LSMI19 Diritto condominiale
24 settembre 2019
Diritto condominiale

Supercondominio – la nullità della nomina dovuta agli “elettori” sbagliati

Supercondominio – la nullità della nomina dovuta agli “elettori” sbagliati

La riforma del condominio del 2012 / 2013 ha valorizzato non poco il supercondominio, una realtà che già esisteva e che adesso ha una più compiuta (o forse solo meno incompiuta) disciplina.
La riflessione che segue attiene ad uno specifico aspetto della nomina dell’amministratore del supercondominio, fino a mettere in luce un’ipotesi di nullità di tale nomina.

Il quadro normativo e giurisprudenziale di riferimento
In via di estrema sintesi:
 sussiste il supercondominio quando – per citare le parole dell’art. 1117 bis cod. civ. – “più unità immobiliari o più edifici ovvero più condominii di unità immobiliari o di edifici abbiano parti comuni ai sensi dell'articolo 1117”;
 in questi casi, “quando i partecipanti sono complessivamente più di sessanta, ciascun condominio deve designare, con la maggioranza di cui all'articolo 1136, quinto comma, del codice, il proprio rappresentante all'assemblea per la gestione ordinaria delle parti comuni a più condominii e per la nomina dell'amministratore. In mancanza, ciascun partecipante può chiedere che l'autorità giudiziaria nomini il rappresentante del proprio condominio” [art. 67, terzo comma, disp. att. cod. civ.];
 le delibere assembleari, che siano state adottate in materie estranee alla competenza dell’assemblea, sono nulle [in tal senso, Cass. SS.UU 7.3.2005 n. 4806].
Le deduzioni che ne derivano
Rispetto a quanto sopra, si può fare schematicamente sintesi come segue:
 nel caso dei supercondominii formati da oltre sessanta condomini, la nomina dell’amministratore è di competenza – in deroga a quanto prescritto da varie disposizioni [art. 1135, primo comma, n. 1) cod. civ., art. 1129, primo comma, cod. civ., art. 1130 bis, secondo comma, cod. civ, e altre], tutte richiamate dall’art. 1117 bis cod. civ. per ogni altro aspetto del supercondominio – non dell’assemblea dei condomini, ma dell’assemblea dei rappresentanti dei condomini;
 la previsione dell’art. 67 disp. att. cod. civ. in merito ai vari aspetti della nomina di tali rappresentanti, con particolare e specifico riferimento alla “forza” e al rigore di tale previsione, induce a propendere serenamente per la stretta obbligatorietà di tale nomina;
 ne viene che, in caso di supercondominii, l’amministratore deve – nel senso che “non può non” – essere nominato dall’assemblea dei rappresentati dei vari condomini, a loro volta nominati dalle rispettive assemblee ex art. 67, terzo comma, disp. att. cod. civ.;
 sarebbe addirittura possibile e persino ragionevole sostenere un vizio nella convocazione dell’assemblea del supercondominio (e, quindi, nella delibera ivi adottata) se all’o.d.g. ci fosse la nomina dell’amministratore del supercondominio e il relativo avviso fosse trasmesso non ai rappresentanti ex art. 67, terzo comma, disp. att. cod. civ., ma a tutti i condomini.
L’eventuale nomina dell’amministratore del supercondominio compiuta da parte dell’assemblea dei condomini
Le disposizioni di cui danzi, complessivamente considerate e interpretate, portano a chiedersi quale sarebbe la sorte di un’eventuale delibera di nomina dell’amministratore del supercondominio, che fosse adottata dall’assemblea dei condomini e non da quella dei rappresentanti.
La questione è stata affrontata dalla Corte d’Appello di Milano nel decorso anno 2018 ed è stata risolta – questa l’opinione di ci scrive – con la più lineare applicazione delle disposizioni codicistiche.
Ecco la massima – pubblicata in Condominioelocazione.it, 21.6.2018 – di Corte d’Appello Milano 9.5.2018: “La deliberazione con cui l’assemblea dei rappresentanti dei singoli condominii componenti un complesso supercondominiale decida la revoca dell’amministratore deve ritenersi nulla poiché intervenuta su materia estranea alle sue istituzionali attribuzioni che l’art. 67, comma 3, disp. att. c.c., di carattere eccezionale e di conseguente insuscettibile di applicazione analogica, espressamente limitata alla sola gestione ordinaria delle parti comuni e alla nomina dell’amministratore”.
In effetti, il ragionamento della Corte milanese è del tutto logico e coerente con le regole di diritto già dianzi prese in considerazione. Esso può essere formulato sotto forma di sillogismo:
 premessa maggiore: tutte le delibere assembleari, che siano adottate in una materia sottratta alla competenza riservata dalla legge dell’assemblea, sono nulle [così Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806];
 premessa minore: ai sensi dell’art. art. 67, terzo comma, disp. att. cod. civ., l’assemblea dei condomini di un supercondominio non ha la competenza per provvedere alla nomina dell’amministratore;
 conclusione: la delibera, con cui l’assemblea dei condomini nominasse l’amministratore del supercondominio, sarebbe nulla.
Considerazione finale di ordine pratico
Nella pratica quotidiana si riscontra una certa “avversione” per il supercondominio. Essa è dovuta forse alla scarsa conoscenza dell’istituto giuridico, forse alla poca famigliarità e dimestichezza operativa con esso, forse ancora all’inesperienza “maturata” al riguardo.
Sta di fatto che spesso i condomini, realizzando di trovarsi in una situazione di supercondominio e manifestando al riguardo l’insofferenza sopra accennata, cercano di sottrarsi ad essa e optano per la disapplicazione della normativa vigente in tema, appunto, di supercondominio.
Gli esempi sono molteplici: condominii legati l’uno all’altro da diritti reali (servitù e altro), condominii legati l’uno all’altro da rapporti obbligatori, condominii che adottano – per esempio, ripartendo le spese per edifici, considerati tutti della medesima “consistenza” numerica e millesimale – criteri di ripartizione delle spese diversi da quelli previsti per legge, compagini supercondominiali che amministrano le parti comuni “alla buona” e secondo il buon senso e via proseguendo.
Chiunque si trovi in queste situazioni deve avere ben presente di trovarsi al di fuori della legge e, quindi, di rischiare che un repentino “cambio di direzione” possa avere conseguenze anche serie. Si consideri – ed è solo un esempio, il primo e più banale di tutti – una situazione in cui il supercondominio abbia nominato il proprio amministratore senza il rispetto dell’art. 67, terzo comma, disp. att. cod. civ. e in cui tale nomina venga dichiarata nulla a distanza magar di mesi, con il rischio che si arrivi a mettere in dubbio la validità di qualsiasi attività svolta da questo “amministratore” del supercondominio.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – forma e contenuto del rendiconto straordinario

La riforma del 2012 / 2013 ha introdotto l’art. 1130 bis cod. civ., rubricato “Rendiconto condominiale”, che disciplina compiutamente – benché con qualche ambiguità e qualche “zona grigia” su cui è dovuta intervenire l’interpretazione giurisprudenziale – il documento che l’amministratore deve redigere e sottoporre alla compagine condominiale al termine della gestione ordinaria annuale. Si vuole qui compiere una sintetica riflessione sulla portata di questa disciplina, con particolare e specifico riferimento alla sua applicabilità al rendiconto relativo a un intervento straordinario.

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la legittimazione dell’amministratore a resistere in giudizio e a proporre appello

La sentenza n. 22958 della Suprema Corte, pubblicata in data 22.7.2022 ha puntualizzato alcuni concetti di base in ordine alla legittimazione passiva dell’amministratore e ai rapporti tra quest’ultimo e l’assemblea in ipotesi di impugnazione di delibere assembleari e altri giudizi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – ancora sul tema dell'approvazione del rendiconto come strumento di tacita ratifica delle spese non autorizzate dall’assemblea

Una recente pronuncia del Tribunale di Ivrea offre lo spunto per tornare sul tema della ratifica – a opera della compagine condominiale attraverso l’approvazione del rendiconto – di una spesa non deliberata ex ante dall’assemblea e compiuta dall’amministratore al di fuori dell’ambito delle sue attribuzioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la C.T.U. percipiente quale strumento per accertare i danni da infiltrazione

In epoca recente – il riferimento è alla sentenza n. 1875 del 3.5.2022 – la Corte d’Appello di Napoli si è pronunciata in tema di risarcimento del danno da infiltrazione, con specifico riferimento ai mezzi di prova di tale danno e della relativa responsabilità. Nel farlo, la Corte ha utilizzato – è il caso di dirlo: bene – l’insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (cui “fa eco” la giurisprudenza di merito) in tema di Consulenza Tecnica d’Ufficio con funzione deducente e con funzione percipiente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la condizione di procedibilità dell’avvenuto esperimento della mediazione è soddisfatta quando la mediazione stessa è stata effettiva

In alcune materie – tra queste, il condominio e quindi il diritto condominiale – è necessario, prima di avviare la causa civile, esperire il tentativo di conciliazione. Se questo non ha luogo, allora l’azione risulta non procedibile. Si tratta di capire bene questo concetto e cioè di “mettere a fuoco” cosa debba intendersi con l’espressione “mediazione effettiva”. A questo proposito appare particolarmente interessante una recente pronuncia del Tribunale di Lanciano che ha “messo a fuoco” alcuni punti fermi

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la cessazione dell’amministratore e il suo compenso

La sentenza 7.6.2022 n. 8862 del Tribunale di Roma – per la quale chi scrive è in debito verso Condominioweb, News del 28.6.2022 – ha affrontato una fattispecie particolare e cioè quella del diritto al compenso dell’amministratore cessato dalla carica. Lo ha fatto con una decisione che – è corretto anticiparlo da subito – a chi scrive appare non convincente

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – è legittimo rimuovere il servoscala privato per installare l’ascensore condominiale

Con la sua sentenza 1.6.2022 n. 8645 il Tribunale di Roma ha affrontato una fattispecie particolare, entrando nel merito del rapporto tra l’impianto privato di un condomino, installato ai sensi dell’art. 1102 cod. civ. e dell’art. 2, secondo comma, L. 9.1.1989 n. 13, e l’ascensore condominiale deliberato dall’assemblea, arrivando a concludere che legittimamente l’amministratore ha rimosso tale impianto privato, ostacolo insormontabile all’esecuzione della delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione dell’ascensore

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il “costo” della mancata adesione alla mediazione di cui al D. Lgs. 4.3.2010 n. 28

E’ noto che il D. Lgs. 4.3.2010 n. 28. ha introdotto nel nostro ordinamento la mediazione “finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, prevedendo che in alcune materie questa costituisca condizione di procedibilità della successiva causa civile. Il legislatore, perseguendo l’obiettivo di ridurre significativamente – grazie alla mediazione – il “carico” dei Tribunali e dei Giudici di Pace, ha anche inserito nella normativa un impianto sanzionatorio per la parte che non partecipi alla mediazione “senza giustificato motivo”. In epoca molto recente il Tribunale di Termini Imerese ha fatto buona applicazione di questa normativa, sottolineando efficacemente le possibili conseguenze per il condominio della mancata adesione alla procedura di mediazione.

leggi tutto