la sentenza è la n. 1181 del 28.12.2020 – è tornato sull’argomento dei divieti e dei limiti imposti alla proprietà privata dal regolamento condominiale di natura contrattuale e lo ha fatto esaminando specificamente il presunto divieto di adibire le unità in condominio a bar

leggi tutto