LSMI19 Diritto condominiale
24 settembre 2019
Diritto condominiale

Supercondominio – la nullità della nomina dovuta agli “elettori” sbagliati

Supercondominio – la nullità della nomina dovuta agli “elettori” sbagliati

La riforma del condominio del 2012 / 2013 ha valorizzato non poco il supercondominio, una realtà che già esisteva e che adesso ha una più compiuta (o forse solo meno incompiuta) disciplina.
La riflessione che segue attiene ad uno specifico aspetto della nomina dell’amministratore del supercondominio, fino a mettere in luce un’ipotesi di nullità di tale nomina.

Il quadro normativo e giurisprudenziale di riferimento
In via di estrema sintesi:
 sussiste il supercondominio quando – per citare le parole dell’art. 1117 bis cod. civ. – “più unità immobiliari o più edifici ovvero più condominii di unità immobiliari o di edifici abbiano parti comuni ai sensi dell'articolo 1117”;
 in questi casi, “quando i partecipanti sono complessivamente più di sessanta, ciascun condominio deve designare, con la maggioranza di cui all'articolo 1136, quinto comma, del codice, il proprio rappresentante all'assemblea per la gestione ordinaria delle parti comuni a più condominii e per la nomina dell'amministratore. In mancanza, ciascun partecipante può chiedere che l'autorità giudiziaria nomini il rappresentante del proprio condominio” [art. 67, terzo comma, disp. att. cod. civ.];
 le delibere assembleari, che siano state adottate in materie estranee alla competenza dell’assemblea, sono nulle [in tal senso, Cass. SS.UU 7.3.2005 n. 4806].
Le deduzioni che ne derivano
Rispetto a quanto sopra, si può fare schematicamente sintesi come segue:
 nel caso dei supercondominii formati da oltre sessanta condomini, la nomina dell’amministratore è di competenza – in deroga a quanto prescritto da varie disposizioni [art. 1135, primo comma, n. 1) cod. civ., art. 1129, primo comma, cod. civ., art. 1130 bis, secondo comma, cod. civ, e altre], tutte richiamate dall’art. 1117 bis cod. civ. per ogni altro aspetto del supercondominio – non dell’assemblea dei condomini, ma dell’assemblea dei rappresentanti dei condomini;
 la previsione dell’art. 67 disp. att. cod. civ. in merito ai vari aspetti della nomina di tali rappresentanti, con particolare e specifico riferimento alla “forza” e al rigore di tale previsione, induce a propendere serenamente per la stretta obbligatorietà di tale nomina;
 ne viene che, in caso di supercondominii, l’amministratore deve – nel senso che “non può non” – essere nominato dall’assemblea dei rappresentati dei vari condomini, a loro volta nominati dalle rispettive assemblee ex art. 67, terzo comma, disp. att. cod. civ.;
 sarebbe addirittura possibile e persino ragionevole sostenere un vizio nella convocazione dell’assemblea del supercondominio (e, quindi, nella delibera ivi adottata) se all’o.d.g. ci fosse la nomina dell’amministratore del supercondominio e il relativo avviso fosse trasmesso non ai rappresentanti ex art. 67, terzo comma, disp. att. cod. civ., ma a tutti i condomini.
L’eventuale nomina dell’amministratore del supercondominio compiuta da parte dell’assemblea dei condomini
Le disposizioni di cui danzi, complessivamente considerate e interpretate, portano a chiedersi quale sarebbe la sorte di un’eventuale delibera di nomina dell’amministratore del supercondominio, che fosse adottata dall’assemblea dei condomini e non da quella dei rappresentanti.
La questione è stata affrontata dalla Corte d’Appello di Milano nel decorso anno 2018 ed è stata risolta – questa l’opinione di ci scrive – con la più lineare applicazione delle disposizioni codicistiche.
Ecco la massima – pubblicata in Condominioelocazione.it, 21.6.2018 – di Corte d’Appello Milano 9.5.2018: “La deliberazione con cui l’assemblea dei rappresentanti dei singoli condominii componenti un complesso supercondominiale decida la revoca dell’amministratore deve ritenersi nulla poiché intervenuta su materia estranea alle sue istituzionali attribuzioni che l’art. 67, comma 3, disp. att. c.c., di carattere eccezionale e di conseguente insuscettibile di applicazione analogica, espressamente limitata alla sola gestione ordinaria delle parti comuni e alla nomina dell’amministratore”.
In effetti, il ragionamento della Corte milanese è del tutto logico e coerente con le regole di diritto già dianzi prese in considerazione. Esso può essere formulato sotto forma di sillogismo:
 premessa maggiore: tutte le delibere assembleari, che siano adottate in una materia sottratta alla competenza riservata dalla legge dell’assemblea, sono nulle [così Cass. SS.UU. 7.3.2005 n. 4806];
 premessa minore: ai sensi dell’art. art. 67, terzo comma, disp. att. cod. civ., l’assemblea dei condomini di un supercondominio non ha la competenza per provvedere alla nomina dell’amministratore;
 conclusione: la delibera, con cui l’assemblea dei condomini nominasse l’amministratore del supercondominio, sarebbe nulla.
Considerazione finale di ordine pratico
Nella pratica quotidiana si riscontra una certa “avversione” per il supercondominio. Essa è dovuta forse alla scarsa conoscenza dell’istituto giuridico, forse alla poca famigliarità e dimestichezza operativa con esso, forse ancora all’inesperienza “maturata” al riguardo.
Sta di fatto che spesso i condomini, realizzando di trovarsi in una situazione di supercondominio e manifestando al riguardo l’insofferenza sopra accennata, cercano di sottrarsi ad essa e optano per la disapplicazione della normativa vigente in tema, appunto, di supercondominio.
Gli esempi sono molteplici: condominii legati l’uno all’altro da diritti reali (servitù e altro), condominii legati l’uno all’altro da rapporti obbligatori, condominii che adottano – per esempio, ripartendo le spese per edifici, considerati tutti della medesima “consistenza” numerica e millesimale – criteri di ripartizione delle spese diversi da quelli previsti per legge, compagini supercondominiali che amministrano le parti comuni “alla buona” e secondo il buon senso e via proseguendo.
Chiunque si trovi in queste situazioni deve avere ben presente di trovarsi al di fuori della legge e, quindi, di rischiare che un repentino “cambio di direzione” possa avere conseguenze anche serie. Si consideri – ed è solo un esempio, il primo e più banale di tutti – una situazione in cui il supercondominio abbia nominato il proprio amministratore senza il rispetto dell’art. 67, terzo comma, disp. att. cod. civ. e in cui tale nomina venga dichiarata nulla a distanza magar di mesi, con il rischio che si arrivi a mettere in dubbio la validità di qualsiasi attività svolta da questo “amministratore” del supercondominio.
LS LEXJUS SINACTA - VIA LARGA 19, 20122 MILANO

Desiderate maggiori informazioni su questo argomento?
Il nostro team di esperti è a Vostra disposizione.


Altri post sul tema "Diritto condominiale":

4 ottobre 2018

Condominio – crediti vecchi, rendiconto e decreto ingiuntivo

Con una recente pronuncia – sentenza n. 3847 del 15.2.2021 – la Suprema Corte ha preso una chiara posizione in merito ai crediti del condominio risalenti nel tempo, al loro inserimento nei rendiconti degli anni successivi e, quindi, alla facoltà dell’amministratore di chiedere e ottenere ex art. 63 disp. att. cod. civ., relativamente a detti crediti “vecchi”, il decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il verbale dell’assemblea deve avere la forma scritta e il contenuto della riunione non può essere provato per testi

Una recente pronuncia della Corte d’Appello di Genova – la sentenza n. 106 del 29.1.2021 – fornisce l’occasione per alcune considerazioni su un tema che può apparire banale, ma che poi così scontato non è se è vero – com’è vero – che sul punto si continua a litigare

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – la manutenzione / riparazione del cortile comune che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse e il tema dell’impermeabilizzazione

Un tema sempre “caldo” è quello della ripartizione delle spese necessarie alla manutenzione / riparazione del cortile condominiale che assolve anche alla funzione di copertura del locale autorimesse. Anche in epoca recente la giurisprudenza è intervenuta sul punto – si parla della sentenza Tribunale Roma 14.1.2021 n. 665 – per ribadire e confermare l’orientamento interpretativo consolidatosi nel tempo. Orientamento interpretativo che – vale la pena di dirlo – non risulta del tutto alieno da qualche perplessità

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – il condomino è efficacemente convocato se l’avviso di convocazione all’assemblea arriva al suo indirizzo nei termini di legge

In epoca molto recente il Tribunale di Roma ha affrontato la questione (invero, già ben nota) dell’efficacia – intesa come tempestività – della trasmissione dell’avviso di convocazione all’assemblea condominiale, avvenuta con lettera raccomandata non ritirata per l’assenza del destinatario

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’“impugnativa” degli atti dell’amministratore

L’art. 1133 cod. civ. è probabilmente, tra le disposizioni vigenti in materia di condominio, quella che ha avuto – e ancora ha – la minore “ricaduta” concreta (nel senso di minore applicazione). In realtà, è una norma perfettamente coerente con i principi base dell’“universo condominio” e, se letta e analizzata bene, potrebbe anche essere efficacemente utilizzata in molte situazioni

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’assemblea in videoconferenza: spunti di riflessione

La storia – talmente recente da poter essere considerata ancora cronaca – è mota: con il c.d. Decreto agosto – cioè il D.L. 14.8.2020 n. 104, convertito con modifiche dalla L. 13.10.2020 n. 126, in vigore dal 14 ottobre 2020 – è intervenuto sulle modalità di convocazione e svolgimento delle assemblee condominiali, introducendo espressamente la possibilità che l’assemblea condominiale si svolga da remoto. C’è stato poi un repentino ripensamento: la norma di agosto / ottobre è stata successivamente modificata – a opera del D.L. 7.10,2020 n. 125, convertito con modifiche dalla L. 27.11.2020 n. 159 – nel senso di prevedere che la legittimità dell’assemblea in videoconferenza derivi dal consenso non di tutti i condomini, ma della maggioranza dei medesimi. La nuova norma è scritta molto male, ma si può tentare di interpretarla meglio

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – l’eventuale sussistenza di irregolarità meramente formali relative all’assemblea in prima convocazione non impatta sull’assemblea in seconda convocazione

Un recente pronuncia del Tribunale di Cosenza – si parla della sentenza 30.11.2020 n. 2131 – riprende, confermandolo, il più risalente insegnamento della Suprema Corte in merito alla possibilità di svolgere l’assemblea in seconda convocazione anche se non c’è il verbale relativo all’assemblea in prima convocazione andata “deserta”

leggi tutto
4 ottobre 2018

Condominio – un bar è un bar e non è un’altra cosa e può essere aperto in un condominio se il regolamento condominiale di natura contrattuale non lo vieta espressamente

A fine 2020 il Tribunale di Pisa – la sentenza è la n. 1181 del 28.12.2020 – è tornato sull’argomento dei divieti e dei limiti imposti alla proprietà privata dal regolamento condominiale di natura contrattuale e lo ha fatto esaminando specificamente il presunto divieto di adibire le unità in condominio a bar

leggi tutto