LSMI19 Diritto condominiale
24 settembre 2019
Diritto condominiale

Supercondominio – la nullità della nomina dovuta agli “elettori” sbagliati

Supercondominio – la nullità della nomina dovuta agli “elettori” sbagliati

La riforma del condominio del 2012 / 2013 ha valorizzato non poco il supercondominio, una realtà che già esisteva e che adesso ha una più compiuta (o forse solo meno incompiuta) disciplina.
La riflessione che segue attiene ad uno specifico aspetto della nomina dell’amministratore del supercondominio, fino a mettere in luce un’ipotesi di nullità di tale nomina.

Il quadro normativo e giurisprudenziale di riferimento
In via di estrema sintesi:
 sussiste il supercondominio quando – per citare le parole dell’art. 1117 bis cod. civ. – “più unità immobiliari o più edifici ovvero più condominii di unità immobiliari o di edifici abbiano parti comuni ai sensi dell'articolo 1117”;
 in questi casi, “quando i partecipanti sono complessivamente più di sessanta, ciascun condominio deve designare, con la maggioranza di cui all'articolo 1136, quinto comma, del codice, il proprio rappresentante all'assemblea per la gestione ordinaria delle parti comuni a più condominii e per la nomina dell'amministratore. In mancanza, ciascun partecipante può chiedere che l'autorità giudiziaria nomini il rappresentante del proprio condominio” [art. 67, terzo comma, disp. att. cod. civ.];
 le delibere assembleari, che siano state adottate in materie estranee alla competenza dell’assemblea, sono nulle [in tal senso, Cass. SS.UU 7.3.2005 n. 4806].
Le deduzioni che ne derivano
Rispetto a quanto sopra, si può fare schematicamente sintesi come segue:
 nel caso dei supercondominii formati da oltre sessanta condomini, la nomina dell’amministratore è di competenza – in deroga a quanto prescritto da varie disposizioni [art. 1135, primo comma, n. 1) cod. civ., art. 1129, primo comma, cod. civ., art. 1130 bis, secondo comma, cod. civ, e altre], tutte richiamate dall’art. 1117 bis cod. civ. per ogni altro aspetto del supercondominio – non dell’assemblea dei condomini, ma dell’assemblea dei rappresentanti dei condomini;
 la previsione dell’art. 67 disp. att. cod. civ. in merito ai vari aspetti della nomina di tali rappresentanti, con particolare e specifico riferimento alla “forza” e al rigore di tale previsione, induce a propendere serenamente per la stretta obbligatorietà di tale nomina;
 ne viene che, in caso di supercondominii, l’amministratore deve – nel senso che “non può non” – essere nominato dall’assemblea dei rappresentati dei vari condomini, a loro volta nominati dalle rispettive assemblee ex art. 67, terzo comma, disp. att. cod. civ.;
 sarebbe addirittura possibile e persino ragionevole sostenere un vizio nella convocazione dell’assemblea del supercondominio (e, quindi, nella delibera ivi adottata) se all’o.d.g. ci fosse la nomina dell’amministratore del supercondominio e il relativo avviso fosse trasmesso non ai rappresentanti ex art. 67, terzo comma, disp. att. cod. civ., ma a tutti i condomini.
L’eventuale nomina dell’amministratore del supercondominio compiuta da parte dell’assemblea dei condomini
Le disposizioni di cui danzi, complessivamente considerate e interpretate, portano a chiedersi quale sarebbe la sorte di un’eventuale delibera di nomina dell’amministratore del supercondominio, che fosse adottata dall’assemblea dei condomini e non da quella dei rappresentanti.
La questione è stata affrontata dalla Corte d’Appello di Milano nel decorso anno 2018 ed è stata risolta – questa l’opinione di ci scrive – con la più lineare applicazione delle disposizioni codicistiche.
Ecco la massima – pubblicata in Condominioelocazione.it, 21.6.2018 – di Corte d’Appello Milano 9.5.2018: “La deliberazione con cui l’assemblea dei rappresentanti dei singoli condominii componenti un complesso supercondominiale decida la revoca dell’amministratore deve ritenersi nulla poiché intervenuta su materia estranea alle sue istituzionali attribuzioni che l’art. 67, comma 3, disp. att. c.c., di carattere eccezionale e di conseguente insuscettibile di applicazione analogica, espressamente limitata alla sola gestione ordinaria delle parti comuni e alla nomina dell’amministratore”.
In effetti, il ragionamento della Corte milanese è del tutto logico e coerente con le regole di diritto già dianzi prese in considerazione. Esso può essere formulato sotto forma di sillogismo:
 premessa maggiore: tutte le delibere assembleari, che siano adottate in una materia sottratta alla competenza riservata dalla legge dell’assemblea, sono nulle [così Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806];
 premessa minore: ai sensi dell’art. art. 67, terzo comma, disp. att. cod. civ., l’assemblea dei condomini di un supercondominio non ha la competenza per provvedere alla nomina dell’amministratore;
 conclusione: la delibera, con cui l’assemblea dei condomini nominasse l’amministratore del supercondominio, sarebbe nulla.
Considerazione finale di ordine pratico
Nella pratica quotidiana si riscontra una certa “avversione” per il supercondominio. Essa è dovuta forse alla scarsa conoscenza dell’istituto giuridico, forse alla poca famigliarità e dimestichezza operativa con esso, forse ancora all’inesperienza “maturata” al riguardo.
Sta di fatto che spesso i condomini, realizzando di trovarsi in una situazione di supercondominio e manifestando al riguardo l’insofferenza sopra accennata, cercano di sottrarsi ad essa e optano per la disapplicazione della normativa vigente in tema, appunto, di supercondominio.
Gli esempi sono molteplici: condominii legati l’uno all’altro da diritti reali (servitù e altro), condominii legati l’uno all’altro da rapporti obbligatori, condominii che adottano – per esempio, ripartendo le spese per edifici, considerati tutti della medesima “consistenza” numerica e millesimale – criteri di ripartizione delle spese diversi da quelli previsti per legge, compagini supercondominiali che amministrano le parti comuni “alla buona” e secondo il buon senso e via proseguendo.
Chiunque si trovi in queste situazioni deve avere ben presente di trovarsi al di fuori della legge e, quindi, di rischiare che un repentino “cambio di direzione” possa avere conseguenze anche serie. Si consideri – ed è solo un esempio, il primo e più banale di tutti – una situazione in cui il supercondominio abbia nominato il proprio amministratore senza il rispetto dell’art. 67, terzo comma, disp. att. cod. civ. e in cui tale nomina venga dichiarata nulla a distanza magar di mesi, con il rischio che si arrivi a mettere in dubbio la validità di qualsiasi attività svolta da questo “amministratore” del supercondominio.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

La “nascita” del condominio, la presunzione di proprietà comune e l’individuazione delle proprietà individuali attraverso il titolo contrario

Il condominio costituisce una situazione di comproprietà indivisa: quando esiste un edificio composto da unità immobiliari di proprietari diversi, alcune parti di tale edificio “Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio” (art. 1117, primo comma, cod. civ.). Si tratta essenzialmente di “tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune” (art. 1117, primo comma, n. 1) cod. civ.). Ma quando sorge il condominio e quali sono i criteri per individuare le parti comuni e distinguerle dalle parti dell’edificio di proprietà individuale?

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in merito alle morosità condominiale nell’epoca del Covid19

In questo periodo, con l’emergenza sanitaria e le tristemente note – e, comunque, facilmente intuibili – ricadute economiche su tutti gli italiani, si pone in maniera tutt’altro che secondaria il tema della morosità condominiale e del circolo vizioso, che questa crea di provocare.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Qualche riflessione in ordine alla gestione del condominio nelle circostanze eccezionali imposte dal Covid-19 – il ruolo di primo piano degli amministratori e l’importanza della stretta collaborazione tra amministratori e amministrati

Tra le misure, adottate e quindi imposte dal Governo per fronteggiare la diffusione del contagio da Covid-19, spicca il divieto di assembramenti: in sostanza, non ci si può riunire, né in luoghi pubblici né in luoghi privati, per incontri, riunioni, convegni e altro. Il divieto riguarda anche le assemblee condominiali, riunioni nell’ambito delle quali il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro è, di fatto, impossibile. Si pone, quindi, il problema del rischio di una sostanziale “paralisi” della vita dei condominii, enti di gestione che sono stati privati dei loro organi decisionali.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [parte 2]

In questa seconda parte del contributo sul tema della eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati, l’attenzione si concentrerà in particolare sui concetti introdotti dall’art. 4, commi 4 e 5, L. 9.1.1989 n. 13 e cioè sui presupposti, i limiti e le condizioni del legittimo diniego a un intervento edilizio su un edificio vincolato.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici vincolati [Parte 1]

Per ovvie ed evidenti ragioni, nel Belpaese l’esigenza di trovare un compromesso, di individuare un soddisfacente punto di incontro tra la tutela del patrimonio immobiliare storico / artistico e la protezione delle persone che, negli edifici assoggettati a tali vincoli, abitano e lavorano, è particolarmente sentita. Negli anni, con il mutare della sensibilità sociale e l’aumento dell’attenzione a certi temi, si è assistito a un’autentica evoluzione, a una vera e propria “rivoluzione” che ha portato a “mettere a fuoco” una serie di principi fondamentali. Un’attenzione particolare è stata – ed è – dedicata al bilanciamento di interessi tra la tutela delle persone in difficoltà e la salvaguardia del patrimonio storico / artistico

leggi tutto
4 ottobre 2018

Lastrico solare in condominio: nel silenzio dell’art. 1126 cod. civ., chi decide di eseguire l’intervento di manutenzione?

Il codice civile, all’art. 1126 cod. civ., detta la regola per ripartire le spese legate agli interventi manutentivi sui lastrici solari, ma nulla dice in merito all’individuazione del soggetto legittimato a decidere se dare corso oppure no a quegli interventi. In questa sede si vuole rispondere a questa precisa e specifica domanda: chi ha il potere di decidere di eseguire la manutenzione sui lastrici solari?

leggi tutto
4 ottobre 2018

L’assemblea ordinaria del super-condominio

La riforma del condomino del 2012 / 2013 ha “fatto emergere” e regolamentato – benché in maniera lacunosa e poco chiara, pur ponendosi l’obiettivo di “snellire” – il fenomeno del super-condominio. Tra gli elementi più caratteristici c’è una sorta di “sdoppiamento” dell’assemblea ordinaria, nella quale sono chiamati ad esprimete il voto soggetti diversi a seconda delle materie contenute nel’o.d.g..

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – nessun interesse a impugnare se, sul piano economico, il pregiudizio è modesto

Ai sensi dell’art. 1137 cod. civ., ciascun condomino è legittimato a impugnare davanti all’Autorità Giudiziaria, chiedendone l’annullamento, le delibere “contrarie alla legge o al regolamento di condominio”. In alcuni casi e per specifiche ragioni, autorevolmente individuate da Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806, le delibere non sono annullabili, ma nulle, con la conseguenza – tra le altre – che il condomino può impugnarle senza limitazioni di tempo, chiedendo non il loro annullamento, ma l’accertamento – e, con esso, la dichiarazione – della loro nullità. In sede di impugnazione, il condomino attore deve dimostrare di avere un preciso interesse all’accertamento di tale nullità, in assenza del quale la sua domanda è destinata al rigetto.

leggi tutto